Presentazione e discussione su l'idea di plastico

Discussioni relative alla scala N 1:160

Moderatori: cararci, MrMassy86, adobel55, lorelay49

Avatar utente
Senialas
Messaggi: 239
Iscritto il: lunedì 8 ottobre 2012, 16:50
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Gallarate
Stato: Non connesso

Re: Presentazione e discussione su l'idea di plastico

Messaggio da Senialas »

sal727 ha scritto: giovedì 13 maggio 2021, 20:17 La prima differenza che si nota fra le versioni è questa:
121 Euro versione Bronze
372 Euro versione Silver
559 Euro versione Gold

Differenza software fra le versioni (traduzione dal sito ufficiale)

_TrainController Bronze offre un ingresso conveniente nel controllo del computer per modellini ferroviari. È adatto per gli utenti che sono alla ricerca di un programma facile da usare che copra in modo affidabile le attività standard del controllo dei modellini ferroviari, come il funzionamento del quadro elettrico, i percorsi, la messa in sicurezza dei blocchi, il controllo dei cantieri nascosti o i treni navetta. TrainController Bronze fornisce anche un'eccellente entrata per i modellisti ferroviari, che hanno ancora poca esperienza con il controllo computerizzato dei modellini ferroviari. Le caratteristiche sono focalizzate sulle funzioni essenziali. Ciò rende più facile in particolare all'inizio distinguere le funzioni di base da quelle avanzate

_TrainController Silver è il successore del leggendario programma di controllo TrainController 5. Si rivolge agli utenti con elevate esigenze e anche agli utenti, che non sono riluttanti a rompicapo per raggiungere obiettivi individuali. TrainController 5 era già il leader tra i programmi per il controllo dei modellini di treni. Questa posizione è ulteriormente rafforzata da TrainController Silver.

_TrainController Gold è il programma di controllo definitivo per modellismo ferroviario. Combina la massima funzionalità con un funzionamento semplice, la massima comodità con il modo più efficiente di lavorare. TrainController Gold è la scelta di professionisti e utenti con le massime esigenze che desiderano controllare come i professionisti. Anche i tracciati di modellini ferroviari più grandi possono essere gestiti in modo efficiente e conveniente. Il loro sistema di blocco e percorso può essere configurato in pochi giorni (!). Ma anche gli utenti meno esperti possono svolgere compiti ambiziosi facilmente e con poco sforzo con TrainController Gold. In TrainController Gold vengono considerati virtualmente tutti i requisiti essenziali, che sono stati raccolti dagli utenti delle versioni precedenti di TrainController negli ultimi anni. TrainController Gold non solo è avanti di diversi anni rispetto a programmi simili, ma affermiamo anche che attualmente non esiste un programma comparabile sul mercato!

Qui trovi il manuale tradotto in italiano di una vecchia versione 5.5
http://www.dccworld.it/documenti/artc.pdf
Salvatore, la traduzione delle descrizione delle tre versioni è molto markettara e dice poco, anzi direi che confonde.
Un'analisi più puntuale si ha cliccando sull'ultima riga (Show features and comparison with other TrainController™ editions) aad esempio della pagina seguente: https://www.freiwald.com/pages/traincon ... bronze.htm
Io comunque penso che il modo migliore (vale per tutti i sw di gestione) è di provarli per un po' di giorni e valutare se piace la loro interfaccia utente, capire se ci è facile impostarli, se funzionano come ci aspettiamo, ecc. ecc. ecc.

Stavo dimenticando : la traduzione del rimando è di una versione vecchia oltre 12 anni e totalmente diversa dall'attuale. Siamo alla 9.


Roberto M.
Avatar utente
adobel55
Socio GAS TT
Messaggi: 9739
Iscritto il: venerdì 18 novembre 2011, 15:51
Nome: Adolfo
Regione: Lazio
Città: Roma
Ruolo: Moderatore
Stato: Connesso

Re: Presentazione e discussione su l'idea di plastico

Messaggio da adobel55 »

Roberto, mi sembra di capire che tu usi Train Controller versione completa, ho capito bene ?
Avatar utente
Senialas
Messaggi: 239
Iscritto il: lunedì 8 ottobre 2012, 16:50
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Gallarate
Stato: Non connesso

Re: Presentazione e discussione su l'idea di plastico

Messaggio da Senialas »

Si Adolfo, io ho la versione 9 Gold.
Roberto M.
Avatar utente
Docdelburg
Socio GAS TT
Messaggi: 5814
Iscritto il: martedì 4 settembre 2012, 18:16
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Stato: Non connesso

Re: Presentazione e discussione su l'idea di plastico

Messaggio da Docdelburg »

Se posso permettermi..... quando avevo scaricato il programma Traincontroller e avevo usato il tracciato "demo", ci avevo capito poco e nulla.
Trovo invece molto più esplicativi e interessanti questi tutorial su Youtube, che mi sto guardando con interesse. Anche se in inglese, peraltro molto comprensibile, sono molto intuitivi e, a mio avviso, rendono molto bene l'idea del facile utilizzo del programma.
Questo è il primo di una lunga serie dell'autore:

Avatar utente
Fausto_1960
Messaggi: 162
Iscritto il: domenica 16 agosto 2020, 19:56
Nome: Fausto
Regione: Turin
Città: Nole
Età: 61
Stato: Non connesso

Re: Presentazione e discussione su l'idea di plastico

Messaggio da Fausto_1960 »

buonasera,
ultimamente scrivo poco per impegni lavorativi ma... il progetto del plastico continua.
A dire il vero, è ricominciato :mrgreen:
Un pensiero mi turbava già da qualche tempo, ovvero non avevo fatto un plastico a moduli, quindi intrasportabile.
Non che io abbia pretese di esposizione del mio plastico, ma di possibili futuri traslochi si, o almeno prenderle in considerazione la cosa.
Quindi lo sto modificando (in realtà non sono molte e difficili le modifiche) in tal senso.
Naturalmente mi sono posto il problema dell'accoppiamento dei binari dei vari moduli alle varie quote di progetto.
Usando del multistrato, dovrei stare abbastanza sereno sulla deformazione del legno, anche se so che essendo un materiale "vivo" qualche problema potrebbe crearlo....
Dunque mentre ci sono chiedo un aiuto... voglio fare una prova con un semaforo della Arnold, ma non ho ancora capito come collegarlo.
Ha due fili, uno rosso e uno verde, e due grigi... quello che vorrei, usando rocrail, è avere la possibilità che il treno si fermi al semaforo ( e fin qui con rocrail so che ci si riesce) ma credo/spero che si possa far passare un treno su di un blocco senza che questo si fermi e immagino che si possa fare modificando il colore del semaforo... dal rosso al verde prima del arrivo del treno.
Fausto
Avatar utente
FrancoV
Messaggi: 874
Iscritto il: sabato 15 febbraio 2020, 17:45
Nome: Franco
Regione: Piemonte
Città: Bosconero
Stato: Non connesso

Re: Presentazione e discussione su l'idea di plastico

Messaggio da FrancoV »

Fausto_1960 ha scritto: martedì 1 giugno 2021, 18:06 buonasera,
ultimamente scrivo poco per impegni lavorativi ma... il progetto del plastico continua.
A dire il vero, è ricominciato :mrgreen:
Un pensiero mi turbava già da qualche tempo, ovvero non avevo fatto un plastico a moduli, quindi intrasportabile.
Non che io abbia pretese di esposizione del mio plastico, ma di possibili futuri traslochi si, o almeno prenderle in considerazione la cosa.
Bravo, giusta pensata
Naturalmente mi sono posto il problema dell'accoppiamento dei binari dei vari moduli alle varie quote di progetto.
Usando del multistrato, dovrei stare abbastanza sereno sulla deformazione del legno, anche se so che essendo un materiale "vivo" qualche problema potrebbe crearlo....
Vai tranquillo, a meno che tu non sia in un locale con degli sbalzi termici estremi non succederà nulla

:D
Franco -Etroit, quoi qu'il soit!
Avatar utente
Senialas
Messaggi: 239
Iscritto il: lunedì 8 ottobre 2012, 16:50
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Gallarate
Stato: Non connesso

Re: Presentazione e discussione su l'idea di plastico

Messaggio da Senialas »

Fausto_1960 ha scritto: martedì 1 giugno 2021, 18:06 ........................
Dunque mentre ci sono chiedo un aiuto... voglio fare una prova con un semaforo della Arnold, ma non ho ancora capito come collegarlo.
Ha due fili, uno rosso e uno verde, e due grigi... quello che vorrei, usando rocrail, è avere la possibilità che il treno si fermi al semaforo ( e fin qui con rocrail so che ci si riesce) ma credo/spero che si possa far passare un treno su di un blocco senza che questo si fermi e immagino che si possa fare modificando il colore del semaforo... dal rosso al verde prima del arrivo del treno.
I softwares di gestione (ad esclusione di STP) funzionano indipendentemente dai segnali (non semafori).
Mi spiego: i segnali sono coreografici e vanno programmati per far coincidere il loro aspetto con il movimento dl treno. Per gestire gli aspetti di un segnale serve un decoder che riproduca gli aspetti del segnale posizionato sul plastico.
Se, ad esempio, un treno sta passando su un blocco e la sua destinazione è uno dei blocchi successivi il treno continuerà indipendentemente dall'aspetto del segnale. Se un treno è fermo su un blocco di stazione con segnale di partenza chiuso (Rosso), anche cambiando il colore del segnale (Verde) il treno non partirà. Servirà un comando per far partire il treno che, a sua volta, dovrà girare al verde il segnale di partenza. Così almeno funziona TrainController.
Roberto M.
Avatar utente
Docdelburg
Socio GAS TT
Messaggi: 5814
Iscritto il: martedì 4 settembre 2012, 18:16
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Stato: Non connesso

Re: Presentazione e discussione su l'idea di plastico

Messaggio da Docdelburg »

Devi considerare il segnale alla stessa maniera di un deviatoio. Devi quindi dotarlo di decoder e legarlo al blocco con corrispondenza al lato ( + o - ) in cui è posto. Se quel blocco ha come caratteristica "nessuna attesa", il convoglio in arrivo, se ha un blocco successivo libero verso cui dirigersi, transita col verde senza fermarsi. Se invece nessun blocco successivo è libero, allora il convoglio si arresta al rosso. Come il blocco successivo si libera, il segnale diverrà verde e il convoglio ripartirà. Questo in automatico o semiautomatico.
In ogni caso la semplice modifica manuale del segnale non influirà sulla marcia del convoglio.
Avatar utente
Fausto_1960
Messaggi: 162
Iscritto il: domenica 16 agosto 2020, 19:56
Nome: Fausto
Regione: Turin
Città: Nole
Età: 61
Stato: Non connesso

Re: Presentazione e discussione su l'idea di plastico

Messaggio da Fausto_1960 »

FrancoV ha scritto: martedì 1 giugno 2021, 19:55
Fausto_1960 ha scritto: martedì 1 giugno 2021, 18:06 buonasera,
ultimamente scrivo poco per impegni lavorativi ma... il progetto del plastico continua.
A dire il vero, è ricominciato :mrgreen:
Un pensiero mi turbava già da qualche tempo, ovvero non avevo fatto un plastico a moduli, quindi intrasportabile.
Non che io abbia pretese di esposizione del mio plastico, ma di possibili futuri traslochi si, o almeno prenderle in considerazione la cosa.
Bravo, giusta pensata
Naturalmente mi sono posto il problema dell'accoppiamento dei binari dei vari moduli alle varie quote di progetto.
Usando del multistrato, dovrei stare abbastanza sereno sulla deformazione del legno, anche se so che essendo un materiale "vivo" qualche problema potrebbe crearlo....
Vai tranquillo, a meno che tu non sia in un locale con degli sbalzi termici estremi non succederà nulla

:D
Grazie per le rassicurazione Franco..
Fausto
Avatar utente
Fausto_1960
Messaggi: 162
Iscritto il: domenica 16 agosto 2020, 19:56
Nome: Fausto
Regione: Turin
Città: Nole
Età: 61
Stato: Non connesso

Re: Presentazione e discussione su l'idea di plastico

Messaggio da Fausto_1960 »

Senialas ha scritto: martedì 1 giugno 2021, 20:57
Fausto_1960 ha scritto: martedì 1 giugno 2021, 18:06 ........................
Dunque mentre ci sono chiedo un aiuto... voglio fare una prova con un semaforo della Arnold, ma non ho ancora capito come collegarlo.
Ha due fili, uno rosso e uno verde, e due grigi... quello che vorrei, usando rocrail, è avere la possibilità che il treno si fermi al semaforo ( e fin qui con rocrail so che ci si riesce) ma credo/spero che si possa far passare un treno su di un blocco senza che questo si fermi e immagino che si possa fare modificando il colore del semaforo... dal rosso al verde prima del arrivo del treno.
I softwares di gestione (ad esclusione di STP) funzionano indipendentemente dai segnali (non semafori).
Mi spiego: i segnali sono coreografici e vanno programmati per far coincidere il loro aspetto con il movimento dl treno. Per gestire gli aspetti di un segnale serve un decoder che riproduca gli aspetti del segnale posizionato sul plastico.
Se, ad esempio, un treno sta passando su un blocco e la sua destinazione è uno dei blocchi successivi il treno continuerà indipendentemente dall'aspetto del segnale. Se un treno è fermo su un blocco di stazione con segnale di partenza chiuso (Rosso), anche cambiando il colore del segnale (Verde) il treno non partirà. Servirà un comando per far partire il treno che, a sua volta, dovrà girare al verde il segnale di partenza. Così almeno funziona TrainController.
Lungi da me dal voler essere più realista del Re, ma vista la cura quasi maniacale con cui si cura l'aspetto del plastico per aderire il più possibile alla realta, che un trano passi su un blocco (e non credo si tratti di una questione di sw) con un segnale rosso, mi pare quanto meno curiosa.
Di sicuro non me ne faccio un problema, è solo curioso.
Fausto
Avatar utente
Fausto_1960
Messaggi: 162
Iscritto il: domenica 16 agosto 2020, 19:56
Nome: Fausto
Regione: Turin
Città: Nole
Età: 61
Stato: Non connesso

Re: Presentazione e discussione su l'idea di plastico

Messaggio da Fausto_1960 »

Docdelburg ha scritto: mercoledì 2 giugno 2021, 18:09 Devi considerare il segnale alla stessa maniera di un deviatoio. Devi quindi dotarlo di decoder e legarlo al blocco con corrispondenza al lato ( + o - ) in cui è posto. Se quel blocco ha come caratteristica "nessuna attesa", il convoglio in arrivo, se ha un blocco successivo libero verso cui dirigersi, transita col verde senza fermarsi. Se invece nessun blocco successivo è libero, allora il convoglio si arresta al rosso. Come il blocco successivo si libera, il segnale diverrà verde e il convoglio ripartirà. Questo in automatico o semiautomatico.
In ogni caso la semplice modifica manuale del segnale non influirà sulla marcia del convoglio.
Caio Doc,
avevo intuito e poi letto che il segnale devo collegarlo al decoder che uso per i deviatoi... mi domandavo però una cosa: i deviatoi hanno tre fili il mio segnale (è molto vecchio.. da prima che ci fosse il digitale) ne ha solo due grigi e altri due di colere rosso e verde.
Ho visto che nella schermata dei blocchi c'è la possibilità di flaggare la caratterista "nessuna attesa"... domanda.
lo stato dei segnali di default è rosso o verde?
Perché se ho inteso quello che scrivi... parto dal blocco A per andare al blocco B: il segnale del blocco B sarà rosso
Parto dal blocco A per andare al blocco C passando da B... se il segnale nel blocco B di default è rosso appena invio l'ordine di partenza diventa verde, quindi realisticamente il mio treno transiterà sul blocco B, con velocità ridotta, per proseguire fino al blocco C.
ho inteso bene?
Fausto
Avatar utente
Fausto_1960
Messaggi: 162
Iscritto il: domenica 16 agosto 2020, 19:56
Nome: Fausto
Regione: Turin
Città: Nole
Età: 61
Stato: Non connesso

Re: Presentazione e discussione su l'idea di plastico

Messaggio da Fausto_1960 »

Fausto_1960 ha scritto: venerdì 4 giugno 2021, 11:27
Senialas ha scritto: martedì 1 giugno 2021, 20:57
Fausto_1960 ha scritto: martedì 1 giugno 2021, 18:06 ........................
Dunque mentre ci sono chiedo un aiuto... voglio fare una prova con un semaforo della Arnold, ma non ho ancora capito come collegarlo.
Ha due fili, uno rosso e uno verde, e due grigi... quello che vorrei, usando rocrail, è avere la possibilità che il treno si fermi al semaforo ( e fin qui con rocrail so che ci si riesce) ma credo/spero che si possa far passare un treno su di un blocco senza che questo si fermi e immagino che si possa fare modificando il colore del semaforo... dal rosso al verde prima del arrivo del treno.
I softwares di gestione (ad esclusione di STP) funzionano indipendentemente dai segnali (non semafori).
Mi spiego: i segnali sono coreografici e vanno programmati per far coincidere il loro aspetto con il movimento dl treno. Per gestire gli aspetti di un segnale serve un decoder che riproduca gli aspetti del segnale posizionato sul plastico.
Se, ad esempio, un treno sta passando su un blocco e la sua destinazione è uno dei blocchi successivi il treno continuerà indipendentemente dall'aspetto del segnale. Se un treno è fermo su un blocco di stazione con segnale di partenza chiuso (Rosso), anche cambiando il colore del segnale (Verde) il treno non partirà. Servirà un comando per far partire il treno che, a sua volta, dovrà girare al verde il segnale di partenza. Così almeno funziona TrainController.
Ciao Roberto... e grazie per la risposta.

Lungi da me dal voler essere più realista del Re, ma vista la cura quasi maniacale con cui si cura l'aspetto del plastico per aderire il più possibile alla realta, che un trano passi su un blocco (e non credo si tratti di una questione di sw) con un segnale rosso, mi pare quanto meno curiosa.
Di sicuro non me ne faccio un problema, è solo curioso.
Fausto
Avatar utente
Docdelburg
Socio GAS TT
Messaggi: 5814
Iscritto il: martedì 4 settembre 2012, 18:16
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Stato: Non connesso

Re: Presentazione e discussione su l'idea di plastico

Messaggio da Docdelburg »

Lo stato del segnale lo determini tu nel pannello dedicato, così come determini se di default un deviatoio sta in corretto tracciato o in deviata; normalmente il segnale di default è rosso.
Due fili del segnale saranno i negativi e due i positivi; a seconda di quale polo sarà il comune del tuo decoder a quello ci collegherai i due fili di polarità opportuna. La velocità di transito tra ogni blocco la decidi sempre tu nel pannello apposito degli itinerari.

Torna a “SCALA N”