si parte?

Discussioni relative alla scala H0 1:87

Moderatori: cararci, MrMassy86, adobel55, lorelay49

Avatar utente
Senialas
Messaggi: 229
Iscritto il: lunedì 8 ottobre 2012, 16:50
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Gallarate
Stato: Non connesso

Re: si parte?

Messaggio da Senialas »

Antonino, secondo me questo è uno dei principali errori compiuti (il più delle volte per insicurezza) da chi decide per il digitale.
Avendo già il MultiMAUS, basta aggiungere un decoder ed i relativi motori (io consiglio i servo) e non serve altro (nessuna pulsantiera). Operazione qui facilitata dal basso numero di deviatoi.
Per quanto riguarda i costi, trascurando i cavi (che comunque andrebbero a favore del digitale), mi racconti quanto costa motorizzare, in analogico, 4 deviatoi?


Roberto M.
Avatar utente
antogar
Messaggi: 131
Iscritto il: mercoledì 31 dicembre 2014, 13:52
Nome: Antonino
Regione: Campania
Città: C.mare
Stato: Non connesso

Re: si parte?

Messaggio da antogar »

Senialas ha scritto: domenica 24 gennaio 2021, 13:26 Antonino, secondo me questo è uno dei principali errori compiuti (il più delle volte per insicurezza) da chi decide per il digitale.
Avendo già il MultiMAUS, basta aggiungere un decoder ed i relativi motori (io consiglio i servo) e non serve altro (nessuna pulsantiera). Operazione qui facilitata dal basso numero di deviatoi.
Per quanto riguarda i costi, trascurando i cavi (che comunque andrebbero a favore del digitale), mi racconti quanto costa motorizzare, in analogico, 4 deviatoi?
Roberto, più volte ne abbiamo parlato in diverse discussioni: "basta aggiungere un decoder" per te sembra una cosa semplice e immediata e invece ti assicuro che non lo è per molti.
Il principale errore che invece si farebbe sarebbe quello di avvicinarsi al digitale senza procedere per passi: inizio con una centralina (ageduata all' impianto) e con digitalizzazione delle loco, POI inizio a pensare alla digitalizzazione anche degli accessori e INFINE alla retroazione e MAGARI un PC.
Per me, il miglior modo per avicinarsi al digitale è sempre e comunque iniziare da uno start set, dove guarda caso, non esistono mai (mi sembra in un set roco di quelli top level) gli scambi digitalizzati... non perchè non serva, ma perchè è comuqnue uno step che in genere si fa dopo aver preso confidenza con la tecnologia. In questo caso hai davanti a te la centralina, il manuale, il classico amico o cugino che ce l'ha anche lui e ti dice come fare, e la loco già dotata di decoder, poi inizi a capire come funzionanno le CV, ti compri la seconda loco ed apprezzi immediatamente il fatto che hai due loco sullo stesso tratto di binario senza due alimentatori diversi... e da lì vai avanti o ti fermi a seconda delle esigenze.

Venendo al plastico oggetto del topic, la differenza economica fra il controllo analogico e digitale degli scambi per i più sta nel decoder (*), quanto costa un dedoder commerciale o di Nuccio o un lenz, 25€? 40€?... ma più che quella economica la vera differenza sta nel fatto che in analogico il nostro amico tartaf4 hai i suoi bei pulsanti o interruttori che in un diorama 150x50 hanno pochissimo impatto (4 interruttri, 8 pulsanti ?) e sopratutto non deve navigare fra i menù del multimaus per girare uno scambio mentre armeggia con una loco da manovra. Per un plastico come questo per me il sinottico è irrinunciabile !

A presto :)



(*) costi che io non ho perchè me li faccio da solo - chiaramente non per risparmiare, ma perchè è pur sempre un hobby... per me le ore passate a scrivere sw, correggere errori, disegnare circuiti non contano e poi la soddisfazione non ha prezzo!


PS speriamo presto di parlare un po' da vicino di questo, perchè non venite tutti a Pietrarsa ? chissà magari in primavera la situazione potrebbe permetterlo, il plastico in esposizione è in fase di revamping con la ECOS e Traincontroller (Robeerto [100] !)
Antonino
Avatar utente
Senialas
Messaggi: 229
Iscritto il: lunedì 8 ottobre 2012, 16:50
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Gallarate
Stato: Non connesso

Re: si parte?

Messaggio da Senialas »

D'accordo Antonino, ma forse conviene fare qualche sforzo in più inizialmente che poi smontare tutti i deviatoi e sostituire i comandi (e aggiungere costi).
Sembrerà strano, ma per me è più laborioso fare una pulsantiera (che oltretutto non mi piace esteticamente), che impostare un decoder.
Con 4 deviatoi basta premere due pulsanti del MMAUS per selezionare il deviatoio che interessa.

Farebbe piacere anche a me incontrarci. [51]
Prima o poi ci tornerò a Pietrarsa (museo splendido). Qualche giorno fa si era bloccato perché un treno si fermava lasciando l'ultimo carrello sul blocco precedente e chiaramente il sw bloccava il treno successivo.
Adesso la Fondazione vuole inserire anche tutti i segnali, alti e bassi di manovra.
Roberto M.
Avatar utente
tartaf4
Messaggi: 52
Iscritto il: giovedì 24 dicembre 2020, 1:04
Nome: marco
Regione: marche
Città: ostra
Stato: Non connesso

Re: si parte?

Messaggio da tartaf4 »

antogar ha scritto: domenica 24 gennaio 2021, 10:28
Senialas ha scritto: sabato 23 gennaio 2021, 9:05 Scusate, ma se uno decide per l'analogico, comanderà anche i deviatoi in analogico, ma se uno parte in digitale perché dovrebbe diversificare e realizzare il comando dei deviatoi in analogico? Molto più semplice (ed anche meno costoso) controllare anche i deviatoi in digitale.
Certo, ma puoi benissimo farlo dopo, specialmente se l'impianto non è grande come in questo caso dove (IMHO) è molto più semplice il contrario: ovvero partire comandando gli scambi (sono 4 in tutto, giusto?) in analogico e usare un multimaus per muovere le loco invece delle "centralone" (che hanno tutto tutto tutto...) e successivamente, quando il decidere...

Magari l'anno prossimo Nuccio tira fuori la ClaudiaCS 2.00 con Xnet integrato, la DR5000 sarà diventata DR5000 GTS Turbo16V ed entrambe costano la metà (come normalmente accade nel mondo dell' elettronica)

Saluti :)

PS sul "meno costoso" poi è tutta da vedere...
Ciao in effetti era quello che volevo fare,partire in analogico poi al limite prendere una centralina e multimedia ( io avevo visto la z21) che forse sarà l'estetica ma mi sembra più facile della 5000 e comandare però gli scambi in analogico.......poi.......
Marco
Avatar utente
Docdelburg
Socio GAS TT
Messaggi: 5804
Iscritto il: martedì 4 settembre 2012, 18:16
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Stato: Non connesso

Re: si parte?

Messaggio da Docdelburg »

tartaf4 ha scritto: venerdì 22 gennaio 2021, 21:58
si intendo i comandi sugli aghi! come faccio a vedere se sono polarizzati? ok per i collegamenti ma in analogico? ho visto che in digitale ci sono degli spinotti appositi che vanno alla centralina
Per la polarizzazione dei cuori guarda questa guida

https://www.scalatt.it/guida_tester.htm

e guardati queste schede

http://www.modellismopavese.com/le-sche ... rotecnica/
Avatar utente
tartaf4
Messaggi: 52
Iscritto il: giovedì 24 dicembre 2020, 1:04
Nome: marco
Regione: marche
Città: ostra
Stato: Non connesso

Re: si parte?

Messaggio da tartaf4 »

Senialas ha scritto: domenica 24 gennaio 2021, 13:26 Antonino, secondo me questo è uno dei principali errori compiuti (il più delle volte per insicurezza) da chi decide per il digitale.
Avendo già il MultiMAUS, basta aggiungere un decoder ed i relativi motori (io consiglio i servo) e non serve altro (nessuna pulsantiera). Operazione qui facilitata dal basso numero di deviatoi.
Per quanto riguarda i costi, trascurando i cavi (che comunque andrebbero a favore del digitale), mi racconti quanto costa motorizzare, in analogico, 4 deviatoi?
partendo dal fatto che sono completamente a digiuno e mettendo che per caso avessi già una centralina e il multimaus ( mettiamo sempre per caso la z21) che mi servirebbe per comandare tutto in digitale???
Grazie
Marco
Avatar utente
tartaf4
Messaggi: 52
Iscritto il: giovedì 24 dicembre 2020, 1:04
Nome: marco
Regione: marche
Città: ostra
Stato: Non connesso

Re: si parte?

Messaggio da tartaf4 »

Docdelburg ha scritto: domenica 24 gennaio 2021, 23:05
tartaf4 ha scritto: venerdì 22 gennaio 2021, 21:58
si intendo i comandi sugli aghi! come faccio a vedere se sono polarizzati? ok per i collegamenti ma in analogico? ho visto che in digitale ci sono degli spinotti appositi che vanno alla centralina
Per la polarizzazione dei cuori guarda questa guida

https://www.scalatt.it/guida_tester.htm

e guardati queste schede

http://www.modellismopavese.com/le-sche ... rotecnica/

Grazie Doc
Marco
Avatar utente
Senialas
Messaggi: 229
Iscritto il: lunedì 8 ottobre 2012, 16:50
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Gallarate
Stato: Non connesso

Re: si parte?

Messaggio da Senialas »

tartaf4 ha scritto: domenica 24 gennaio 2021, 23:32
partendo dal fatto che sono completamente a digiuno e mettendo che per caso avessi già una centralina e il multimaus ( mettiamo sempre per caso la z21) che mi servirebbe per comandare tutto in digitale???
Grazie
Marco, ti basterebbe avere una locomotiva con decoder per poterla comandare (accendere/spegnere le luci e muoverla vanti/indietro).
Se tu avessi anche dei deviatoi motorizzati, ti basterebbe aggiungere il decoder per quel tipo di motori e in questo modo potresti anche commutare i deviatoi. Come dicevo: con la pressione di un paio di pulsanti del MultiMAUS (per selezionare il deviatoio desiderato) e la pressione di una delle due frecce per commutarlo, con centrale e MM avresti tutto in DCC (senza costruire pulsantiere che, un domani, sarebbero probabilmente da buttare).
Roberto M.
Avatar utente
tartaf4
Messaggi: 52
Iscritto il: giovedì 24 dicembre 2020, 1:04
Nome: marco
Regione: marche
Città: ostra
Stato: Non connesso

Re: si parte?

Messaggio da tartaf4 »

Senialas ha scritto: lunedì 25 gennaio 2021, 8:15
tartaf4 ha scritto: domenica 24 gennaio 2021, 23:32
partendo dal fatto che sono completamente a digiuno e mettendo che per caso avessi già una centralina e il multimaus ( mettiamo sempre per caso la z21) che mi servirebbe per comandare tutto in digitale???
Grazie
Marco, ti basterebbe avere una locomotiva con decoder per poterla comandare (accendere/spegnere le luci e muoverla vanti/indietro).
Se tu avessi anche dei deviatoi motorizzati, ti basterebbe aggiungere il decoder per quel tipo di motori e in questo modo potresti anche commutare i deviatoi. Come dicevo: con la pressione di un paio di pulsanti del MultiMAUS (per selezionare il deviatoio desiderato) e la pressione di una delle due frecce per commutarlo, con centrale e MM avresti tutto in DCC (senza costruire pulsantiere che, un domani, sarebbero probabilmente da buttare).
Ok grazie
Marco
Avatar utente
tartaf4
Messaggi: 52
Iscritto il: giovedì 24 dicembre 2020, 1:04
Nome: marco
Regione: marche
Città: ostra
Stato: Non connesso

Re: si parte?

Messaggio da tartaf4 »

binari posati, collegamenti elettrici fatti, prova massicciata non bellissima ma mi accontento
una sola domanda! come procedere con gli scambi? grazie
Allegati
IMG_3859.jpg
IMG_3859.jpg (34.77 KiB) Visto 475 volte
IMG_3858.jpg
IMG_3858.jpg (29.45 KiB) Visto 475 volte
IMG_3856.jpg
IMG_3856.jpg (29.97 KiB) Visto 475 volte
IMG_3857.jpg
IMG_3857.jpg (28.24 KiB) Visto 475 volte
Marco
Avatar utente
FrancoV
Messaggi: 846
Iscritto il: sabato 15 febbraio 2020, 17:45
Nome: Franco
Regione: Piemonte
Città: Bosconero
Stato: Non connesso

Re: si parte?

Messaggio da FrancoV »

Se la domanda è relativa a come posare la massicciata la risposta è "con molta cautela per non incollare tutto" .... peccato i motori lasciati in vista :|
Franco -Etroit, quoi qu'il soit!
Avatar utente
MrMassy86
Socio GAS TT
Messaggi: 15085
Iscritto il: sabato 10 novembre 2012, 15:42
Nome: Massimiliano
Regione: Toscana
Città: Marlia - Lucca
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Re: si parte?

Messaggio da MrMassy86 »

Ciao Marco, da quello che ho capito hai fatto solo una prova, non so se hai già passato la soluzione acqua/vinavil/sapone per fissare il tutto però prima della massicciata, che purtroppo dalle foto piccole si vede poco ma sembra bene fatta, converrebbe dare l'effetto ruggine alle rotaie, ne migliorerebbe in realismo e molto più semplice farlo prima.
Per gli scambi come detto da Franco ci vuole pazienza ed attenzione soprattutto dove c'è il movimento dell'ago, il sistema è quello, stendi il ballast, verifica che il movimento sia fluido e poi procedi all'incollaggio, io nebulizzo il tutto con un po d'acqua, aiuta nel passare la colla e fai particolare attenzione quando sei nella zona degli aghi.
Massimiliano [253]
Massimiliano Paolinelli - il mio canale YouTubeViaggio in quel di Verni -Il Ponte dei Pescatori - C.L.A.F. Lucca
Avatar utente
tartaf4
Messaggi: 52
Iscritto il: giovedì 24 dicembre 2020, 1:04
Nome: marco
Regione: marche
Città: ostra
Stato: Non connesso

Re: si parte?

Messaggio da tartaf4 »

MrMassy86 ha scritto: venerdì 5 febbraio 2021, 18:37 Ciao Marco, da quello che ho capito hai fatto solo una prova, non so se hai già passato la soluzione acqua/vinavil/sapone per fissare il tutto però prima della massicciata, che purtroppo dalle foto piccole si vede poco ma sembra bene fatta, converrebbe dare l'effetto ruggine alle rotaie, ne migliorerebbe in realismo e molto più semplice farlo prima.
Per gli scambi come detto da Franco ci vuole pazienza ed attenzione soprattutto dove c'è il movimento dell'ago, il sistema è quello, stendi il ballast, verifica che il movimento sia fluido e poi procedi all'incollaggio, io nebulizzo il tutto con un po d'acqua, aiuta nel passare la colla e fai particolare attenzione quando sei nella zona degli aghi.
Massimiliano [253]
Si è una prova ma ho già passato colla e acqua! Ok per la calma
Pensavo di invecchiare i binari con aerografo dopo aver posato la massicciata
Se è sbagliato il resto lo faccio prima e poi metto la massicciata
Ma il sapone dei piatti assieme a colla e acqua a cosa serve???
Grazie
Marco
Avatar utente
tartaf4
Messaggi: 52
Iscritto il: giovedì 24 dicembre 2020, 1:04
Nome: marco
Regione: marche
Città: ostra
Stato: Non connesso

Re: si parte?

Messaggio da tartaf4 »

FrancoV ha scritto: venerdì 5 febbraio 2021, 17:52 Se la domanda è relativa a come posare la massicciata la risposta è "con molta cautela per non incollare tutto" .... peccato i motori lasciati in vista :|
Franco considera che è la prima volta che vedo dei binari😂😂😂

Era troppo impegnativo metterli sotto plancia
Marco
Avatar utente
MrPatato76
Socio GAS TT
Messaggi: 4849
Iscritto il: lunedì 27 agosto 2012, 11:14
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Nova Milanese
Stato: Non connesso

Re: si parte?

Messaggio da MrPatato76 »

tartaf4 ha scritto: venerdì 5 febbraio 2021, 21:54
MrMassy86 ha scritto: venerdì 5 febbraio 2021, 18:37 Ciao Marco, da quello che ho capito hai fatto solo una prova, non so se hai già passato la soluzione acqua/vinavil/sapone per fissare il tutto però prima della massicciata, che purtroppo dalle foto piccole si vede poco ma sembra bene fatta, converrebbe dare l'effetto ruggine alle rotaie, ne migliorerebbe in realismo e molto più semplice farlo prima.
Per gli scambi come detto da Franco ci vuole pazienza ed attenzione soprattutto dove c'è il movimento dell'ago, il sistema è quello, stendi il ballast, verifica che il movimento sia fluido e poi procedi all'incollaggio, io nebulizzo il tutto con un po d'acqua, aiuta nel passare la colla e fai particolare attenzione quando sei nella zona degli aghi.
Massimiliano [253]
Si è una prova ma ho già passato colla e acqua! Ok per la calma
Pensavo di invecchiare i binari con aerografo dopo aver posato la massicciata
Se è sbagliato il resto lo faccio prima e poi metto la massicciata
Ma il sapone dei piatti assieme a colla e acqua a cosa serve???
Grazie
La colorazione delle rotaie deve essere fatta prima!
Dopo al limite esegui l’invecchiamento della massicciata.
Il sapone per piatti , così come il brillantante per lavastoviglie, serve a rompere la tensione superficiale dell’emulsione di acqua + collante.
All’atto pratico evita che i granelli della massicciata galleggino quando li annaffi ed aiuta a penetrare meglio nella massa ghiaiosa.
Togli quegli attuatori a vista: sono orrendi!!!
Roberto - "...il bambino che vede un treno lo saluta con la manina, questo non succede con un auto!" (Cit.) - Ciao Roberto
Avatar utente
tartaf4
Messaggi: 52
Iscritto il: giovedì 24 dicembre 2020, 1:04
Nome: marco
Regione: marche
Città: ostra
Stato: Non connesso

Re: si parte?

Messaggio da tartaf4 »

MrPatato76 ha scritto: venerdì 5 febbraio 2021, 23:09
tartaf4 ha scritto: venerdì 5 febbraio 2021, 21:54
MrMassy86 ha scritto: venerdì 5 febbraio 2021, 18:37 Ciao Marco, da quello che ho capito hai fatto solo una prova, non so se hai già passato la soluzione acqua/vinavil/sapone per fissare il tutto però prima della massicciata, che purtroppo dalle foto piccole si vede poco ma sembra bene fatta, converrebbe dare l'effetto ruggine alle rotaie, ne migliorerebbe in realismo e molto più semplice farlo prima.
Per gli scambi come detto da Franco ci vuole pazienza ed attenzione soprattutto dove c'è il movimento dell'ago, il sistema è quello, stendi il ballast, verifica che il movimento sia fluido e poi procedi all'incollaggio, io nebulizzo il tutto con un po d'acqua, aiuta nel passare la colla e fai particolare attenzione quando sei nella zona degli aghi.
Massimiliano [253]
Si è una prova ma ho già passato colla e acqua! Ok per la calma
Pensavo di invecchiare i binari con aerografo dopo aver posato la massicciata
Se è sbagliato il resto lo faccio prima e poi metto la massicciata
Ma il sapone dei piatti assieme a colla e acqua a cosa serve???
Grazie
La colorazione delle rotaie deve essere fatta prima!
Dopo al limite esegui l’invecchiamento della massicciata.
Il sapone per piatti , così come il brillantante per lavastoviglie, serve a rompere la tensione superficiale dell’emulsione di acqua + collante.
All’atto pratico evita che i granelli della massicciata galleggino quando li annaffi ed aiuta a penetrare meglio nella massa ghiaiosa.
Togli quegli attuatori a vista: sono orrendi!!!
Ok grazie, oramai sono li, considera che per me è veramente una prova!!!
Marco
Avatar utente
MrPatato76
Socio GAS TT
Messaggi: 4849
Iscritto il: lunedì 27 agosto 2012, 11:14
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Nova Milanese
Stato: Non connesso

Re: si parte?

Messaggio da MrPatato76 »

Appunto...prova direttamente con quelli sotto plancia..
Come li hai messi si possono togliere....
Roberto - "...il bambino che vede un treno lo saluta con la manina, questo non succede con un auto!" (Cit.) - Ciao Roberto
Avatar utente
FrancoV
Messaggi: 846
Iscritto il: sabato 15 febbraio 2020, 17:45
Nome: Franco
Regione: Piemonte
Città: Bosconero
Stato: Non connesso

Re: si parte?

Messaggio da FrancoV »

tartaf4 ha scritto: venerdì 5 febbraio 2021, 22:12
Franco considera che è la prima volta che vedo dei binari😂😂😂

Era troppo impegnativo metterli sotto plancia
Mi fa piacere che tu abbia preso la cosa con il giusto spirito [278]
Se ho visto bene sono scambi Fleischmann, quindi il motore si dovrebbe poter girare al contrario che, quantomeno, lo rende meno invasivo e più dissimulabile .... o no? :D
Franco -Etroit, quoi qu'il soit!
Avatar utente
Senialas
Messaggi: 229
Iscritto il: lunedì 8 ottobre 2012, 16:50
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Gallarate
Stato: Non connesso

Re: si parte?

Messaggio da Senialas »

L'invecchiamento delle rotaie si può fare anche a binari posati e con l'aerografo. Basta mascherate un tantino le parti dove non si vuole far arrivare il colore. Spruzzando da destra e da sinistra e poi pulendo il piano del ferro con uno straccetto a vernice ancora bagnata.
Io ho usato il ruggine rotaie di Puravest.
Roberto M.
Avatar utente
MrMassy86
Socio GAS TT
Messaggi: 15085
Iscritto il: sabato 10 novembre 2012, 15:42
Nome: Massimiliano
Regione: Toscana
Città: Marlia - Lucca
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Re: si parte?

Messaggio da MrMassy86 »

MrPatato76 ha scritto: venerdì 5 febbraio 2021, 23:09 ....
La colorazione delle rotaie deve essere fatta prima!
Dopo al limite esegui l’invecchiamento della massicciata.
Il sapone per piatti , così come il brillantante per lavastoviglie, serve a rompere la tensione superficiale dell’emulsione di acqua + collante.
All’atto pratico evita che i granelli della massicciata galleggino quando li annaffi ed aiuta a penetrare meglio nella massa ghiaiosa.
...
Concordo con quanto detto da Roberto
visto che sei alle prime armi prima dai la colorazione alle rotaie, poi stendi la massicciata e in fondo fai la sporcatura, secondo me è il sistema più semplice :wink:
Massimiliano [253]
Massimiliano Paolinelli - il mio canale YouTubeViaggio in quel di Verni -Il Ponte dei Pescatori - C.L.A.F. Lucca
Avatar utente
tartaf4
Messaggi: 52
Iscritto il: giovedì 24 dicembre 2020, 1:04
Nome: marco
Regione: marche
Città: ostra
Stato: Non connesso

Re: si parte?

Messaggio da tartaf4 »

FrancoV ha scritto: sabato 6 febbraio 2021, 9:53
tartaf4 ha scritto: venerdì 5 febbraio 2021, 22:12
Franco considera che è la prima volta che vedo dei binari😂😂😂

Era troppo impegnativo metterli sotto plancia
Mi fa piacere che tu abbia preso la cosa con il giusto spirito [278]
Se ho visto bene sono scambi Fleischmann, quindi il motore si dovrebbe poter girare al contrario che, quantomeno, lo rende meno invasivo e più dissimulabile .... o no? :D
Sono Roco ma credo siano uguali
Marco
Avatar utente
tartaf4
Messaggi: 52
Iscritto il: giovedì 24 dicembre 2020, 1:04
Nome: marco
Regione: marche
Città: ostra
Stato: Non connesso

Re: si parte?

Messaggio da tartaf4 »

MrMassy86 ha scritto: sabato 6 febbraio 2021, 11:02
MrPatato76 ha scritto: venerdì 5 febbraio 2021, 23:09 ....
La colorazione delle rotaie deve essere fatta prima!
Dopo al limite esegui l’invecchiamento della massicciata.
Il sapone per piatti , così come il brillantante per lavastoviglie, serve a rompere la tensione superficiale dell’emulsione di acqua + collante.
All’atto pratico evita che i granelli della massicciata galleggino quando li annaffi ed aiuta a penetrare meglio nella massa ghiaiosa.
...
Concordo con quanto detto da Roberto
visto che sei alle prime armi prima dai la colorazione alle rotaie, poi stendi la massicciata e in fondo fai la sporcatura, secondo me è il sistema più semplice :wink:
Massimiliano [253]
👍
Marco
Avatar utente
FrancoV
Messaggi: 846
Iscritto il: sabato 15 febbraio 2020, 17:45
Nome: Franco
Regione: Piemonte
Città: Bosconero
Stato: Non connesso

Re: si parte?

Messaggio da FrancoV »

tartaf4 ha scritto: domenica 7 febbraio 2021, 2:40 Sono Roco ma credo siano uguali
Dovrebbe esserci un foglio di istruzioni che spiega tutto, comunque lascio la parola a qualcuno più esperto perchè io sono decenni che non compro più materiale d'armamento e non so come si siano evoluti nel frattempo :D
Franco -Etroit, quoi qu'il soit!
Avatar utente
tartaf4
Messaggi: 52
Iscritto il: giovedì 24 dicembre 2020, 1:04
Nome: marco
Regione: marche
Città: ostra
Stato: Non connesso

Re: si parte?

Messaggio da tartaf4 »

i lavori proseguono piano piano!! non sara' un gran che ma ci devo prendere mano
Allegati
IMG_3902.jpg
IMG_3902.jpg (30.67 KiB) Visto 266 volte
IMG_3901.jpg
IMG_3901.jpg (29.16 KiB) Visto 266 volte
IMG_3900.jpg
IMG_3900.jpg (32.93 KiB) Visto 266 volte
IMG_3899.jpg
IMG_3899.jpg (30.05 KiB) Visto 266 volte
Marco
Avatar utente
FrancoV
Messaggi: 846
Iscritto il: sabato 15 febbraio 2020, 17:45
Nome: Franco
Regione: Piemonte
Città: Bosconero
Stato: Non connesso

Re: si parte?

Messaggio da FrancoV »

Beh, per quel che si può capire da foto così piccole mi sembra ben riuscito [278]
Franco -Etroit, quoi qu'il soit!

Torna a “SCALA H0”