Plastico Ferrovie argentine

Discussioni relative alla scala H0 1:87

Moderatori: cararci, MrMassy86, adobel55, lorelay49

Avatar utente
matteob
Messaggi: 895
Iscritto il: venerdì 12 giugno 2015, 12:06
Nome: matteo
Regione: Veneto
Città: San Bonifacio
Stato: Non connesso

Messaggio da matteob »

Grazie per le precisazioni :cool: . Le loco cinesi, saranno di sicuro noleggiate come ormai fanno in molti stati, perchè sappiamo tutti che conviene acquistare a pacchetti: materiale + assistenza. Oggi il mercato si muove così.


Matteo
Avatar utente
Mauricio
Messaggi: 368
Iscritto il: giovedì 16 giugno 2016, 19:39
Nome: Maurizio
Regione: Lazio
Città: Roma
Stato: Non connesso

Messaggio da Mauricio »

In questo caso le locomotive sono state acquistate perché i cinesi le hanno progettate e costruite in base alle esigenze come l'alteza delle banchine in stazione, ecc.
Idem i treni elettrici perché inoltre richiedeva un tipo di alimentazione col terzo binario...
Mauricio di Buenos Aires
Avatar utente
matteob
Messaggi: 895
Iscritto il: venerdì 12 giugno 2015, 12:06
Nome: matteo
Regione: Veneto
Città: San Bonifacio
Stato: Non connesso

Messaggio da matteob »

Azz.. non è una bella cosa il "non standardizzare". A quei tempi si usava materiale fatto in casa e di conseguenza le infrastrutture sono state fatte ad-hoc. In Europa abbiamo avuto l'Inghlterra che per prima ha creato una rete ferroviaria funzionante, di conseguenza gli altri stati europei si sono adeguati (bene o male) a quei standard. In America latina le cose saranno andate diversamente...
Matteo
Avatar utente
DadeDJ
Messaggi: 207
Iscritto il: sabato 22 ottobre 2016, 21:52
Nome: Davide
Regione: Liguria
Città: Genova
Stato: Non connesso

Messaggio da DadeDJ »

Bellissimi scorci, oltre al bel lavoro lo hai valorizzato con buone inquadrature :geek:
Avatar utente
Mauricio
Messaggi: 368
Iscritto il: giovedì 16 giugno 2016, 19:39
Nome: Maurizio
Regione: Lazio
Città: Roma
Stato: Non connesso

Messaggio da Mauricio »

Infatti Matteo, è stata una vergogna: prima hanno preso locomotive e vagoni cinesi standard e hanno incominciato ad adattare le banchine (da noi molto più basse). Poi hanno cambiato idea e hanno deciso di ripristinarle e quindi farsi fare rotabili ad hoc. Una barzelletta. Era molto bello tra gli anni 1970 e 2000 quando si producevano in casa rotabili locali. C'era anche la ditta Materfer (la FIAT istallata in Argentina) che fabbricava i vagoni treno e metro. Ora è tutto cinese, si critica molto la poca robustezza dei rotabili e che si guastano spesso, addirittura prima del primo utilizzo! Certo che i binari non aiutano molto, ci sono rettilinei che sembrano sinusoidi, cosa che io per rispetto e praticità non ho riprodotto nel plastico. Mi sono limitato a riprodurre le caratteristiche del terreno e le insolite composizioni urbanistiche...
Mauricio di Buenos Aires
Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 9940
Iscritto il: domenica 3 maggio 2015, 18:31
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Messaggio da v200 »

Mauricio dovresti scrivere su questi aspetti delle ferrovie argentine e del fermodellismo Sud Americano, sono molto interessanti.
Plastico piccolo ma di GRANDE effetto SCENICO :cool: :cool:
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.
Avatar utente
Mauricio
Messaggi: 368
Iscritto il: giovedì 16 giugno 2016, 19:39
Nome: Maurizio
Regione: Lazio
Città: Roma
Stato: Non connesso

Messaggio da Mauricio »

Grazie Davide, gli scatti sono fatti col cellulare Huawei. Quando troverò un'occasione di una locomotiva con webcam la prenderò di sicuro!
Mauricio di Buenos Aires
Avatar utente
Mauricio
Messaggi: 368
Iscritto il: giovedì 16 giugno 2016, 19:39
Nome: Maurizio
Regione: Lazio
Città: Roma
Stato: Non connesso

Messaggio da Mauricio »

Grazie Roby.
Il problema è che è un argomento triste. Le ferrovie argentine erano arrivate a una situazione di degrado (specialmente le linee di lunga distanza) e creavano un deficit di un milione di dollari al giorno, quindi dopo il 1990 hanno sospeso il servizio in moltissime tratte lasciando i paesi senza comunicazione né futuro. In tutto il nord è stata impiegato lo scartamento ridotto (detto "metrico" perché è di 1 metro) che è più economico (ti permette curve più strette, ottimo per le zone dove il terreno non è piatto) ma ha il grande problema che il treno è meno stabile e quindi poco adatto per il trasporto merci. Ad esempio, i containers non possono essere caricati. Quindi al nord, che passava un treno ogni tanto hanno dovuto sospendere il servizio, ma questo governo vuole ripristinarlo.
Lo scartamento ridotto è stato molto utile nella capitale verso la periferia perché era (visto la struttura dei vagoni) l'unico che permetteva sicurezza tra i respingenti dei vagoni quando nel sistema push and pull, cioè il treno diesel che arrivato alla stazione di testa, senza invertire la locomotiva ripartiva spingendo i 6 vagoni, dove l'ultimo, che poi diventava il primo aveva cabina pilota (ovviamente non uscita di fabbrica ma adattata). Il comando dei freni e motore della locomotiva venivano fatti passare con dei fili lungo i vagoni. Il sistema di frenatura era particolare: prima la locomotiva e poi anche i vagoni per evitare che la loco investa i vagoni, ma era sicuro. Questo sistema faceva risparmiare manovre, tempo, soldi, ma i conducenti non si sentivano sicuri di pilotare da un vagone, molto meno robusto che una locomotiva, quindi nel 1990 sparì, e oggi anche in viaggi brevi si fa l'inversione di locomotiva creando disagi tra i viaggiatori visto che la locomotiva deve fermarsi a cento metri del paraurti del binario per lasciar spazio alla manovra (c'è uno scambio vicino il paraurti). Si potrebbe anche far arrivare un'altra locomotiva, ma non sono disponibili, quindi bisogna rimettere la stessa creando anche problemi di smog nelle stazioni coperte con le loco diesel. La locomotiva G22 che ho nel plastico è adatta per il push and pull, farò un video..
Mauricio di Buenos Aires
Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 9940
Iscritto il: domenica 3 maggio 2015, 18:31
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Messaggio da v200 »

Certamente per noi fermodellisti veder cessare una ferrovia reale è un gran dispiacere, ma le notizie che dai per noi fermodellisti Europei sono molto utili :wink:
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.
Avatar utente
Mauricio
Messaggi: 368
Iscritto il: giovedì 16 giugno 2016, 19:39
Nome: Maurizio
Regione: Lazio
Città: Roma
Stato: Non connesso

Messaggio da Mauricio »

Roby, il problema del formodellismo in America Latina è principalmente economico perché al cambio costa troppo. Storicamente i paesi dove più si pratica sono in ordine Argentina, Brasile, Messico. Oggi è Brasile, Messico, Argentina. Gli anni '80 erano il boom. Poi considerando che fino a l'anno scorso era vietato comprare dall'estero per internet (per la ridicola politica di fomentare l'industria locale) era molto deprimente avere un articolo. Dovevi recarti nei negozi specializzati, che oggi cene sono una decina nella capitale, ma i prezzi sono impossibili.
Visto la situazione economica e non esistono prodotti commerciali locali, ci sono molti fermodellisti che fabbricano i propri rotabili e privati che si dedicano alla produzione artigianale e vendita. Ovviamente sono fatti a mano ed il risultato non è sempre molto soddisfattorio (anche la Marklin dice di fare tutto a mano ma sappiamo che non è vero...).
Rispetto alla scenografia molti scelgono di farla europea perché il materiale rotabile ti condiziona, quasi tutti Lima.
Fare un plastico diesel ti libera di tutti i problemi della catenaria, compresa la grande spesa.
Io ho acquistato i treni FIAT ALN 668 perché furono anche fabbricati in Argentina con leggere differenze...
Mauricio di Buenos Aires
Avatar utente
Mauricio
Messaggi: 368
Iscritto il: giovedì 16 giugno 2016, 19:39
Nome: Maurizio
Regione: Lazio
Città: Roma
Stato: Non connesso

Messaggio da Mauricio »

Altre foto... suggerimenti per favore...
Cari saluti



Immagine:
Immagine
45,07 KB

Immagine:
Immagine
80,67 KB

Immagine:
Immagine
78,48 KB

Immagine:
Immagine
93,89 KB

Immagine:
Immagine
92,25 KB
Mauricio di Buenos Aires
Avatar utente
Egidio
Messaggi: 12682
Iscritto il: giovedì 17 maggio 2012, 13:26
Nome: Egidio
Regione: Abruzzo
Città: Ortona
Stato: Non connesso

Messaggio da Egidio »

:cool: Saluti. Egidio. :cool:
Egidio Lofrano
Avatar utente
Espresso210
Messaggi: 141
Iscritto il: lunedì 26 settembre 2016, 21:16
Nome: Gian Paolo
Regione: Liguria
Città: Cengio
Stato: Non connesso

Messaggio da Espresso210 »

Bello bello!
Gian Paolo - A man's accomplishments in life are the cumulative effect of his attention to detail (J.F. Dulles)
Avatar utente
Mauricio
Messaggi: 368
Iscritto il: giovedì 16 giugno 2016, 19:39
Nome: Maurizio
Regione: Lazio
Città: Roma
Stato: Non connesso

Messaggio da Mauricio »

Grazie Egidio e Gian Paolo.
Mancano dettagli e ritocchi, ma la cosa a cui penso do più è di come espanderlo!!
Se non sarà fattibile, che mi serva come allenamento così tra un paio di anni potrò farne un altro più grande, il problema sarà dove... :?
Mauricio di Buenos Aires
Avatar utente
MrMassy86
Socio GAS TT
Messaggi: 15047
Iscritto il: sabato 10 novembre 2012, 15:42
Nome: Massimiliano
Regione: Toscana
Città: Marlia - Lucca
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Messaggio da MrMassy86 »

Ottimi particolari Maurizio :wink:
Per espandere il plastico dipende dallo spazio che hai in più, devi partire rivedendo il progetto iniziale e da li vedere dove si può intervenire per modificare ed aumentare il tracciato, considerato lo stato avanzato dei lavori devi considerare che dovrai comunque smantellare una parte scenografica per costruire l'allungamento, visto il bel risultato valuterei attentamente se conviene o no [:I]
Massimiliano :cool:
Massimiliano Paolinelli - il mio canale YouTubeViaggio in quel di Verni -Il Ponte dei Pescatori - C.L.A.F. Lucca
Avatar utente
Mauricio
Messaggi: 368
Iscritto il: giovedì 16 giugno 2016, 19:39
Nome: Maurizio
Regione: Lazio
Città: Roma
Stato: Non connesso

Messaggio da Mauricio »

Grazie Massy...L'unica soluzione che credo fattibile per ingrandire il plastico è quella i fare un piccolo intervento sul bordo inserendo uno scambio per agganciare un modulo con una stazione nascosta per alloggiare i convogli, o far partire un'altra linea ma quest'ultima non lo so quando possa essere estetica...
Mauricio di Buenos Aires
Avatar utente
Mauricio
Messaggi: 368
Iscritto il: giovedì 16 giugno 2016, 19:39
Nome: Maurizio
Regione: Lazio
Città: Roma
Stato: Non connesso

Messaggio da Mauricio »

Non so se devo continuare a pensare nell'estensione del plastico tramite modulo aggiuntivo...
Qualche altro scatto

Immagine:
Immagine
91,66 KB

Immagine:
Immagine
91,33 KB

Immagine:
Immagine
74,52 KB

Immagine:
Immagine
75,28 KB

Immagine:
Immagine
117,47 KB
Mauricio di Buenos Aires
Avatar utente
Mauricio
Messaggi: 368
Iscritto il: giovedì 16 giugno 2016, 19:39
Nome: Maurizio
Regione: Lazio
Città: Roma
Stato: Non connesso

Messaggio da Mauricio »

Salve a tutti. Una domanda:
Cosa conviene fare quando non si usano le locomotive per qualche giorno?
Conviene metterle al riguardo dalla polvere?
Si schiacciano gli anelli di aderenza quando rimangono a lungo ferme sui binari?
Mauricio di Buenos Aires
Avatar utente
MrMassy86
Socio GAS TT
Messaggi: 15047
Iscritto il: sabato 10 novembre 2012, 15:42
Nome: Massimiliano
Regione: Toscana
Città: Marlia - Lucca
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Messaggio da MrMassy86 »

Maurizio dipende molto da te, alle locomotive non succede niente anche se le lasci sul plastico, magari se la sosta è più consistente di qualche giorno conviene riporle nelle loro scatole o se c'è metterle in una vetrina, più che altro per evitare la polvere, agli anelli di aderenza a me non è mai successo nulla :wink:
Massimiliano :cool:
Massimiliano Paolinelli - il mio canale YouTubeViaggio in quel di Verni -Il Ponte dei Pescatori - C.L.A.F. Lucca
Avatar utente
Mauricio
Messaggi: 368
Iscritto il: giovedì 16 giugno 2016, 19:39
Nome: Maurizio
Regione: Lazio
Città: Roma
Stato: Non connesso

Messaggio da Mauricio »

Grazie Massy!
Mauricio di Buenos Aires
Avatar utente
Mauricio
Messaggi: 368
Iscritto il: giovedì 16 giugno 2016, 19:39
Nome: Maurizio
Regione: Lazio
Città: Roma
Stato: Non connesso

Messaggio da Mauricio »

Ho beccato mio figlio di sei anni sporcando i muri veri di casa, dice che fa pratica per aiutarmi nel plastico...
Qualche scatto del primo muro che ho invecchiato, mi interessa molto l'opinione degli amici esperti. Tra qualche anno farò un plastico cone si deve e vorrei essere allenato... cari saluti


Immagine:
Immagine
84 KB

Immagine:
Immagine




Immagine:
Immagine
98,91 KB

Immagine:
Immagine
67,29 KB
Mauricio di Buenos Aires
Avatar utente
MrMassy86
Socio GAS TT
Messaggi: 15047
Iscritto il: sabato 10 novembre 2012, 15:42
Nome: Massimiliano
Regione: Toscana
Città: Marlia - Lucca
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Messaggio da MrMassy86 »

Bel lavoro Maurizio, il muro è venuto molto bene :grin: Massimiliano :cool:
Massimiliano Paolinelli - il mio canale YouTubeViaggio in quel di Verni -Il Ponte dei Pescatori - C.L.A.F. Lucca
Avatar utente
Egidio
Messaggi: 12682
Iscritto il: giovedì 17 maggio 2012, 13:26
Nome: Egidio
Regione: Abruzzo
Città: Ortona
Stato: Non connesso

Messaggio da Egidio »

Sono d' accordo anch' io !! Saluti. Egidio. :cool:
Egidio Lofrano
Avatar utente
Mauricio
Messaggi: 368
Iscritto il: giovedì 16 giugno 2016, 19:39
Nome: Maurizio
Regione: Lazio
Città: Roma
Stato: Non connesso

Messaggio da Mauricio »

Grazie Massy
Grazie Egidio
Mauricio di Buenos Aires
Avatar utente
adobel55
Socio GAS TT
Messaggi: 9633
Iscritto il: venerdì 18 novembre 2011, 15:51
Nome: Adolfo
Regione: Lazio
Città: Roma
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Messaggio da adobel55 »

Mi piace come è venuta l'acqua.
Ciao.
Adolfo

Torna a “SCALA H0”