Proposta modulo stazione nascosta

Se pensi di realizzare un modulo o lo stai facendo, inserisci qui la tua discussione.

Moderatore: Andrea

Avatar utente
adobel55
Socio GAS TT
Messaggi: 9273
Iscritto il: venerdì 18 novembre 2011, 15:51
Nome: Adolfo
Regione: Lazio
Città: Roma
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Re: Proposta modulo stazione nascosta

Messaggio da adobel55 »

Non comprendo se è la curva che non ti soddisfa o il tutto, la curva non è obbligatoria da montare.
Il progetto nasce per gestire minor ingombro nel trasporto, un modulo da 82 cm e due moduli da 82 cm e larghi 20 cm.
Poi in linea si aggiunge un solo modulo da 82 cm.
Pensavo la curva di non farla di 90° ma di 70° sempre opzionale così si avrebbe un svasatura che permette di accedere ai moduli anteriori e diminuisce la profondità.
Anche la curva sarà larga 20 cm.
Comunque anche con i moduli in linea ne avresti due o tre da montare e tutti da 1 mt per 55 cm.
Ciao
Avatar utente
Edgardo_Rosatti
Socio GAS TT
Messaggi: 4537
Iscritto il: venerdì 28 ottobre 2011, 0:59
Nome: Edgardo
Regione: Lombardia
Città: Muggiò
Età: 56
Stato: Non connesso

Re: Proposta modulo stazione nascosta

Messaggio da Edgardo_Rosatti »

Alcune considerazioni:

Premesso che non mi dispiace l'idea ultima a Y, rimane il problema dello spazio che in alcune situazioni può essere poco. OK c'è una curva di 90°, ma un sistema a fascio nascosto è comunque più compatto ache per il montaggio.

Il/i deviatoi/o in uscita possono essere lasciati liberi di essere tallonati, in quanto lavoriamo solo sul binario dispari, quindi in un solo senso di marcia sia in entrata che in uscita. Questo vale anche per la soluzione a Y. In questo caso non devono avere gli aghi elastici ma su cerniera.

Per il/i deviatoi/o in entrata userei anche quelli manuali o al massimo quelli classici elettrici con motore laterale che sono già pronti per funzionare. La soluzione del video implica che in una direzione il relè sia sempre alimentato. Ricordo anche il nuovo circuitino con servi, relè e pulsantiera che usa un Arduino Nano http://gasttlab.altervista.org/gasttlab ... analogico/

In qualsiasi caso, se si usano deviatoi manuali, il motore e la centralina di gestione/cablaggi elettrici si possono installare anche in un secondo momento.
ED
237
11101101
Avatar utente
MrPatato76
Socio GAS TT
Messaggi: 4543
Iscritto il: lunedì 27 agosto 2012, 11:14
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Nova Milanese
Stato: Non connesso

Re: Proposta modulo stazione nascosta

Messaggio da MrPatato76 »

Ed in realtà il circuito sarebbe molto più semplice di quel che sembri.
Partendo con gli scambi sempre impostati su corretto tracciato, con un pulsante azioni i due scambi manovrandoli su deviata.
I binari del caricatore vengono alimentati solo quando gli scambi sono su deviata.
Il convoglio in arrivo entra nel caricatore e si arresta sul tratto isolato finale dell'ultimo caricatore.
In contemporanea, si alimenta il binario in uscita del caricatore e quindi parte il relativo convoglio.
Così facendo non si altera la sequenza dei convogli circolanti rispetto ai blocchi sul tracciato.
Roberto - "...il bambino che vede un treno lo saluta con la manina, questo non succede con un auto!" (Cit.) - Ciao Roberto
Avatar utente
MrPatato76
Socio GAS TT
Messaggi: 4543
Iscritto il: lunedì 27 agosto 2012, 11:14
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Nova Milanese
Stato: Non connesso

Re: Proposta modulo stazione nascosta

Messaggio da MrPatato76 »

adobel55 ha scritto: giovedì 16 aprile 2020, 20:50 Non comprendo se è la curva che non ti soddisfa o il tutto, la curva non è obbligatoria da montare.
Il progetto nasce per gestire minor ingombro nel trasporto, un modulo da 82 cm e due moduli da 82 cm e larghi 20 cm.
Poi in linea si aggiunge un solo modulo da 82 cm.
Pensavo la curva di non farla di 90° ma di 70° sempre opzionale così si avrebbe un svasatura che permette di accedere ai moduli anteriori e diminuisce la profondità.
Anche la curva sarà larga 20 cm.
Comunque anche con i moduli in linea ne avresti due o tre da montare e tutti da 1 mt per 55 cm.
Ciao
Cosi concepito, secondo me, sarà complicato da gestire.
Tieni presente che se volete la curva, dovrete prevedere gli opportuni collegamenti elettrici per montarla sia con direzione a DX che SX.
Roberto - "...il bambino che vede un treno lo saluta con la manina, questo non succede con un auto!" (Cit.) - Ciao Roberto
Avatar utente
adobel55
Socio GAS TT
Messaggi: 9273
Iscritto il: venerdì 18 novembre 2011, 15:51
Nome: Adolfo
Regione: Lazio
Città: Roma
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Re: Proposta modulo stazione nascosta

Messaggio da adobel55 »

Domanda, i collegamenti elettrici della curva e dei due retromoduli possono essere semplici spinotti da attaccarsi e staccarsi tra di loro ai binari di entrata e uscita in deviata del modulo come se usassi le scarpette di giunzione dei binari?? Non servono schede.
Non ci sono cambi di polarità mi sembra.
Servono solo due interruttori per dare corrente su ciascun binario, così sono intercambiabili.
Spero di non aver detto stupidaggini.
Avatar utente
adobel55
Socio GAS TT
Messaggi: 9273
Iscritto il: venerdì 18 novembre 2011, 15:51
Nome: Adolfo
Regione: Lazio
Città: Roma
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Re: Proposta modulo stazione nascosta

Messaggio da adobel55 »

MrPatato76 ha scritto: venerdì 17 aprile 2020, 8:05 Ed in realtà il circuito sarebbe molto più semplice di quel che sembri.
Partendo con gli scambi sempre impostati su corretto tracciato, con un pulsante azioni i due scambi manovrandoli su deviata.
I binari del caricatore vengono alimentati solo quando gli scambi sono su deviata.
Il convoglio in arrivo entra nel caricatore e si arresta sul tratto isolato finale dell'ultimo caricatore.
In contemporanea, si alimenta il binario in uscita del caricatore e quindi parte il relativo convoglio.
Così facendo non si altera la sequenza dei convogli circolanti rispetto ai blocchi sul tracciato.
Buona idea, ma si deve avere sempre un convoglio da fare uscire e entrare ?
Sul binario di uscita sono d'accordo con la soluzione di alimentazione con lo scambio, per il binario di entrata sarebbe utile averlo separato dallo scambio ed alimentato da un interruttore in modo da poter dare corrente per provare loco.
Inoltre per avere intercambiabilità dx o sx, farei entrambi i binari sezionati in fondo e metterei un interruttore per ciascun binario per dare corrente.
Spero di essermi spiegato.
Avatar utente
MrPatato76
Socio GAS TT
Messaggi: 4543
Iscritto il: lunedì 27 agosto 2012, 11:14
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Nova Milanese
Stato: Non connesso

Re: Proposta modulo stazione nascosta

Messaggio da MrPatato76 »

adobel55 ha scritto: venerdì 17 aprile 2020, 8:23 Domanda, i collegamenti elettrici della curva e dei due retromoduli possono essere semplici spinotti da attaccarsi e staccarsi tra di loro ai binari di entrata e uscita in deviata del modulo come se usassi le scarpette di giunzione dei binari?? Non servono schede.
Non ci sono cambi di polarità mi sembra.
Servono solo due interruttori per dare corrente su ciascun binario, così sono intercambiabili.
Spero di non aver detto stupidaggini.
Possono bastare dei semplici spinotti.
Bisogna fare attenzione per la curva però: perché a seconda che la monti a SX o DX cambia l'alimentazione dei binari.
Caricatore3.jpg
Caricatore 33.jpg
E' sufficiente un solo pulsante per comandare tutto come ho spiegato prima.
Dico pulsante (comando mono-stabile) apposta e non interruttore (comando bi-stabile)perché il manovratore deve presenziare tutta la manovra tenendo premuto il comando finchè il convoglio non sono entrato/uscito.
Con l'interruttore potresti dimenticarti di rimetterlo in posizione di corretto tracciato.
Roberto - "...il bambino che vede un treno lo saluta con la manina, questo non succede con un auto!" (Cit.) - Ciao Roberto
Avatar utente
adobel55
Socio GAS TT
Messaggi: 9273
Iscritto il: venerdì 18 novembre 2011, 15:51
Nome: Adolfo
Regione: Lazio
Città: Roma
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Re: Proposta modulo stazione nascosta

Messaggio da adobel55 »

Roberto, come ho detto prima, è possibile sezionare in fondo entrambi i binari e tramite pulsante su entrambi i binari posso far uscire il treno o far entrare il treno.
L'idea dell'interruttore era solo per dare corrente ai binari senza attivare i deviatoi in caso si voglia provare loco in locale, per questo mi piaceva lasciare i deviatori a se stanti
Avatar utente
MrPatato76
Socio GAS TT
Messaggi: 4543
Iscritto il: lunedì 27 agosto 2012, 11:14
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Nova Milanese
Stato: Non connesso

Re: Proposta modulo stazione nascosta

Messaggio da MrPatato76 »

adobel55 ha scritto: venerdì 17 aprile 2020, 13:01 L'idea dell'interruttore era solo per dare corrente ai binari senza attivare i deviatoi in caso si voglia provare loco in locale, per questo mi piaceva lasciare i deviatori a se stanti
Non avevo considerato l'idea di usare il caricatore come banco di prova….
Roberto - "...il bambino che vede un treno lo saluta con la manina, questo non succede con un auto!" (Cit.) - Ciao Roberto
Avatar utente
Andrea
Socio GAS TT
Messaggi: 22126
Iscritto il: mercoledì 26 ottobre 2011, 19:42
Nome: Andrea
Regione: Lombardia
Città: Segrate
Ruolo: Amministratore
Stato: Non connesso

Re: Proposta modulo stazione nascosta

Messaggio da Andrea »

Un buon caricatore può essere sicuramente di grande utilità, prendiamoci tutto il tempo che ci serve e partiamo con la realizzazione nel momento in cui siamo convinti che quella studiata sia la soluzione migliore.
Sugli aspetti tecnici, lascio spazio a chi ha sicuramente più competenze del sottoscritto.
A mio avviso i punti fermi sono quelli citati da Adolfo, ricordiamoci sempre il tema del trasporto che a mio avviso resta prioritario nelle scelte.
Se c'è la possibilità di un trasporto con un furgone, va bene qualsivoglia soluzione.
In caso di spostamenti con auto proprie, un modulo caricatore "ingombrante" comporta la rinuncia al trasporto di altri moduli e vincola nelle scelte vista la necessità dei moduli di blocco.
Quindi, visto che non c'è alcuna fretta, direi di trovare la soluzione migliore che sposi i quattro punti evidenziati da Adolfo.
adobel55 ha scritto: giovedì 16 aprile 2020, 10:45 Per me i punti fermi sono:
1) caricatore e scaricatore
2) più piccolo possibile
3) più semplice possibile
4) non limitare lo spazio per gli altri moduli
Andrea - “I fermodellisti sono tanti e legati da un'amicizia sincera, che esplode in una cordialità ormai rara nel mondo rumoroso ed incerto di oggi”. La valle incantata
Avatar utente
MrMassy86
Socio GAS TT
Messaggi: 14640
Iscritto il: sabato 10 novembre 2012, 15:42
Nome: Massimiliano
Regione: Toscana
Città: Marlia - Lucca
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Re: Proposta modulo stazione nascosta

Messaggio da MrMassy86 »

Ho seguito in silenzio perché non mi sento di poter dare molti contributi sulla parte tecnica ma con molto interesse la discussione, se puo essere utile ho preso la misura della lunghezza del mio treno merci che si puo considerare un treno completo, allora la lunghezza è 102cm e come si puo vedere dalle foto qui sotto
IMG_3117.JPG
IMG_3118.JPG
è in linea con la lunghezza utile del modulo stazione di Diego, anche il treno cantiere realizzato da Adolfo è all'incirca di quella lunghezza, ora non so quanto sia la lunghezza utile di ricovero del modulo stazione che sta realizzando Ed, sarebbe interessante saperlo, se siamo all'incirca sulle misure di quella di Diego credo possano bastare due binari della lunghezza massima di 130cm visto che uno dei concetti espressi e il più semplice e meno ingombrante possibile per semplificare al massimo il trasporto.
Massimiliano
Massimiliano Paolinelli - il mio canale YouTubeViaggio in quel di Verni -Il Ponte dei Pescatori - C.L.A.F. Lucca
Avatar utente
piepand
Socio GAS TT
Messaggi: 446
Iscritto il: martedì 26 febbraio 2013, 8:15
Nome: Piergiorgio
Regione: Lombardia
Città: Bergamo
Stato: Non connesso

Re: Proposta modulo stazione nascosta

Messaggio da piepand »

Buongiorno.
Il covid ha ucciso anche le idee?
Piergiorgio
Avatar utente
MrPatato76
Socio GAS TT
Messaggi: 4543
Iscritto il: lunedì 27 agosto 2012, 11:14
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Nova Milanese
Stato: Non connesso

Re: Proposta modulo stazione nascosta

Messaggio da MrPatato76 »

Ma non ti eri preso tu la briga di fare il modulo Pier??
Roberto - "...il bambino che vede un treno lo saluta con la manina, questo non succede con un auto!" (Cit.) - Ciao Roberto
Avatar utente
MrPatato76
Socio GAS TT
Messaggi: 4543
Iscritto il: lunedì 27 agosto 2012, 11:14
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Nova Milanese
Stato: Non connesso

Re: Proposta modulo stazione nascosta

Messaggio da MrPatato76 »

Comunque a me piace di più l'idea di un modulo in piena linea, no penisole e no caricatori in curva.
Roberto - "...il bambino che vede un treno lo saluta con la manina, questo non succede con un auto!" (Cit.) - Ciao Roberto
Avatar utente
piepand
Socio GAS TT
Messaggi: 446
Iscritto il: martedì 26 febbraio 2013, 8:15
Nome: Piergiorgio
Regione: Lombardia
Città: Bergamo
Stato: Non connesso

Re: Proposta modulo stazione nascosta

Messaggio da piepand »

MrPatato76 ha scritto: martedì 9 giugno 2020, 8:03 Ma non ti eri preso tu la briga di fare il modulo Pier??
Io sono ancora dell'idea di fare il modulo, ma sono solo l'operaio. Ho letto di molte idee intetessanti. Ditemi quella che vi soddisfa ed io eseguiro'.
Piergiorgio
Avatar utente
MrPatato76
Socio GAS TT
Messaggi: 4543
Iscritto il: lunedì 27 agosto 2012, 11:14
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Nova Milanese
Stato: Non connesso

Re: Proposta modulo stazione nascosta

Messaggio da MrPatato76 »

Mettiamo ai voti le varie proposte.
Quella con più voti sarà quella da costruire.
Roberto - "...il bambino che vede un treno lo saluta con la manina, questo non succede con un auto!" (Cit.) - Ciao Roberto
Avatar utente
adobel55
Socio GAS TT
Messaggi: 9273
Iscritto il: venerdì 18 novembre 2011, 15:51
Nome: Adolfo
Regione: Lazio
Città: Roma
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Re: Proposta modulo stazione nascosta

Messaggio da adobel55 »

Attenzione, vanno considerati i requisiti espressi in un mio post precedente.
Ciao
Avatar utente
piepand
Socio GAS TT
Messaggi: 446
Iscritto il: martedì 26 febbraio 2013, 8:15
Nome: Piergiorgio
Regione: Lombardia
Città: Bergamo
Stato: Non connesso

Re: Proposta modulo stazione nascosta

Messaggio da piepand »

...e se iniziassi a preparare 3 basi per moduli lunghezza 95 x larghezza 55 cm (tot. 285x55 cm)? Sono quello che posso trasportare con la mia macchina. Lo scenario con i binari verranno con calma in seguito.
Piergiorgio
Avatar utente
roy67
Socio GAS TT
Messaggi: 6394
Iscritto il: domenica 27 gennaio 2013, 8:13
Nome: Roberto
Regione: Emilia Romagna
Città: Parma
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Re: Proposta modulo stazione nascosta

Messaggio da roy67 »

piepand ha scritto: martedì 9 giugno 2020, 7:43 Buongiorno.
Il covid ha ucciso anche le idee?
Fantastica risposta!!!! :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol:
Sarebbe un idea interessante.
A mio parere da creare a "penisola interna" (spazio vivibile espositori Gastt) per la semplice gestione dei convogli.
Non facile da inserire in realtà come, ad esempio, Novegro, ove lo spazio interno è già risicato.
Ciao. Roberto Alinovi - L'uomo non teme ciò che in lui non c'è. (Hermann Hesse)
Avatar utente
Criss Amon
Messaggi: 2495
Iscritto il: giovedì 1 ottobre 2015, 23:14
Nome: Francesco Maria
Regione: Sicilia
Città: Catania
Stato: Non connesso

Re: Proposta modulo stazione nascosta

Messaggio da Criss Amon »

Se n'è già parlato qui due anni e mezzo fa: la discussione la aprì ED!!

viewtopic.php?f=111&t=15223

La proposta del modulo penisola, all'epoca appena abbozzata, venne respinta a priori perché ingombrante. E non ho trovato soluzione!
Attenetevi alle direttive di Adolfo!!
Ciao!!!
Francesco Maria Spampinato - Viaggio fantastico - Canale Video
Avatar utente
MrPatato76
Socio GAS TT
Messaggi: 4543
Iscritto il: lunedì 27 agosto 2012, 11:14
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Nova Milanese
Stato: Non connesso

Re: Proposta modulo stazione nascosta

Messaggio da MrPatato76 »

Io rimango dell'idea originale di ED.
Roberto - "...il bambino che vede un treno lo saluta con la manina, questo non succede con un auto!" (Cit.) - Ciao Roberto
Avatar utente
Criss Amon
Messaggi: 2495
Iscritto il: giovedì 1 ottobre 2015, 23:14
Nome: Francesco Maria
Regione: Sicilia
Città: Catania
Stato: Non connesso

Re: Proposta modulo stazione nascosta

Messaggio da Criss Amon »

Sì, sono d'accordo! Anche perché, inserendo due scambi di estremità, il modulo può estendersi ad altri moduli (dovessero concedere più spazio! Ma secondo voi, ci sarà in futuro la possibilità di esporre il plastico? Mi aspetto un coro di SI')!
Ciao!!!
Francesco Maria Spampinato - Viaggio fantastico - Canale Video
Avatar utente
58dedo
Socio GAS TT
Messaggi: 1925
Iscritto il: mercoledì 19 dicembre 2012, 17:17
Nome: diego
Regione: Lombardia
Città: Rovellasca
Stato: Non connesso

Re: Proposta modulo stazione nascosta

Messaggio da 58dedo »

personalmente reputo che il modulo tecnico di carico/scarico, necessario e utile ad ogni manifestazione debba essere esterno al tracciato, inserirlo nel tracciato toglierebbe lo spazio per 2 moduli dei soci, considerando di avere un binario di almeno 130 cm. rettilinei.
In alternativa, oltre ai binari tecnici, sfruttare i moduli per una stazione nascosta.
Avatar utente
MrPatato76
Socio GAS TT
Messaggi: 4543
Iscritto il: lunedì 27 agosto 2012, 11:14
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Nova Milanese
Stato: Non connesso

Re: Proposta modulo stazione nascosta

Messaggio da MrPatato76 »

Non son per niente d'accordo Diego.
Se opportunamente "mascherati" dietro un adeguata scenografia (che può essere o naturalistica o industriale), i binari di sosta non sarebbero visibili dal pubblico.
Roberto - "...il bambino che vede un treno lo saluta con la manina, questo non succede con un auto!" (Cit.) - Ciao Roberto
Avatar utente
Docdelburg
Messaggi: 5591
Iscritto il: martedì 4 settembre 2012, 18:16
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Stato: Non connesso

Re: Proposta modulo stazione nascosta

Messaggio da Docdelburg »

Considerato che lo spazio in profondità dedicato agli operatori è spesso ridotto così come lo spazio in lunghezza non permette di usare spesso tutti i moduli a disposizione, avrei pensato ad una possibile soluzione da studiare nei particolari.
In sostanza si dovrebbero costruire due moduli ben scenografati che rientrino a tutto diritto nell'alto livello qualitativo che ha ormai raggiunto il modulare GasTT; uno denominato OUT e uno IN. Alla normale linea di corsa di questi due moduli si dovranno associare un deviatoio per l'uscita e uno per il rientro dei convogli sulla linea interna.
Questi moduli IN e OUT saranno posti alle estremità di 3 moduli già esistenti e che avranno una scenografia verticale di sfondo tipo colline e cielo.
Questi 5 moduli saranno una comfigurazione/sequenza fissa da porre a piacimento all'interno del layout di ogni manifestazione.
Ci sarà poi da costruire una mensola lunga ma poco profonda che ospita i due binari della stazione nascosta, da fissare opportunamente ai tre moduli al di qua della scenografia verticale.

Uno schizzo per rendere l'dea
IPOHID1.jpg
In questo modo non si snaturerebbe nulla dell'attuale configurazione del modulare, non si avrebbero strani moduli invadenti gli spazi di movimento degli operatori e non ci sarebbero particolari problemi di ingombro anche nel trasporto.
Che ne dite?

Torna a “PLASTICO MODULARE GAS TT - MODULI IN COSTRUZIONE/PROGETTAZIONE”