Elettrotreno misterioso - i treni Cappa

Parliamo della nostra scala preferita.

Moderatore: Andrea

Avatar utente
Massimo Salvadori
Socio GAS TT
Messaggi: 2552
Iscritto il: martedì 1 novembre 2011, 0:01
Nome: Massimo
Regione: Lombardia
Città: Peschiera Borromeo
Stato: Non connesso

Elettrotreno misterioso - i treni Cappa

Messaggio da Massimo Salvadori »

Una appassionato, tempo addietro, aveva inviato ad Andrea alcune foto di un elettrotreno tipo Etr 200 FS in scartamento TT. Ci abiamo messo un po' di tempo ma siamo riusciti a sapere qualcosa di più, lo scartamento è 10 mm, e il produttore è la ditta Cappa di Milano.
Qualche foto e qualche notizia in più la stiamo raccogliendo per aggiornare la sezione del sito www.scalatt.it intitolata "Grande storia di piccole rotaie"[:I][:I][:I][:I]


Massimo Salvadori - la mia collezione in scala TT
Avatar utente
Andrea
Socio GAS TT
Messaggi: 22425
Iscritto il: mercoledì 26 ottobre 2011, 19:42
Nome: Andrea
Regione: Lombardia
Città: Segrate
Ruolo: Amministratore
Stato: Non connesso

Messaggio da Andrea »

Massimo si riferisce a questo articolo:
http://www.scalatt.it/scalatt.htm

Ecco l'elettrotreno misterioso...

Immagine
Andrea - “I fermodellisti sono tanti e legati da un'amicizia sincera, che esplode in una cordialità ormai rara nel mondo rumoroso ed incerto di oggi”. La valle incantata
Avatar utente
Andrea
Socio GAS TT
Messaggi: 22425
Iscritto il: mercoledì 26 ottobre 2011, 19:42
Nome: Andrea
Regione: Lombardia
Città: Segrate
Ruolo: Amministratore
Stato: Non connesso

Messaggio da Andrea »

Approfitto per allegare l'articoletto appena ricevuto da Massimo....

I TRENI CAPPA

Nell’immediato dopoguerra, una piccola ditta di Milano, la Società per Azioni Cappa, volle proporre un sistema completo di ferrovia modello in una scala decisamente più piccola della 00/H0. Il rapporto di riduzione scelto era addirittura 1:150, e questo parecchi anni prima che la Arnold lanciasse la scala N in rapporto 1:160.

L’offerta ai potenziali compratori era articolata e completa. Erano proposte scatole complete di veicoli, binari e trasformatore. La scatola più completa comprendeva un gruppo di comando un ovale di binari con due scambi elettromagnetici e relativi cavi di collegamento e tastiera di comando, un treno completo di locomotiva e vagoni, c’era tutto l’occorrente per realizzare un impianto completo.

Il catalogo comprendeva una locomotiva a vapore a tender separato, di pura fantasia, una locomotiva elettrica che vagamente assomigliava alla E.424 e un elettrotreno a tre casse che rispecchiava nell’estetica l’Etr 200. Quest’ultimo era offerto in tre colori: verde, argento e rosso. Tutti i mezzi avevano una lampadina frontale. I vagoni passeggeri erano di tipo americaneggiante, mentre il carro merci a due assi era chiaramente un carro FS con il tipico tetto a pagoda.

Il binario era in metallo, con massicciata incorporata e traversine in rilievo, assomigliava moltissimo al 1° tipo Rokal (vedi Rokal storia di industria…). Una particolarità era che pur essendo con alimentazione a corrente continua si volle adottare la terza rotaia centrale, con una scelta decisamente insolita. Scambio destro e sinistro, elettromagnetici, sganciatore, un solo raggio di curvatura. Lo scartamento era di 10 mm, avvicinando così questa ferrovia modello più ai prototipi della scala TT che a quelli della scala N.

L’ alimentatore merita una breve descrizione. Come i moderni alimentatori (Bühler e Titan) una manopola provvedeva a regolare la tensione (6 Volt corrente continua) e a invertire il senso di marcia. Una spia rossa avvertiva che l’alimnetatore era collegato alla rete di casa, mentre una spia verde indicava che i circuiti elettrici a valle dell’ alimentatore erano perfettamente collegati e funzionanti. Sul lato destro dell’ alimentatore una presa a spina permetteva di collegare elettricamente una o più tastiere di comando degli scambi, realizzando così un sistema tanto semplice quanto elegante.

Questo sistema, peraltro con delle interessanti caratteristiche, non ebbe fortuna, dopo pochissimi anni la produzione cessò.

Bibliografia :
www.scalatt.it
www.rivarossi-memory.it
Collezione dell’ autore
Andrea - “I fermodellisti sono tanti e legati da un'amicizia sincera, che esplode in una cordialità ormai rara nel mondo rumoroso ed incerto di oggi”. La valle incantata
Avatar utente
marioscd
Socio GAS TT
Messaggi: 4517
Iscritto il: lunedì 23 luglio 2012, 12:56
Nome: Mario
Regione: Lombardia
Città: Valera Fratta
Stato: Non connesso

Messaggio da marioscd »

le radici del fermodellismo, quando i trenini erano davvero solo un gioco... interessante, di questa casa e di questi modelli non ne avevo mai sentito parlare.

ciao
Mario Scuderi - C.M.P. Club Modellismo Pavese ...ciò che è piccolo a volte diventa grande...
Avatar utente
Andrea
Socio GAS TT
Messaggi: 22425
Iscritto il: mercoledì 26 ottobre 2011, 19:42
Nome: Andrea
Regione: Lombardia
Città: Segrate
Ruolo: Amministratore
Stato: Non connesso

Messaggio da Andrea »

Approfitto per allegare un paio di foto...

Immagine:
Immagine
168,19 KB

Immagine:
Immagine
231,2 KB
Andrea - “I fermodellisti sono tanti e legati da un'amicizia sincera, che esplode in una cordialità ormai rara nel mondo rumoroso ed incerto di oggi”. La valle incantata
Avatar utente
Andrea
Socio GAS TT
Messaggi: 22425
Iscritto il: mercoledì 26 ottobre 2011, 19:42
Nome: Andrea
Regione: Lombardia
Città: Segrate
Ruolo: Amministratore
Stato: Non connesso

Messaggio da Andrea »

Max, ho approfittato per aggiornare ora la pagina. :wink:
http://www.scalatt.it/scalatt.htm
Andrea - “I fermodellisti sono tanti e legati da un'amicizia sincera, che esplode in una cordialità ormai rara nel mondo rumoroso ed incerto di oggi”. La valle incantata

Torna a “SCALA 1:120 - DI TUTTO DI PIU'”