Proposta modulo stazione nascosta

Se pensi di realizzare un modulo o lo stai facendo, inserisci qui la tua discussione.

Moderatore: Andrea

Avatar utente
adobel55
Socio GAS TT
Messaggi: 8984
Iscritto il: ven nov 18, 2011 3:51 pm
Nome: Adolfo
Regione: Lazio
Città: Roma
Ruolo: Moderatore
Età: 65
Stato: Non connesso

Re: Proposta modulo stazione nascosta

Messaggio da adobel55 » gio apr 16, 2020 8:50 pm

Non comprendo se è la curva che non ti soddisfa o il tutto, la curva non è obbligatoria da montare.
Il progetto nasce per gestire minor ingombro nel trasporto, un modulo da 82 cm e due moduli da 82 cm e larghi 20 cm.
Poi in linea si aggiunge un solo modulo da 82 cm.
Pensavo la curva di non farla di 90° ma di 70° sempre opzionale così si avrebbe un svasatura che permette di accedere ai moduli anteriori e diminuisce la profondità.
Anche la curva sarà larga 20 cm.
Comunque anche con i moduli in linea ne avresti due o tre da montare e tutti da 1 mt per 55 cm.
Ciao

Avatar utente
Edgardo_Rosatti
Socio GAS TT
Messaggi: 4506
Iscritto il: ven ott 28, 2011 12:59 am
Nome: Edgardo
Regione: Lombardia
Città: Muggiò
Età: 55
Stato: Non connesso
Contatta:

Re: Proposta modulo stazione nascosta

Messaggio da Edgardo_Rosatti » ven apr 17, 2020 1:33 am

Alcune considerazioni:

Premesso che non mi dispiace l'idea ultima a Y, rimane il problema dello spazio che in alcune situazioni può essere poco. OK c'è una curva di 90°, ma un sistema a fascio nascosto è comunque più compatto ache per il montaggio.

Il/i deviatoi/o in uscita possono essere lasciati liberi di essere tallonati, in quanto lavoriamo solo sul binario dispari, quindi in un solo senso di marcia sia in entrata che in uscita. Questo vale anche per la soluzione a Y. In questo caso non devono avere gli aghi elastici ma su cerniera.

Per il/i deviatoi/o in entrata userei anche quelli manuali o al massimo quelli classici elettrici con motore laterale che sono già pronti per funzionare. La soluzione del video implica che in una direzione il relè sia sempre alimentato. Ricordo anche il nuovo circuitino con servi, relè e pulsantiera che usa un Arduino Nano http://gasttlab.altervista.org/gasttlab ... analogico/

In qualsiasi caso, se si usano deviatoi manuali, il motore e la centralina di gestione/cablaggi elettrici si possono installare anche in un secondo momento.
ED

Avatar utente
MrPatato76
Socio GAS TT
Messaggi: 4258
Iscritto il: lun ago 27, 2012 11:14 am
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Nova Milanese
Età: 44
Stato: Non connesso

Re: Proposta modulo stazione nascosta

Messaggio da MrPatato76 » ven apr 17, 2020 8:05 am

Ed in realtà il circuito sarebbe molto più semplice di quel che sembri.
Partendo con gli scambi sempre impostati su corretto tracciato, con un pulsante azioni i due scambi manovrandoli su deviata.
I binari del caricatore vengono alimentati solo quando gli scambi sono su deviata.
Il convoglio in arrivo entra nel caricatore e si arresta sul tratto isolato finale dell'ultimo caricatore.
In contemporanea, si alimenta il binario in uscita del caricatore e quindi parte il relativo convoglio.
Così facendo non si altera la sequenza dei convogli circolanti rispetto ai blocchi sul tracciato.
Roberto - "...il bambino che vede un treno lo saluta con la manina, questo non succede con un auto!" (Cit.) - Ciao Roberto

Avatar utente
MrPatato76
Socio GAS TT
Messaggi: 4258
Iscritto il: lun ago 27, 2012 11:14 am
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Nova Milanese
Età: 44
Stato: Non connesso

Re: Proposta modulo stazione nascosta

Messaggio da MrPatato76 » ven apr 17, 2020 8:07 am

adobel55 ha scritto:
gio apr 16, 2020 8:50 pm
Non comprendo se è la curva che non ti soddisfa o il tutto, la curva non è obbligatoria da montare.
Il progetto nasce per gestire minor ingombro nel trasporto, un modulo da 82 cm e due moduli da 82 cm e larghi 20 cm.
Poi in linea si aggiunge un solo modulo da 82 cm.
Pensavo la curva di non farla di 90° ma di 70° sempre opzionale così si avrebbe un svasatura che permette di accedere ai moduli anteriori e diminuisce la profondità.
Anche la curva sarà larga 20 cm.
Comunque anche con i moduli in linea ne avresti due o tre da montare e tutti da 1 mt per 55 cm.
Ciao
Cosi concepito, secondo me, sarà complicato da gestire.
Tieni presente che se volete la curva, dovrete prevedere gli opportuni collegamenti elettrici per montarla sia con direzione a DX che SX.
Roberto - "...il bambino che vede un treno lo saluta con la manina, questo non succede con un auto!" (Cit.) - Ciao Roberto

Avatar utente
adobel55
Socio GAS TT
Messaggi: 8984
Iscritto il: ven nov 18, 2011 3:51 pm
Nome: Adolfo
Regione: Lazio
Città: Roma
Ruolo: Moderatore
Età: 65
Stato: Non connesso

Re: Proposta modulo stazione nascosta

Messaggio da adobel55 » ven apr 17, 2020 8:23 am

Domanda, i collegamenti elettrici della curva e dei due retromoduli possono essere semplici spinotti da attaccarsi e staccarsi tra di loro ai binari di entrata e uscita in deviata del modulo come se usassi le scarpette di giunzione dei binari?? Non servono schede.
Non ci sono cambi di polarità mi sembra.
Servono solo due interruttori per dare corrente su ciascun binario, così sono intercambiabili.
Spero di non aver detto stupidaggini.

Avatar utente
adobel55
Socio GAS TT
Messaggi: 8984
Iscritto il: ven nov 18, 2011 3:51 pm
Nome: Adolfo
Regione: Lazio
Città: Roma
Ruolo: Moderatore
Età: 65
Stato: Non connesso

Re: Proposta modulo stazione nascosta

Messaggio da adobel55 » ven apr 17, 2020 8:41 am

MrPatato76 ha scritto:
ven apr 17, 2020 8:05 am
Ed in realtà il circuito sarebbe molto più semplice di quel che sembri.
Partendo con gli scambi sempre impostati su corretto tracciato, con un pulsante azioni i due scambi manovrandoli su deviata.
I binari del caricatore vengono alimentati solo quando gli scambi sono su deviata.
Il convoglio in arrivo entra nel caricatore e si arresta sul tratto isolato finale dell'ultimo caricatore.
In contemporanea, si alimenta il binario in uscita del caricatore e quindi parte il relativo convoglio.
Così facendo non si altera la sequenza dei convogli circolanti rispetto ai blocchi sul tracciato.
Buona idea, ma si deve avere sempre un convoglio da fare uscire e entrare ?
Sul binario di uscita sono d'accordo con la soluzione di alimentazione con lo scambio, per il binario di entrata sarebbe utile averlo separato dallo scambio ed alimentato da un interruttore in modo da poter dare corrente per provare loco.
Inoltre per avere intercambiabilità dx o sx, farei entrambi i binari sezionati in fondo e metterei un interruttore per ciascun binario per dare corrente.
Spero di essermi spiegato.

Avatar utente
MrPatato76
Socio GAS TT
Messaggi: 4258
Iscritto il: lun ago 27, 2012 11:14 am
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Nova Milanese
Età: 44
Stato: Non connesso

Re: Proposta modulo stazione nascosta

Messaggio da MrPatato76 » ven apr 17, 2020 8:52 am

adobel55 ha scritto:
ven apr 17, 2020 8:23 am
Domanda, i collegamenti elettrici della curva e dei due retromoduli possono essere semplici spinotti da attaccarsi e staccarsi tra di loro ai binari di entrata e uscita in deviata del modulo come se usassi le scarpette di giunzione dei binari?? Non servono schede.
Non ci sono cambi di polarità mi sembra.
Servono solo due interruttori per dare corrente su ciascun binario, così sono intercambiabili.
Spero di non aver detto stupidaggini.
Possono bastare dei semplici spinotti.
Bisogna fare attenzione per la curva però: perché a seconda che la monti a SX o DX cambia l'alimentazione dei binari.
Caricatore3.jpg
Caricatore 33.jpg
E' sufficiente un solo pulsante per comandare tutto come ho spiegato prima.
Dico pulsante (comando mono-stabile) apposta e non interruttore (comando bi-stabile)perché il manovratore deve presenziare tutta la manovra tenendo premuto il comando finchè il convoglio non sono entrato/uscito.
Con l'interruttore potresti dimenticarti di rimetterlo in posizione di corretto tracciato.
Roberto - "...il bambino che vede un treno lo saluta con la manina, questo non succede con un auto!" (Cit.) - Ciao Roberto

Avatar utente
adobel55
Socio GAS TT
Messaggi: 8984
Iscritto il: ven nov 18, 2011 3:51 pm
Nome: Adolfo
Regione: Lazio
Città: Roma
Ruolo: Moderatore
Età: 65
Stato: Non connesso

Re: Proposta modulo stazione nascosta

Messaggio da adobel55 » ven apr 17, 2020 1:01 pm

Roberto, come ho detto prima, è possibile sezionare in fondo entrambi i binari e tramite pulsante su entrambi i binari posso far uscire il treno o far entrare il treno.
L'idea dell'interruttore era solo per dare corrente ai binari senza attivare i deviatoi in caso si voglia provare loco in locale, per questo mi piaceva lasciare i deviatori a se stanti

Avatar utente
MrPatato76
Socio GAS TT
Messaggi: 4258
Iscritto il: lun ago 27, 2012 11:14 am
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Nova Milanese
Età: 44
Stato: Non connesso

Re: Proposta modulo stazione nascosta

Messaggio da MrPatato76 » ven apr 17, 2020 1:54 pm

adobel55 ha scritto:
ven apr 17, 2020 1:01 pm
L'idea dell'interruttore era solo per dare corrente ai binari senza attivare i deviatoi in caso si voglia provare loco in locale, per questo mi piaceva lasciare i deviatori a se stanti
Non avevo considerato l'idea di usare il caricatore come banco di prova….
Roberto - "...il bambino che vede un treno lo saluta con la manina, questo non succede con un auto!" (Cit.) - Ciao Roberto

Avatar utente
Andrea
Socio GAS TT
Messaggi: 21735
Iscritto il: mer ott 26, 2011 7:42 pm
Nome: Andrea
Regione: Lombardia
Città: Segrate
Ruolo: Amministratore
Età: 56
Stato: Non connesso
Contatta:

Re: Proposta modulo stazione nascosta

Messaggio da Andrea » sab apr 18, 2020 9:09 am

Un buon caricatore può essere sicuramente di grande utilità, prendiamoci tutto il tempo che ci serve e partiamo con la realizzazione nel momento in cui siamo convinti che quella studiata sia la soluzione migliore.
Sugli aspetti tecnici, lascio spazio a chi ha sicuramente più competenze del sottoscritto.
A mio avviso i punti fermi sono quelli citati da Adolfo, ricordiamoci sempre il tema del trasporto che a mio avviso resta prioritario nelle scelte.
Se c'è la possibilità di un trasporto con un furgone, va bene qualsivoglia soluzione.
In caso di spostamenti con auto proprie, un modulo caricatore "ingombrante" comporta la rinuncia al trasporto di altri moduli e vincola nelle scelte vista la necessità dei moduli di blocco.
Quindi, visto che non c'è alcuna fretta, direi di trovare la soluzione migliore che sposi i quattro punti evidenziati da Adolfo.
adobel55 ha scritto:
gio apr 16, 2020 10:45 am
Per me i punti fermi sono:
1) caricatore e scaricatore
2) più piccolo possibile
3) più semplice possibile
4) non limitare lo spazio per gli altri moduli
Andrea - “I fermodellisti sono tanti e legati da un'amicizia sincera, che esplode in una cordialità ormai rara nel mondo rumoroso ed incerto di oggi”. La valle incantata

Avatar utente
MrMassy86
Socio GAS TT
Messaggi: 14378
Iscritto il: sab nov 10, 2012 3:42 pm
Nome: Massimiliano
Regione: Toscana
Città: Marlia - Lucca
Ruolo: Moderatore
Età: 33
Stato: Non connesso
Contatta:

Re: Proposta modulo stazione nascosta

Messaggio da MrMassy86 » sab apr 18, 2020 11:20 am

Ho seguito in silenzio perché non mi sento di poter dare molti contributi sulla parte tecnica ma con molto interesse la discussione, se puo essere utile ho preso la misura della lunghezza del mio treno merci che si puo considerare un treno completo, allora la lunghezza è 102cm e come si puo vedere dalle foto qui sotto
IMG_3117.JPG
IMG_3118.JPG
è in linea con la lunghezza utile del modulo stazione di Diego, anche il treno cantiere realizzato da Adolfo è all'incirca di quella lunghezza, ora non so quanto sia la lunghezza utile di ricovero del modulo stazione che sta realizzando Ed, sarebbe interessante saperlo, se siamo all'incirca sulle misure di quella di Diego credo possano bastare due binari della lunghezza massima di 130cm visto che uno dei concetti espressi e il più semplice e meno ingombrante possibile per semplificare al massimo il trasporto.
Massimiliano
Massimiliano Paolinelli - il mio canale YouTubeViaggio in quel di Verni -Il Ponte dei Pescatori - C.L.A.F. Lucca

Rispondi

Torna a “PLASTICO MODULARE GAS TT - MODULI IN COSTRUZIONE/PROGETTAZIONE”