E.424 TT in fotoincisione

Autocostruzioni ed elaborazioni realizzate in scala TT

Moderatore: Andrea

Rispondi
Avatar utente
Fabrizio
Socio GAS TT
Messaggi: 9660
Iscritto il: gio nov 10, 2011 9:17 pm
Nome: Fabrizio
Regione: Piemonte
Città: Piossasco
Ruolo: co-amministratore
Stato: Non connesso

Messaggio da Fabrizio » mer mar 08, 2017 7:47 pm

Bel lavoro, Giuseppe. Le foto della E 424 in costruzione, sembrano quelle scattate all'interno degli stabilimenti dove veniva costruita.

Quanto al problema della curvatura del tetto, non mi esprimo dal lato tecnico non conoscendo per nulla le tecniche che hai usato. Concordo che, probabilmente, con qualche artificio sui finestrini e magari alzando un pochino la zona del castano, si possa mascherare efficacemente questo problema dovuto alla complicata forma del pezzo.
Fabrizio Borca

Avatar utente
benigni99
Socio GAS TT
Messaggi: 1126
Iscritto il: dom ago 10, 2014 2:42 pm
Nome: Filippo
Regione: Toscana
Città: Firenze
Età: 15
Stato: Non connesso

Messaggio da benigni99 » mer mar 08, 2017 8:13 pm

Davvero un lavoro meraviglioso :wink:
Filippo Benigni - Il mio canale YouTube - Il mio profilo Instagram

"Imparare a vedere è il tirocinio più lungo in tutte le arti." Edmond De Goncourt

Avatar utente
giuseppe_risso
Socio GAS TT
Messaggi: 7264
Iscritto il: gio ott 27, 2011 10:44 pm
Nome: Giuseppe
Regione: Liguria
Città: Chiavari
Età: 73
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da giuseppe_risso » mer mar 08, 2017 11:23 pm

Intanto approfitto del tuo intervento, Luigi, per ringraziarti anche pubblicamente per i preziosi consigli che mi hai dato in fase di realizzazione.
Per quanto riguarda la tua osservazione sul finestrino della cabina, guardando le foto raffrontate, appare ineccepibile, ma lo strano è che il finestrino è esattamente in scala e in proporzione rispetto al reale, anzi a voler essere pignoli è un pelino troppo alto rispetto alla larghezza.
Eppure dalle foto appare il contrario ( un vecchio saggio diceva che niente è menzognero più di una bella foto :grin: ).
Come ho detto, mi sono basato su un disegno originale delle FS e ne ho ricalcato esattamente tutto il ricalcabile.
Nel montaggio sotto, nel cerchio grande si vede a destra il dettaglio del disegno originale FS e a sinistra la sagoma nera del disegno vettoriale per il trancio della lastrina.
Lo si percepisce anche a occhio, ma ti assicuro che sovrapponendoli i due finestrini coincidono tranne una leggera differenza in altezza (maggiore di un decimo quella del modello TT).
Anzi è sorprendente come coincida persino la posizione (simmetrica) della maniglia che si nota nel cerchio piccolo.

Immagine:
Immagine
121,27 KB

Se poi guardiamo la foto sotto, che è presa frontalmente e non di sbieco, la percezione delle proporzioni cambia ancora e sembra decisamente meno tozzo

Immagine:
Immagine
96,22 KB

Per la curvatura del tetto, credo che sicuramente sia stata fatta un po' abbondante, ma per i motivi già spiegati non è facile seguire con precisione quella reale, anche tenendo conto che non ha un raggio costante che permetta di utilizzare il solito tondino, ma ha raggio variabile e questo complica il lavoro.
Ma forse chi c'è andato più vicino nel cercare qualche concausa è stato Fabrizio quando dice che basta alzare un po' il castano e la sensazione cambia.
Le foto sono molto ingrandite, ma basta qualche decimo più su o più giù dell'originale per variare il colpo d'occhio.
Anche se non penso che, alla fine, abbia poi tutta questa importanza :grin: .

Avatar utente
liftman
Socio GAS TT
Messaggi: 7163
Iscritto il: dom gen 29, 2012 2:40 pm
Nome: Rolando
Regione: Liguria
Città: La Spezia
Ruolo: Moderatore
Età: 63
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da liftman » gio mar 09, 2017 12:31 am

giuseppe_risso ha scritto:

Nel montaggio sotto, nel cerchio grande si vede a destra il dettaglio del disegno originale FS e a sinistra la sagoma nera del disegno vettoriale per il trancio della lastrina.
Lo si percepisce anche a occhio, ma ti assicuro che sovrapponendoli i due finestrini coincidono tranne una leggera differenza in altezza (maggiore di un decimo quella del modello TT).

Immagine:
Immagine
121,27 KB


in realtà il "nero" è leggermente più stretto, riferendosi alla posizione dell'immagine. Infatti sovrapponendo la parte nera al disegno originale si vede bene, anche se poi, stiamo facendo inutilmente la punta al lapis, per un "difetto", che si vede solo su delle immagini fatte in macro... Ci sono differenze pure al vero tra un modello ed un altro, non ne farei un "caso", hai fatto un lavoro fantastico.

Immagine:
Immagine
118,78 KB
Ciao! Rolando

Avatar utente
giuseppe_risso
Socio GAS TT
Messaggi: 7264
Iscritto il: gio ott 27, 2011 10:44 pm
Nome: Giuseppe
Regione: Liguria
Città: Chiavari
Età: 73
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da giuseppe_risso » gio mar 09, 2017 9:34 am

liftman ha scritto:

in realtà il "nero" è leggermente più stretto, riferendosi alla posizione dell'immagine. Infatti sovrapponendo la parte nera al disegno originale si vede bene, anche se poi, stiamo facendo inutilmente la punta al lapis, per un "difetto", che si vede solo su delle immagini fatte in macro...


Esatto, Rolando, è quello che ho scritto io, il mio finestrino è leggermente più alto ( o stretto) rispetto al reale, anche se dalla foto di sbieco sembra il contrario.
D'altronde, Luigi poteva valutare solo su quella foto e la sua impressione era corretta.

Avatar utente
Luigi Voltan
Messaggi: 153
Iscritto il: sab ago 09, 2014 11:07 am
Nome: Luigi
Regione: Veneto
Città: San Donà di Piave
Età: 56
Stato: Non connesso

Messaggio da Luigi Voltan » gio mar 09, 2017 9:57 am

Se ti sei basato su un figurino di massima, anche se FS, è possibile che le dimensioni del disegno non siano rispettate al 100% ( a volte capita, i figurini di insieme sono spesso solo rappresentativi ma non rispondenti a quanto realmente costruito ).

A tale proposito ti ho inviato una mail.... :wink:
Luigi Voltan - Alcuni indicano la luna, altri guardano solo il dito; diffida sempre di questi ultimi.

Avatar utente
Andrea
Socio GAS TT
Messaggi: 20832
Iscritto il: mer ott 26, 2011 7:42 pm
Nome: Andrea
Regione: Lombardia
Città: Segrate
Ruolo: Amministratore
Età: 55
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Andrea » gio mar 09, 2017 9:36 pm

Fabrizio ha scritto:

Bel lavoro, Giuseppe. Le foto della E 424 in costruzione, sembrano quelle scattate all'interno degli stabilimenti dove veniva costruita.

Quoto al 100% quanto espresso da Fabrizio.
Personalmente credo si tratti di un capolavoro.
Giuseppe, continua a deliziarci con le tue realizzazioni perfeTTe. :cool:
Andrea - “I fermodellisti sono tanti e legati da un'amicizia sincera, che esplode in una cordialità ormai rara nel mondo rumoroso ed incerto di oggi”. La valle incantata

Avatar utente
giuseppe_risso
Socio GAS TT
Messaggi: 7264
Iscritto il: gio ott 27, 2011 10:44 pm
Nome: Giuseppe
Regione: Liguria
Città: Chiavari
Età: 73
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da giuseppe_risso » gio mar 09, 2017 10:42 pm

Luigi, mi ha mandato il disegno originale dei vetri del frontale della cabina (io avevo capito si riferisse a quello laterale) e, anche tenendo conto che le misure del foro del finestrino sono un po' meno del vetro stesso, aveva ragione, naturalmente.
Il finestrino doveva essere quasi un millimetro più alto, e non è poco.
Purtroppo, come ha detto lui, il figurino dal quale le ho ricavate era un po' meno preciso del disegno originale.
Detto questo, non penso sia possibile alzarlo, si andrebbe troppo vicino alla linea di piega del tetto e già come è ora crea molti problemi in fase di curvatura.
Quindi, o si espande un po' in basso o ci si accontenta del modello come è :grin: .
Non so se farò un'ultima versione, ma probabilmente no, perciò....

Avatar utente
Luigi Voltan
Messaggi: 153
Iscritto il: sab ago 09, 2014 11:07 am
Nome: Luigi
Regione: Veneto
Città: San Donà di Piave
Età: 56
Stato: Non connesso

Messaggio da Luigi Voltan » ven mar 10, 2017 10:59 am

Per le dimensioni mi riferivo ad entrambi, in quanto la linea superiore e quella inferiore dei finestrini frontali fissi e quelli laterali apribili coincidono.

Per gli sviluppi futuri del progetto....la valutazione chiaramente spetta a te, ma almeno ora possiedi qualche elemento più preciso per procedere. :smile:

Mi spiace di aver avuto ragione.....[8] , ma ripeto, è comunque un modello di gran pregio. Spero in futuro di vederne altri...
Luigi Voltan - Alcuni indicano la luna, altri guardano solo il dito; diffida sempre di questi ultimi.

Avatar utente
giuseppe_risso
Socio GAS TT
Messaggi: 7264
Iscritto il: gio ott 27, 2011 10:44 pm
Nome: Giuseppe
Regione: Liguria
Città: Chiavari
Età: 73
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da giuseppe_risso » ven mar 10, 2017 11:41 am

Che delle FS ci fosse poco da fidarsi e che i suoi documenti fossero contraditto avevo già avuto prova, ora viene confermata.
Voglio dire: il disegno del vetro che Luigi mi ha inviato è un disegno ufficiale.
Ma anche il disegno dal quale ho tratto le misure del finestrino laterale è un disegno ufficiale.
Certo, si riferisce al dettaglio dei fanali, ma, per esperienza, avendo lavorato diversi anni in un ufficio tecnico quando i computers non c'erano, so che non si rifaceva mai il disegno generale per realizzare dettagli, si faceva un lucido eliografico del disegno generale e su questo si ridisegnava il particolare.
Quindi la sagoma doveva essere esatta.
Evidentemente le FS sono riuscite a usare disegni imprecisi per i loro disegni derivati ufficiali :cool: :cool: :cool: :cool: :cool:
Comunque ringrazio Luigi che è sempre disponibile, documentato e affidabile.
Le sue critiche/correzioni sono sempre fatte in senso positivo e quindi molto gradite.
Ad ogni modo sono molto soddisfatto del mio modello, imperfetto come quasi tutti i modelli :grin: , ma che, sul modulo del deposito locomotive, fa la sua figura, anche se mancano ancore le decals e i vetri.
Chi volesse approfondire meglio il mio lavoro e seguirne gli ultimi sviluppi futuri lo può fare qui http://www.ferromodellista.it/index.php ... mitstart=3
La descrizione è ancora in fase di sistemazione e incompleta, ma pian piano verrà aggiornata e si potrà capire meglio cosa c'è dietro la realizzazione di un modello come questo.

Avatar utente
MrPatato76
Socio GAS TT
Messaggi: 3853
Iscritto il: lun ago 27, 2012 11:14 am
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Nova Milanese
Età: 43
Stato: Non connesso

Messaggio da MrPatato76 » ven mar 10, 2017 11:54 am

Grande Giuseppe!!
Roberto - "...il bambino che vede un treno lo saluta con la manina, questo non succede con un auto!" (Cit.) - Ciao Roberto

Avatar utente
Bigliettaio
Messaggi: 632
Iscritto il: ven dic 02, 2011 8:22 am
Nome: Carlo
Regione: Lombardia
Città: Milano
Età: 55
Stato: Non connesso

Messaggio da Bigliettaio » ven mar 10, 2017 12:38 pm

MERAVIGLIOSO!!!!
:cool:
Carlo

Avatar utente
giuseppe_risso
Socio GAS TT
Messaggi: 7264
Iscritto il: gio ott 27, 2011 10:44 pm
Nome: Giuseppe
Regione: Liguria
Città: Chiavari
Età: 73
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da giuseppe_risso » mer set 06, 2017 5:34 pm

Essendomi stata richiesta la lastrina da un ferromodellista estero, gli ho detto che ci vorrà ancora tempo perché devo affinare ancora qualcosa e tra quel qualcosa, c'è naturalmente la curvatura del tetto.
L'ho studiata un po' più a fondo e più la studio meno ci capisco.
Sul frontale della cabina la curvatura presenta questa sagoma:

Immagine:
Immagine
76,01 KB

E il disegno corrisponde a quello che si può valutare dalle foto.

Però, lateralmente la cosa cambia.
Guardando questa foto:

Immagine:
Immagine
93,18 KB

Si vede che il tratto di raccordo al tetto sopra la porta sale dritto e poi curva.

Sotto le maniglie per l'aggancio della scaletta per l'ispezione dei pantografi il ricasco mi è sempre sembrato curvo come la fronte della cabina.
Però da questo disegno:

Immagine:
Immagine
152,14 KB

Sembrerebbe chiaro che segue anche qui quello che appare sopra la porta.
A questo punto mi chiedo se per tutta la lunghezza della fiancata sia lo stesso o no.
Qualcuno ha foto o disegni più esplicativi?

Avatar utente
Giacomo
Messaggi: 1155
Iscritto il: dom lug 28, 2013 7:40 pm
Nome: Giacomo
Regione: Toscana
Città: Siena
Età: 60
Stato: Non connesso

Messaggio da Giacomo » mer set 06, 2017 6:01 pm

Presumibilmente (e sottolineo presumibilmente) il profilo del tetto/imperiale è uguale per tutta la lunghezza del rotabile, in quanto cambiando qualcosa "a metà strada" si introdurrebbero delle difficoltà produttive che, ancorchè ai tempi della 424 (in cui a costruire le macchine c'erano fior fiore di operai specializzati...), credo venissero evitate per non incorrere in problemi e ritardi.... però, ripeto, la mia è una congettura, anche se a rigor di logica potrebbe essere "buona".... Giuseppe, comunque, gran lavoro... da applausi semplicemente!!!!
Giacomo - free climber modellista, attore, motociclista ecc ecc...

Avatar utente
giuseppe_risso
Socio GAS TT
Messaggi: 7264
Iscritto il: gio ott 27, 2011 10:44 pm
Nome: Giuseppe
Regione: Liguria
Città: Chiavari
Età: 73
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da giuseppe_risso » mer set 06, 2017 8:50 pm

Grazie Giacomo.
Il tuo ragionamento fila, per cui, se non troveremo documentazione che dimostri il contrario procederò in quel senso.

Avatar utente
Fabrizio
Socio GAS TT
Messaggi: 9660
Iscritto il: gio nov 10, 2011 9:17 pm
Nome: Fabrizio
Regione: Piemonte
Città: Piossasco
Ruolo: co-amministratore
Stato: Non connesso

Messaggio da Fabrizio » mer set 06, 2017 8:53 pm

Tendo ad avvalorare l'ipotesi di Giacomo. Non è raro che, fra i disegni e la reale fase esecutiva, ci sia qualche variazione. Probabilmente è stata fatta una semplificazione in fase costruttiva, oppure il disegno è uno dei primi e poi sono stati fatti degli aggiornamenti.
Fabrizio Borca

Avatar utente
giuseppe_risso
Socio GAS TT
Messaggi: 7264
Iscritto il: gio ott 27, 2011 10:44 pm
Nome: Giuseppe
Regione: Liguria
Città: Chiavari
Età: 73
Stato: Non connesso
Contatta:

Re: E.424 TT in fotoincisione

Messaggio da giuseppe_risso » dom gen 07, 2018 7:47 pm

Ogni tanto torna d'attualità la E424 TT.
Ora se ne riparla perchè devo decidere cosa fare, nel senso che la lastrina così come è, in fase montaggio, richiede alcune modifiche che possono essere noiose e complicate da realizzare.
Dovrei ridisegnare ancora una volta le parti da modificare, rifare le pellicole e quindi le lastrine vere e proprie.
Niente di trascendentale, ma io ho pochissimo tempo e per me sarebbe un peso e lo farei solo se ci fosse l'interesse di altri, altrimenti, per me, è sufficiente quella che ho e quelle che posso montare (appunto modificando i pezzi).
Questo anche tenendo conto che Lineamodel richiede l'ordinativo di almeno 20 motorizzazioni o non se ne fa nulla.
Le persone che hanno mostrato interesse sono pochine (e qualcuno l'aveva fatto per solidarietà) e siamo ben distanti dal minimo richiesto.
Ora mi ha scritto un modellista Tedesco che sarebbe interessato e la cosa mi ha fatto tentennare.
Non che una o due richieste in più spostino il problema, ma potrebbe essere che in futuro sia ancora richiesta.
Quindi?
O qualcuno se la sente di "clonare" la motorizzazione prototipo e allora si può procedere anche per pochi pezzi, o
temo non se ne farà nulla.
Mi ero consultato con Andrea che mi ha suggerito di porre la questione sul forum e vedere cosa ne viene fuori.
Sentiamo [99] .

Avatar utente
MrPatato76
Socio GAS TT
Messaggi: 3853
Iscritto il: lun ago 27, 2012 11:14 am
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Nova Milanese
Età: 43
Stato: Non connesso

Re: E.424 TT in fotoincisione

Messaggio da MrPatato76 » dom gen 07, 2018 9:18 pm

Io sono sempre interessato Giuseppe!
La lastrina la accetterei così comè senza problemi, anche senza motorizzazione.
Roberto - "...il bambino che vede un treno lo saluta con la manina, questo non succede con un auto!" (Cit.) - Ciao Roberto

Avatar utente
gavinca
Socio GAS TT
Messaggi: 1816
Iscritto il: mar mag 22, 2012 1:07 pm
Nome: Carlo
Regione: Piemonte
Città: Bellinzago
Età: 47
Stato: Non connesso
Contatta:

Re: E.424 TT in fotoincisione

Messaggio da gavinca » lun gen 08, 2018 11:08 am

Anch'io come Roberto la accetto così e anche senza motorizzazione.
Anche se mi piacerrebbe che come associazione riscissimo a progettare le motorizzazioni che ci servono.

Avatar utente
adobel55
Socio GAS TT
Messaggi: 8118
Iscritto il: ven nov 18, 2011 3:51 pm
Nome: Adolfo
Regione: Lazio
Città: Roma
Ruolo: Moderatore
Età: 64
Stato: Non connesso

Re: E.424 TT in fotoincisione

Messaggio da adobel55 » mar gen 09, 2018 12:10 am

Anche se sono un disastro nelle saldature mi interessa.
Ciao
Adolfo

Avatar utente
Edgardo_Rosatti
Socio GAS TT
Messaggi: 4270
Iscritto il: ven ott 28, 2011 12:59 am
Nome: Edgardo
Regione: Lombardia
Città: Muggiò
Età: 54
Stato: Non connesso
Contatta:

Re: E.424 TT in fotoincisione

Messaggio da Edgardo_Rosatti » mar gen 09, 2018 11:23 pm

Anche io sono sempre interessato.

Non dovrei dirlo, ma sto iniziando al lavorare per fare la E626 in scala TT; il mio supervisore è Attilio Mari che pazientemente mi ha dato i piani costruttivi e mi segue. Se son rose fioriranno.

Adolfo: le saldature le sistemiamo :-)

ED

Avatar utente
giuseppe_risso
Socio GAS TT
Messaggi: 7264
Iscritto il: gio ott 27, 2011 10:44 pm
Nome: Giuseppe
Regione: Liguria
Città: Chiavari
Età: 73
Stato: Non connesso
Contatta:

Re: E.424 TT in fotoincisione

Messaggio da giuseppe_risso » mer gen 10, 2018 9:26 am

Gran bella notizia Ed.

Avatar utente
roy67
Socio GAS TT
Messaggi: 6216
Iscritto il: dom gen 27, 2013 8:13 am
Nome: Roberto
Regione: Emilia Romagna
Città: Parma
Ruolo: Moderatore
Età: 51
Stato: Non connesso
Contatta:

Re: E.424 TT in fotoincisione

Messaggio da roy67 » mer gen 10, 2018 1:49 pm

Pere quanto riguarda Ed e Attilio... Quelle "rose" saranno "Baobab"... Non ho dubbi!!
Per la e424 di Giuseppe....

Che dire... Io potrei trovare chi costruisce i supporti meccanici a prezzo ragionevole. Purtroppo sarà l'ingranaggeria ad essere il "tallone d'Achille".
Anche se ho qualche idea....
Ciao. Roberto Alinovi - L'uomo non teme ciò che in lui non c'è. (Hermann Hesse)

Avatar utente
giuseppe_risso
Socio GAS TT
Messaggi: 7264
Iscritto il: gio ott 27, 2011 10:44 pm
Nome: Giuseppe
Regione: Liguria
Città: Chiavari
Età: 73
Stato: Non connesso
Contatta:

Re: E.424 TT in fotoincisione

Messaggio da giuseppe_risso » gio gen 11, 2018 10:46 am

Dunque, come si vede, siamo a meno di 10 pezzi.
Non credo che Lineamodel sia interessato.
Penso che comunque aggiornerò la lastrina.
E' un peccato tenerle statiche. Io ho la 753 statica, e mi piange il cuore, è la più bella loco che ho scala 120 e sta in vetrina o posata sul plastico per qualche foto.
per quanto riguarda la realizzazione di motorizzazioni in proprio, ci sono due strade: trovare chi ci fa un telaio in ottone fresato e qui Roy sembra avere qualche possibilità, o realizzarla in fotoincisione come faceva Lineamodel prima di passare a quelle in ottone.
In tutti e due i casi il problema è, appunto, l'ingranaggeria.
Comunque, un bell'aiuto ci può venire dall'avere in mano il prototipo di Lineamodel.
Si potrebbe anche provare a chiedergli se ci può fornire, e a che prezzo, tutti i pezzi che poi noi ci facciamo il telaio e lo montiamo.
Forse il problema sono le ruote: lui le ha fatte in ottone tornito e non so se in commercio se ne trovano di economiche.
Certo, se ci rendessimo autonomi per le motorizzazioni sarebbe un discorso valido per qualsiasi modello si realizzi.

Avatar utente
MrPatato76
Socio GAS TT
Messaggi: 3853
Iscritto il: lun ago 27, 2012 11:14 am
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Nova Milanese
Età: 43
Stato: Non connesso

Re: E.424 TT in fotoincisione

Messaggio da MrPatato76 » gio gen 11, 2018 1:12 pm

Dunque, parlando con alcuni miei colleghi per stampare delle parti in 3d, sono venuto a conoscenza di questo portale:
www.3dhubs.com.
Praticamente è un portale che mette in comunicazione i vari stampatori con chi vuole stampare qualcosa (un po' come Booking.com per gli alberghi).
La cosa interessante, però è che oltre alla stampa 3D si occupa di CNC, sia fresatura che tornitura.
Giuseppe se hai le dimensioni delle ruote e/o del telaio, posso mettere giù il modello 3D e provare a chiedere un preventivo.
Tentare non costa nulla.
Roberto - "...il bambino che vede un treno lo saluta con la manina, questo non succede con un auto!" (Cit.) - Ciao Roberto

Rispondi

Torna a “AUTOCOSTRUZIONI ed ELABORAZIONI IN SCALA 1:120”