Orient Express Hachette

Discussioni relative alla scala H0 1:87

Moderatori: cararci, MrMassy86, adobel55, lorelay49

Avatar utente
MrPatato76
Socio GAS TT
Messaggi: 4849
Iscritto il: lunedì 27 agosto 2012, 11:14
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Nova Milanese
Stato: Non connesso

Re: Orient Express Hachette

Messaggio da MrPatato76 »

MrMassy86 ha scritto: venerdì 19 febbraio 2021, 16:43 ……. poi fu tentata una terza volta con un treno merci e questa volta digitale, mi sembra veniva fornita la centralina di Nuccio e non ha avuto seguito, …..
Questa non me la ricordo Massy….davvero hanno proposto la Claudia Cs in edicola??


Roberto - "...il bambino che vede un treno lo saluta con la manina, questo non succede con un auto!" (Cit.) - Ciao Roberto
Avatar utente
FrancoV
Messaggi: 846
Iscritto il: sabato 15 febbraio 2020, 17:45
Nome: Franco
Regione: Piemonte
Città: Bosconero
Stato: Non connesso

Re: Orient Express Hachette

Messaggio da FrancoV »

Senialas ha scritto: venerdì 19 febbraio 2021, 10:12 Assurdo che nel 2021, con l'Europa che spinge per la digitalizzazione, venga proposto un (chiamiamolo) plastico degli anni '90.
Potrei sbagliare, ma penso ci sia stato un equivoco sull'accezione del termine "digitalizzazione" :wink:
Franco -Etroit, quoi qu'il soit!
Avatar utente
MrMassy86
Socio GAS TT
Messaggi: 15085
Iscritto il: sabato 10 novembre 2012, 15:42
Nome: Massimiliano
Regione: Toscana
Città: Marlia - Lucca
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Re: Orient Express Hachette

Messaggio da MrMassy86 »

MrPatato76 ha scritto: venerdì 19 febbraio 2021, 16:46
MrMassy86 ha scritto: venerdì 19 febbraio 2021, 16:43 ……. poi fu tentata una terza volta con un treno merci e questa volta digitale, mi sembra veniva fornita la centralina di Nuccio e non ha avuto seguito, …..
Questa non me la ricordo Massy….davvero hanno proposto la Claudia Cs in edicola??
Fu una prova ma non andò a buon fine
http://www.forum.ferrovie.it/viewtopic.php?t=40324
Ho trovato questo, ricordo da qualche altra parte di aver letto che era digitale e la centralina dalle immagini sembrava quella di Nuccio, non c'era la sicurezza ma sembrava quella, bisognerebbe avere la conferma da Nuccio
Massimiliano [253]
Massimiliano Paolinelli - il mio canale YouTubeViaggio in quel di Verni -Il Ponte dei Pescatori - C.L.A.F. Lucca
Avatar utente
Senialas
Messaggi: 229
Iscritto il: lunedì 8 ottobre 2012, 16:50
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Gallarate
Stato: Non connesso

Re: Orient Express Hachette

Messaggio da Senialas »

MrMassy86 ha scritto: venerdì 19 febbraio 2021, 16:43 Scusa Roberto ma non sono d'accordo, bisogna considerare il target delle persone a cui è rivolta la raccolta, ovvero persone che magari si avvicinano al modellismo per la prima volta e il digitale è vero che rappresenta il futuro ma anche il suo costo è diverso, sicuramente l'analogico ha un costo inferiore e spaventa meno chi farà l'opera, poi ricordo che anche la precedente collana con la corbellini era analogica ed ha avuto un buon successo tanto che è stata riproposta due volte, poi fu tentata una terza volta con un treno merci e questa volta digitale, mi sembra veniva fornita la centralina di Nuccio e non ha avuto seguito, quindi si è tornati all0analogico, tanto poi se uno vuol passare al digitale può sempre farlo in qualsiasi momento.
Anche la raccolta della ferrovia del Gottardo De Agostini in N era analogica e c'è chi giustamente poi ha voluto digitalizzare il tutto, forse partite analogico risulta meno vincolante.
Massimiliano [253]
Siamo di parere diverso.
Intanto il digitale non rappresenta il futuro, ma il presente. L'analogico è la vecchia tecnologia.
Con i 1500€ circa di costo si può benissimo offrire un tracciato simile in digitale, magari con una centrale a basso costo (se guardi bene anche il trasformatore + regolatore della raccolta Orient Express mi sembra una cinesata). Sulla locomotiva incide per meno di 20€.
Quello che fa aumentare i costi è proprio partire in analogico e poi passare al digitale, così i costi per le parti relative all'analogico si sono buttati.
Non capisco poi perché ci si debba spaventare. Tutti oramai usiamo pc, smartphone, tablet, ecc., tutti in digitale, ma nessuno si spaventa.
Che vuol dire che risulta "meno vincolante" partire in analogico? Che vincoli pone il digitale?
Suppongo che il target principale della raccolta siano gli appassionati di fermodellismo e più in generale gli appassionati dei treni. Se per loro fosse la prima volta, perché non sfruttare l'occasione e fare anche un po' di didattica di come si approccia il feromodellismo dinamico nel 2021, usando le tecnologie correnti e non quelle del secolo scorso?! Spiegando magari i vantaggi del digitale rispetto all'analogico e come si realizza. Al livello della raccolta in edicola, non c'è nulla di complicato.
Roberto M.
Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 9947
Iscritto il: domenica 3 maggio 2015, 18:31
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Re: Orient Express Hachette

Messaggio da v200 »

Il primo problema è aprire le loco per montarvi il decoder, secondo settare le CV correttamente, terzo preparare il bus per il tracciato , se occorre anche utilizzare un booster o no in base alla digitalizzazione basica o spinta .
Non tutti sono portati a lavorare in un ambiente elettrico/elettronico.
Anche con tutti i tutorial postati in rete oltre che a varie integrazioni sul nostro forum i primi passi vengono fatti in analogico per imparare le basi. Chi si avvicina al nostro hobby sovente non è nemmeno pratico del modellismo quindi ha meno remore iniziare con un progetto soft che a male parata non impegni molto in tempi e costi
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.
Avatar utente
Senialas
Messaggi: 229
Iscritto il: lunedì 8 ottobre 2012, 16:50
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Gallarate
Stato: Non connesso

Re: Orient Express Hachette

Messaggio da Senialas »

Ma perché ingigantire le cose per sostenere una tesi?
Se la raccolta è in digitale la loco non è da aprire: il decoder c'è già e con le CVs già settate. E'' difficile?
Il bus per il tracciato sono 2 (due) fili da collegare in un paio di punti. E' difficile?
La raccolta prevede una loco, quindi il booster non serve. Digitalizzazione spinta???
I primi passi si possono fare benissimo in digitale, ignorando completamente l'analogico, anche perché per la posa dei binari e per tutto il resto, compreso il trattamento dei corto circuiti non serve nessuna esperienza in analogico.
Roberto M.
Avatar utente
MrMassy86
Socio GAS TT
Messaggi: 15085
Iscritto il: sabato 10 novembre 2012, 15:42
Nome: Massimiliano
Regione: Toscana
Città: Marlia - Lucca
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Re: Orient Express Hachette

Messaggio da MrMassy86 »

Roberto come ti ha spiegato Roby normalmente queste raccolte vengono fatte più da persone che si avvicinano al mondo del modellismo, il modellista non credo sia cosi interessato, magari incuriosito da qualche elemento ma non portato a fare la raccolta, il plastico normalmente se lo fa da solo come meglio crede.
il trasformatore come hai detto tu è una cinesata da 15euro, una centraline, purché economica ne richiede 100 e poi come avevo scritto è stata fatta la prova anche digitale ma senza successo, si vede che piace di più l'analogico, che ti devo dire, io sono per il digitale ma per esempio un mio amico il digitale proprio non piace e ha un bel plastico anche di buone dimensione tutto analogico.
Roby qui sopra ha recensito in maniera molto accurata la precedente collana in scala N della De Agostini e vari utenti si sono iscritti su questo forum proprio per quel plastico, tutte persone alla prima esperienza che si avvicinavano al modellismo e cui in tanti andava bene l'analogico, poi alcuni l'hanno fatto in digitale, giustamente una loro scelta.
Le raccolte da edicola vanno viste diversamente non sono solo per modellisti ma hanno uno spreto più ampio, coinvolgono anche persone che si avvicinano per la prima volta, per me è un bene perché comunque diffondono questo fantastico Hobby
Massimiliano [253]
Massimiliano Paolinelli - il mio canale YouTubeViaggio in quel di Verni -Il Ponte dei Pescatori - C.L.A.F. Lucca
Avatar utente
MrPatato76
Socio GAS TT
Messaggi: 4849
Iscritto il: lunedì 27 agosto 2012, 11:14
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Nova Milanese
Stato: Non connesso

Re: Orient Express Hachette

Messaggio da MrPatato76 »

Io la penso come il mio omonimo.
Dai in mano ad un principiante una macchina ed controllore digitali per comandarla e non noterà la differenza con un trenino Old school.
Roberto - "...il bambino che vede un treno lo saluta con la manina, questo non succede con un auto!" (Cit.) - Ciao Roberto
Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 9947
Iscritto il: domenica 3 maggio 2015, 18:31
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Re: Orient Express Hachette

Messaggio da v200 »

Veramente la loco è da assemblare vista che è fornita in più uscite, il cablaggio per il tracciato è da farsi per conto proprio non fornito nel opera come telaio e struttura paesaggio , .
Poi se si volesse aggiungere qualche loco non della raccolta? oppure la seconda da prendere a parte?
Centraline a basso costo in puro digitale tolta la z21 bianca non si trovano molto ( è materiale cinese men che meno vedi ad esempio i vari cloni cinesi di decoder sovente senza alcune funzioni che trovi su ebay) , per la corretta alimentazione del tracciato due fili non bastano ( precisamente il punto di allacciamento va ripetuto più volte per avere un buon segnale ). Sul discorso cortocircuiti è vero che la centrale è protetta, ma non le loco sul tracciato. I decoder non tutti sono provvisti di un buon termo interruttore che scatti in caso di corto( poi se sei alle prime armi e non assembli bene le rotaie anzi i deviatoi rimane molto facile smemorizzare le CV nel caso migliore di un corto ,nel peggiore bruciare decoder o PCB ).
Tecnicamente si potrebbe fare ma i costi sia per la casa editrice che per il cliente aumentano non di poco, tanto da non essere proprio il massimo. Anche Trix in H0 ha tentato di semplificare il digitale utilizzando un ibrido con controllo ad infrarossi da vendere in uno start set ma non ha avuto un gran favore del pubblico. ( oggi viene spacciato su ebay come digitale creando non pochi problemi ai compratori, queste loco funzionano solo con la centrale I.R con una loco alla volta e non con più loco sul tracciato ). Ci sarebbe la via Giapponese del digitale ibrido ma anche li il T-Nox o similari sistemi di gestione ( centrali ) non sono a buon mercato.
In pratica come progetto editoriale per il fermodellismo in uscite a fascicoli un plastico analogico rimane ancora percorribile. Il digitale potrebbe essere un po forzato.
Nota bene che questo progetto alla prima uscita non ha avuto grande fortuna, dopo 5 numeri venne sospeso. Anche oggi per molti il costo finale rimane troppo alto . Parlando di analogico, pensa in digitale. Anche A.C.M.E aveva tentato la via di uno start set digitale ma non ebbe gran riscontro ( per il prezzo ) .
Personalmente non vedo la possibilità di avere il digitale su un progetto simile
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.
Avatar utente
sal727
Messaggi: 3748
Iscritto il: domenica 26 aprile 2015, 17:22
Nome: Salvatore
Regione: Emilia Romagna
Città: Bologna
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Re: Orient Express Hachette

Messaggio da sal727 »

Quando il digitale costerà poco allora produrranno delle opere in versione digitale, mi meraviglio che si debba criticare la scelta della hachette è evidente che il fattore più importante per l'azienda è quello ecomomico e l'analogico ormai quasi passato lo si trova a costi piuttosto ridotti, prendendo accordi con le varie aziende modellistiche si riesce a spendere meno recuperando materiale che probabilmente si trova nei magazzini invenduto (vedi la locomotiva D343 della Roco fuori produzione), di già il costo dell'opera è alto per una versione analogica, questo lo può sapere chi è dentro da anni in questo settore, ma uno che inizia adesso con tutto spiegato, la possibilità di spendere un po' al mese è sicuramente tentato e questa è la politica di chi produce queste opere, stuzzicare il potenziale acquirente ad acquistare il prodotto, altrimenti cosa ci starebbero a fare sul mercato [98]
Ciao, Salvatore
Avatar utente
Senialas
Messaggi: 229
Iscritto il: lunedì 8 ottobre 2012, 16:50
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Gallarate
Stato: Non connesso

Re: Orient Express Hachette

Messaggio da Senialas »

Massimiliano, se, come dici, il cliente tipo è chi si avvicina la prima volta, allora l'unico scopo, per Hachette, è massimizzare il profitto senza porsi altri problemi. Secondo me si basano sul fatto di vendere un buon numero dei primi fascicoli e poi riducono drasticamente la tiratura basandosi solo su chi si abbona.
Di centraline DCC base se ne trovano anche a 36€.
Ho letto quello che hai scritto, ma dal poco che si legge non mi è sembrato un test. Sul tuo amico non commento, avrà le sue ragioni.
Molti preferiscono ancora l'analogico perché c'è ancora poca informazione o non hanno voglia di dare valore aggiunto al loro plastico (oltre che alla loro conoscenza).
Io non sono molto favorevole a queste uscite perché hanno un riferimento qualitativo basso e scarseggiano di informazioni (è come se spiegassero oggi come si usa un Nokia 3310). Meglio un buon libro sull'Orient Express.


Roberto, se la loco è da assemblare uno spinotto in più o in meno non cambiano nulla. Se poi si volesse aggiungere una loco vuol dire che si impara ad aprirla.
Sulla centrale ho risposto a Massimiliano.
Su un tracciato del genere servono due o tre collegamenti, ma sono sempre 2 fili ripetuti 2 o 3 volte.
Oggi la maggior parte dei decoders hanno la protezione al sovraccarico o corto circuito. I binari vanno posati bene in qualsiasi caso, basta raccomandarlo sulle indicazioni della raccolta. Non ho mai visto decoders con CV modificate da un corto (vanno in protezione la centrale e il decoder).
Non conosco l'esperimento Trix, che, tra l'altro, non gode delle mie simpatie.
Indubbiamente dovendo spendere 1500€ mi voglio scegliere almeno quello che compro, non quello scelto da altri.
E questo concetto, personalmente, vale anche per uno start set.
Roberto M.
Avatar utente
Giacomo
Messaggi: 1222
Iscritto il: domenica 28 luglio 2013, 19:40
Nome: Giacomo
Regione: Toscana
Città: Siena
Stato: Non connesso

Re: Orient Express Hachette

Messaggio da Giacomo »

Roberto, vedi, secondo me questa del digitale a tutti i costi sta diventando una moda... non dico certo che applicare il digitale sia un errore, anzi tutt'altro (sono programmatore fin dal 1979 e quindi computer e altre diavolerie tecnologiche ormai ne ho maneggiate a tonnellate...), dico solo che voler applicare il digitale a prescindere è esagerato. Il mio esempio... se mai riuscirò a farmi un plastico (temo mai...) si ridurrà a una piccola stazione di incrocio su una linea a binario unico, con un altrettanto piccolo scalo... quindi al massimo due convogli in contemporanea e una loco nello scalo... ora, dato che comunque sia più di un treno per volta fisicamente, essendo una sola persona, non posso comandarlo, e comunque quando ci sono treni in stazione le manovre sono interrotte, francamente a cosa mi serve avere il comando digitale? A far partire e fermare i treni dolcemente? Comandando un treno alla volta posso tranquillamente ottenere la stessa cosa col normalissimo trafo... le luci accese a treno fermo? Vabbè, una finezza, ma dato che esistono moltissime carrozze che NON hanno l'illuminazione... penso di poterne fare a meno... comandare la loco nello scalo mentre gli altri treni si incrociano? Ripeto, io sono solo, se controllo una locomotiva NON posso controllarne un'altra, e comunque sia la loco nello scalo, con dei treni in stazione non può operare... ripeto, con tutto questo non voglio dire che usare il digitale sia sbagliato, voglio solo dire che non sempre è indispensabile, come pare invece molti pensino... dici che il digitale è il presente e l'analogico il passato... non proprio vero, al momento attuale sono entrambi il presente, col digitale che nel futuro forse spodesterà definitivamente il vecchio caro analogico (come peraltro è successo ormai in moltissimi campi e come è giusto che sia, bisogna sempre andare avanti). Soprattutto per un neofita totale del fermodellismo l'analogico è decisamente più abbordabile (ovviamente a meno che non sia un maghetto dell'elettronica e dei computer, come molti giovani sono...) o, almeno, un po' più semplice da comprendere...
Giacomo - free climber modellista, attore, motociclista ecc ecc...
Avatar utente
Senialas
Messaggi: 229
Iscritto il: lunedì 8 ottobre 2012, 16:50
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Gallarate
Stato: Non connesso

Re: Orient Express Hachette

Messaggio da Senialas »

Giacomo, la moda non centra nulla. I vari ragionamenti sono basati esclusivamente sulle prestazioni.
Poi ognuno è libero di fare come gli pare, ci mancherebbe. Si possono anche far girare i trenini a molla.
Quello che è inconfutabile, però, sono i vantaggi del digitale rispetto all'analogico.
I due convogli che si muoveranno in contemporanea sul tuo futuro plastico si potranno gestire molto meglio in DCC piuttosto che in analogico.
Le partenze graduali effettuate grazie al controllo di carico non sono raggiungibili in analogico. Le luci accese a treno fermo non sono una finezza, sono un'inefficienza dell'analogico. L'accensione/spegnimento dell'illuminazione delle singole carrozze (tutte si possono dotare di illuminazione) questa si è una finezza, ma danno un sacco di soddisfazione. Per non parlare del sonoro, dello sganciamento in qualsiasi posto con i ganci elettromagnetici, degli aspetti dei vari segnali.
Anch'io sono da solo, ma con il supporto di un PC faccio girare i treni sulle linee principali mentre compongo/scompongo un convogli, in manuale, nello scalo.
Il presente è il digitale. Bisogna convincersene. E la ragione è come ho detto prima: le prestazioni.
Per un neofita, come ho già detto, è irrilevante la tecnologia. Serve solo imparare ad usarlo.
E per finire parliamo di costi: già usando il tuo futuro plastico (che ti auguro vivamente di riuscire a realizzare) come riferimento, ti posso garantire che a parità di prestazioni in DCC costa meno che in analogico. Il fatto di muovere due (e siamo solo a due) treni indipendentemente richiede un trasformatore addizionale, che pareggia il costo della centrale DCC. E ti rimangono ancora dei limiti sul fatto, ad esempio, che non puoi entrare nel distretto alimentato dall'altro trasformatore, altrimenti addio movimento indipendente.
Quanto costa l'azionamento di un deviatoio in analogico? In DCC siamo attorno ai 6-7€/deviatoio.
Mi fermo qui. Vale la pena di riflettere seriamente.
Roberto M.
Avatar utente
marione
Socio GAS TT
Messaggi: 2029
Iscritto il: lunedì 4 marzo 2013, 13:41
Nome: mario
Regione: Lombardia
Città: treviglio
Stato: Non connesso

Re: Orient Express Hachette

Messaggio da marione »

Io non capisco questo accapponirsi a voler portare l'altro alla propria idea!
Se può essere utile la mie esperienza con la De Agostini in "N" .... con contributi vari la acquistammo, io tramite per il vicino oratorio, cui conoscevo il sacerdote che mi 'mandava' i babini a giocare sul mio plastico durante i cred estivi.
E' stata una bella esperienza ed ... alla portata di Tutti, grandi e piccoli.
Anche la costruzione ben avviata non palesava grandi difficoltà ...
Fosse stata in digitale io stesso non so se l'avrei incominciata , decoder , elettronica , no decisamente a chi non del mestiere ... sarebbe stato più difficile, molto più difficile cominciare e ...giocare ( considerate le 300 mani che l'avrebbero usato!) .
Questa la mia esperienza, che vi prego di accettare per quello che è!

Marione

PS.- Volete sapere come è andata a finirie? A settembre 2019 il sacerdote è stato trasferito, un anno di pandemia ... trovato il plastico in costruzione in discarica ed assai malridotto,hanno liberato il salone ....!!!
Mario Mancastroppa
Avatar utente
Senialas
Messaggi: 229
Iscritto il: lunedì 8 ottobre 2012, 16:50
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Gallarate
Stato: Non connesso

Re: Orient Express Hachette

Messaggio da Senialas »

Ciao Mario.
Non interpretare erroneamente quanto esposto.
Io non voglio portare nessuno dalla mia parte.
Ho solo elencato una serie di vantaggi, oggettivamente riconosciuti, derivanti dalle superiori prestazioni del DCC rispetto all'analogico. Poi ognuno può rimanere della propria idea e continuare come preferisce. E' un hobby e tale deve rimanere.
Se hai poca familiarità, a quanto dici, con il digitale non sei obbligato a passare a quest'ultimo sistema. La cosa importante è che ti diverti e ti va bene così.
Le differenze però ci sono.
Mi spiace per il plastico finito in discarica.
Roberto M.
Avatar utente
sal727
Messaggi: 3748
Iscritto il: domenica 26 aprile 2015, 17:22
Nome: Salvatore
Regione: Emilia Romagna
Città: Bologna
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Re: Orient Express Hachette

Messaggio da sal727 »

Bene, appurato che Roberto è un sostenitore del DCC e altri non lo sono, essendo andati abbastanza fuori tema, direi di terminare questo dibattito e tornare a quello reale dell'opera Orient Express, se si desidera continuare si apre un nuovo argomento.
Ciao, Salvatore
Avatar utente
MrMassy86
Socio GAS TT
Messaggi: 15085
Iscritto il: sabato 10 novembre 2012, 15:42
Nome: Massimiliano
Regione: Toscana
Città: Marlia - Lucca
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Re: Orient Express Hachette

Messaggio da MrMassy86 »

Allora non volevo più intervenire perché mi sembra che si stia andando fuori argomento però un ultimo intervento lo voglio fare perché mi sembra si stia portando della disinformazione.
Roberto parli di costi del digitale molto bassi a livello di un sistema analogico, posso dirti che per esperienza personale non è cosi, come ti hanno esposto vari amici non tutti sono portati nella parte elettrica, io stesso so principalmente le basi e poco più.
Io ho deciso di Fare il plastico digitale, come centralina, attraverso i vari consigli qui sopra, presi quella di Nuccio, assemblata da lui con relativo palmare e furono 250€, poi ci sono gli scambi, anche loro digitali, la scelta fu di adottare i servo e se il servo in se costa poco su i mercati cinesi, il decoder trovai una buona soluzione su oscilloscopio, è un decoder che manda 7servo a 30€( per il mio plastico me ne sono serviti 5) poi ragioniamo che ad ogni loco ci vuole il decoder, altri 20/30 euro.
Per uno che è la prima volta che si cimenta in un plastico magari è una spesa non da poco e un classico trafo, quello fleischmann piccolo e già buono con 30 euro lo prendi.
Come ho spiegato secondo me questo tipo di raccolte è giusto abbiano il concetto analogico, poi se uno vuole farle direttamente in digitale è una scelta sua.
Poi sopra avevo anche segnalato proprio la prova Hachette del plastico in digitale ma non ha avuto fortuna.
Finisco dicendo che io ho scelto il digitale e sono contento della mia scelta, questo che sto realizzando è il secondo plastico, il primo da principiante era in analogico, perché mi volevo semplificare il lavoro sotto, che poi alla fine analogico o digitale, di file ce ne sono comunque parecchi però non è corretto dire che l'analogico è un sistema superato, è un sistema vecchia maniera che ancora tanti apprezzano.

Marione, bella la vostra iniziativa ed è un peccato come sia finita

Massimiliano [253]
Massimiliano Paolinelli - il mio canale YouTubeViaggio in quel di Verni -Il Ponte dei Pescatori - C.L.A.F. Lucca
Avatar utente
marione
Socio GAS TT
Messaggi: 2029
Iscritto il: lunedì 4 marzo 2013, 13:41
Nome: mario
Regione: Lombardia
Città: treviglio
Stato: Non connesso

Re: Orient Express Hachette

Messaggio da marione »

Anch'io mi ero riproposto di chiudere, ma l'ultimo intervento di Massimiliano mi ha portato ad intervenire.
Ammesso che la raccolta partisse col digitale, subito bisognerebbe allegare i dispositivi necessari al funzionamento
( mouse, centralina ,... ) ... che non hanno un costo basso, nè si possono montare a pezzi. Le prime uscite hanno prezzi
sicuramente ridicoli ... ed una volta recuperato il materiale digitale .... magari a bassissimo costo, chi proseguirebbe poi
nella raccolta ?
.......
No Roberto, non ho interpretato per nulla, e non intendevo farlo,il tuo, insindacabile , pensiero ... ho solo scritta la mia esperienza........
Comunque, e chiudo, vorrei vedere l'approccio dei ragazzini al funzionamento in digitale ... con l'analogico attacchi
due fili ai binari, giri il trasformatore ed il treno 'parte' , col digitale ... ho qualche dubbio ( e parlo di ragazzini da avviare all'hobby...)...
Abbracci


Marione
Mario Mancastroppa
Avatar utente
adobel55
Socio GAS TT
Messaggi: 9708
Iscritto il: venerdì 18 novembre 2011, 15:51
Nome: Adolfo
Regione: Lazio
Città: Roma
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Re: Orient Express Hachette

Messaggio da adobel55 »

Carissimi tuTTi, faccio presente che insistere troppo sulle proprie scelte si ha l'effetto di allontanare e scoraggiare gli iscritti a seguirci.
Ricordo che il forum deve invogliare e aiutare nel rispetto di tutti, pertanto rientriamo nel tema della discussione.
A tal fine segnalo il canale youtube dell'amico Pino, dove si intende procedere alla costruzione del plastico in oggetto in modalità passo passo. Di seguito il link sperando che sia utile a chi sceglierà di costruirlo.
Ben vengano queste iniziative, indipendentemente che siano in analogico o in digitale.
Avatar utente
MrMassy86
Socio GAS TT
Messaggi: 15085
Iscritto il: sabato 10 novembre 2012, 15:42
Nome: Massimiliano
Regione: Toscana
Città: Marlia - Lucca
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Re: Orient Express Hachette

Messaggio da MrMassy86 »

Bravo Adolfo, condivido ogni singola parola, soprattutto "Ben vengano queste iniziative, indipendentemente che siano in analogico o in digitale" la trovo perfetta.
Sono iscritto anch'io al canale di Pino e ho visto solo ora che ha intenzione di fare il plastico, molto bene, mi hai preceduto, avrei condiviso anch'io il video ed trovo ottimo che farà il passo passo per chi vorrà fare l'opera.
Massimiliano [253]
Massimiliano Paolinelli - il mio canale YouTubeViaggio in quel di Verni -Il Ponte dei Pescatori - C.L.A.F. Lucca
Avatar utente
Senialas
Messaggi: 229
Iscritto il: lunedì 8 ottobre 2012, 16:50
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Gallarate
Stato: Non connesso

Re: Orient Express Hachette

Messaggio da Senialas »

Scusate, ma visto che Massimiliano mi accusa di disinformazione, credo di aver diritto ad una risposta. Poi non commento più.
Massimiliano, è vero che si sta portando della disinformazione, ma la disinformazione è quella che porti tu, comparando articoli non omogenei. Non puoi comparare una macchina da scrivere (usata) con un PC nuovo.
Se vuoi comparare il costo di una centrale digitale con un trasformatore Fleischmann usato, devi prendere a riferimento il costo di una centrale usata (ad esempio un MultiMAUS : circa 100€). Poi devi però dire che con un trasformatore non puoi far girare due treni indipendenti e per fare ciò te ne serve un altro. Con un trasformatore non puoi azionare i deviatoi, ti servono anche le pulsantiere, ecc. ecc.
E soprattutto non bisogna limitarsi a comparare solo i costi della centrale e dei decoders, ma bisogna comparare anche il costo degli altri componenti.
E la propensione per la parte elettrica non c’entra nulla.
Un piccolo esempio, basato su un semplice tracciato con 6 deviatoi dove si vogliono far girare 3 treni, rende immediatamente la misura di quanto appena detto. E anche così in analogico mancano parecchie funzionalità.
Non mi interessa aver ragione, valuto solo dati oggettivi.
Se si valutasse invece un ovale con un solo treno, allora l’analogico vincerebbe senza dubbio.

Credo anch'io che l'idea di Pino possa essere un ottimo tutorial per chi ha delle indecisioni o vuole imparare. Sperando, per chi lo vuole seguire, che vada fino infondo.
Allegati
2021-02-20_170822.jpg
Roberto M.
Avatar utente
adobel55
Socio GAS TT
Messaggi: 9708
Iscritto il: venerdì 18 novembre 2011, 15:51
Nome: Adolfo
Regione: Lazio
Città: Roma
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Re: Orient Express Hachette

Messaggio da adobel55 »

Direi di creare una discussione ad hoc dal titolo "analogico o digitale" e li portare le valutazioni sopra esposte.
Lascerei qui solo i post per Hascette.
Avatar utente
FrancoV
Messaggi: 846
Iscritto il: sabato 15 febbraio 2020, 17:45
Nome: Franco
Regione: Piemonte
Città: Bosconero
Stato: Non connesso

Re: Orient Express Hachette

Messaggio da FrancoV »

adobel55 ha scritto: sabato 20 febbraio 2021, 18:46 Direi di creare una discussione ad hoc dal titolo "analogico o digitale" e li portare le valutazioni sopra esposte.
Lascerei qui solo i post per Hascette.
Temo che finirebbe come il Concilio di Nicea :roll:
Franco -Etroit, quoi qu'il soit!
Avatar utente
Andrea
Socio GAS TT
Messaggi: 22566
Iscritto il: mercoledì 26 ottobre 2011, 19:42
Nome: Andrea
Regione: Lombardia
Città: Segrate
Ruolo: Amministratore
Stato: Non connesso

Re: Orient Express Hachette

Messaggio da Andrea »

adobel55 ha scritto: sabato 20 febbraio 2021, 14:28 Carissimi tuTTi, faccio presente che insistere troppo sulle proprie scelte si ha l'effetto di allontanare e scoraggiare gli iscritti a seguirci.
Ricordo che il forum deve invogliare e aiutare nel rispetto di tutti, pertanto rientriamo nel tema della discussione.
Condivido il pensiero di Adolfo e direi di chiuderla qui, grazie.
Andrea - “I fermodellisti sono tanti e legati da un'amicizia sincera, che esplode in una cordialità ormai rara nel mondo rumoroso ed incerto di oggi”. La valle incantata
Avatar utente
MrMassy86
Socio GAS TT
Messaggi: 15085
Iscritto il: sabato 10 novembre 2012, 15:42
Nome: Massimiliano
Regione: Toscana
Città: Marlia - Lucca
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Re: Orient Express Hachette

Messaggio da MrMassy86 »

Per gli interessati alla raccolta nuovo video di Pino!

Massimiliano [253]
Massimiliano Paolinelli - il mio canale YouTubeViaggio in quel di Verni -Il Ponte dei Pescatori - C.L.A.F. Lucca

Torna a “SCALA H0”