Dare vita ai rotabili: sporcare ed invecchiare!

Fotoincisioni - ottone - metalli - motorizzazioni - plastica - resina - sporcature.

Moderatore: Fabrizio

Avatar utente
gianfranco.p
Messaggi: 720
Iscritto il: lun gen 28, 2013 11:13 pm
Nome: Gianfranco
Regione: Lazio
Città: Cassino-Roma
Età: 36
Stato: Non connesso

Dare vita ai rotabili: sporcare ed invecchiare!

Messaggio da gianfranco.p » mar dic 17, 2013 2:23 pm

Ciao a tutti,

dopo un bel po’ di tempo, finalmente io e Francesco (Cesco) abbiamo deciso di aprire questo topic in cui cerchiamo di illustrare, sulla base delle nostre esperienze, delle linee guida basilari per l’oggetto del topic, ovvero su come dare “vita” ai nostri rotabili imparando a sporcare ed invecchiare. A nostro avviso, l’obiettivo del topic non è quello di mostrare solo i nostri lavori, ma di spiegare COME lo facciamo, descrivendo le tecniche e i materiali utilizzati, affinché siano essi linee guide per chi leggerà e vorrà provare.

<font color="red">DEFINIZIONI</font id="red">
Iniziamo con un po' di teoria. Perché distinguere invecchiamento e sporcatura? Perché di fatto sono due tipi di effetti completamente diversi che "colpiscono" i rotabili. La sporcatura rappresenta infatti la sporcizia che si posa sui rotabili (es. polveri, ossidi, il fumo per le loco a vapore, etc...). L'invecchiamento riguarda invece i segni di usura dei rotabili che col tempo divengono più o meno sempre gli stessi (es. ruggine, corrosione della cassa, spellicolatura, etc...). Gli anglosassoni amano chiamare entrambe le tecniche con il termine di "weathering”.

<font color="red">TIPOLOGIE DI VERNICI</font id="red">
Esistono tantissime tipologie di vernici per sporcare i rotabili e naturalmente elencheremo i più "importanti", descrivendone pregi e difetti, in relazione ai nostri utilizzi ed esperienze.

Smalti sinteitci
Sono vernici a base solvente, pertanto tossici e si richiede un ambiente ventilato durante la loro applicazione; sono in genere molto coprenti e permettono, se diluiti, di raggiungere i punti più difficili dei rotabili (es. interstizi) grazie al principio di capillarità; si diluiscono con i "thinner" (diluente) appositi, sempre a base solvente, e assolutamente non con acqua. La "grana" peggiore è l'enorme rottura di scatole per pulire i pennelli (o altri strumenti) dopo l'uso in quanto è necessario l'uso di acquaragia (tossica) o comunque di solventi sintetici (diluente sintetico o nitro per esempio) per rimuovere il colore. Vanno usati con moltissima attenzione in quanto gli smalti seccano sì in brevissimo tempo (3-4 minuti) il che rende impossibile la rimozione in caso di errori, ma hanno tempi di asciugatura molto lunghi (24/36 ore); gli smalti vanno usati con molta attenzione perche in caso di errori si corre il rischio di rovinare irrimediabilmente il rotabile. Inoltre, col tempo, i barattoli prima o poi si "seccano", cioè l'anima del colore si posa tutta sul fondo lasciando il solo solvente...e quindi resta solo da buttarli; per evitare questo sarebbe buona norma di tanto in tanto mettere una goccia di diluente per tenerlo "vivo".
Pro:
- vernice molto coprente
- se diluitissimi, sono i migliori per i punti "difficili" (es. griglie, interstizi,...)
- ottimi con tecnica di dry brush (vedi in seguito)
- ottimi per ritocchi
- ottimi i metallici (humbrol)
Contro:
- tossici
- pulitura difficile dei pennelli (acquaragia, solventi)
- seccano in brevissimo tempo (impossibile la rimozione) e tempi di asciugatura molto lunghi

Acrilici
Sono vernici generalmente a base acqua anche se non sempre (per esempio tamiya e gunze sono a base di alcol isopropilico, ma sono comunque sotto la classe degli “acrilici”), pertanto non sempre atossici come si dice e soprattutto spesso non inodore (hanno comunque un loro odore caratteristico, come tutte le vernici “non naturali”). Sono meno coprenti degli smalti (spesso occorrono più mani da passare per ottenere lo stesso effetto dello smalto), mentre il diluente quasi sempre è l’acqua. Come gli smalti , anche gli acrilici seccano in brevissimo tempo, lasciando poca possibilità di correzione in caso di errore (ma rispetto agli smalti hanno tempo di asciugatura molto minore). Rispetto agli smalti però, in alcuni casi è facile rimuovere la patinatura (o porzioni) semplicemente grattando con uno stuzzicadenti o inumidendo leggermente la superficie con acqua quando non completamente asciutti. Estrema facilità per pulire i pennelli, basta lavarli con acqua e sapone. Difficilmente raggiungono i punti "chiusi" dei rotabili, anche se diluiti con acqua, in quanto non sfruttano il principio di capillarità. Qualcuno però ci riesce e va bene comunque #61514;.
Pro:
- pulitura facile dei pennelli con acqua e sapone
- atossici e inodore (salvo indicazioni da etichetta)
Contro:
- seccano e asciugano in brevissimo tempo (3-4min)
- difficilmente raggiungono i punti "difficili" anche se diluiti (es. griglie, interstizi,...), eccetto quelli a base di alcol, se diluiti molto con il loro diluente, sono quasi come gli smalti.

Colori ad olio
Sono vernici a base di pigmenti in polvere mescolati con basi inerti e oli. Molto sottovalutati nell’ambito fermodellistico, rappresentano il vero "asso nella manica" delle tecniche di sporcatura e invecchiamento grazie ai tempi lunghissimi di "seccatura" (addirittura anche 3 settimane), cosa che permette di dipingere, cancellare, modificare tutte le volte che si vuole nel raggio di qualche ora senza resto di residui sul rotabile. Anche in tal caso si riscontra facilità di pulitura dei pennelli con acqua e sapone . Non è necessario diluire i colori ad olio con nulla in quanto è sufficiente agitare il classico tubetto per far amalgamare la base di olio con il pigmento di colore. Se poi si vuole rendere il colore al olio fluido esistono appositi diluenti con i quali diluirli. Vanno benissimo i colori ad olio dei negozi di belle arti e anche quelli specifici acquistati nei negozi di modellismo; i secondi, molto piu costosi, hanno il vantaggio che esistono in colorazioni particolari che nei negozi di belle arti non si trovano (es. colore "olio di motore") o che si dovrebbero “combinare”, sprecando di fatto molto colore per fare le singole prove di tonalità.
Pro:
- possibilità di passare e cancellare il colore nel giro di qualche ora senza rovinare il modello
Contro:
- seccano in molto tempo (dalle 48 ore fino a 3 settimane a seconda della marca del colore)

Pigmenti/ossidi/terre/gessetti
Si tende a denominarli tutti allo stesso modo, defindole "polveri", e rappresentano la sostanza alla base di ogni vernice. In questa veste, assumono il ruolo di colore allo stato puro. Ciò che differenzia le tipologie di "polveri" è la grana della sostanza. La miglior sostanza è il pigmento/ossido (solitamente si intende la stessa cosa), che rappresenta la sostanza più "fine" per patinare i rotabili. Le terre e i gessetti da ritrattista (a volte da “frantumare”), solitamente, hanno una grana maggiore in quanto sono su base argilla e sono meno costose dei pigmenti/ossidi. I pigmenti/ossidi acquistati nei negozi di belle arti spesso non attaccano da sole perche sono allo stato puro e hanno bisogno di una mano di trasparente per essere fissate; i pigmenti/ossidi acquistati nei negozi di modellismo (e molto più costosi) spesso hanno la peculiarità di autofissarsi perchè contengono una base praticamente invisibile di olio (nonostante ciò sono finissimi), anche se poi vendono prodotti appositi come fissativi....i pigmenti acquistati in negozi di modellismo della Mig Productions o AK si tengono benissimo da soli, anche senza passare una mano di trasparente o altro prodotto, anche se le stesse case vendono appositi liquidi “fixer”. Per correggere eventuali errori nel caso in cui siano autofissanti è sufficiente passare con molta cautela un diluente per smalti.
Pro:
- è la sostanza più facile da utilizzare per chi cerca un invecchiamento veloce
- ottimo l'effetto ottenibile se combinato con altre vernici (da applicare precedentemente)
Contro:
- se autofissanti, c'è il rischio che non si possono più rimuovere dal rotabile rischiando di rovinarlo (è possibile tentare di rimuoverle con un diluente per smalti)
- se non autofissanti, è necessario passare una mano di trasparente

Poliuretanici
Sono vernici a base acqua, i classici Puravest. Sono le vernici per eccellenza per verniciare da zero un rotabile ad aerografo; non sono indicate per fare ritocchi a pennello o per dipingere aggiuntivi in quanto abbastanza "acquosi". Sono colori diluibili ad acqua o con apposito diluente (Puravest).
Pro:
- ottimi per verniciature da zero ad aerografo
- possibilità di disporre dei colori ufficiali FS
Contro:
- sconsigliati per tutto il resto

Primer
Rappresentano le vernici da dare come "fondo", pertanto disponibili nei soli colori monocromatici bianco/grigio; sono le vernici che permettono alla mano, data successivamente, di colore di "attaccare" bene al rotabile. Solitamente si usa il primer bianco per mani di colore successive di tipo "chiaro", mentre si usa il primer grigio per mani di colore successive di tipo "scuro". Ne esistono di vari tipi (sintetici, alla nitro, poliuretanici ecc….).
Trasparenti
Sono le vernici che vengono da dare durante le fasi di un lavoro di weathering o a lavoro finito per "chiudere" e non rischiare di rovinarlo maneggiando il rotabile. Possono essere di tipo opaco, lucido o satinato (via di mezzo tra opaco e lucido), a seconda del risultato che si vuole ottenere. Solitamente si applica il trasparente lucido/satinato per far apparire un rotabile nuovo di zecca oppure per evitare che le patinature successive di diluenti aggressivi corrodano la plastica del rotabile, mentre il trasparente opaco per chiudere, appunto, un lavoro di sporcatura e invecchiamento e/o applicazioni di decals.
Attenzione, perché l'uso del trasparente, se non utilizzato correttamente, potrebbe rovinare non solo tutto il lavoro che avete fatto ma irrimediabilmente tutto il rotabile. Riflettete bene prima di applicarlo e fate prove su altri vecchi rotabili. Alcune (ma poche) esperienze raccontano che il trasparente opaco passato su lavori di invecchiamento ha attenuato, e in alcuni casi cambiato, l'aspetto di coloritura dell'invecchiamento; questo accade nel momento in cui, dal punto di vista chimico, il trasparente non si lega bene con i materiali di invecchiamento. Per cui la regola è provare tale legame prima su vecchi rotabili.
I trasparenti possono essere dati o con aerografo o con bombolette spray. A pennello (ad esempio c’è lo smalto Humbrol) non rendono molto. La differenza tra vari prodotti di bombolette spray (es. spray per auto Arexons e spray per modellismo Tamiya) sta nella finitura del getto: più è fine il getto, più costa. Ad esempio con la bomboletta Arexons potete farci un parco rotabili, con la bomboletta Tamiya ne fate un paio, ma la bomboletta Tamiya ha un ugello fine per modellismo, mentre Arexons no).

Diluenti
Rappresentano il solvente che, unita alla vernice abbinata, lo rende più fluido e meno coprente, anzi, proprio diluito nel vero senso del termine, ovvero meno pigmento all’interno del liquido. E' consigliato utilizzare un diluente della stessa marca della vernice, ma non è una regola; anche della normale acquaragia va bene, sempre tendendo presente che è più aggressiva di un diluente specifico. Il diluente va dosato sempre con criterio e in piccole quantità per non rischiare di corrodere la plastica del rotabile. E' il materiale più consigliato per "riempire" i punti di "difficili" del rotabile per dargli un effetto di "profondità" (es. griglie interstizi,...). Quando si effettua un "lavaggio" (così chiamato in gergo) delle griglie, più di smalto diluito si dovrebbe parlare di diluente sporcato di smalto (per intendere che il colore deve essere talmente diluito che conviene toccare direttamente il diluente con una punta di colore).

<font color="red">STRUMENTI</font id="red">
Aerografo (o aeropenna)
Considerato lo strumento per eccellenza per creare sporcatura e invecchiamento. Esistono tantissimi tipi di aerografo, ma pensiamo che i requisiti minimi che debba avere l'aerografo siano quelli di essere "a doppia azione" (cosa che permette di regolare indipendentemente il flusso d'aria in arrivo dal compressore allegato e la quantità di colore rilasciato) e serbatoio superiore (cosa che consente di "sprecare" molto meno colore rispetto ad un serbatoio "a vasetto").

Pennelli
Esistono tante tipologie di pennelli, i più utilizzati nel nostro ambito vanno distinti per tipo di setola (morbida/dura), per tipo di punta (tonda, piatta, lingua di gatto, etc....), e per grandezza di punta. Per un "armamento" minimo, i pennelli indispensabili sono solitamente:
- pennello a punta tonda setola morbida 5/0 (per griglie/interstizi)
- pennello a punta tonda setola morbita 3/0 (per usi generici)
- pennello a punta piatta setola morbida 0 (per "strisciare" effetti di sporco e altri usi generici)
- pennello a punta piatta setola dura 0 (per tecnica dry brush)
- pennello a punta lingu di gatto setola morbida 0 (si veda in seguito l'uso)

Mascherine e guanti
Due accessori assolutamente indispensabili (tanto sappiamo che non li mette nessuno eheheh); il primo per evitare inalazione di odori tossici dei materiali a base solvente, i secondi per non sporcarsi le mani quando si ha a che fare con 10 colori contemporaneamente....cosa che capita frequentemente e con una leggera distrazione si può toccare malauguratamente un modello con le mani "inguacchiate"....
La mascherina è assolutamente obbligatoria quando si vernicia a spruzzo, magari in ambiente non ventilato. Molto consigliata la cabina di verniciatura.

E adesso....fatevi sotto....mi raccomando....l'obiettivo è...spiegare come avete fatto, altrimenti non staremmo sotto la categoria Tecniche. :wink:

Gianfranco e Francesco
Ciao, Gianfranco

Avatar utente
Digtrain
Messaggi: 1592
Iscritto il: gio dic 20, 2012 11:47 pm
Nome: Walter
Regione: Lombardia
Città: Casarile
Età: 59
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Digtrain » mar dic 17, 2013 5:20 pm

Avanti tutta!!! :wink:

Rimango in attesa del seguito. :grin:

Ciao Walter :geek:
Walter - Club Modellismo Pavese - Steamtown National Historic Site - Het Spoorwegmuseum Utrech - Loxx Berlino - "Il mio fisico è stato scolpito e modellato nelle migliori trattorie della Lomellina"

Avatar utente
sma835_47
Messaggi: 683
Iscritto il: lun ago 27, 2012 12:25 am
Nome: Saverio
Regione: Lombardia
Città: Pavia
Età: 71
Stato: Non connesso

Messaggio da sma835_47 » mar dic 17, 2013 6:36 pm

Ottimo topic; lo evidenzio in modo da essere informato sull'evoluzione.
Ciao
Saverio
Saverio - C.M.P. Club Modellismo Pavese

Avatar utente
Docdelburg
Socio GAS TT
Messaggi: 5203
Iscritto il: mar set 04, 2012 6:16 pm
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Età: 62
Stato: Non connesso

Messaggio da Docdelburg » mar dic 17, 2013 7:01 pm

Molto interessato!
Seguirò con attenzione, grazie.
Mauro Menini - CMP - GAS TTGalleria dell’orso - Deposito merci di Casteggio - Ponte sul fiume Po

"La prossima volta che nasco ateo, lo faccio in un paese dove quelli che credono in Dio credono in un Dio felice" Hubert Reeves

Avatar utente
Andrea
Socio GAS TT
Messaggi: 20404
Iscritto il: mer ott 26, 2011 7:42 pm
Nome: Andrea
Regione: Lombardia
Città: Segrate
Ruolo: Amministratore
Età: 55
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Andrea » mar dic 17, 2013 9:47 pm

Complimenti Gianfranco e Francesco, metto la discussione in rilievo, credo infatti che interesserà a molti. :cool:
Andrea - “I fermodellisti sono tanti e legati da un'amicizia sincera, che esplode in una cordialità ormai rara nel mondo rumoroso ed incerto di oggi”. La valle incantata

Avatar utente
marioscd
Socio GAS TT
Messaggi: 4510
Iscritto il: lun lug 23, 2012 12:56 pm
Nome: Mario
Regione: Lombardia
Città: Valera Fratta
Ruolo: Moderatore
Età: 57
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da marioscd » mar dic 17, 2013 10:08 pm

da due "pignoloni" come Francesco e Gianfranco mi aspetto una guida super!!!

ciao
Mario Scuderi - C.M.P. Club Modellismo Pavese ...ciò che è piccolo a volte diventa grande...

Avatar utente
Riccardo
Socio GAS TT
Messaggi: 5507
Iscritto il: dom dic 11, 2011 9:26 am
Nome: Riccardo
Regione: Lombardia
Città: Varese
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Messaggio da Riccardo » mar dic 17, 2013 10:15 pm

Molto interessante,
anch'io seguirò con attenzione , grazie :grin: :grin: :grin:
Riccardo

Avatar utente
pichi
Messaggi: 77
Iscritto il: mar ago 28, 2012 3:04 pm
Nome: pietro
Regione: Liguria
Città: la spezia
Età: 65
Stato: Non connesso

Messaggio da pichi » mar dic 17, 2013 10:21 pm

sono qui con carta penna e calamaio per prendere appunti
ottima iniziativa
Pietro

Avatar utente
gianfranco.p
Messaggi: 720
Iscritto il: lun gen 28, 2013 11:13 pm
Nome: Gianfranco
Regione: Lazio
Città: Cassino-Roma
Età: 36
Stato: Non connesso

Messaggio da gianfranco.p » mar dic 17, 2013 10:40 pm

Signori, vi ringrazio anzitutto per la fiducia, nel mio piccolo cercherò di mostrarvi qualche mio lavoretto, ma spero nell'intraprendenza di tutti voi ad integrare e arricchire questo topic col passare del tempo.

Visto che ci sono vi presenterò il mio primo lavoro di "weathering", pubblicato sulla rivista de "iTreni" nel mese di giugno 2013; vi mostro solo la copertina naturalmente per ragioni di copyright, tuttavia scriverò anche qui il senso dell'articolo stesso man mano che pubblicherò qualche altra fotina sulla tigre.

Immagine:
Immagine
779,41 KB

Le foto che seguono le abbiamo realizzate con i miei amici di Roma Luigi I. e Franco B. (il primo ha fatto il "servizio" con la sua mega reflex, il secondo mi ha "prestato" il diorama :grin: ). Rigorosamente al sole, senza il quale non è mai possibile apprezzare il vero risultato e rendimento di un lavoro di weathering.

Immagine:
Immagine
196,85 KB

Immagine:
Immagine
196,41 KB

Immagine:
Immagine
183,97 KB

Immagine:
Immagine
202,03 KB

Immagine:
Immagine
149,4 KB

Immagine:
Immagine
179,74 KB

Immagine:
Immagine
206,19 KB

Immagine:
Immagine
177,45 KB

Immagine:
Immagine
225,36 KB

Immagine:
Immagine
191,5 KB

Immagine:
Immagine
198,39 KB

Immagine:
Immagine
225,53 KB

Immagine:
Immagine
180,31 KB

"L'armamento" che ho utilizzato in questo lavoro è:

smalti humbrol:
Nero MATT33 (opaco)
Ruggine MATT113 (opaco)
Grigio Metallizzato MET11 (metallizzato)
Grigio canna di fucile opaco MET53 (metallizzato)
Khaki MATT26 (opaco marrone chiaro)
Marrone MATT186 (opaco marrone scuro)

colori a olio:
Engine Grease [ABT160]
Basic Earth [ABT-093]
Shadow Brown [ABT-093]
Dark Mud [ABT-130]

diluente:
Humbrol Enamel Thinners AD7500

Pennelli:
Pennello punta tonda setola morbida 5/0
Pennello punta tonda setola morbida 3/0
Pennello punta piatta setola dura
Pennello punta piatta setola a lingua di gatto 0

Se riesco più tardi metto qualche foto delle parti in dettaglio... :wink:
Ciao, Gianfranco

Avatar utente
MrMassy86
Socio GAS TT
Messaggi: 12896
Iscritto il: sab nov 10, 2012 3:42 pm
Nome: Massimiliano
Regione: Toscana
Città: Marlia
Ruolo: Moderatore
Età: 32
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da MrMassy86 » mar dic 17, 2013 11:45 pm

Ottimo tutorial Gianfranco che seguiro con molto interesse :wink: Massimiliaano :cool:
Massimiliano Paolinelli - il mio canale YouTubeViaggio in quel di Verni -Il Ponte dei Pescatori - C.L.A.F. Lucca

Avatar utente
saverD445
Socio GAS TT
Messaggi: 4019
Iscritto il: mer mag 02, 2012 9:07 pm
Nome: Valerio
Regione: Sardegna
Città: Macomer
Ruolo: Moderatore
Età: 47
Stato: Non connesso

Messaggio da saverD445 » mer dic 18, 2013 10:23 am

Complimenti Gianfranco, per chi ha il "coraggio" di metterci le mani, è veramente un ottima guida.
Valerio -- Plastico H0-H0m Epoca IV-VI Il mio canale YouTube

Avatar utente
fabio
Messaggi: 1118
Iscritto il: lun dic 17, 2012 2:16 pm
Nome: fabio
Regione: Lazio
Città: roma
Età: 57
Stato: Non connesso

Messaggio da fabio » mer dic 18, 2013 10:31 am

"semplicemente" splendida!!!
Fabio - plastico H0 epoca II-III -

Avatar utente
Egidio
Messaggi: 10810
Iscritto il: gio mag 17, 2012 1:26 pm
Nome: Egidio
Regione: Abruzzo
Città: Ortona
Età: 54
Stato: Non connesso

Messaggio da Egidio » mer dic 18, 2013 10:33 am

Ottima guida Gianfranco sia per chi e' gia' esperto e vuole approfondire la materia e sia
per i principianti. La salvero' perche' ritango sia un tutorial da tenere sempre in archivio..... :wink:
Saluti. Egidio. :cool:
Egidio Lofrano

Avatar utente
gianfranco.p
Messaggi: 720
Iscritto il: lun gen 28, 2013 11:13 pm
Nome: Gianfranco
Regione: Lazio
Città: Cassino-Roma
Età: 36
Stato: Non connesso

Messaggio da gianfranco.p » mer dic 18, 2013 10:40 am

Grazie a tutti :smile:

Volevo partire con il pubblicare direttamente le foto delle 663 su cui sto lavorando attualmente, ma andiamo per gradi a questo punto. Qui vi mostro il risultato ottenuto sporcando l'imperiale:

Immagine:
Immagine
448,49 KB

foto di esempio:
Immagine:
Immagine
293,03 KB

Vi posso scrivere passo passo la tecnica semplicemente perchè al suo tempo me la scrissi....è un processo abbastanza lungo, ma nel mio caso, potendoci lavorare solo nei weekend.....è stata una forzatura.

1. passare, a pennello 6 o 8 (a lingua di gatto o piatto), "piattellando", il colore ad olio Dark Mud MIG e lasciare asciugare per 15/20 giorni senza toccarci ne con il pennello ne con le dita
2. rifare il passo 1 con il colore ad olio Shadow Brown MIG, cercando di alternare il colore precedente e lasciare asciugare per 15/20 giorni senza toccarci ne con il pennello ne con le dita
3. rifare il passo 1 nell'intorno del pantografo, il colore ad olio Grease Engine MIG e lasciare asciugare
4. passare, a pennello 5/0 il pigmento Track Brown MIG
5. passare, a pennello 5/0 il pigmento African Earth MIG schiarendo le estremità

Come potete vedere non ho usato l'aerografo, a mio parere con queste tecniche si riesce ad ottenere un imperiale non uniforme ma a creare sfumature come meglio si desidera in modo molto semplice....

ciao
[|)]
Ciao, Gianfranco

Avatar utente
Digtrain
Messaggi: 1592
Iscritto il: gio dic 20, 2012 11:47 pm
Nome: Walter
Regione: Lombardia
Città: Casarile
Età: 59
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Digtrain » mer dic 18, 2013 10:46 am

Ok, se questo è l'inizio, mi sono demoralizzato, appendo pennelli, colori e polveri al chiodo!!! :sad:

Ciao Walter :geek:
Walter - Club Modellismo Pavese - Steamtown National Historic Site - Het Spoorwegmuseum Utrech - Loxx Berlino - "Il mio fisico è stato scolpito e modellato nelle migliori trattorie della Lomellina"

Avatar utente
Egidio
Messaggi: 10810
Iscritto il: gio mag 17, 2012 1:26 pm
Nome: Egidio
Regione: Abruzzo
Città: Ortona
Età: 54
Stato: Non connesso

Messaggio da Egidio » mer dic 18, 2013 10:46 am

Bellissima elaborazione....... :wink: Saluti. Egidio. :cool:
Egidio Lofrano

Avatar utente
gianfranco.p
Messaggi: 720
Iscritto il: lun gen 28, 2013 11:13 pm
Nome: Gianfranco
Regione: Lazio
Città: Cassino-Roma
Età: 36
Stato: Non connesso

Messaggio da gianfranco.p » mer dic 18, 2013 11:41 am

Digtrain ha scritto:

Ok, se questo è l'inizio, mi sono demoralizzato, appendo pennelli, colori e polveri al chiodo!!! :sad:

Ciao Walter :geek:


Ciao Walter, ti riferisci ai tempi?

Considera che mentre i colori asciugavano, mi mettevo a dipingere altro....non stiamo mai fermi. :grin:
Ciao, Gianfranco

Avatar utente
claudioredaelli
Socio GAS TT
Messaggi: 370
Iscritto il: mar gen 03, 2012 4:42 pm
Nome: Claudio
Regione: Lombardia
Città: Usmate Velate
Età: 65
Stato: Non connesso

Messaggio da claudioredaelli » mer dic 18, 2013 12:20 pm

domanda da analfabeta: quando vengono citati i colori con le sigle, corrispondono a specifici nomi commerciali? in breve, se vado in un colorificio e chiedo il certo colore posso citare quelle sigle?
Claudio

Avatar utente
Digtrain
Messaggi: 1592
Iscritto il: gio dic 20, 2012 11:47 pm
Nome: Walter
Regione: Lombardia
Città: Casarile
Età: 59
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Digtrain » mer dic 18, 2013 12:33 pm

gianfranco.p ha scritto:
Digtrain ha scritto:

Ok, se questo è l'inizio, mi sono demoralizzato, appendo pennelli, colori e polveri al chiodo!!! :sad:

Ciao Walter :geek:


Ciao Walter, ti riferisci ai tempi?

Considera che mentre i colori asciugavano, mi mettevo a dipingere altro....non stiamo mai fermi. :grin:



Assolutamente non per i tempi!!! :grin:

Mi riferisco alla vostra bravura in questa delicata arte!!!
Si compone di occhio e capacità artistiche che io non possiedo.

Piccolo aneddoto il mio prof di educazione artistica delle medie inferiori mi disse"Ti do sei, ma il mio sei equivale a quattro!".

Aveva ragione!!!![:I]

Ciao Walter :geek:
Walter - Club Modellismo Pavese - Steamtown National Historic Site - Het Spoorwegmuseum Utrech - Loxx Berlino - "Il mio fisico è stato scolpito e modellato nelle migliori trattorie della Lomellina"

Avatar utente
gianfranco.p
Messaggi: 720
Iscritto il: lun gen 28, 2013 11:13 pm
Nome: Gianfranco
Regione: Lazio
Città: Cassino-Roma
Età: 36
Stato: Non connesso

Messaggio da gianfranco.p » mer dic 18, 2013 12:46 pm

claudioredaelli ha scritto:

domanda da analfabeta: quando vengono citati i colori con le sigle, corrispondono a specifici nomi commerciali? in breve, se vado in un colorificio e chiedo il certo colore posso citare quelle sigle?


Ciao Claudio, le sigle indicano il codice del prodotto di quella marca. Esempio:

tabella degli smalti Humbrol
Immagine

e degli acrilici Lifecolor
Immagine

per i colori ad olio, ho visto qui:
http://migproductionswebshop.com/index.php?cPath=25_38

pigmenti qui:
http://migproductionswebshop.com/index.php?cPath=22_33

eccetera.....

Se vai in un negozio e chiedi lo smalto Humbrol 33 ti daranno il nero opaco (MATT), se chiedi lo smalto Humbrol 21 ti daranno il nero lucido (GLOSS), e cosi via....basta sapere il codice del colore e al negozio te lo daranno. Prima di iniziare l'invecchiamento mi sono visto queste tabelline cercando il colore più adatto e sono andato a comprare quelli che ho citato.

Occhio però, questi prodotti li trovi solo in negozi di modellismo e online, non in negozi di belle arti. Viceversa, i pennelli che ho citato, devi prenderli in negozi di belle arti e non in negozi di modellismo altrimenti li paghi un occhio della testa......il 5/0 è uno dei piu piccoli (costa 2,50€ in media) ed è fondamentale per i piccoli ritocchi.
Ciao, Gianfranco

Avatar utente
Fabrizio
Socio GAS TT
Messaggi: 9269
Iscritto il: gio nov 10, 2011 9:17 pm
Nome: Fabrizio
Regione: Piemonte
Città: Piossasco
Ruolo: co-amministratore
Stato: Non connesso

Messaggio da Fabrizio » mer dic 18, 2013 10:22 pm

Bene Gianfranco, un topic molto utile :wink:
Fabrizio Borca

Avatar utente
Andrea
Socio GAS TT
Messaggi: 20404
Iscritto il: mer ott 26, 2011 7:42 pm
Nome: Andrea
Regione: Lombardia
Città: Segrate
Ruolo: Amministratore
Età: 55
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Andrea » mer dic 18, 2013 10:29 pm

Caspita che meraviglia, le foto sono impressionanti.
Molto bello anche il diorama del tuo amico Franco.
Complimenti.
Andrea - “I fermodellisti sono tanti e legati da un'amicizia sincera, che esplode in una cordialità ormai rara nel mondo rumoroso ed incerto di oggi”. La valle incantata

Avatar utente
liftman
Socio GAS TT
Messaggi: 7049
Iscritto il: dom gen 29, 2012 2:40 pm
Nome: Rolando
Regione: Liguria
Città: La Spezia
Ruolo: Moderatore
Età: 63
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da liftman » gio dic 19, 2013 12:06 am

accipicchia, questi son partiti in quarta e mò chi li ferma? :cool: :cool: Ottima guida, complimenti!
Ciao! Rolando

Avatar utente
dilan
Messaggi: 3960
Iscritto il: mar mag 07, 2013 7:32 am
Nome: Antonino
Regione: Lombardia
Città: Scanzorosciate
Età: 72
Stato: Non connesso

Messaggio da dilan » gio dic 19, 2013 1:59 am

Ottima guida! Molto bella la tua elaborazione.
Antonio

Avatar utente
gianfranco.p
Messaggi: 720
Iscritto il: lun gen 28, 2013 11:13 pm
Nome: Gianfranco
Regione: Lazio
Città: Cassino-Roma
Età: 36
Stato: Non connesso

Messaggio da gianfranco.p » gio dic 19, 2013 9:41 am

Inutile citare la qualità dei panto MdF che già da soli rendono una meraviglia.....dopo aver montato la retina (aggiuntivo che ho reperito a parte solo grazie a varie raccomandazioni :geek: :geek: :geek: ), ho sporcato ovviamente anche questi, tecniche che comunque possono essere adattate a qualsiasi tipo di panto.



Immagine:
Immagine
371,91 KB

Immagine:
Immagine
371,26 KB

Immagine:
Immagine
411,79 KB

Immagine:
Immagine
339,38 KB

Immagine:
Immagine
200,4 KB


fonte di ispirazione:
Immagine:
Immagine
113,31 KB

iter:
1. passare, a pennello 3/0, Shadow Brown MIG + Basic Earth MIG su tutte le gunzioni del pantografo, sui bracci con sfumatura verso il centro, sui mollettoni e un po' su tutto in 50:50
2. passare, a pennello 3/0, Grease Engine MIG sui mollettoni, sulle pompe e su tutte le gunzioni del pantografo in 50:50
3. passare, a pennello 3/0, sulla pompa centrale con khaki matt26

:wink:

@fabrizio: ti aspetto qui per l'invecchiamento del tuo convoglio ESCI!!!!!!

Ho sentito "Franceschino" al telefono, purtroppo è impegnatissimo questo periodo ma ha giurato che tornerà...prima o poi....[xx(] a postare i suoi piccoli capolavori. :wink:
Ciao, Gianfranco

Rispondi

Torna a “TECNICHE”