Atlante delle linee ferroviarie dismesse

Ferrovie in esercizio e dismesse, stazioni, impianti, segnalamento e infrastrutture.

Moderatori: Fabrizio, MrMassy86

Rispondi
Avatar utente
Fabrizio
Socio GAS TT
Messaggi: 10116
Iscritto il: gio nov 10, 2011 9:17 pm
Nome: Fabrizio
Regione: Piemonte
Città: Piossasco
Ruolo: co-amministratore
Stato: Non connesso

Atlante delle linee ferroviarie dismesse

Messaggio da Fabrizio » mer nov 09, 2016 10:09 pm

Il Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane ha presentato, in occasione della rassegna "Ecomondo", che si svolge a Rimini dall' 8 all' 11 Novembre 2016, una pubblicazione intitolata "Atlante delle linee ferroviarie dismesse".

Si tratta di una pubblicazione che contiene la storia e i dati di tutte le linee ferroviarie dismesse in Italia al Novembre 2016

http://www.fsnews.it/fsn/Sala-stampa/Co ... trefresh=1

a questo link è possibile scaricare la pubblicazione http://www.fsitaliane.it/cms-file/alleg ... smesse.pdf

Immagine

Immagine
Fabrizio Borca

Avatar utente
DadeDJ
Messaggi: 207
Iscritto il: sab ott 22, 2016 9:52 pm
Nome: Davide
Regione: Liguria
Città: Genova
Età: 40
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da DadeDJ » mer nov 09, 2016 11:11 pm

Bello, me lo sono già scaricato :grin:

Avatar utente
Dario Romani
Messaggi: 272
Iscritto il: gio giu 11, 2015 8:31 am
Nome: Dario
Regione: Lazio
Città: Roma
Età: 70
Stato: Non connesso

Messaggio da Dario Romani » gio nov 10, 2016 8:11 am

Riporto il commento di Marco Bruzzo della Duegi, seguito dal mio e da quello di Mauro Bena, come riflessioni e per eventuale discussione in questo forum.

Scrive Marco Bruzzo :
Nell’immagine: già inserita la tratta Andora–San Lorenzo, chiusa lo scorso 1° novembre e preludio alla ricoversione nella poco utile pista ciclabile in luogo di un sistema tram–treno come sarebbe logico qualora si attuasse una lungimirante politica trasportistica. L’incapacità di programmazione del trasporto pubblico locale nel Ponente Ligure continua, il tutto iniziato quindici anni fa con la chiusura e la declassazione a ciclovia della San Lorenzo al mare–Ospedaletti Ligure.

Ho scritto io :
Sono d’accordo con Marco Bruzzo. Una metrotranvia è più utile di una pista ciclabile, e fruibile da tutta la popolazione.

Scrive MauroBena:
Anche io sono in piena sintonia col pensiero di Bruzzo circa un riutilizzo della linea in termini ferroviari, con una fruizione del preesistente itinerario e dei binari, quindi meno oneroso di una riconversione che ne preveda lo smantellamento per far posto alle solite ciclopiste. Queste, a mio avviso, sono ormai un vero incubo per le strade ferrate dismesse che in taluni casi – come la tratta che commentiamo – vengono sacrificate immediatamente al riuso ciclabile, senza il minimo tentativo di una ponderata pianificazione ancora in ambito ferroviario. La demagogia politica e altri interessi troppo spesso remano contro il treno…
Ciao da Dario Romani

Avatar utente
Dario Romani
Messaggi: 272
Iscritto il: gio giu 11, 2015 8:31 am
Nome: Dario
Regione: Lazio
Città: Roma
Età: 70
Stato: Non connesso

Messaggio da Dario Romani » gio nov 10, 2016 8:22 am

Ho trovato nel libro questa immagine emblematica, e mi ricordo che anche nei libri del compianto Ing Muscolino di tanto in tanto era ritratto un ciuchino...

Immagine:
Immagine
165,6 KB

Devo dire che mi fa una rabbia leggere questo libro, come una ricchezza di linee ferroviarie viene gettata alle ortiche, e le "greenways" non mi sono simpatiche per niente.
L' Ing Muscolino era per la trasformazione in metro-tranvie, economiche da gestire.
Ciao da Dario Romani

Avatar utente
MrMassy86
Socio GAS TT
Messaggi: 14214
Iscritto il: sab nov 10, 2012 3:42 pm
Nome: Massimiliano
Regione: Toscana
Città: Marlia - Lucca
Ruolo: Moderatore
Età: 33
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da MrMassy86 » gio nov 10, 2016 10:47 am

Grazie Fabrizio, a me piace molto l'archeologia ferroviaria quindi lo ritengo molto interessante :cool:
Per chi non lo conosce c'è anche questo bel sito sulle ferrovie dismesse o varianti di tracciato in Italia :wink:
http://www.ferrovieabbandonate.it/
Massimiliano :cool:
Massimiliano Paolinelli - il mio canale YouTubeViaggio in quel di Verni -Il Ponte dei Pescatori - C.L.A.F. Lucca

Avatar utente
marione
Socio GAS TT
Messaggi: 1828
Iscritto il: lun mar 04, 2013 1:41 pm
Nome: mario
Regione: Lombardia
Città: treviglio
Età: 66
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da marione » gio nov 10, 2016 11:05 am

Scusate, ma con la mia microstampante non riuscirò mai a stampare
tutte quelle pagine.
Nessuno sa se, dove, come è possibile reperire la pubblicazione, visto che anche nella
presentazione sembra sia diretta ed inviata alle varie pubbliche amministrazioni?
Grazie mille

Marione
Mario Mancastroppa

Avatar utente
Fabrizio
Socio GAS TT
Messaggi: 10116
Iscritto il: gio nov 10, 2011 9:17 pm
Nome: Fabrizio
Regione: Piemonte
Città: Piossasco
Ruolo: co-amministratore
Stato: Non connesso

Messaggio da Fabrizio » gio nov 10, 2016 4:37 pm

Riguardo le conversioni, condivido in parte i pareri espressi. Tuttavia espongo il mio punto di vista, che ribadisco essere solo il mio punto di vista delle cose.

Molte delle ferrovie oggi in uso, così come anche quelle soppresse, sono state costruite in un epoca in cui, praticamente, il treno era uno dei pochi mezzi terrestri disponibili (a parte i cavalli e le carrozze) e l'unico di massa (sia per merci che passeggeri). Va da se che, ciò che un tempo era indispensabile, oggi può non esserlo più, per la comparsa di nuovi mezzi e le mutate esigenze. Credo che, per ogni realtà, un mezzo di trasporto possa essere il più idoneo ed è ottima cosa connettere i vari mezzi tra loro, per formare una rete e utilizzare il mezzo più adatto ad ogni contesto. Molte variabili concorrono a definire quale sia il mezzo più idoneo, dalla fruibilità, al costo, a parametri ecologici e di sicurezza, al contesto in cui deve operare il mezzo. Ne consegue che, a mio parere, in alcuni contesti è il bus ad essere il mezzo più idoneo , in altri contesti il treno, il tram, la nave, l'automobile privata, l'aereo o altri mezzi.
Per esempio, in un contesto di una popolazione distribuita e ove non ci siano problemi di congestione di traffico, problemi ambientali e climatici, il bus può usare la stessa infrastruttura stradale (che comunque deve esistere anche in assenza di servizio pubblico) e offrire un servizio capillare. In un contesto analogo, ma dove ci siano criticità ambientali e di congestione stradale, allora idea di utilizzare una infrastruttura tranviaria è sicuramente da preferirsi, pur dovendo manuntenere una infrastruttura in più.

Credo sia importante usare, per ogni contesto, il vettore che permette di ottenere il miglior servizio possibile per chi deve spostarsi, a cui poco interessa su che mezzo si muove, mentre è molto interessato a muoversi in modo efficiente, rapido e conveniente (e non per ultimo, sicuro). In pratica, secondo me , l'obbiettivo e dare un servizio appetibile ed efficiente. Per farlo è importante scegliere il mezzo (o i mezzi) più adatti per ogni contesto e farli lavorare in sinergia tra loro. Quindi, pur essendo io appassionato di ferrovie, non le difendo ad oltranza, ma vorrei che la ferrovia si ritagli il suo ruolo dove può dare il massimo delle sue potenzialità, in modo che possa continuare a vivere e svilupparsi, grazie ad una sana convenienza, che penso sia uno dei principali motori per lo sviluppo di ogni cosa.

Con questo non voglio assolutamente dire che è giusto dismettere ferrovie, ma voglio solo dire che, secondo me, la dismissione di alcune ferrovie e la nascita di altre, così come l'uso di altri mezzi e la riconversione in un modo o in un altro delle sedi, è solo il naturale evolversi delle cose. Se tutto questo è fatto con coerenza, con l'obbiettivo di offrire una rete di trasporto efficiente e migliorare la situazione delle aree attraversate, è una cosa positiva. Considererei anche il fatto che, in una area, la rete di trasporti è necessaria e rappresenta una fonte di benessere per l'area, ma deve anche convivere, integrarsi e dare spazio alle altre realtà.

Spesso questo non accade, non si ragiona con l'obbiettivo di ottenere il migliore effetto, ma si ragiona solo in termini economici. Questa, allora, è una cosa negativa.

marione ha scritto:


Nessuno sa se, dove, come è possibile reperire la pubblicazione.....


Ciao Marione. Non credo sia possibile reperire la pubblicazione presso qualche ente. Proverei a chiedere ad una tipografia, magari riescono a farti un prezzo interessante.
Fabrizio Borca

Avatar utente
adobel55
Socio GAS TT
Messaggi: 8835
Iscritto il: ven nov 18, 2011 3:51 pm
Nome: Adolfo
Regione: Lazio
Città: Roma
Ruolo: Moderatore
Età: 65
Stato: Non connesso

Messaggio da adobel55 » gio nov 10, 2016 5:56 pm

Concordo in pieno Fabrizio, ma capisco anche il valore storico e sociale che hanno avuto queste linee dismesse e vederle abbandonate così piange un pò il cuore.
Ma questo, come hai detto, è il corso delle cose se portano a vantaggi veri per la collettività e non ad altro.
Ciao.
Adolfo

Avatar utente
Fabrizio
Socio GAS TT
Messaggi: 10116
Iscritto il: gio nov 10, 2011 9:17 pm
Nome: Fabrizio
Regione: Piemonte
Città: Piossasco
Ruolo: co-amministratore
Stato: Non connesso

Messaggio da Fabrizio » gio nov 10, 2016 9:16 pm

Sicuramente Adolfo, vedere dismesse le linee ferroviarie è sempre brutto, specie per l'appassionato. Se almeno dietro c'è un reale vantaggio per la collettività, o un uso diverso dall'originario, ma comunque un qualcosa che tende a valorizzare le risorse, allora la cosa può essere ragionevole. Ma se non è così, allora il dispiacere è vero in tutti i sensi.

Quando so che una linea verrà dismessa, se posso, faccio un ultimo giro. E' stato così per la Aosta-Prè Saint Didier e per la Andora-San Lorenzo. Certo, sapere che quei paesaggi non saranno più visibili, sostituiti da una lunga galleria, che non sarà più possibile arrivare a 300 m dal mare, oppure quasi sotto al Monte Bianco, fa pensare.
Fabrizio Borca

Avatar utente
Andreacaimano656
Socio GAS TT
Messaggi: 1914
Iscritto il: lun mar 04, 2013 7:23 pm
Nome: Andrea
Regione: Lazio
Città: Roma
Età: 19
Stato: Non connesso

Messaggio da Andreacaimano656 » gio nov 10, 2016 9:56 pm

Molto interessante Fabrizio, grazie per la condivisione :wink:
Ciao
Andrea
Andrea Ferreri

Avatar utente
Fabrizio
Socio GAS TT
Messaggi: 10116
Iscritto il: gio nov 10, 2011 9:17 pm
Nome: Fabrizio
Regione: Piemonte
Città: Piossasco
Ruolo: co-amministratore
Stato: Non connesso

Messaggio da Fabrizio » dom nov 12, 2017 10:45 pm

Nuova edizione dell'Atlante delle ferrovie dismesse

http://www.fsnews.it/cms-file/allegati/ ... smesse.pdf

Immagine
Fabrizio Borca

Avatar utente
Fabrizio
Socio GAS TT
Messaggi: 10116
Iscritto il: gio nov 10, 2011 9:17 pm
Nome: Fabrizio
Regione: Piemonte
Città: Piossasco
Ruolo: co-amministratore
Stato: Non connesso

Re: Atlante delle linee ferroviarie dismesse

Messaggio da Fabrizio » lun feb 24, 2020 8:59 pm

Fabrizio Borca

Avatar utente
liftman
Socio GAS TT
Messaggi: 7352
Iscritto il: dom gen 29, 2012 2:40 pm
Nome: Rolando
Regione: Liguria
Città: La Spezia
Ruolo: Moderatore
Età: 64
Stato: Non connesso
Contatta:

Re: Atlante delle linee ferroviarie dismesse

Messaggio da liftman » mar feb 25, 2020 12:31 am

Fabrizio ha scritto:
mer nov 09, 2016 10:09 pm

a questo link è possibile scaricare la pubblicazione http://www.fsitaliane.it/cms-file/alleg ... smesse.pdf
a me da errore (impossibile scaricare documento pdf)
Ciao! Rolando

Avatar utente
Fabrizio
Socio GAS TT
Messaggi: 10116
Iscritto il: gio nov 10, 2011 9:17 pm
Nome: Fabrizio
Regione: Piemonte
Città: Piossasco
Ruolo: co-amministratore
Stato: Non connesso

Re: Atlante delle linee ferroviarie dismesse

Messaggio da Fabrizio » mar feb 25, 2020 7:18 am

Purtroppo credo che quel link ormai sia stato rimosso o non più funzionante. Dalla data del messaggio che hai citato sembra essere del 2016, forse ormai è un messaggio troppo vecchio.
Fabrizio Borca

Avatar utente
liftman
Socio GAS TT
Messaggi: 7352
Iscritto il: dom gen 29, 2012 2:40 pm
Nome: Rolando
Regione: Liguria
Città: La Spezia
Ruolo: Moderatore
Età: 64
Stato: Non connesso
Contatta:

Re: Atlante delle linee ferroviarie dismesse

Messaggio da liftman » gio feb 27, 2020 12:43 am

Fabrizio ha scritto:
mar feb 25, 2020 7:18 am
Purtroppo credo che quel link ormai sia stato rimosso o non più funzionante. Dalla data del messaggio che hai citato sembra essere del 2016, forse ormai è un messaggio troppo vecchio.
ah ecco... [101] questo post evidentemente me l'ero perso all'origine e quando è stato "rinnovato" credevo fosse nuovo... raramente guardo le date.. :mrgreen:
Ciao! Rolando

Rispondi

Torna a “LINEE ED IMPIANTI”