Connettori a tre fili

Il sistema tradizionale di gestione locomotive e plastico.

Moderatore: roy67

Rispondi
Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 9190
Iscritto il: dom mag 03, 2015 6:31 pm
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Età: 58
Stato: Non connesso

Connettori a tre fili

Messaggio da v200 » mer ott 07, 2015 1:47 pm

Devo collegare i deviatoi alle relative pulsantiere allungando ovviamente i fili tre per ogni deviatoio che connettori devo usare?
Tenero conto dell'esiguo diametro?
Roby
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.

Avatar utente
marioscd
Socio GAS TT
Messaggi: 4516
Iscritto il: lun lug 23, 2012 12:56 pm
Nome: Mario
Regione: Lombardia
Città: Valera Fratta
Età: 58
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da marioscd » mer ott 07, 2015 2:18 pm

in assoluto il modo più semplice ed economico per portare alla consolle i fili dei deviatoi è l'uso delle morsettiere "mammut" installate vicino al motore, sottoplancia

Immagine

queste morsettiere si possono tagliare a gruppi di tre contatti e sono facilmente reperibili nei Briko con costo esiguo. Esse consentono di collegare i tre fili che arrivano dal motore ad un cavo multipolare (oppure a tre fili separati) da mandare verso la consolle. Visto che ti riferivi al diametro molto sottile dei conduttori dei motori, un piccolo consiglio che ti do è quello di spellare mezzo centimetro circa di conduttore, torcere la trecciola di rame con i polpastrelli e poi ripiegarla di 180° in modo che la parte nuda si allinei alla parte terminale isolata e poi inserire tutto all'interno del mammut. Quando si serrerà la vite di quest'ultimo non bisogna stringere troppo (appena fa abbastanza resistenza è sufficiente, eventualmente controllando la tenuta tirando leggermente il cavetto). Con questo sistema la vite andrà a lavorare anche sulla plastica del conduttore ma esso garantirà comunque un buon contatto elettrico.
Se vuoi che la consolle sia elettricamente separata dal plastico per poter facilmente fare manutenzione è allora possibile raggruppare questi conduttori che arrivano dai mammut e collegarli ad una coppia di connettori Cannon maschio/femmina tra la scatola della consolle e il resto dell'impianto elettrico. Questi connettori, a saldare, possono essere a 9, 15, 25, 37 e 50 poli secondo necessità. Si trovano nei negozi di elettronica anche on-line e costano qualche euro cadauno.

Immagine

ciao
Mario Scuderi - C.M.P. Club Modellismo Pavese ...ciò che è piccolo a volte diventa grande...

Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 9190
Iscritto il: dom mag 03, 2015 6:31 pm
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Età: 58
Stato: Non connesso

Messaggio da v200 » mer ott 07, 2015 5:08 pm

Ciao Mario,
quello che mi da un po di pensiero per il cablaggio è il diametro dei cavetti assai sottili ( i miei sono deviatoi in enne il diametro e simile a quello dei lampioncini) con i connettori della prima foto molte volte si sfilano cercavo qualcosa per elettronica tipo quelle morsettiere a vite da montare sulle piastre mille fori.
Provo a vedere on line come hai suggerito :wink:
Roby
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.

Avatar utente
marioscd
Socio GAS TT
Messaggi: 4516
Iscritto il: lun lug 23, 2012 12:56 pm
Nome: Mario
Regione: Lombardia
Città: Valera Fratta
Età: 58
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da marioscd » mer ott 07, 2015 5:27 pm

se il filo è molto sottile puoi pensare di fare un piccolo terminale a costo zero (o quasi!). Procurati del cavo elettrico ad anima unica (non trecciola, tipo il cavetto telefonico che ha anima ramata unica), spellane un pezzetto lungo un centimetro e su di esso avvolgi a spirale un centimetro di filo del motore adeguatamente spellato. Salda il tutto con un po' di stagno e poi inserisci un tubetto di guaina termorestringente in modo da coprire mezzo centimetro del filo rigido e un pezzo anche del cavetto del motore. Otterrai così dei terminali abbastanza rigidi da essere inseriti senza problemi nei mammut e contemporaneamente non forzerai con la vite sul filo del motore rischiando così di spezzarlo.

ciao
Mario Scuderi - C.M.P. Club Modellismo Pavese ...ciò che è piccolo a volte diventa grande...

Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 9190
Iscritto il: dom mag 03, 2015 6:31 pm
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Età: 58
Stato: Non connesso

Messaggio da v200 » mer ott 07, 2015 5:35 pm

Avrei trovato questi connettori che devono arrivare al mio fornitore, non li ho mai utilizzati so che devi montarli

Immagine:
Immagine
17,2 KB

Roby
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.

Avatar utente
Docdelburg
Messaggi: 5215
Iscritto il: mar set 04, 2012 6:16 pm
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Età: 63
Stato: Non connesso

Messaggio da Docdelburg » mer ott 07, 2015 6:54 pm

Per ogni deviatoio fissi nella struttura, in opportuna posizione, tre vitine da legno in ottone e ad ognuna ci saldi un filo del motore e quello relativo che arriva alla consolle (o al collegamento per la consolle). [:I]
Mauro Menini - CMP - GAS TTGalleria dell’orso - Deposito merci di Casteggio - Ponte sul fiume Po
Salva una pianta, mangia un vegano!

Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 9190
Iscritto il: dom mag 03, 2015 6:31 pm
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Età: 58
Stato: Non connesso

Messaggio da v200 » mer ott 07, 2015 8:51 pm

Idea semplicissima DOC :grin: e molto pratica :wink:
Roby
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.

Rispondi

Torna a “ANALOGICO”