Progetto di diorama operativo con movimentazione pietrisco

Discussioni relative alla scala H0 1:87

Moderatori: cararci, MrMassy86, adobel55, lorelay49

Avatar utente
Egidio
Messaggi: 12785
Iscritto il: giovedì 17 maggio 2012, 13:26
Nome: Egidio
Regione: Abruzzo
Città: Ortona
Stato: Non connesso

Re: Progetto di diorama operativo con movimentazione pietrisco

Messaggio da Egidio »

Woow che bella struttura. Davvero funzionale ed originale. Fino ad ora non ne avevo vista una così. Saluti. Egidio. [51]


Egidio Lofrano
Avatar utente
adobel55
Socio GAS TT
Messaggi: 9738
Iscritto il: venerdì 18 novembre 2011, 15:51
Nome: Adolfo
Regione: Lazio
Città: Roma
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Re: Progetto di diorama operativo con movimentazione pietrisco

Messaggio da adobel55 »

Potrebbe essere utile ??
Avatar utente
Docdelburg
Socio GAS TT
Messaggi: 5812
Iscritto il: martedì 4 settembre 2012, 18:16
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Stato: Non connesso

Re: Progetto di diorama operativo con movimentazione pietrisco

Messaggio da Docdelburg »

adobel55 ha scritto: lunedì 1 marzo 2021, 11:27 Potrebbe essere utile ??
Interessante! Grazie per la segnalazione. :D
Avatar utente
MrPatato76
Socio GAS TT
Messaggi: 4881
Iscritto il: lunedì 27 agosto 2012, 11:14
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Nova Milanese
Stato: Non connesso

Re: Progetto di diorama operativo con movimentazione pietrisco

Messaggio da MrPatato76 »

Praticamente serve a leggere dei sensori tramite app sul telefono, ma non sembra possa fare molto altro....ma comunque potrei sempre sbagliarmi..
Roberto - "...il bambino che vede un treno lo saluta con la manina, questo non succede con un auto!" (Cit.) - Ciao Roberto
Avatar utente
Docdelburg
Socio GAS TT
Messaggi: 5812
Iscritto il: martedì 4 settembre 2012, 18:16
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Stato: Non connesso

Re: Progetto di diorama operativo con movimentazione pietrisco

Messaggio da Docdelburg »

Vorrei confrontarmi con voi per valutare lo schema dei collegamenti elettrici che ho pensato per automatizzare l’esercizio in analogico. Intendo usare solo componenti semplici concatenati senza apparecchi logici tipo Arduino o simili.

L’esercizio che ho in mente prevede una loco e 3 carri Talbot che, arrivando sul sensore di scarico, scaricano contemporaneamente il loro carico in tre botole grazie all’attivazione temporizzata di elettrocalamite poste tra le traversine.
Il convoglio parte verso l’alto e al termine della salita fa tre soste ravvicinate, giusto per porre via via i 3 carri ciascuno sotto la struttura di carico del pietrisco. Per il carico ho trovato usato un caricatore elettrico di carbone che proverò ad adattare e mettere in funzione.

VOLLMER.jpg

Questo lo schema dei collegamenti e sotto la spiegazione:

SCHEMA X2.png

Il primo sensore ferma per 40” il convoglio e apre sopra il primo carro la botola di carico per 15” dopo un ritardo iniziale di 10”. Contemporaneamente si esclude ogni altro intervento dello stesso sensore 1 grazie a un relè bistabile. Breve movimento del convoglio e poi stessa cosa fa il secondo sensore, che ferma il secondo carro sotto la botola di carico, ritarda 10”, carica per 15” ed esclude altri interventi del sensore 2.
Il terzo sensore ferma per 40” il terzo carro per le stesse procedure di carico ma interviene anche sul relè bistabile che inverte la polarizzazione di trazione e quindi inverte la marcia.
A questo punto, terminato il ritardo di trazione conclusivo, il convoglio torna verso la parte bassa transitando sui sensori 1 e 2 che sono disattivati e arriva al punto di scarico. Come dicevo, attivando il sensore nella zona di scarico questo attiva un ritardo di trazione di 60”, attiva le elettrocalamite per 15” dopo in ritardo sempre di 15”, inverte la polarità di trazione e riattiva i sensori 1 e 2 per il ciclo successivo.

I sensori non attivati danno un segnale alto, lo danno invece basso quando attivati e quindi devo passare attraverso dei moduli di relè a 5V per avere un impulso positivo all’attivazione dei sensori.
I moduli relè a 5V attivano segnali positivi a 12V per relè bistabili e per moduli temporizzatori su cui si imposta un ritardo iniziale prima della chiusura a tempo del contatto.

I tempi previsti qui sono teorici e dovranno poi tener conto delle necessità meccaniche delle varie fasi.

Vedremo in un secondo momento le modalità di trasporto del pietrisco dal contenitore posto sotto le botole di scarico di nuovo alla struttura di carico.

Direi che è tutto, nella speranza di essere stato sufficientemente chiaro.
Avatar utente
MrPatato76
Socio GAS TT
Messaggi: 4881
Iscritto il: lunedì 27 agosto 2012, 11:14
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Nova Milanese
Stato: Non connesso

Re: Progetto di diorama operativo con movimentazione pietrisco

Messaggio da MrPatato76 »

Mi sembra tutto coerente come logica.
Una sola domanda: perché prevedere il carico singolo di ogni carro e non simultaneo di tutti e tre?
Roberto - "...il bambino che vede un treno lo saluta con la manina, questo non succede con un auto!" (Cit.) - Ciao Roberto
Avatar utente
FrancoV
Messaggi: 872
Iscritto il: sabato 15 febbraio 2020, 17:45
Nome: Franco
Regione: Piemonte
Città: Bosconero
Stato: Non connesso

Re: Progetto di diorama operativo con movimentazione pietrisco

Messaggio da FrancoV »

Quello ha tutta l'aria di essere un caricatore da tender quindi più di un vagone sotto non ci sta .... ho vinto qualche cosa? :wink:
Franco -Etroit, quoi qu'il soit!
Avatar utente
Docdelburg
Socio GAS TT
Messaggi: 5812
Iscritto il: martedì 4 settembre 2012, 18:16
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Stato: Non connesso

Re: Progetto di diorama operativo con movimentazione pietrisco

Messaggio da Docdelburg »

MrPatato76 ha scritto: martedì 2 marzo 2021, 8:08 Mi sembra tutto coerente come logica.
Una sola domanda: perché prevedere il carico singolo di ogni carro e non simultaneo di tutti e tre?
Ho pensato ad un carico di un carro per volta per un'evidente semplificazione dei meccanismi e per un maggior effetto scenico dinamico.
Altrimenti avrei dovuto creare tre contenitori con tre meccanismi sincronizzati e soprattutto una triplice distribuzione del materiale dal punto di raccolta sotto lo scarico.
FrancoV ha scritto: martedì 2 marzo 2021, 10:02 Quello ha tutta l'aria di essere un caricatore da tender quindi più di un vagone sotto non ci sta .... ho vinto qualche cosa? :wink:
Hai vinto il premio "miglior osservatore del forum"...... [104]
Avatar utente
e_kane
Socio GAS TT
Messaggi: 107
Iscritto il: martedì 11 settembre 2018, 17:52
Nome: ENRICO
Regione: SO
Città: Sondrio
Età: 50
Stato: Non connesso

Re: Progetto di diorama operativo con movimentazione pietrisco

Messaggio da e_kane »

Complimenti, questo è proprio un bel progetto, interessante e originale, da seguire con attenzione.
Enrico
Avatar utente
Docdelburg
Socio GAS TT
Messaggi: 5812
Iscritto il: martedì 4 settembre 2012, 18:16
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Stato: Non connesso

Re: Progetto di diorama operativo con movimentazione pietrisco

Messaggio da Docdelburg »

e_kane ha scritto: martedì 2 marzo 2021, 14:00 Complimenti, questo è proprio un bel progetto, interessante e originale, da seguire con attenzione.
Grazie Enrico, attenzione però perchè è un tentativo di andare controcorrente e non so se ci riuscirò.
Sarebbe piuttosto semplice gestire tutto in digitale (e la tentazione c'è...) ma ho voglia di provare a far funzionare il tutto senza dover applicare computer e programmi. Un trasformatore e un interruttore e via...., tutto il resto in completo automatismo analogico. :wink:
Avatar utente
FrancoV
Messaggi: 872
Iscritto il: sabato 15 febbraio 2020, 17:45
Nome: Franco
Regione: Piemonte
Città: Bosconero
Stato: Non connesso

Re: Progetto di diorama operativo con movimentazione pietrisco

Messaggio da FrancoV »

[quote=Docdelburg post_id=291492 time=1614686507 user_id=1060

Hai vinto il premio "miglior osservatore del forum"...... [104]
[/quote]

Beh, almeno non ho buttato via gli ultimi cinquant'anni [278]
Franco -Etroit, quoi qu'il soit!
Avatar utente
Docdelburg
Socio GAS TT
Messaggi: 5812
Iscritto il: martedì 4 settembre 2012, 18:16
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Stato: Non connesso

Re: Progetto di diorama operativo con movimentazione pietrisco

Messaggio da Docdelburg »

Nei giorni scorsi, nei brevi momenti di tempo libero, ho fatto alcune prove e mi son procurato una doppia delusione..... [105]
Ho modificato il caricatore di carbone della Vollmer inserendo un servomotore che aziona a leva l'apertura e la chiusura del fondo del contenitore.
Temporizzando opportunamente i movimenti di apertura e chiusura, avrei potuto far scendere la giusta quantità di pietrisco per riempire il carro Talbot. Il funzionamento è buono, ma provando con dei sassolini questi fanno spesso blocco e non scendono anche se il fondo si apre. Provato allora con il ballast da massicciata ma è un pò troppo minuto e, sebbene scenda regolarmente rispetto ai sassolini, tende ad incastrarsi nelle guide della botola e a bloccarla. :evil:
Dovrò trovare del materiale più adatto al funzionamento del caricatore.
L'altra delusione è stata la prova delle elettrocalamite per l'apertura del fondo dei carri Talbot.
Ho preso due tipi di elettrocalamite, una in particolare piuttosto potente, questa:
calamita.jpg
Il problema è che attira verso il basso le linguette in ferro del carro, scaricandone il contenuto, solo se viene a contatto con tali elementi ferrosi.
Pensavo e speravo si creasse un campo elettromagnetico sufficiente anche posizionandole sotto o al massimo tra le traversine, ma anche qui non ci siamo. Queste elettrocalamite agiscono solo per contatto: chissà se aumentandone la potenza magnetica possono funzionare?
Anche qui mi sa dovrò studiare soluzioni diverse...... :roll:
Avatar utente
FrancoV
Messaggi: 872
Iscritto il: sabato 15 febbraio 2020, 17:45
Nome: Franco
Regione: Piemonte
Città: Bosconero
Stato: Non connesso

Re: Progetto di diorama operativo con movimentazione pietrisco

Messaggio da FrancoV »

Docdelburg ha scritto: martedì 9 marzo 2021, 18:01 Il funzionamento è buono, ma provando con dei sassolini questi fanno spesso blocco e non scendono anche se il fondo si apre. Provato allora con il ballast da massicciata ma è un pò troppo minuto e, sebbene scenda regolarmente rispetto ai sassolini, tende ad incastrarsi nelle guide della botola e a bloccarla. :evil:
Dovrò trovare del materiale più adatto al funzionamento del caricatore.
Anni fa un amico aveva risolto la faccenda con del materiale sferico, anche se un po' fuori scala proprio per evitare che si incastrasse tra le guide: , purtroppo è passato molto tempo per cui non ricordo cosa fosse e non so più dove acchiapparlo per chiederglielo :roll:
Per lo scarico dei carri non si può trovare una soluzione "meccanica" ?
:D
Franco -Etroit, quoi qu'il soit!
Avatar utente
adobel55
Socio GAS TT
Messaggi: 9738
Iscritto il: venerdì 18 novembre 2011, 15:51
Nome: Adolfo
Regione: Lazio
Città: Roma
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Re: Progetto di diorama operativo con movimentazione pietrisco

Messaggio da adobel55 »

Strano che il magnete non funzioni a dovere.
Io con una calamita normale tra i binari sgancio i carri ed è molto potente è una calamita per chiusura sportelli mobili è un po' ingombrante
Avatar utente
Docdelburg
Socio GAS TT
Messaggi: 5812
Iscritto il: martedì 4 settembre 2012, 18:16
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Stato: Non connesso

Re: Progetto di diorama operativo con movimentazione pietrisco

Messaggio da Docdelburg »

adobel55 ha scritto: martedì 9 marzo 2021, 20:24 Strano che il magnete non funzioni a dovere.
Io con una calamita normale tra i binari sgancio i carri ed è molto potente è una calamita per chiusura sportelli mobili è un po' ingombrante
Sono andato a studiarmi l'elettromagnetismo e in effetti bastano pochi mm di distanza per vedere crollare l'effetto attrattivo di una calamita.
Dovrò provare con un elettromagnete molto più potente così da creare un sufficiente campo magnetico anche alla distanza che c'è tra traversine e lamelle ferrose dei carri.
Sai, un conto è muovere degli occhielli, un conto è abbassare di 5-6 mm un meccanismo a molla distante circa 15 mm.
Avatar utente
Docdelburg
Socio GAS TT
Messaggi: 5812
Iscritto il: martedì 4 settembre 2012, 18:16
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Stato: Non connesso

Re: Progetto di diorama operativo con movimentazione pietrisco

Messaggio da Docdelburg »

FrancoV ha scritto: martedì 9 marzo 2021, 20:09
Anni fa un amico aveva risolto la faccenda con del materiale sferico,
:D
Era il motivo per cui pensavo che tutto filasse liscio con dei sassolini più o meno sferoidali......
Ho persino pensato di incollare alla parete scorrevole che chiude il il fondo del contenitore una sorta di deriva rivolta verso l'alto, verso i sassolini, in modo da smuoverli nel suo movimento di apertura, ma questo richiederebbe tutta una serie di modifiche che vorrei evitare.
Avatar utente
MrPatato76
Socio GAS TT
Messaggi: 4881
Iscritto il: lunedì 27 agosto 2012, 11:14
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Nova Milanese
Stato: Non connesso

Re: Progetto di diorama operativo con movimentazione pietrisco

Messaggio da MrPatato76 »

Occhio al magnetismo residuo sulle parti metalliche indotto dalle elettrocalamite....alla lunga può portare a mal funzionamento dei meccanismi.
Roberto - "...il bambino che vede un treno lo saluta con la manina, questo non succede con un auto!" (Cit.) - Ciao Roberto
Avatar utente
fabio
Messaggi: 1310
Iscritto il: lunedì 17 dicembre 2012, 14:16
Nome: fabio
Regione: Lazio
Città: roma
Stato: Non connesso

Re: Progetto di diorama operativo con movimentazione pietrisco

Messaggio da fabio »

Docdelburg ha scritto: martedì 9 marzo 2021, 18:01 Queste elettrocalamite agiscono solo per contatto: chissà se aumentandone la potenza magnetica possono funzionare?
Anche qui mi sa dovrò studiare soluzioni diverse...... :roll:
Esatto Doc questa tipologia si usa ,per esempio per trattenere le porte tagliafuoco aperte,se ci fai caso e ne hai a disposizione una vedrai che attrae solo quando il piatto della porta è a pochissimi mm o meglio la spingi sul magnete.
ci sono anche a 24V ma non penso faccia comunque al caso tuo.
forse sarebbero più adatti dei magneti al neomidio fissati sul binario,ma naturalmente và a farsi friggere il circuito di apertura temporizzato ecc. ecc. :roll:
Fabio - plastico H0 epoca II-III -
GFRS Gruppo Fermodellistico Romano Sogliola
Avatar utente
FrancoV
Messaggi: 872
Iscritto il: sabato 15 febbraio 2020, 17:45
Nome: Franco
Regione: Piemonte
Città: Bosconero
Stato: Non connesso

Re: Progetto di diorama operativo con movimentazione pietrisco

Messaggio da FrancoV »

Docdelburg ha scritto: martedì 9 marzo 2021, 20:57

Era il motivo per cui pensavo che tutto filasse liscio con dei sassolini più o meno sferoidali......
E' il "più o meno" che ti frega :wink: ..... devono essere proprio sfere se poi metti il tutto leggermente inclinato (pochi mm in modo che non si veda) in modo da modificare l'angolo di impatto risolvi il problema, ma li devi andare per tentativi.
L'idea dei magneti al neodimio non è male e dopotutto non mi pare che in fase di scarico carri ci sia tutto questo bisogno di temporizzazione .... o mi sono perso qualcosa? :D
Franco -Etroit, quoi qu'il soit!
Avatar utente
Docdelburg
Socio GAS TT
Messaggi: 5812
Iscritto il: martedì 4 settembre 2012, 18:16
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Stato: Non connesso

Re: Progetto di diorama operativo con movimentazione pietrisco

Messaggio da Docdelburg »

fabio ha scritto: martedì 9 marzo 2021, 22:18 Esatto Doc questa tipologia si usa ,per esempio per trattenere le porte tagliafuoco aperte,se ci fai caso e ne hai a disposizione una vedrai che attrae solo quando il piatto della porta è a pochissimi mm o meglio la spingi sul magnete.
ci sono anche a 24V ma non penso faccia comunque al caso tuo.
forse sarebbero più adatti dei magneti al neomidio fissati sul binario,ma naturalmente và a farsi friggere il circuito di apertura temporizzato ecc. ecc. :roll:
Ciao, quindi, se ho capito bene, i magneti (fissi ovviamente) al neodimio posti a livello delle traversine, potrebbero attirare verso il basso di quei 4-5 mm il fondo ferroso dei carri Talbot pur non essendoci contatto?
Perchè se ci fosse contatto finale poi non riuscirei più a muoverli.....
Avatar utente
FrancoV
Messaggi: 872
Iscritto il: sabato 15 febbraio 2020, 17:45
Nome: Franco
Regione: Piemonte
Città: Bosconero
Stato: Non connesso

Re: Progetto di diorama operativo con movimentazione pietrisco

Messaggio da FrancoV »

Credo che anche in questo caso la risposta venga da una serie di tentativi .... saresti così gentile da mettere una foto del fondo di questi carri? :D
Franco -Etroit, quoi qu'il soit!
Avatar utente
Docdelburg
Socio GAS TT
Messaggi: 5812
Iscritto il: martedì 4 settembre 2012, 18:16
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Stato: Non connesso

Re: Progetto di diorama operativo con movimentazione pietrisco

Messaggio da Docdelburg »

FrancoV ha scritto: mercoledì 10 marzo 2021, 19:28 Credo che anche in questo caso la risposta venga da una serie di tentativi .... saresti così gentile da mettere una foto del fondo di questi carri? :D
Ecco una panoramica sui carri Talbot di Roco
Vista in esercizio
talbot01.jpg
Vista del fondo senza aggiuntivi
talbot02.jpg
Aggiuntivi metallici da applicare nel foro rettangolare
talbot03.jpg
Vista del fondo con aggiuntivi inseriti
talbot04.jpg
Vista di lato con fondo chiuso
talbot05.jpg
Vista di lato con fondo abbassato "digitalmente"
talbot06.jpg
E infine vista dall'alto per valutare il fondo mobile
talbot07.jpg
Avatar utente
Docdelburg
Socio GAS TT
Messaggi: 5812
Iscritto il: martedì 4 settembre 2012, 18:16
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Stato: Non connesso

Re: Progetto di diorama operativo con movimentazione pietrisco

Messaggio da Docdelburg »

Sarebbe interessante a questo punto avere qualche suggerimento sulle caratteristiche che dovrebbe avere un magnete (tipo, dimensioni e forza magnetica), posto tra le traversine, capace di abbassare gli aggiuntivi metallici del carro, senza però arrivare ad un contatto che ne impedirebbe il successivo movimento sulle rotaie.
Avatar utente
fabio
Messaggi: 1310
Iscritto il: lunedì 17 dicembre 2012, 14:16
Nome: fabio
Regione: Lazio
Città: roma
Stato: Non connesso

Re: Progetto di diorama operativo con movimentazione pietrisco

Messaggio da fabio »

Docdelburg ha scritto: mercoledì 10 marzo 2021, 18:57
Ciao, quindi, se ho capito bene, i magneti (fissi ovviamente) al neodimio posti a livello delle traversine, potrebbero attirare verso il basso di quei 4-5 mm il fondo ferroso dei carri Talbot pur non essendoci contatto?
Perchè se ci fosse contatto finale poi non riuscirei più a muoverli.....
https://www.magneticshop.it/magneti-per ... gLAofD_BwE
questo genere di magneti li usiamo per far scattare i reed per attivare le segnalazioni,sono molto potenti,certo non posso garantire nel tuo caso ma per quello che li ho usati riescono ad attivare il contatto reed posizionato affogato nelle traversine dal fondo del carro,i tuoi dispositivi sembrano quasi sfiorare il binario,perciò molto più vicini.
naturalmente il link è di esempio li trovi anche su ebay magari meno pezzi
Fabio - plastico H0 epoca II-III -
GFRS Gruppo Fermodellistico Romano Sogliola
Avatar utente
Docdelburg
Socio GAS TT
Messaggi: 5812
Iscritto il: martedì 4 settembre 2012, 18:16
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Stato: Non connesso

Re: Progetto di diorama operativo con movimentazione pietrisco

Messaggio da Docdelburg »

Grazie Fabio, farò qualche prova, anche se ammetterai che muovere le delicate lamelle di un reed non è la stessa cosa che tirar giù due staffe di ferro frenate da una molla.... :wink:

Torna a “SCALA H0”