Problemi con Tillig TT adv

Area nella quale è possibile avere le informazioni basilari per l’utilizzo dei software SCARM.
(a cura di Fabio Cuccia).

Moderatori: liftman, MrMassy86

Avatar utente
gavinca
Socio GAS TT
Messaggi: 1855
Iscritto il: martedì 22 maggio 2012, 13:07
Nome: Carlo
Regione: Piemonte
Città: Bellinzago
Stato: Non connesso

Problemi con Tillig TT adv

Messaggio da gavinca »

Come da titolo ho un poblema con il sistema di binari Tillig scala TT ADV.
Ho preso spunto da qui http://www.scalatt.it/images/2_TT/tt162.jpg e da qui http://www.scalatt.it/images/2_TT/tt163.JPG per fare un po' di pratica ma tutti gli schemi del manuale tillig con scarm non si connettono correttamente e rimane sempre una distanza tra i binari (oppure si sovrappongono).
Questi sono un paio di esempi, ma non riesco a capire dove sto sbagliando.

ProveTT-Adv.zip (1,74 KB)
Avatar utente
Rascrow
Messaggi: 41
Iscritto il: giovedì 21 marzo 2013, 19:48
Nome: Andrea
Regione: Molise
Città: Isernia
Stato: Non connesso

Messaggio da Rascrow »

Ciao Carlo, effettivamente ho avuto anche io questo problema quando ho testato le geometrie dei deviatoi per il mio progetto.
Le misure dei vari elementi della libreria SCARM corrispondono a quelli del catalogo Tillig, ma credo che il problema derivi dalla approssimazione grafica effettuata dal programma.
Ho risolto in modo efficace eliminando gli "spezzoni" G ed utilizzando quasi esclusivamente flessibili sia per le curve che per riempire gli spazi tra i deviatoi.
Per modificare i parametri di approssimazione vai a strumenti>impostazioni. Si aprirà una nuova finestra con una lista sulla sinistra (vista 2d, vista 3d etc). Seleziona modifica e hai la possibilità di impostare i raggi minimi di curvatura dei flessibili, il minimo raggio rappresentato come rettilineo o curvo, le tolleranze sia per il minimo "spezzone" che per il minimo angolo.

Inoltre, non uso l'interbinario imposto dalle geometrie, ma partendo da un interbinario scelto, posiziono i deviatoi di conseguenza. A tale scopo la funzione "punto di partenza parallelo" è una manna dal cielo :grin: :grin:

Spero di esserti stato utile.
Sempre a disposizione per altri eventuali chiarimenti.
Andrea
Avatar utente
gavinca
Socio GAS TT
Messaggi: 1855
Iscritto il: martedì 22 maggio 2012, 13:07
Nome: Carlo
Regione: Piemonte
Città: Bellinzago
Stato: Non connesso

Messaggio da gavinca »

Grazie Andrea,
sono d'accordo che alla fine si usano i flessibili però visto che la Tillig ha studiato una sua geometria di binario io preferisco usarla (almeno inizialmente).
Quindi potrebbe essere un problema di Scarm ?
Avatar utente
Flavio
Socio GAS TT
Messaggi: 1132
Iscritto il: domenica 20 gennaio 2013, 12:57
Nome: Flavio
Regione: Lombardia
Città: Rozzano
Stato: Non connesso

Messaggio da Flavio »

Ciao Carlo, per aggiustare i 2 esempi che hai fatto con Scarm devi utilizzare i binari di compensazione G3 e G5 oltre al mezzo binario G2 ed al quarto di binario G4.

Procedi in questo modo per entrambi i 2 esempi:
1- togli un binario G1 sulla linea di binari chiusi che hai realizzato per entrambi i tuoi esempi.
2- unisci tutti gli altri binari che attualmente trovi disuniti
3- ora, per unire la linea di binari rimasta aperta, servono 1 pz. G2+1 pz. G4 e 1 pz G5 (per l'esempio superiore nel tuo schema allegato) e 1 pz G3 per l'altro schema
Vedrai che tutto si chiude alla perfezione. :wink:
Flavio - C.M.P. Club Modellismo Pavese - GAS TT
Avatar utente
Rascrow
Messaggi: 41
Iscritto il: giovedì 21 marzo 2013, 19:48
Nome: Andrea
Regione: Molise
Città: Isernia
Stato: Non connesso

Messaggio da Rascrow »

Ho tentato empiricamente di creare le condizioni per unire i tracciati correttamente seguendo le indicazione date dalla Tillig (usando gli stessi schemi che hai postato) ma non ci sono riuscito. Mi risulta difficile pensare che l'azienda abbia redatto degli schemi fallaci sui suoi prodotti, quindi credo sia plausibile che il difetto risieda nel programma. C'è da dire che non è un problema grandissimo vista la soluzione del flessibile.
Ho anche fatto un piccolo giochetto di copia incolla e ci sono evidenze che depongono verso il problema di software: nell'immagine di sinistra, mettendo in sequenza due deviatoi DW2 sin e destro, gli elementi da inserire sul corretto tracciato del primo deviatoio per compensare la distanza con il secondo è G5, G3, G2. Con questa successione dovresti avere binario parallelo lungo quanto la deviata del secondo deviatoio (schema Tillig).

Ricostruendo la stessa situazione in SCARM, hai una lunghezza leggermente maggiore del binario del corretto tracciato del primo deviatoio rispetto alla deviata del secondo. Si tratta di una scarto di 1,9mm (misurato con il flussometro di SCARM, quindi non attendibile al 100% visto che anche questo tool potrebbe portare ad errore) tale da modificare le distanze dei successivi corretti tracciati/deviate del fascio deviatoi...in parole povere ti trovi in SCARM con una tratto di binario maggiore o minore da riempire rispetto allo schema del fabbricante

Immagine:
Immagine
161,38 KB

Potresti calcolare ogni volta l'errore e utilizzare i G adatti per compensarlo ma credo sia più pratico e soprattutto veloce utilizzare i flessibili anche in fase di progettazione, senza considerare anche gli altri vantaggi che puoi trarne!
Qualche settimana fa ho segnalato il problema allo sviluppatore di SCARM, ma per ora non mi ha dato risposte...sono in attesa.

Tutto questo è il frutto della mia personale esperienza, ma se qualcuno ha trovato altre soluzioni al problema, includendo elementi che non ho preso in considerazione, ben vengano! In tal modo si può creare una coscienza collettiva su pro e contro di un software partecipando allo sviluppo dello stesso ed evitando spiacevoli inconvenienti durante la posa dell'armamento.

Per la cronaca sto giochicchiando anche con altro software: Templot
Per ora lo trovo meno intuitivo di SCARM dato il numero immenso di variabili da poter settare, ma sicuramente offre possibilità infinite senza seguire i vincoli delle case produttrici!
Vantaggio o lama a doppio taglio? Ai posteri l'ardua sentenza! :grin: :grin:
Andrea
Avatar utente
gavinca
Socio GAS TT
Messaggi: 1855
Iscritto il: martedì 22 maggio 2012, 13:07
Nome: Carlo
Regione: Piemonte
Città: Bellinzago
Stato: Non connesso

Messaggio da gavinca »

Avete ragione, ricombinando diversamente i pezzi G si chiude anche se rimane qualche tolleranza:

Immagine:
Immagine
72,89 KB
Avatar utente
Rascrow
Messaggi: 41
Iscritto il: giovedì 21 marzo 2013, 19:48
Nome: Andrea
Regione: Molise
Città: Isernia
Stato: Non connesso

Messaggio da Rascrow »

Personalmente avrei fatto così, eliminando anche le tolleranze residue.

Immagine:
Immagine
238,01 KB

Come diceva il mio prof. di fisica: per ogni problema si possono sviluppare e trovare mille soluzione, tutte valide e giuste se si arriva allo stesso risultato :grin: :grin:
Andrea

Torna a “SCARM”