Dilatazione rotaie

Loro caratteristiche e come realizzarli.
Avatar utente
giuseppe_risso
Socio GAS TT
Messaggi: 7555
Iscritto il: giovedì 27 ottobre 2011, 22:44
Nome: Giuseppe
Regione: Liguria
Città: Chiavari
Stato: Non connesso

Dilatazione rotaie

Messaggio da giuseppe_risso »

Non mi sembra si sia ancora parlato del problema della dilatazione delle rotaie.
Come nella realtà, anche le rotaie dei plastici si dilatano con il calore, in modo proporzionalmente minore, ma si dilatano.
Non ricordo se in un modulare francese o spagnolo, a una manifestazione internazionale della N, i binari sono letteralmente "saltati in aria" e non hanno potuto usarlo facendo una figura che potete immaginare.
A me stesso, il modulo della stazione di Rivarolo lungo cm. 120, ha creato problemi.
Non avevo previsto spazi di dilatazione perché pensavo che una lunghezza simile non creasse problemi, fino anche, un pomeriggio di agosto di due anni fa, sono entrato nello studio e mi é quasi venuto un coccolone.
Il binario, tutto rettilineo aveva una porzione di circa 40 cm incurvata verso l'alto con un sollevamento centrale di quasi un centimetro.
E' chiaro che i binari non erano fissati bene come immaginavo.
Sono convinto che se ben fissati, non si sollevano, ma quella mia esperienza mi ha insegnato che comunque, con il gran caldo, sono fortemente sollecitati e potrebbero trovare punti deboli come scambi o tratti con un'incollatura non perfetta per creare danni.
Quindi, visto che in diversi ci accingiamo a mettere giù i binari in una stagione fredda, suggerirei di non accostarli perfettamente, ma di lasciare una piccola fessura.
In fondo al vero, fanno così.


Avatar utente
Andrea
Socio GAS TT
Messaggi: 22606
Iscritto il: mercoledì 26 ottobre 2011, 19:42
Nome: Andrea
Regione: Lombardia
Città: Segrate
Ruolo: Amministratore
Stato: Non connesso

Messaggio da Andrea »

Personalmente non ho mai avuto problemi.
Credo che un buon incollaggio dovrebbe garantire la tenuta.
Se non li accostiamo perfettamente, a mio avviso corriamo il rischio di "andare lunghi" rispetto al modulo.
Il problema della dilatazione ci può essere invece sul cuore del deviatoio.
Una dilatazione può mandare in corto il deviatoio al passaggio della loco.
Mi era capitato con Kirchbach ed avevo risolto inserendo uno spessore di carta prima del cuore.
Andrea - “I fermodellisti sono tanti e legati da un'amicizia sincera, che esplode in una cordialità ormai rara nel mondo rumoroso ed incerto di oggi”. La valle incantata
Avatar utente
giuseppe_risso
Socio GAS TT
Messaggi: 7555
Iscritto il: giovedì 27 ottobre 2011, 22:44
Nome: Giuseppe
Regione: Liguria
Città: Chiavari
Stato: Non connesso

Messaggio da giuseppe_risso »

Andrea ha scritto:
Se non li accostiamo perfettamente, a mio avviso corriamo il rischio di "andare lunghi" rispetto al modulo.

A questo non avevo pensato, allora, si potrebbe fare una sottile fresatura al centro.
Avatar utente
Riccardo
Socio GAS TT
Messaggi: 5590
Iscritto il: domenica 11 dicembre 2011, 9:26
Nome: Riccardo
Regione: Lombardia
Città: Lombardia
Età: 11
Stato: Non connesso

Messaggio da Riccardo »

sarebbe un bel "......" ritrovarsi nel bel mezzo di una manifestazione e patatrac... :cool: :cool: :cool:
se si limassero le testate dei binari, magari di un paio di decimi ? così da avere regolarmente una minimo gioco (accentuerebbe anche il bellissimo suono......... ta-tam ta-tam ...... ta-tam ta-tam ..... :grin: )
Riccardo
Avatar utente
Fabrizio
Socio GAS TT
Messaggi: 10516
Iscritto il: giovedì 10 novembre 2011, 21:17
Nome: Fabrizio
Regione: Piemonte
Città: Piossasco
Ruolo: co-amministratore
Stato: Non connesso

Messaggio da Fabrizio »

Su una rotaia si potrebbe pensare di usare i sezionamenti come giunti di dilatazione, invece di usare le scarpette si fa una piccola fresatura. Sull'altra rotaia se ne potrebbe fare una apposta come dice Giuseppe. Occorre prestare attenzione perchè se si fanno le predisposizioni per il sezionamento bisogna portare i fili nel sottoplancia e metterli in corto cirucito. Anche se si realizza una fresatura senza intenzione di sezionamento non sarebbe male saldare sotto due filini, portarli nel sottoplancia e fare un corto circuito. Secondo me quello di predisporre i sezionamenti potrebbe essere un "consiglio" utile se poi si avessero pochi moduli con relè di blocco. Se si hanno i sezionamenti predisposti è un attimo collegare la scheda, inoltre servirebbero come giunto di dilatazione. Nel mi plastico in H0 (piccolo) non ho mai avuto problemi, ma la dilatazione esiste. Anche una leggera fresatura dei binari delle testate come dice Riccardo dovrebbe bastare.
Fabrizio
Avatar utente
Andrea
Socio GAS TT
Messaggi: 22606
Iscritto il: mercoledì 26 ottobre 2011, 19:42
Nome: Andrea
Regione: Lombardia
Città: Segrate
Ruolo: Amministratore
Stato: Non connesso

Messaggio da Andrea »

Per i sezionamenti, io sono per le scarpette isolanti.
Proprio in questo caso, se non ci sono le scarpette, la dilatazione può creare il contatto tra binari sezionati.
Inoltre trovo antiestetico un fungo della rotaia staccato dall'altro.
Nelle foto si nota in maniera pazzesca. :cool:
Andrea - “I fermodellisti sono tanti e legati da un'amicizia sincera, che esplode in una cordialità ormai rara nel mondo rumoroso ed incerto di oggi”. La valle incantata
Avatar utente
Fabrizio
Socio GAS TT
Messaggi: 10516
Iscritto il: giovedì 10 novembre 2011, 21:17
Nome: Fabrizio
Regione: Piemonte
Città: Piossasco
Ruolo: co-amministratore
Stato: Non connesso

Messaggio da Fabrizio »

Purtroppo se si realizza il sezionamento in quel modo l'estetica e compromessa e il corto circuito può essere un eventualità. Se si vuole evitare la seconda occorre fare una fresatura più larga (senza esagerare) e quindi si va nel primo inconveniente. La scarpetta è sicuramente più sicura e meno visibile (anzi non si nota proprio se c'è l'invecchiamento). Se non si vogliono fare fresature quindi credo rimanga solo l'opzione di limare leggermente sulle testate...senza però avere poi un'eccessivo gioco. Forse potrebbe bastare il gioco già previsto? Se i binari non si accostano perfettamente durante la posa, si ottiene l'effetto di scaricare le forze in modo più uniforme e evitare eventuali sollevamenti, però è vero che poi si rischia di andare lunghi sul modulo... e allora li servirebbe una limatura... non saprei.... non ho esperienza sufficiente in modulari :cool:
Fabrizio
Avatar utente
marioscd
Socio GAS TT
Messaggi: 4517
Iscritto il: lunedì 23 luglio 2012, 12:56
Nome: Mario
Regione: Lombardia
Città: Valera Fratta
Stato: Non connesso

Messaggio da marioscd »

sconsiglio di prevedere il punto di dilatazione sulle testate... piuttosto è meglio un piccolo taglio della rotaia verso il centro del modulo con introduzione di una comune scarpetta. Lo spessore del taglio dovrebbe essere sufficiente per assorbire la dilatazione delle rotaie e la scarpetta garantisce comunque l'allineamento.
Tenete presente due cose: 1) se avete optato per la soluzione del terminale rotaia con la basetta di vetroresina saldata oppure con la vite di ottone saldata, sulla testata non potrà esserci lo scarico della dilatazione, per evidenti motivi. 2) attenzione a quando viene realizzata la posa dei binari... in pieno luglio la temperatura potrà essere di 30 e più gradi e corrisponderanno alla massima dilatazione termica della rotaia. Viceversa se il modulo è realizzato in ambiente freddo invernale avremo il minimo della dilatazione... quindi il taglio ottimale dovrebbe essere eseguito a binario freddo in inverno.

ciao
Mario Scuderi - C.M.P. Club Modellismo Pavese ...ciò che è piccolo a volte diventa grande...
Avatar utente
giuseppe_risso
Socio GAS TT
Messaggi: 7555
Iscritto il: giovedì 27 ottobre 2011, 22:44
Nome: Giuseppe
Regione: Liguria
Città: Chiavari
Stato: Non connesso

Messaggio da giuseppe_risso »

<div align="center" id="quote2"><table class="quote"><tr><td class="quotetd"></td></tr><tr><td class="quotetd2"><span class="quotetext">attenzione a quando viene realizzata la posa dei binari... in pieno luglio la temperatura potrà essere di 30 e più gradi e corrisponderanno alla massima dilatazione termica della rotaia. Viceversa se il modulo è realizzato in ambiente freddo invernale avremo il minimo della dilatazione... quindi il taglio ottimale dovrebbe essere eseguito a binario freddo in inverno.

ciao
[/quote]

Ne consegue che se i binari sono posti in opera in piena estate conviene fare il taglio, ma accostare la rotaie in modo che possano accorciarsi liberamente.
O no? :cool:
Avatar utente
eddy john
Messaggi: 230
Iscritto il: giovedì 30 agosto 2012, 12:54
Nome: Eddy John
Regione: Emilia Romagna
Città: Rimini
Stato: Non connesso

Messaggio da eddy john »

Sapere come e quanto può essere utile?

http://www.oppo.it/tabelle/coefficienti ... neare.html

:grin: :grin: :grin: :grin: :grin:
Eddy
Avatar utente
eddy john
Messaggi: 230
Iscritto il: giovedì 30 agosto 2012, 12:54
Nome: Eddy John
Regione: Emilia Romagna
Città: Rimini
Stato: Non connesso

Messaggio da eddy john »

a parte gli scherzi, non sarebbe meglio, nel centro del modulo tagliare in un punto le rotaie a becco d'oca? In questo modo dilatandosi scorrono una a fianco dell'altra mantenendo invariata la continuità... non so, idea venutami al volo...
Eddy
Avatar utente
giuseppe_risso
Socio GAS TT
Messaggi: 7555
Iscritto il: giovedì 27 ottobre 2011, 22:44
Nome: Giuseppe
Regione: Liguria
Città: Chiavari
Stato: Non connesso

Messaggio da giuseppe_risso »

eddy john ha scritto:

a parte gli scherzi, non sarebbe meglio, nel centro del modulo tagliare in un punto le rotaie a becco d'oca? In questo modo dilatandosi scorrono una a fianco dell'altra mantenendo invariata la continuità... non so, idea venutami al volo...


Ma se quella interna scivola troppo va a ostacolare la ruota.
Avatar utente
eddy john
Messaggi: 230
Iscritto il: giovedì 30 agosto 2012, 12:54
Nome: Eddy John
Regione: Emilia Romagna
Città: Rimini
Stato: Non connesso

Messaggio da eddy john »

giuseppe_risso ha scritto:
eddy john ha scritto:

a parte gli scherzi, non sarebbe meglio, nel centro del modulo tagliare in un punto le rotaie a becco d'oca? In questo modo dilatandosi scorrono una a fianco dell'altra mantenendo invariata la continuità... non so, idea venutami al volo...


Ma se quella interna scivola troppo va a ostacolare la ruota.


vedi le idee frettolose.... [:I][:I] :wink:
Eddy
Avatar utente
giuseppe_risso
Socio GAS TT
Messaggi: 7555
Iscritto il: giovedì 27 ottobre 2011, 22:44
Nome: Giuseppe
Regione: Liguria
Città: Chiavari
Stato: Non connesso

Messaggio da giuseppe_risso »

giuseppe_risso ha scritto:
eddy john ha scritto:

a parte gli scherzi, non sarebbe meglio, nel centro del modulo tagliare in un punto le rotaie a becco d'oca? In questo modo dilatandosi scorrono una a fianco dell'altra mantenendo invariata la continuità... non so, idea venutami al volo...


Ma se quella interna scivola troppo va a ostacolare la ruota.


Ma é solo ragionando e proponendo che, alla fine, si trova la soluzione migliore :grin:
Avatar utente
gavinca
Socio GAS TT
Messaggi: 1871
Iscritto il: martedì 22 maggio 2012, 13:07
Nome: Carlo
Regione: Piemonte
Città: Bellinzago
Stato: Non connesso

Messaggio da gavinca »

Facendo 2 conti con le tabelle postate da Eddy:
- 1 metro di binario
- di Alluminio (caso peggiore)
- 20 gradi di differenza tra inverno e estate
l'espansione dovrebbe essere di 0,46 mm

Se non ci mettiamo nel caso peggiore magari e sufficiente lasciare qualche decimo per evitare problemi.
Dite che anche i Francesi avevano fatto lo stesso ragionamento e sono rimatri fregati :cool: :cool: ?
Avatar utente
scuderiroberto
Messaggi: 104
Iscritto il: martedì 27 novembre 2012, 7:46
Nome: Roberto
Regione: Sicilia
Città: San Gregorio di Catania
Stato: Non connesso

Messaggio da scuderiroberto »

Se posso intervenire, vorrei dire da profano, che ciò che descrivete non mi è mai capitato e vorrei a questo punto porre un quesito: ho visto in vari siti che qualche fermodellista salda i binari per garantirsi un ottima elettrificazione degli stessi. E' quindi errato?
Roberto Scuderi - www.dalmatadelletna.com
Avatar utente
liftman
Socio GAS TT
Messaggi: 7592
Iscritto il: domenica 29 gennaio 2012, 14:40
Nome: Rolando
Regione: Liguria
Città: La Spezia
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Messaggio da liftman »

Scusatre ma.... in che materiale sono le rotaie? perchè un metro di ferro con 30° di aumento di temperatura cresce di 0,00036 metri (questo almeno stando ai calcolo usando la tabella trovata qua: http://www.oppo.it/tabelle/coefficienti ... neare.html), quindi a mio modesto ed opinabile parere, salvo che chi monta i binari lo faccia isotto una tormenta di neve, e poi lo esponga in una serra nel deserto del sahara, le dilatazioni in un nodulo di 996 mm possono essere cautamente trascurabili. o no? :wink:
Ciao! Rolando
Avatar utente
marioscd
Socio GAS TT
Messaggi: 4517
Iscritto il: lunedì 23 luglio 2012, 12:56
Nome: Mario
Regione: Lombardia
Città: Valera Fratta
Stato: Non connesso

Messaggio da marioscd »

caro Rolando... concordo!!!! sui nostri moduli da 120 cm in H0 e rotaie saldate non abbiamo mai avuto problemi! Il taglio in mezzo è proprio una finezza, se vogliamo... e comunque deve essere largo pochi decimi, come la lama da taglio del Dremel, non di più.

ciao

PS onestamente un sollevamento di un cm mi pare una cosa enorme... che scala era il plastico d'oltralpe? e quanto lunghe le sezioni di rotaia?
Mario Scuderi - C.M.P. Club Modellismo Pavese ...ciò che è piccolo a volte diventa grande...
Avatar utente
giuseppe_risso
Socio GAS TT
Messaggi: 7555
Iscritto il: giovedì 27 ottobre 2011, 22:44
Nome: Giuseppe
Regione: Liguria
Città: Chiavari
Stato: Non connesso

Messaggio da giuseppe_risso »

liftman ha scritto:

Scusatre ma.... in che materiale sono le rotaie? perchè un metro di ferro con 30° di aumento di temperatura cresce di 0,00036 metri (questo almeno stando ai calcolo usando la tabella trovata qua: http://www.oppo.it/tabelle/coefficienti ... neare.html), quindi a mio modesto ed opinabile parere, salvo che chi monta i binari lo faccia isotto una tormenta di neve, e poi lo esponga in una serra nel deserto del sahara, le dilatazioni in un nodulo di 996 mm possono essere cautamente trascurabili. o no? :wink:


Eppure ti garantisco che a me é successo.
Sicuramente saranno stati male incollati, ma é successo.
I binari erano scala N e su una lunghezza di cm 120.
Il sollevamento al centro non l'ho misurato, ho detto un cm a occhio, sarà stato meno? forse si, ma certo che era notevole.
Penso anche di averlo fotografato, se trovo le foto( chissà in cartella sono finite) le pubblico.
Avatar utente
marioscd
Socio GAS TT
Messaggi: 4517
Iscritto il: lunedì 23 luglio 2012, 12:56
Nome: Mario
Regione: Lombardia
Città: Valera Fratta
Stato: Non connesso

Messaggio da marioscd »

incredibile! sarei davvero curioso di vedere quella foto... mi chiedo come non avessero nessun punto di sfogo, quei binari... mi hai incuriosito!

ciao
Mario Scuderi - C.M.P. Club Modellismo Pavese ...ciò che è piccolo a volte diventa grande...
Avatar utente
Andrea
Socio GAS TT
Messaggi: 22606
Iscritto il: mercoledì 26 ottobre 2011, 19:42
Nome: Andrea
Regione: Lombardia
Città: Segrate
Ruolo: Amministratore
Stato: Non connesso

Messaggio da Andrea »

Scusate, ma allora non avete presente cosa è in grado di fare Giuseppe...
Questi li ha posati lui poco prima di Carnate. :cool: :cool: :cool:

Andrea - “I fermodellisti sono tanti e legati da un'amicizia sincera, che esplode in una cordialità ormai rara nel mondo rumoroso ed incerto di oggi”. La valle incantata
Avatar utente
liftman
Socio GAS TT
Messaggi: 7592
Iscritto il: domenica 29 gennaio 2012, 14:40
Nome: Rolando
Regione: Liguria
Città: La Spezia
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Messaggio da liftman »

giuseppe_risso ha scritto:

Eppure ti garantisco che a me é successo.
Sicuramente saranno stati male incollati, ma é successo.
I binari erano scala N e su una lunghezza di cm 120.
Il sollevamento al centro non l'ho misurato, ho detto un cm a occhio, sarà stato meno? forse si, ma certo che era notevole.
Penso anche di averlo fotografato, se trovo le foto( chissà in cartella sono finite) le pubblico.


Lungi da me solo l'idea di mettere in dubbio quello che dici, la dilatazione è un fatto fisico e, almeno stando alla tabella, prevedibile. Lo stesso non si può però dire del supporto, al di là del fatto che possano essere stati fissati più o meno bene, magari è stato il legno a incurvarsi, o entrambe le cose :wink: :wink:
Ciao! Rolando
Avatar utente
giuseppe_risso
Socio GAS TT
Messaggi: 7555
Iscritto il: giovedì 27 ottobre 2011, 22:44
Nome: Giuseppe
Regione: Liguria
Città: Chiavari
Stato: Non connesso

Messaggio da giuseppe_risso »

marioscd ha scritto:

incredibile! sarei davvero curioso di vedere quella foto... mi chiedo come non avessero nessun punto di sfogo, quei binari... mi hai incuriosito!

ciao


Punti di sfogo non ne avevano perché erano tratti di binario flessibile, rettilinei, accostati, senza scambi e saldati su basette di rame alle estremità.
Ora non ricordo se il binario si é tirato su anche il sughero, ma non certo il compensato marino che é un pezzo unico cm 40x120 (non c'é il rialzo per la massicciata).
Avatar utente
eddy john
Messaggi: 230
Iscritto il: giovedì 30 agosto 2012, 12:54
Nome: Eddy John
Regione: Emilia Romagna
Città: Rimini
Stato: Non connesso

Messaggio da eddy john »

giuseppe_risso ha scritto:
marioscd ha scritto:

incredibile! sarei davvero curioso di vedere quella foto... mi chiedo come non avessero nessun punto di sfogo, quei binari... mi hai incuriosito!

ciao


Punti di sfogo non ne avevano perché erano tratti di binario flessibile, rettilinei, accostati, senza scambi e saldati su basette di rame alle estremità.
Ora non ricordo se il binario si é tirato su anche il sughero, ma non certo il compensato marino che é un pezzo unico cm 40x120 (non c'é il rialzo per la massicciata).


Forse è proprio l'adesivo utilizzato?
Eddy
Avatar utente
giuseppe_risso
Socio GAS TT
Messaggi: 7555
Iscritto il: giovedì 27 ottobre 2011, 22:44
Nome: Giuseppe
Regione: Liguria
Città: Chiavari
Stato: Non connesso

Messaggio da giuseppe_risso »

eddy john ha scritto:

Forse è proprio l'adesivo utilizzato?


Sicuramente, i binari, erano male fissati.
Altro fatto che può aver agevolato é che erano tutti binari flessibili e quindi meno rigidi e con poche giunzioni.
Usando binari da 166, per quanto si accostino bene, un po' di sfogo lo potrebbero già avere..
Ma il problema é che questa dilatazione, non solo esiste, ma cerca sfogo nei punti deboli.
Nel mio caso l'incollaggio, in altri casi potrebbe essere uno scambio o qualcosa d'altro.
C'é da dire che i nostri pannelli sono un po' più corti e quindi si sentirà meno.
Comunque, io, sulla linea, una piccola fresatura la farò.
Poi, magari non server, ma non quasta. :grin:

Torna a “PANNELLI”