Delusione acme

Discussioni relative alla scala H0 1:87

Moderatori: adobel55, cararci, MrMassy86, lorelay49

Rispondi
Avatar utente
albi80
Messaggi: 7
Iscritto il: dom nov 10, 2019 2:49 pm
Nome: alberto
Regione: piemonte
Città: torino
Stato: Non connesso

Delusione acme

Messaggio da albi80 » gio gen 09, 2020 8:24 pm

Buonasera a tutti
Per Natale mi sono regalato il set digitale Acme, quello con la D342 e il carro generatore. A parte che la loco ha il gancio più alto di circa 7mm e al primo utilizzo pensavo che avesse anche il suono, ma invece è un rumore del tutto innaturale, il carro dotato di fumogeno non ne vuole sapere di funzionare. Col negoziante l abbiamo provato in tutti i modi e nulla. L'unico modo per farlo fumare è collegare due cavi distante al fumogeno, altrimenti nulla. Qualcuno di voi ha questo caso? Funziona? Grazie e buona serata

Discussione spostata in scala H0
Alberto

Avatar utente
Criss Amon
Messaggi: 2241
Iscritto il: gio ott 01, 2015 11:14 pm
Nome: Francesco Maria
Regione: Sicilia
Città: Catania
Età: 62
Stato: Non connesso
Contatta:

Re: Delusione acme

Messaggio da Criss Amon » ven gen 10, 2020 11:33 pm

A me non piacciono né il digitale né i trenini ACME! E che ci posso fare!!! Da ignorante faccio una domanda: se il carro generatore dotato di fumogeno deve essere azionato con la centralina, il carro deve avere un ricevitore! C'è questo ricevitore? Se c'è è guasto, e ti devono cambiare la confezione (il set digitale), se non c'è … ! Stessa cosa vale per i gadget della locomotiva! Il gancio più alto di 7 mm? E che ci vuoi fare! A meno che non sia anche questo un difetto occasionale.
Non te la prendere! Io ho avuto in mano le Corbellini LIMA Colletion, roba da raffinati … avrò modo di parlarne. Cos'è il rapporto qualità/prezzo? Finché compri a un prezzo basso tolleriamo tutto, ma altrimenti ……….
Ciao!!!
Francesco Maria Spampinato - Viaggio fantastico - Canale Video

Avatar utente
fabio
Messaggi: 1195
Iscritto il: lun dic 17, 2012 2:16 pm
Nome: fabio
Regione: Lazio
Città: roma
Età: 58
Stato: Non connesso

Re: Delusione acme

Messaggio da fabio » sab gen 11, 2020 12:22 am

mi sono documentato un pò,sembra sia un set con tanto di centralina allegata?
La loco è digitalizzata ma non sound,il carro ha un decoder dedicato.
avete controlato bene che state comandando i decoder con le cv giuste?
La loco e il carro sono Acme...ma la centralina è buona,il generatore e shuttle,magari fare una verifica con una centrale più performante e in caso mandare tutto indietro.
Fabio - plastico H0 epoca II-III -
GFRS Gruppo Fermodellistico Romano Sogliola

Avatar utente
albi80
Messaggi: 7
Iscritto il: dom nov 10, 2019 2:49 pm
Nome: alberto
Regione: piemonte
Città: torino
Stato: Non connesso

Re: Delusione acme

Messaggio da albi80 » sab gen 11, 2020 5:50 pm

Ciao
Si la centralina è buona, di facile utilizzo e per un impianto medio più che sufficiente.
Parlando con altri m modellisti ho scoperto che i modelli Acme sono bellissimi se tenuti in vetrina ma usati si plastici hanno dei problemi.... Soprattutto le loco.
Mentre per il mio carro ho risolto. L 'ho smontato prezzo per pezzo e ho scoperto che i cavi che prendono corrente dalle ruote erano collegati entrambi dallo stesso lato.....
Alberto

Avatar utente
fabio
Messaggi: 1195
Iscritto il: lun dic 17, 2012 2:16 pm
Nome: fabio
Regione: Lazio
Città: roma
Età: 58
Stato: Non connesso

Re: Delusione acme

Messaggio da fabio » sab gen 11, 2020 7:21 pm

albi80 ha scritto:
sab gen 11, 2020 5:50 pm
Ciao
Si la centralina è buona, di facile utilizzo e per un impianto medio più che sufficiente.
Parlando con altri m modellisti ho scoperto che i modelli Acme sono bellissimi se tenuti in vetrina ma usati si plastici hanno dei problemi.... Soprattutto le loco.
si purtroppo non è una novità.....
albi80 ha scritto:
sab gen 11, 2020 5:50 pm
Mentre per il mio carro ho risolto. L 'ho smontato prezzo per pezzo e ho scoperto che i cavi che prendono corrente dalle ruote erano collegati entrambi dallo stesso lato.....
a bè tutto sommato pensavo peggio trattandosi di Cacme
Fabio - plastico H0 epoca II-III -
GFRS Gruppo Fermodellistico Romano Sogliola

Avatar utente
Egidio
Messaggi: 11793
Iscritto il: gio mag 17, 2012 1:26 pm
Nome: Egidio
Regione: Abruzzo
Città: Ortona
Età: 55
Stato: Non connesso

Re: Delusione acme

Messaggio da Egidio » dom gen 12, 2020 11:52 am

fabio ha scritto:
sab gen 11, 2020 7:21 pm
albi80 ha scritto:
sab gen 11, 2020 5:50 pm
Ciao
Si la centralina è buona, di facile utilizzo e per un impianto medio più che sufficiente.
Parlando con altri m modellisti ho scoperto che i modelli Acme sono bellissimi se tenuti in vetrina ma usati si plastici hanno dei problemi.... Soprattutto le loco.
si purtroppo non è una novità.....
albi80 ha scritto:
sab gen 11, 2020 5:50 pm
Mentre per il mio carro ho risolto. L 'ho smontato prezzo per pezzo e ho scoperto che i cavi che prendono corrente dalle ruote erano collegati entrambi dallo stesso lato.....
a bè tutto sommato pensavo peggio trattandosi di Cacme
Ribadisco ancora una volta la mediocrita' di un' azienda che non ha nessuna voglia di voler crescere dal punto di vista qualitativo. Anzi, secondo me,
si prende solo beffa di noi modellisti che talvolta, attratti da un modello a cui noi rivolgiamo tutte le ns. attenzioni e desideri, purtroppo cadiamo nella loro "trappola". A conferma di quello da me affermato e' che stavo alcuni giorni fa per prendere l' ultima locomotiva nata in casa ACME, la 652 in livrea M.I.R. Dopo essermi consultato con un mio carissimo amico, il quale anche lui aveva messo su l'occhio su questo modello, e dopo avere visto alcune recensioni su un altro Forum, che per correttezza di informazione non cito, abbiamo entrambi desistito. Tutto perche' la locomotiva in questione ha deluso ampiamente le ns. aspettative che e' solo piena di difetti e di carenze costruttive. E mi limito qui.........Legittimo dunque anch' io e quoto in pieno le affermazioni di chi mi ha preceduto. Saluti. Egidio. [51]
Egidio Lofrano

Avatar utente
Criss Amon
Messaggi: 2241
Iscritto il: gio ott 01, 2015 11:14 pm
Nome: Francesco Maria
Regione: Sicilia
Città: Catania
Età: 62
Stato: Non connesso
Contatta:

Re: Delusione acme

Messaggio da Criss Amon » dom gen 12, 2020 12:43 pm

Nel dicembre del 2013 ACME ha presentò, in occasione di MeMo 2013, la E646-063 del deposito di Messina! Fu una collaborazione fra AFS e ACME che ha portato alla realizzazione di un modello perfetto. Allora ci scrissi pure un libro

https://www.viaggiofantastico.it/images/letture/10.pdf

che poco tempo dopo finì nel dimenticatoio, e non si cercò nemmeno di capire cosa volessi dire. E poi, pare più nulla.
A suo tempo feci presente una piccola cosa: dal momento che si tratta di modelli da bacheca, che si faccia anche una versione senza motore; nel caso un modellista più esperto mette il motore che vuole. Questo avrebbe significato una riduzione del prezzo, e l'allargamento a una platea più ampia di acquirenti! Nulla! Col sospetto che il prezzo alto non è molto giustificato! Quindi, deluso anch'io per altri aspetti!
E poi ognuno compra un modellino perché gli piace!
Però ora consiglio o di chiudere qui la discussione su ACME o di spostarla su un'altra sezione! Qui mi sembra un po' fuori tema!
Ciao!!!
Francesco Maria Spampinato - Viaggio fantastico - Canale Video

Avatar utente
lorelay49
Socio GAS TT
Messaggi: 2510
Iscritto il: ven gen 25, 2013 6:32 pm
Nome: giuliano
Regione: Lombardia
Città: Locate di Triulzi
Ruolo: Moderatore
Età: 70
Stato: Non connesso

Re: Delusione acme

Messaggio da lorelay49 » dom gen 12, 2020 1:39 pm

Non vedo perché chiudere una discussione interessante come questa, ben vengano questi confronti, servono per essere aggiornati sulle aziende che producono modelli e noi acquirenti magari inesperti possiamo rilevare leggendo le imperfezioni e/o mancanze dovute alla poco attenzione del prodotto da parte delle case produttrici....
Io ho sempre affermato che se ACME adottasse una politica di controllo qualità seria darebbe del filo da torcere a parecchie azienda affermate [264] [253] [253]
Giuliano

Avatar utente
Criss Amon
Messaggi: 2241
Iscritto il: gio ott 01, 2015 11:14 pm
Nome: Francesco Maria
Regione: Sicilia
Città: Catania
Età: 62
Stato: Non connesso
Contatta:

Re: Delusione acme

Messaggio da Criss Amon » dom gen 12, 2020 2:37 pm

Sono d'accordo. E aggiungerei qualità nella robustezza: ricordo le battute di tanta gente che parlavano dei treni ACME che si "smontavano da soli".
E aggiungerei anche uno spettro più ampio dell'utenza, e fare anche modelli più economici (compreso i modelli da bacheca privi di motore destinati ai collezionisti). Però, nessuna azienda ascolta i pareri dell'utenza. L'unica domanda che si pongono è: "Lo comprano o non lo comprano?" E per la nostra passione occorre tempo e denaro e di questi tempi mancano tutti e due. Giuliano, non è solo la ACME, forse è un vizio dei cosiddetti modelli "preziosi".
Ho comprato d'occasione delle vetture LIMA Collection Corbellini: accettando l'occasione ho chiuso gli occhi su tutti gli errori che ho trovato, e ho provato a correggerli. Ma la perplessità è rimasta: queste vetture, vendute 35 e anche 40 euro l'una, hanno gli stessi errori di quelle da me comprate? Avrò modo di parlarne fra qualche giorno e spero che direte la vostra!
Ciao!!!
Francesco Maria Spampinato - Viaggio fantastico - Canale Video

Avatar utente
Egidio
Messaggi: 11793
Iscritto il: gio mag 17, 2012 1:26 pm
Nome: Egidio
Regione: Abruzzo
Città: Ortona
Età: 55
Stato: Non connesso

Re: Delusione acme

Messaggio da Egidio » dom gen 12, 2020 5:32 pm

lorelay49 ha scritto:
dom gen 12, 2020 1:39 pm
Non vedo perché chiudere una discussione interessante come questa, ben vengano questi confronti, servono per essere aggiornati sulle aziende che producono modelli e noi acquirenti magari inesperti possiamo rilevare leggendo le imperfezioni e/o mancanze dovute alla poco attenzione del prodotto da parte delle case produttrici....
Io ho sempre affermato che se ACME adottasse una politica di controllo qualità seria darebbe del filo da torcere a parecchie azienda affermate [264] [253] [253]
Sono pienamente d' accordo con le tue affermazioni Giuliano. E sono d' accordo anche che se ne debba parlare. Soprattutto perche' fra noi modellisti deve poter girare libera informazione ed e' giusto che sia sappiano le varie "maccatelle" delle varia aziende produttrici di rotabili. Non dimentichiamoci anche che l' Acme i suoi modelli se li fa pagare davvero a peso d' oro. E per che cosa ? Poterli metter soltanto in vetrina...... :twisted: :twisted: Saluti. Egidio. [51]
Egidio Lofrano

Avatar utente
Criss Amon
Messaggi: 2241
Iscritto il: gio ott 01, 2015 11:14 pm
Nome: Francesco Maria
Regione: Sicilia
Città: Catania
Età: 62
Stato: Non connesso
Contatta:

Re: Delusione acme

Messaggio da Criss Amon » lun gen 13, 2020 11:38 pm

Qui c'è la mia avventura con le Corbellini!! Poi ci sarà anche un video!

https://www.viaggiofantastico.it/images/2020/f11.pdf

Filtrando l'enfasi del racconto, con l'Aliena che fa da narratrice (non piace a tutti), potete capire cosa mi è capitato. Se volete dire la Vostra vi ascolto!!
Ciao!!!
Francesco Maria Spampinato - Viaggio fantastico - Canale Video

Avatar utente
Roberto Fainelli
Messaggi: 342
Iscritto il: ven lug 19, 2013 2:45 pm
Nome: Roberto
Regione: Umbria
Città: Orvieto
Età: 55
Stato: Connesso

Re: Delusione acme

Messaggio da Roberto Fainelli » mar gen 14, 2020 8:24 am

Racconto la mia.Ho preso il 652 MIR acme,prima macchina ex nuovo della acme,perché,dicono avente la stessa meccanica della 402B che invece ho preso usata e che va bene.Messa sul binario e settata le varie CV in funzione dei miei desideranda dopo una mezz' ora ha iniziato a strappare in modo vistoso. Interpellato un amico possessore di macchine di questa ditta e competente nelle relative problematiche mi dice che avendo gli stessi problemi l'ha smontata totalmente ed ha verificato che ha problemi di lubruficazione essendo secchi tutti gli ingranaggi.Lui ha addirittura limato l'interno delle fiancate dei carrelli perché interferiscono con gli assi creando un attrito che sommato a quello della aridità della trasmissione e interagisce sulla regolazione della CV 56 e provvoca la marcia discontinua.Infatti azzerando la CV in questione la macchina é molto più fluida. Ha pure regolato lo scartamento degli assi.A voi le considerazioni poliche,economiche e culturali.Ora é ferma su un tronchino in attesa di trovare un momento di tranquillità per metterci le mani che nel mio caso possono essere molto pesanti considerando che le incavolature ce le ho con i treni veri e manco tanto ma non le voglio assolutamente con quelli in scala essendo il modellismo un passatempo per scaricarsi dalla routine quotidiana e non per il contrario.
Roberto - Non bisogna confondere la gentilezza con la debolezza.

Avatar utente
Criss Amon
Messaggi: 2241
Iscritto il: gio ott 01, 2015 11:14 pm
Nome: Francesco Maria
Regione: Sicilia
Città: Catania
Età: 62
Stato: Non connesso
Contatta:

Re: Delusione acme

Messaggio da Criss Amon » mar gen 14, 2020 12:17 pm

Cominciamo col notare che anche i modelli ACME sono fatti in Cina, e quasi tutti i trenini sono fatti in Cina, ma forse questo è irrilevante.
Vediamo com'è fatto un modellino di locomotore: ha una carrozzeria, spesso con troppi aggiuntivi da montare, un motore molto spesso cardanico, le luci, la scheda elettronica.
La scheda elettronica la giustifico per i modelli digitali o predisposti ad esserlo, ma per i modelli analogici è una esagerazione. Prendiamo un modello analogico (la E424 analogica). La scheda elettronica sta sopra il motore, incastrata, bloccata dalle saldature, e governa motore e led per le luci; ma perché i led non hanno incorporato il loro corredo elettronico? Se così fosse il modellista li tratterebbe come delle lampade e li monterebbe senza difficoltà anche su altri suoi modelli. Se si guasta il motore occorre rimuovere la scheda elettronica, ovvero dissaldare almeno quattro fili, col rischio di non poterli risaldare. Conclusione: sono modelli "usa e getta", quando non dovevano esserlo. Questi trenini sono studiati nell'ottica di ottimizzarne l'assemblaggio durante la produzione, ridurne i tempi. E di conseguenza sono poco duttili, difficili da riparare.
I trenini LIMA degli anni 70 erano duttili, facili da riparare, un po' meno quelli degli anni ottanta, ma solo a causa di una intrinseca (e ingiustificata) fragilità nella carrozzeria. I LIMA degli anni successivi erano impossibili o quasi da riparare.
Tuttavia ho avuto modo di mettere le mani su un trenino PIKO di recente costruzione: pur essendo lontano dai modelli LIMA degli anni 70, ho notato una certa duttilità, e possibilità di azione in fase di riparazione (Start-set ICE).
Però io continuo a parlare di trenini tutto sommano economici. E' assurdo che un modellino "prezioso" e costoso sia tecnicamente un modello "usa e getta", poco duttile, quasi impossibile da riparare! E non credo che abbia senso comprare un modellino per rivenderlo quando il suo prezzo aumenta.
Una cosa: quando parlo di riparazioni, intendo riparazioni con acquisto minimale o addirittura nullo di parti di ricambio. Fra l'altro, col costo dei ricambi, in alcuni casi, è più conveniente comprare tutto il modelli nuovo.
Scusate la lungaggine!
Ciao!!!
Francesco Maria Spampinato - Viaggio fantastico - Canale Video

Rispondi

Torna a “SCALA H0”