Ben arrivato! Fate login o registratevi per fruire di tutte le funzionalità del forum e del sito.
Se eri già registrato e non ti ricordi la password usa questo link per recuperare l'accesso
Sito e forum dedicati al fermodellismo, il nostro hobby viene praticato in molte maniere diverse, tutte ugualmente valide: hai un plastico? oppure sei un collezionista? oppure un semplice appassionato? Non esitare a scrivere nel forum, tutti gli interventi sono benvenuti ... Postate foto e video del vostro plastico e chiedete aiuto per ogni problema o curiosità inerente al nostro hobby.


BUONE VACANZE
a chi in vacanza c'è già stato,
a chi è in vacanza,
a chi in vacanza andrà,
a chi in vacanza non andrà

Timer elettronico regolabile 0,01/60 secondi

Tutto ciò che è elettricità applicata al fermodellismo.

Moderatori: lorelay49, cararci, MrMassy86, adobel55

Messaggio
Autore
Avatar utente
roy67
Socio GAS TT
Messaggi: 6475
Iscritto il: domenica 27 gennaio 2013, 8:13
Nome: Roberto
Regione: Emilia Romagna
Città: Parma
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Timer elettronico regolabile 0,01/60 secondi

#1 Messaggio da roy67 »

Cari amici, n questa discussione voglio pubblicare uno dei piccoli circuiti che saranno l'anima del mio modulo GASTT.
Un Timer regolabile che gestirà in automatico alcune funzioni.
Il Timer si avvale dell'insostituibile integrato NE555, in un altra discussione ne avevo ampiamente parlato per la gestione del lampeggio di uno o più led. Ora verrà utilizzato per gestire un microrelè temporizzandolo a tempi regolabili.

Il circuito è il solito.... generatore d'onda quadra, ma, ovviamente, non potendo gestire oltre poche decine di mA, bisogna avvalersi di un transistor di potenza.... Sarà lui che farà il "lavoro sporco".

Ecco lo schema del circuito:

Immagine:
Immagine
158,13 KB

Tramite i 2 trimmer da 200 e 100 Kohm potremo tarare i tempi di accensione e spegnimento del relè, L'integrato NE555 piloterà il transistor di potenza 2N1711 (che ho incappucciato con un dissipatore) che a sua volta, piloterà il relè.
Dai capi di quest'ultimo potremo collegare quel che vogliamo.. I relè gestiscono carichi di corrente da 5 ampere in su.... :wink:

Questo un piccolo video dimostrativo:



Ciao. Roberto Alinovi - L'uomo non teme ciò che in lui non c'è. (Hermann Hesse)

Avatar utente
Docdelburg
Socio GAS TT
Messaggi: 5891
Iscritto il: martedì 4 settembre 2012, 18:16
Nome: Mauro
Regione: Estero
Città: Madrid (ES)
Stato: Non connesso

#2 Messaggio da Docdelburg »

Grazie Roberto, questo circuito me lo metto da parte perchè mi servirà in futuro per un'idea che mi circola per la cabeza.
A tempo debito ti chiederò altre informazioni.
Per ora ancora grazie!

Avatar utente
roy67
Socio GAS TT
Messaggi: 6475
Iscritto il: domenica 27 gennaio 2013, 8:13
Nome: Roberto
Regione: Emilia Romagna
Città: Parma
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

#3 Messaggio da roy67 »

Ma figurati Mauro.
Aggiungo alcune piccole dritte, senza entrare troppo in dettagli tecnici incomprensibili a molti..
L'integrato NE555 crea l'onda quadra da un differenziale che si crea sugli ingressi delle porte logiche. Tale differenziale è generato dalla capacità di carica del condensatore elettrolitico e dalla resistenza dei trimmer.
Quindi, più grande il condensatore più lungo il tempo di carica/scarica.. parimenti, più alta la resistenza più lungo il tempo di ricarica/riscarica del condensatore.
Il trimmer 2 (quello da 100 Kohm) agirà inversamente sulla seconda porta logica, quindi regolerà il tempo di "pausa".

Inserendo un transistor PNP (anziché NPN come nello schema e con le dovute corrette connessioni) s'invertiranno i tempi di gestione.
Ciao. Roberto Alinovi - L'uomo non teme ciò che in lui non c'è. (Hermann Hesse)

Avatar utente
Edo Mazzo
Messaggi: 1680
Iscritto il: martedì 16 luglio 2013, 21:34
Nome: Edoardo
Regione: Veneto
Città: Treviso
Stato: Non connesso

#4 Messaggio da Edo Mazzo »

Molto bello il video... :geek: :geek: :geek:

Sai...da inesprto ci ho capito qualcosa :smile: :smile: :smile: :smile:

Saluti e grazie :grin: :grin:
Edoardo Mazzonetto - Il mio profilo Facebook https://www.facebook.com/edoardo.mazzonetto

Avatar utente
Docdelburg
Socio GAS TT
Messaggi: 5891
Iscritto il: martedì 4 settembre 2012, 18:16
Nome: Mauro
Regione: Estero
Città: Madrid (ES)
Stato: Non connesso

#5 Messaggio da Docdelburg »

Una domanda: dovessi creare una sorta di intermittenza, indipendente una dall'altra, su tre diverse serie di led, tipo albero di natale, dovrei comandare 3 relè finali. Per fare questo, per ra solo a livello teorico, si può implementare il circuito o ne servono 3?
Grazie.

Avatar utente
roy67
Socio GAS TT
Messaggi: 6475
Iscritto il: domenica 27 gennaio 2013, 8:13
Nome: Roberto
Regione: Emilia Romagna
Città: Parma
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

#6 Messaggio da roy67 »

Cioè, creare 3 diverse intermittenze indipendenti?
Devi costruire 3 diversi circuiti, poi tarare i tempi come più ti piace.
Ma se i tempi devono essere legati fra loro, come in sequenza, devi sempre fare 3 circuiti, poi "legarli" fra loro tramite il contatto NC del primo relè al "reset" dell'integrato che pilota il relè successivo.
Lo spegnimento del primo timer attiverà il secondo....... Finché l'ultimo timer riattiverà il primo.

Sto ora studiando e provando un altro tipo di timer sequenziale.... Che dovrà generare 2 impulsi da 0,3 secondi, con pausa di 0,5 secondi, poi l'accensione di un circuito per 5 secondi.
Ma sono ancora un po' in alto mare..... Vedo già la costa.. Ma la riva è ancora lontana.... :grin:
Ciao. Roberto Alinovi - L'uomo non teme ciò che in lui non c'è. (Hermann Hesse)

Avatar utente
Docdelburg
Socio GAS TT
Messaggi: 5891
Iscritto il: martedì 4 settembre 2012, 18:16
Nome: Mauro
Regione: Estero
Città: Madrid (ES)
Stato: Non connesso

#7 Messaggio da Docdelburg »

roy67 ha scritto:

Cioè, creare 3 diverse intermittenze indipendenti?
Devi costruire 3 diversi circuiti, poi tarare i tempi come più ti piace.
.....


Esattamente! Poi mi dirai anche gentilmente i vari componenti. Per ora grazie di nuovo.

Avatar utente
Fulvio Zanda
Messaggi: 1348
Iscritto il: martedì 15 maggio 2012, 13:55
Nome: Fulvio
Regione: Lombardia
Città: Morengo
Stato: Non connesso

#8 Messaggio da Fulvio Zanda »

Circuito interessante Roberto, quanti ampere puoi avere a valle del transistor ?

ciao

Avatar utente
roy67
Socio GAS TT
Messaggi: 6475
Iscritto il: domenica 27 gennaio 2013, 8:13
Nome: Roberto
Regione: Emilia Romagna
Città: Parma
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

#9 Messaggio da roy67 »

Vai tranquillo Mauro, quando avrai domande o dubbi... Sai dove trovarmi... :grin:

@Fulvio: Il transistor che ho utilizzato regge un picco di carico al collettore di 1 Ampere se dotato (come ho fatto) di dissipatore. Quindi... circa 10 microrelè... :wink:
Altrimenti si surriscalda, riducendo drasticamente le sue potenzialità perché incapace di dissipare oltre 0,8 Watt.
Ciao. Roberto Alinovi - L'uomo non teme ciò che in lui non c'è. (Hermann Hesse)

Avatar utente
roy67
Socio GAS TT
Messaggi: 6475
Iscritto il: domenica 27 gennaio 2013, 8:13
Nome: Roberto
Regione: Emilia Romagna
Città: Parma
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

#10 Messaggio da roy67 »

Ecco il circuito definitivo:

Schema piste e componenti:

Immagine:
Immagine
260,96 KB

Il circuito dal lato componenti:

Immagine:
Immagine
134,44 KB

E dal lato piste:

Immagine:
Immagine
151,47 KB

Ho inserito un connettore DB9 in quanto è un circuito che farà parte di un gruppo di circuiti, quindi connesso ad una "motherboard" per ridurre lo spazio occupato.
Ciao. Roberto Alinovi - L'uomo non teme ciò che in lui non c'è. (Hermann Hesse)

Avatar utente
cybergianni
Messaggi: 320
Iscritto il: lunedì 17 giugno 2013, 17:50
Nome: giovanni maria
Regione: Piemonte
Città: ceres
Stato: Non connesso

#11 Messaggio da cybergianni »

roy67 ha scritto:

Cioè, creare 3 diverse intermittenze indipendenti?
Devi costruire 3 diversi circuiti, poi tarare i tempi come più ti piace.
Ma se i tempi devono essere legati fra loro, come in sequenza, devi sempre fare 3 circuiti, poi "legarli" fra loro tramite il contatto NC del primo relè al "reset" dell'integrato che pilota il relè successivo.
Lo spegnimento del primo timer attiverà il secondo....... Finché l'ultimo timer riattiverà il primo.

Sto ora studiando e provando un altro tipo di timer sequenziale.... Che dovrà generare 2 impulsi da 0,3 secondi, con pausa di 0,5 secondi, poi l'accensione di un circuito per 5 secondi.
Ma sono ancora un po' in alto mare..... Vedo già la costa.. Ma la riva è ancora lontana.... :grin:

Bravo Roberto, sempre utilissime le tue trattazioni. se vuoi avvicinarti a riva il 4017 ti può aiutare, è un contatore decimale cmos che utilizzo di solito per comandare gli stepper unipolari.

Immagine:
Immagine
13,38 KB
come puoi vedere dal pinout ha un clock che è il segnale di ingresso che può utilizzare l'uscita del 555, se vuoi avere una sequenza come descrivi imposta una base dei tempi a 0.25 sec, e utilizza le uscite accoppiandole con matrice di diodi in modo da avere una sequenza diseguale, esempio uscita 1 t=0.25 sec, poi avrai la due e la tre accoppiate per avere un'uscita alta per 0.5 sec e cosi via. per ritardare la ripetizione del ciclo potresti comandare il reset (pin15) dall'ultima uscita del contatore accoppiandolo con resistenza/condensatore , aggiungo uno schema esemplificativo della coppia 555/4017 che utilizzo per gli stepper. con questo schema hai una sequenza di quattro impulsi eguali ma si può adattare come dicevamo prima. A me funziona, e se funziona con me.... allora funziona con tutti [:I]
sequenziale4017.pdf (8 KB)
Gianni Visentin --- se fosse vero che sbagliando si impara io sarei come minimo premio Nobel

Avatar utente
roy67
Socio GAS TT
Messaggi: 6475
Iscritto il: domenica 27 gennaio 2013, 8:13
Nome: Roberto
Regione: Emilia Romagna
Città: Parma
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

#12 Messaggio da roy67 »

Conosco benissimo i "decade counter". Circa dieci anni fa feci il circuito che emulava i led i "Kit supercar".

Ma non puoi utiloizzarli come timer, necesitano di un segnale clock di pilotaggio... generato da un NE 555. Allora.. a quel punto.... :wink:

Questo è un esempio autocitandomi:
roy67 ha scritto:

Augurandovi Buone Feste, mi permetto di regalarvi il video del circuito della lanterna..
E' ancora da ottimizzare.. Ma credo si sia sulla buona strada.... Una volta che ho sistemato alcune "lacune" pubblicherò anche lo schema elettrico.



Buon Natale
Ciao. Roberto Alinovi - L'uomo non teme ciò che in lui non c'è. (Hermann Hesse)

Avatar utente
cybergianni
Messaggi: 320
Iscritto il: lunedì 17 giugno 2013, 17:50
Nome: giovanni maria
Regione: Piemonte
Città: ceres
Stato: Non connesso

#13 Messaggio da cybergianni »

hai ragione come sempre boss!! :cool: :cool: :cool: :cool: scusa ma non avevo letto i post precedenti.[:I][:I][:I][:I]
Gianni Visentin --- se fosse vero che sbagliando si impara io sarei come minimo premio Nobel

Avatar utente
roy67
Socio GAS TT
Messaggi: 6475
Iscritto il: domenica 27 gennaio 2013, 8:13
Nome: Roberto
Regione: Emilia Romagna
Città: Parma
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

#14 Messaggio da roy67 »

Grazie per il "boss".. ma non lo merito..... :cool: :cool:

Comunque, il tuo ragionamento fila.
Infatti sto proprio lavorando con i CD4017 per il timer asincrono.
Per spiegarmi meglio ho preparato uno schema:


Immagine:
Immagine
100,92 KB

Il problema qual'è..

Sappiamo che il CD4017 ha la variazione delle porte d'uscita relativa al duty cycle del NE555 (schema dell'onda quadra in rosso).

Quindi, avrò un lampeggio da 0,3 secondi al primo flash sull'uscita Q1, avrò
una pausa di 0,3 secondi sull'uscita Q2 (in quanto non connessa), poi flash da 0,3 sec. sull'uscita Q3, pausa sull'uscita Q4.
A questo punto, però..... Avrò un accensione di 0,3x6 sulle successive uscite (connesse insieme tramite transistor) che porterà ad avere un accensione di 1,8 secondi.

Per poter avere un accensione da 3 secondi o più devo aumentare il duty cycle. Ma questo farà aumentare anche il tempo di flash.

Sto quindi elaborando una sequenza di 2 CD4017 in serie che si scambieranno a vicenda le uscite ogni 10 cicli.
Ciao. Roberto Alinovi - L'uomo non teme ciò che in lui non c'è. (Hermann Hesse)

Avatar utente
cybergianni
Messaggi: 320
Iscritto il: lunedì 17 giugno 2013, 17:50
Nome: giovanni maria
Regione: Piemonte
Città: ceres
Stato: Non connesso

#15 Messaggio da cybergianni »

ma figurati Roy, su questi argomenti da te si può solo imparare.. non ho sottomano il ds del 4017 ma sono convinto che senza il reset smetta di contare e mantenga alta l'ultima uscita anche se il segnale di clock continua a pulsare. ne ho uno montato e più tardi provo. se così fosse potresti semplicemente usare la decima uscita per pilotare il reset sul pin 15 ritardandolo adeguatamente con resistenza e condensatore di valore opportuno. un'altra alternativa sarebbe di inibire il conteggio mandando alto il pin 13 (clock enable) fino a quando la solita accoppiata di resistenza e condensatore non facciano ripartire il tutto... certo che mettere un secondo contatore in cascata è sicuramente più preciso anche se difficoltoso dal punto di vista progettuale.
Gianni Visentin --- se fosse vero che sbagliando si impara io sarei come minimo premio Nobel

Avatar utente
roy67
Socio GAS TT
Messaggi: 6475
Iscritto il: domenica 27 gennaio 2013, 8:13
Nome: Roberto
Regione: Emilia Romagna
Città: Parma
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

#16 Messaggio da roy67 »

Sono esperimenti da fare. Ma credo che pilotandoli a vicenda tramite pin 3 (decoded 0) e pin 11 (decoded 9) si possano scambiare la sequenza progressiva seguendo il duty cycle in parallelo...
Ma ripeto, sono prove da fare, e sono prove che richiedono tempo per trovare i giusti bandoli della matassa.
Ad esempio l'utilizzo di diodi "high speed" tipo 1N914.. Che non ho in casa.... :sad:
Ciao. Roberto Alinovi - L'uomo non teme ciò che in lui non c'è. (Hermann Hesse)

Avatar utente
cybergianni
Messaggi: 320
Iscritto il: lunedì 17 giugno 2013, 17:50
Nome: giovanni maria
Regione: Piemonte
Città: ceres
Stato: Non connesso

#17 Messaggio da cybergianni »

eccomi qui, ho interrotto il ponticello tra la uscita 4 e il reset e al posto del ponticello ho messo tre resistenze da 390kohm e tra il reset (pin 15) e la terra ho aggiunto un condensatore poliestere da 100nF . il condensatore è piccolo ma la strada sembra quella giusta. un paio di prove e dovremmo esserci.
Gianni Visentin --- se fosse vero che sbagliando si impara io sarei come minimo premio Nobel

Avatar utente
roy67
Socio GAS TT
Messaggi: 6475
Iscritto il: domenica 27 gennaio 2013, 8:13
Nome: Roberto
Regione: Emilia Romagna
Città: Parma
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

#18 Messaggio da roy67 »

Ho fatto qualche esperimento anch'io.

Il problema è che mi serve una sequenza pilotata da un duty cycle di 0,4 secondi circa, per una durata di 5-6 secondi.

Non ho fatto il filmato.. Ma, vedo di spiegarmi...

Dopo la prima sequenza (arrivato ad accendere il led 10), passo ad un secondo Cd4017, pilotando il duty cycle dell NE555 su "U2" tramite una porta AND (CD4073) aperta dal "Clock Inhibit" e l'impulso di Q9 di U1 mandando quindi il segnale di Clock a U2. Il segnale di Q9 di U2 pilota il reset di U1 facendolo ricominciare daccapo.

In questo modo ho una sequenza di 10 secondi con un Duty Cycle di 0,3 secondi. A questo punto, ogni uscita pilota un transistor tramite diodi 1N4148

ottenendo questo lampeggio: <font color="red">0-0-0000--0-00000000</font id="red">

Per domani faccio uno schema....

Qualcuni dirà.... Perché non usi un PIC programmato...

Ed io risponderei... Perché.... dove sarebbe il divertimento? :grin:
Ciao. Roberto Alinovi - L'uomo non teme ciò che in lui non c'è. (Hermann Hesse)

Avatar utente
cybergianni
Messaggi: 320
Iscritto il: lunedì 17 giugno 2013, 17:50
Nome: giovanni maria
Regione: Piemonte
Città: ceres
Stato: Non connesso

#19 Messaggio da cybergianni »

e poi non sei il boss??? :cool: :cool: :cool: semplicemente diabolico.. mi chiedevo proprio come avresti fatto ad eseguire un conteggio seriale con il secondo integrato. Ma la mia aspettativa più grande è ora di vedere cosa bolle in pentola... aspetto con ansia :grin: :grin: :grin: :grin:
Gianni Visentin --- se fosse vero che sbagliando si impara io sarei come minimo premio Nobel

Avatar utente
roy67
Socio GAS TT
Messaggi: 6475
Iscritto il: domenica 27 gennaio 2013, 8:13
Nome: Roberto
Regione: Emilia Romagna
Città: Parma
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

#20 Messaggio da roy67 »

Ancora non ci sono..... :sad:
Con l'esperimento precedentemente spiegato ho un conteggio a "decine + centinaia" e non a "ventina".

Con un transistor PNP, ora, piloto il CD4017/1. arrivato alla sequenza Q9, l'uscita toglie il "N" al transistor, fermando il duty cycle al clock (pin 14) lasciando a "1" l'uscita Q9.

Ora devo deviare il duty al CD4017/2 per avere la seconda decade di conteggio..... Che arrivata al "Q9" (ma in questo caso chiamata Q18) dovrà resettare il CD4017/1 e ricominciare.......[:(!]
Ciao. Roberto Alinovi - L'uomo non teme ciò che in lui non c'è. (Hermann Hesse)

Avatar utente
MarcoMN
Socio GAS TT
Messaggi: 627
Iscritto il: mercoledì 16 gennaio 2013, 8:54
Nome: Marco
Regione: Lombardia
Città: San Giorgio Bigarello
Stato: Non connesso

#21 Messaggio da MarcoMN »

Discussione interessantissima. Iscritto. Approfitto per salutare Roberto!
Marco - Fermodellismo per passione - La mia pagina Facebook

Avatar utente
Docdelburg
Socio GAS TT
Messaggi: 5891
Iscritto il: martedì 4 settembre 2012, 18:16
Nome: Mauro
Regione: Estero
Città: Madrid (ES)
Stato: Non connesso

#22 Messaggio da Docdelburg »

MarcoMN ha scritto:

Discussione interessantissima. Iscritto. Approfitto per salutare Roberto!


Marco, anch'io seguo con interesse......ma non capisco una mazza di quello che dicono Gianni e Roberto! :sad: :wink:

Avatar utente
adobel55
Socio GAS TT
Messaggi: 10313
Iscritto il: venerdì 18 novembre 2011, 15:51
Nome: Adolfo
Regione: Lazio
Città: Roma
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

#23 Messaggio da adobel55 »

Seguo anche io la discussione, però mi sento com ET... Telefono casa !!!!
Ciao.
Adolfo

Avatar utente
MarcoMN
Socio GAS TT
Messaggi: 627
Iscritto il: mercoledì 16 gennaio 2013, 8:54
Nome: Marco
Regione: Lombardia
Città: San Giorgio Bigarello
Stato: Non connesso

#24 Messaggio da MarcoMN »

Docdelburg ha scritto:
MarcoMN ha scritto:

Discussione interessantissima. Iscritto. Approfitto per salutare Roberto!


Marco, anch'io seguo con interesse......ma non capisco una mazza di quello che dicono Gianni e Roberto! :sad: :wink:


Ovviamente faccio finta di capire :geek: :grin: :geek:
No dai, qualcosa mastico, diciamo solo i principi.
Marco - Fermodellismo per passione - La mia pagina Facebook

Avatar utente
Enrico57
Messaggi: 1052
Iscritto il: venerdì 11 novembre 2011, 9:53
Nome: Enrico
Regione: Abruzzo
Città: Montesilvano
Stato: Non connesso

#25 Messaggio da Enrico57 »

Ci provo ogni volta a leggere, ma non c'è nulla da fare….Roberto sei fenomenale!
Ciao Enrico. il plastico di Enrico 57
L'uomo è ciò che sceglie di essere. (Soeren Kierkegaard)

Torna a “COLLEGAMENTI ELETTRICI”