ETR 250 Arlecchino

Discussioni relative alla scala H0 1:87

Moderatori: cararci, adobel55, MrMassy86

Rispondi
Avatar utente
claudio.co958
Messaggi: 608
Iscritto il: ven feb 08, 2013 6:19 pm
Nome: claudio
Regione: Lazio
Città: latina
Età: 60
Stato: Connesso

ETR 250 Arlecchino

Messaggio da claudio.co958 » mer nov 14, 2018 12:53 pm

Salve, spero di non ripetere un argomento già trattato, ... con il " CERCA ... " non ho trovato niente, ... anche perchè la cosa, penso, sia recente.
mi riferisco ad una nuova immissione sul mercato dell'ETR 250 Arlecchino della ditta ACME, ... ( dal sito del noto Livorno )
se ne parla male, ... se ne parla bene, ... ha un sacco di difetti, ... è un convoglio molto bello e particolare, ... è un pezzo di storia dell'Italia del boom economico, ... vabbè ... tutte ste cose, ... ma al dunque ... che ve ne pare ????
un consiglio spassionato, ... tecnico e non ... ( stiamo parlando di più di 400 €uris ... a parte questo piccolo particolare !!!! )
resto in trepida attesa di un Vs cenno
Claudio

Avatar utente
MrPatato76
Socio GAS TT
Messaggi: 4021
Iscritto il: lun ago 27, 2012 11:14 am
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Nova Milanese
Età: 43
Stato: Non connesso

Re: ETR 250 Arlecchino

Messaggio da MrPatato76 » mer nov 14, 2018 1:36 pm

Leggendo nei vari Forum, dovrebbe avere gli stessi problemi di circolabilità del suo fratello maggiore.
Dipende cosa vuoi farci...farlo consumare sul plastico a furia di vederlo girare? Magari allora sarebbe il caso di tenersi i soldi....
Ammirarlo in vetrina (o ancora meglio su un diorama dedicato) e fargli sgranchire le ruote ogni tanto? Allora puoi fare l'investimento.
E' una scelta tua.
Comunque è un gran bel rotabile!
Roberto - "...il bambino che vede un treno lo saluta con la manina, questo non succede con un auto!" (Cit.) - Ciao Roberto

Avatar utente
claudio.co958
Messaggi: 608
Iscritto il: ven feb 08, 2013 6:19 pm
Nome: claudio
Regione: Lazio
Città: latina
Età: 60
Stato: Connesso

Re: ETR 250 Arlecchino

Messaggio da claudio.co958 » mer nov 14, 2018 6:59 pm

... ti ringrazio del commento, + o - era la mia stessa idea, ... resto in attesa di altri commenti, ... magari qualcuno che se lo è comprato ... :D
Claudio

Avatar utente
fabio
Messaggi: 1168
Iscritto il: lun dic 17, 2012 2:16 pm
Nome: fabio
Regione: Lazio
Città: roma
Età: 58
Stato: Non connesso

Re: ETR 250 Arlecchino

Messaggio da fabio » mer nov 14, 2018 9:39 pm

claudio.co958 ha scritto:
mer nov 14, 2018 6:59 pm
... ti ringrazio del commento, + o - era la mia stessa idea, ... resto in attesa di altri commenti, ... magari qualcuno che se lo è comprato ... :D
IO acquistato mai girato su ben tre plastici,rimandato indietro e ricevuto con una lettera di accompagnamento dove mi si chiedeva di provarlo se andava bene....
restituito e chiuso i contatti con il venditore.
bellissimo per una vetrina o per chi ha plastici con rettilinei da 30 mt e curve di raggio 20000 :lol:
Fabio - plastico H0 epoca II-III -
GFRS Gruppo Fermodellistico Romano Sogliola

Avatar utente
claudio.co958
Messaggi: 608
Iscritto il: ven feb 08, 2013 6:19 pm
Nome: claudio
Regione: Lazio
Città: latina
Età: 60
Stato: Connesso

Re: ETR 250 Arlecchino

Messaggio da claudio.co958 » gio nov 15, 2018 9:22 am

... ho capito ... !!!
mi sa che mi terrò l'Arlecchino in scala N, modello statico da vetrinetta ( Hachette ) ... e risparmio + di 400 Euris
grazie a tutti gli amici
Claudio

Avatar utente
Peppe Petronio
Messaggi: 831
Iscritto il: mer lug 17, 2013 9:37 pm
Nome: Giuseppe
Regione: Sicilia
Città: ENNA
Età: 70
Stato: Non connesso

Re: ETR 250 Arlecchino

Messaggio da Peppe Petronio » gio nov 15, 2018 11:59 am

... ho capito ... !!!
mi sa che mi terrò l'Arlecchino in scala N, modello statico da vetrinetta ( Hachette ) ... e risparmio + di 400 Euris
grazie a tutti gli amici

Tranquillo, anch'io,tempo fa volevvo acquistarlo in una fiera a Novegro,ma come da informazioni assunte mi è stato sconsigliato, e ora anche io ho un modello staatico da vetrinetta che ammiro ogni volta che sento la nostalgia, ma ho risparmiato 600 Euro.
Saluti Peppe
Peppe Petronio

Avatar utente
iname1030
Socio GAS TT
Messaggi: 24
Iscritto il: mer apr 19, 2017 8:05 pm
Nome: Adriano
Regione: Lombardia
Città: Brescia
Età: 61
Stato: Non connesso
Contatta:

Re: ETR 250 Arlecchino

Messaggio da iname1030 » ven nov 16, 2018 8:38 pm

A parte i mantici che potevano avere un' ispirazione piu' fervida, secondo me "esternamente" è realizzato bene, questo pero' non basta a scusare o nascondere i problemi che ci sono "dentro". Progettazione/realizzazione di agganci e movimenti dei carrelli solo di presenza. Nessun ricambio dopo anni dall'uscita. Dopo anni di accantonamento mi son deciso a "riprenderlo" da capo a piedi in questi ultimi mesi. Eventualmente lo utilizzero' "folle" con rinforzo/traino , ma lasciatemi dire che non usero' un E444 della stessa ditta. La circolabilità è buona a partire da R = 480 mm, se non si hanno controcurve ravvicinate. Se non si vuole tribulare meglio lasciarlo in vetrina o sugli scaffali. Non lo riprenderei. Saluti, Adriano.

Avatar utente
Fabrizio
Socio GAS TT
Messaggi: 9934
Iscritto il: gio nov 10, 2011 9:17 pm
Nome: Fabrizio
Regione: Piemonte
Città: Piossasco
Ruolo: co-amministratore
Stato: Non connesso

Re: ETR 250 Arlecchino

Messaggio da Fabrizio » ven nov 16, 2018 9:28 pm

Non saprei se qualcuno ha fatto delle modifiche per migliorare la circolabilità di questo treno. Qualcuno di voi l'ha fatto o conosce qualcuno che l'ha fatto?

Ormai non ho più il plastico e comunque l' ETR 250 non sarebbe stato nella mia epoca di interesse, ma sul mio plastico purtroppo non poteva girare quasi nulla senza modifiche [105]
Fabrizio Borca

Avatar utente
iname1030
Socio GAS TT
Messaggi: 24
Iscritto il: mer apr 19, 2017 8:05 pm
Nome: Adriano
Regione: Lombardia
Città: Brescia
Età: 61
Stato: Non connesso
Contatta:

Re: ETR 250 Arlecchino

Messaggio da iname1030 » sab nov 17, 2018 1:46 am

La difficoltà sta nel togliere le carrozzerie senza rovinarle, bisogna essere consapevoli di avere molta attenzione. La scheda per aprirle da me usata è si rigida ma sottile meno della metà rispetto ad un carta di credito. Ho iniziato dalle carrozze 2 e 3 che hanno la carrozzeria piu' elastica, la 1 - 4 sono parecchio piu rognose. Nel mio modello già il ri-saldare i diversi cavi mezzo spezzati ha permesso di non sentire ronzare il decoder e di non andare a scatti. La seconda operazione è stata di verificare lunghezza, forma e scorrimento dei 5 cavi delle condotte passanti sdei carrelli quando questi sono impegnati nelle curve. Via il tubetto termorestringente di 4 mm di diametro infilato sui 5 cavi che fa solo spessore, via qualche millimetro di strisce verticali di scompartimento in prossimità dei suddetti cavi in modo da migliorare ancora lo scorrimento (il tutto resta poi dietro i mantici, vedi immagine seguente).
Immagine
A questo punto i cavi sono stati poi "foggiati" in modo da assecondare il profilo del treno senza interferenze (ricordarsi di controllare le saldature dei cavi ai pin delle spine, sotto il loro termorestringente).
Sono passato poi a modificare i pioli di aggancio delle molle in modo che si aggancino tutte ( e non era cosi) e non si sgancino. Mantenuti quelli in plasica in quanto almeno corretti come forma (sono a 90°) ho modificato i 2 pioli verticali che non hanno la possibilità di arrestare le molle in quanto sono lisci (questi 2 pioli sono quelli delle molle per le code di rondine dei ganci tra le carrozze 2 e 3). Ho dovuto creare uno scasso per entrare con una piccola fresa a tazza per creare un dente a cui la spira della molla si aggrappi con sicurezza (vedi immagine seguente).
Immagine
Il piolo originale che dovrebbe ritenere la molla della coda di rondine della carrozza 2 verso la 3 (in prossimità del motore) non è da considerare, al suo posto è stato inserito un spezzone di graffetta ( vedi immagine seguente).
Immagine
Ultima modifica alle molle è quella della coda di rondine della carrozza 4 verso la 3. Qui la molla è stata cambiata ed allungata per permetterle
piu' carica al fine di eliminare il disallineamento della carroza 4 uscendo già dopo l'iscrizione della prima curva (vedi immagine seguente).
Immagine
Considerate infine che se vi capitano ganci tra le carrozze 2 e 3 nello stato (originale) di quello dell'immagine seguente non credo vi sia molto da fare se non cambiarli e ricambi non mi risulta ve ne siano.
Immagine
Gia che c' ero ho inserito sulle testate 2 semplici decoder funzioni per illuminare la cabina macchinisti.
Ora il treno marcia in modo dignitoso, ho qualche problema di illuminazione di una carrozza, ma quella è un' altra storia :)

Avatar utente
claudio.co958
Messaggi: 608
Iscritto il: ven feb 08, 2013 6:19 pm
Nome: claudio
Regione: Lazio
Città: latina
Età: 60
Stato: Connesso

Re: ETR 250 Arlecchino

Messaggio da claudio.co958 » sab nov 17, 2018 9:04 am

... premetto, quello che ha fatto Adriano è veramente eccezzionale ( lo disse un famoso comico ), io purtroppo non posso agire allo stesso modo, per motivi fisici, ma volendo, con molta ... molta pazienza e tempo, al limite ci riuscirei, ... però dopo aver letto le vs risposte e i commenti di alcuni amici locali, ... l'ETR 250 Arlecchino, sta bene dove sta.
speravo che la ditta, si fosse fatta più furba e magari avesse rimediato alle magagne che massacrano questo bellissimo convoglio, ... purtroppo se continua così, immagino che avrà grossi problemi ...
Claudio

Avatar utente
Fabrizio
Socio GAS TT
Messaggi: 9934
Iscritto il: gio nov 10, 2011 9:17 pm
Nome: Fabrizio
Regione: Piemonte
Città: Piossasco
Ruolo: co-amministratore
Stato: Non connesso

Re: ETR 250 Arlecchino

Messaggio da Fabrizio » sab nov 17, 2018 11:04 pm

Bel lavoro, Adriano. Questo si chiama vero modellismo. Sia quando lavoravo in H0 che adesso per il treno che sto facendo in TT, ho sempre fatto modifiche. Un po' perché mi servono e un po' perché mi piace proprio lavorarci.

Consiglio per le foto. Ridimensionandole ad una misura massima di 1200x1000 (consigliato 800x600) e max 1mb puoi caricarle direttamente sul forum usando la funzione allegati che trovi in basso sotto l'editor di scrittura. Diversamente, se ti viene più comodo usare un hosting esterno o se preferisci averne sempre il controllo, puoi comunque caricarle come hai fatto.
Fabrizio Borca

Avatar utente
fabio
Messaggi: 1168
Iscritto il: lun dic 17, 2012 2:16 pm
Nome: fabio
Regione: Lazio
Città: roma
Età: 58
Stato: Non connesso

Re: ETR 250 Arlecchino

Messaggio da fabio » dom nov 18, 2018 9:26 pm

tanto di cappello al lavoro svolto da Adriano,ma ,nel mio caso ,non ti dò 400 € per poi dover fare un lavoro del genere...
Fabio - plastico H0 epoca II-III -
GFRS Gruppo Fermodellistico Romano Sogliola

Avatar utente
lorelay49
Socio GAS TT
Messaggi: 2406
Iscritto il: ven gen 25, 2013 6:32 pm
Nome: giuliano
Regione: Lombardia
Città: Locate di Triulzi
Età: 70
Stato: Non connesso

Re: ETR 250 Arlecchino

Messaggio da lorelay49 » mar nov 20, 2018 9:26 am

Condivido in pieno.... se dopo aver speso una cifra importante ci devo mettere anche le mani con il rischio di rompere qualche cosa lascio perdere ..........
Giuliano

Avatar utente
Fulvio Zanda
Messaggi: 1341
Iscritto il: mar mag 15, 2012 1:55 pm
Nome: Fulvio
Regione: Lombardia
Città: Morengo
Età: 55
Stato: Non connesso
Contatta:

Re: ETR 250 Arlecchino

Messaggio da Fulvio Zanda » lun dic 17, 2018 2:26 pm

l'Arlecchino è L'Arlecchino, o meglio l'Etr 250 è semplicemente un treno meraviglioso ed anch'io avrei voluto poterlo annoverare tra i modelli in mio possesso.
Qualche anno fa Os.Kar. lo aveva annunciato, poi le alterne vicende della casa sarda e da quel momento non se ne è saputo più nulla.

Continuo a sperare che prima o poi possa comparire un modello senza particolari problematiche di circolabilità, attendo e spero.

ciao

Avatar utente
Egidio
Messaggi: 11606
Iscritto il: gio mag 17, 2012 1:26 pm
Nome: Egidio
Regione: Abruzzo
Città: Ortona
Età: 55
Stato: Non connesso

Re: ETR 250 Arlecchino

Messaggio da Egidio » dom dic 23, 2018 8:48 am

Fulvio Zanda ha scritto:
lun dic 17, 2018 2:26 pm
l'Arlecchino è L'Arlecchino, o meglio l'Etr 250 è semplicemente un treno meraviglioso ed anch'io avrei voluto poterlo annoverare tra i modelli in mio possesso.
Qualche anno fa Os.Kar. lo aveva annunciato, poi le alterne vicende della casa sarda e da quel momento non se ne è saputo più nulla.

Continuo a sperare che prima o poi possa comparire un modello senza particolari problematiche di circolabilità, attendo e spero.

ciao
Sono in linea e completamente d' accordo con quanto affermato da Fulvio e da quelli che affermano il costo elevato rispetto alle aspettative
proposte da ACME. Ho diverse volte disquisito delle contestabili politiche commerciali dell' ACME. Preferisco non ripetermi. Saluti. Egidio. [51]
Egidio Lofrano

Avatar utente
Giacomo
Messaggi: 1171
Iscritto il: dom lug 28, 2013 7:40 pm
Nome: Giacomo
Regione: Toscana
Città: Siena
Età: 61
Stato: Non connesso

Re: ETR 250 Arlecchino

Messaggio da Giacomo » dom dic 23, 2018 1:22 pm

Mi sembra che la Acme ci si diverta a rendere i suoi modelli "difficili" nell'utilizzo... francamente una politica abbastanza strana da capire per chi mette in commercio dei modelli molto appetibili... ho appena acquistato la confezione delle 3 carrozze UIC X in scala N... strepitose a livello estetico... ma che hanno presentato da subito dei problemi di circolazione non indifferenti... intanto su raggi inferiori a R3 FL hanno dei grossi problemi ma pare che questo sia dovuto al rispetto assoluto della scala (e passi, in fin dei conti si sbraita per avere modelli sempre più precisi...), poi si impuntana sui scambi e incroci con conseguenti svii... parlandone con altri che le avevano prese che si scopre? Che le lamelle prendi corrente predisposte per l'illuminazione sono montate male, le punte sono molto basse con conseguenti impuntamenti... certo non è un grosso intervento sistemarle, basta piegarle leggermente alle estremità e il problema si risolve, però dico io... ma i modelli vengono controllati (almeno a campione) prima di commercializzarli? Non è che li tirino propriamente dietro, i prezzi non son certo popolari... come è stato ampiamente detto non mi pare molto giusto che un cliente che ha sborsato fior di soldi per un modello poi debba metterci immediatamente le mani per renderlo circolante, questo dovrebbe essere responsabilità della ditta.....
Giacomo - free climber modellista, attore, motociclista ecc ecc...

Avatar utente
Egidio
Messaggi: 11606
Iscritto il: gio mag 17, 2012 1:26 pm
Nome: Egidio
Regione: Abruzzo
Città: Ortona
Età: 55
Stato: Non connesso

Re: ETR 250 Arlecchino

Messaggio da Egidio » dom dic 23, 2018 4:20 pm

Giacomo ha scritto:
dom dic 23, 2018 1:22 pm
Mi sembra che la Acme ci si diverta a rendere i suoi modelli "difficili" nell'utilizzo... francamente una politica abbastanza strana da capire per chi mette in commercio dei modelli molto appetibili... ho appena acquistato la confezione delle 3 carrozze UIC X in scala N... strepitose a livello estetico... ma che hanno presentato da subito dei problemi di circolazione non indifferenti... intanto su raggi inferiori a R3 FL hanno dei grossi problemi ma pare che questo sia dovuto al rispetto assoluto della scala (e passi, in fin dei conti si sbraita per avere modelli sempre più precisi...), poi si impuntana sui scambi e incroci con conseguenti svii... parlandone con altri che le avevano prese che si scopre? Che le lamelle prendi corrente predisposte per l'illuminazione sono montate male, le punte sono molto basse con conseguenti impuntamenti... certo non è un grosso intervento sistemarle, basta piegarle leggermente alle estremità e il problema si risolve, però dico io... ma i modelli vengono controllati (almeno a campione) prima di commercializzarli? Non è che li tirino propriamente dietro, i prezzi non son certo popolari... come è stato ampiamente detto non mi pare molto giusto che un cliente che ha sborsato fior di soldi per un modello poi debba metterci immediatamente le mani per renderlo circolante, questo dovrebbe essere responsabilità della ditta.....
Eh si Giacomo e' proprio questo il nocciolo della questione e che fa incacchiare tantissimo !! Spedendo tanti soldini ci si aspetta che la stessa azienda
produttrice ci dia tanto anche in termini di affidabilita', prestazioni ecc. Invece loro stranamente curano soltanto l' estetica a discapito di altri aspetti anche piu' importanti per noi fermodellisti. Che me ne faccio di un modello se lo posso solo mettere in esposizione in vetrina ?? Bah.......
Saluti. Egidio. [51]
Egidio Lofrano

Avatar utente
Fulvio Zanda
Messaggi: 1341
Iscritto il: mar mag 15, 2012 1:55 pm
Nome: Fulvio
Regione: Lombardia
Città: Morengo
Età: 55
Stato: Non connesso
Contatta:

Re: ETR 250 Arlecchino

Messaggio da Fulvio Zanda » dom dic 23, 2018 8:04 pm

beh dai non è proprio così, bene o male tutti i modelli a composizione bloccata o con condotte passanti sono logicamente più complessi da gestire per discorsi di circolabilità.

ACME cura molto l'estetica sapendo bene che la maggior parte dei clienti lo ritiene fondamentale, ho però acquistato recentemente un tigre Acme ed un paio di 645-646 seconda serie, beh devo dire che sono rimasto completamente soddisfatto sia della meccanica che della parte elettrica e chiaramente della finezza estetica.

al momento e per gli ultimi prodotti non posso dire che bene di Acme, poi è anche vero che difficilmente ho scartato o cassato un modello per piccoli problemi che potevo risolvere , forse sono un pò di bocca buona.

ciao

Avatar utente
Egidio
Messaggi: 11606
Iscritto il: gio mag 17, 2012 1:26 pm
Nome: Egidio
Regione: Abruzzo
Città: Ortona
Età: 55
Stato: Non connesso

Re: ETR 250 Arlecchino

Messaggio da Egidio » lun dic 24, 2018 11:23 am

E' sicuramente come dici tu Fulvio. Sta di fatto che non posso comprovare perche' i modelli ACME sono banditi dal mio parco modelli......
Buon Natale. Saluti. Egidio [51]
Egidio Lofrano

Avatar utente
iname1030
Socio GAS TT
Messaggi: 24
Iscritto il: mer apr 19, 2017 8:05 pm
Nome: Adriano
Regione: Lombardia
Città: Brescia
Età: 61
Stato: Non connesso
Contatta:

Re: ETR 250 Arlecchino

Messaggio da iname1030 » sab apr 13, 2019 1:46 pm

Ora che è stato possibile creare in 3D nuovi timoni-ganci tra carrozza 2 e 3 concludo gli interventi di cui sopra con un link ad un video del modello "revisionato". Per quanto lavoro sia stato necessario l' ho presa sul semi-serio: se tutto il male non viene per nuocere ho imparato qualcosa...
Buon fine settimana a tutti.

Avatar utente
lorelay49
Socio GAS TT
Messaggi: 2406
Iscritto il: ven gen 25, 2013 6:32 pm
Nome: giuliano
Regione: Lombardia
Città: Locate di Triulzi
Età: 70
Stato: Non connesso

Re: ETR 250 Arlecchino

Messaggio da lorelay49 » sab apr 13, 2019 6:11 pm

Hai fatto veramente un ottimo lavoro
Complimenti [253] [253]
Giuliano

Avatar utente
Egidio
Messaggi: 11606
Iscritto il: gio mag 17, 2012 1:26 pm
Nome: Egidio
Regione: Abruzzo
Città: Ortona
Età: 55
Stato: Non connesso

Re: ETR 250 Arlecchino

Messaggio da Egidio » sab apr 13, 2019 9:59 pm

Bravo, complimenti. Saluti. Egidio. [51]
Egidio Lofrano

Avatar utente
MrMassy86
Socio GAS TT
Messaggi: 13757
Iscritto il: sab nov 10, 2012 3:42 pm
Nome: Massimiliano
Regione: Toscana
Città: Marlia - Lucca
Ruolo: Moderatore
Età: 33
Stato: Connesso
Contatta:

Re: ETR 250 Arlecchino

Messaggio da MrMassy86 » dom apr 14, 2019 5:53 pm

Ottimo lavoro!!
Massimiliano [253]
Massimiliano Paolinelli - il mio canale YouTubeViaggio in quel di Verni -Il Ponte dei Pescatori - C.L.A.F. Lucca

Rispondi

Torna a “SCALA H0”