Rocrail e BBT - come avere rallentamenti realistici

Il sistema digitale (DCC) applicato al modellismo ferroviario.

Moderatore: roy67

Avatar utente
MrPatato76
Socio GAS TT
Messaggi: 4364
Iscritto il: lun ago 27, 2012 11:14 am
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Nova Milanese
Età: 44
Stato: Non connesso

Re: Rocrail e BBT - come avere rallentamenti realistici

Messaggio da MrPatato76 » gio lug 23, 2020 5:51 pm

Navigando in rete ho scoperto che Arduino (che compone la centrale dcc++) gestisce direttamente i sensori tramite i suoi ingressi sia digitali, sia analogici.
Roberto - "...il bambino che vede un treno lo saluta con la manina, questo non succede con un auto!" (Cit.) - Ciao Roberto

Avatar utente
Docdelburg
Messaggi: 5367
Iscritto il: mar set 04, 2012 6:16 pm
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Età: 64
Stato: Non connesso

Re: Rocrail e BBT - come avere rallentamenti realistici

Messaggio da Docdelburg » gio lug 23, 2020 6:34 pm

MrPatato76 ha scritto:
gio lug 23, 2020 5:51 pm
Navigando in rete ho scoperto che Arduino (che compone la centrale dcc++) gestisce direttamente i sensori tramite i suoi ingressi sia digitali, sia analogici.
Si ho presente; bastano infatti anche quei sensori a barriera ottica a infrarossi




oppure puoi costruirti dei sensori di occupazione come questi

http://www.dccworld.it/index.php?page=d ... mento.html

http://forum.duegieditrice.it/viewtopic ... 1&t=101383

e altro ancora

https://forum.rocrail.net/viewtopic.php ... 1e0a728af7

Avatar utente
Roberto Fainelli
Messaggi: 354
Iscritto il: ven lug 19, 2013 2:45 pm
Nome: Roberto
Regione: Umbria
Città: Orvieto
Età: 56
Stato: Non connesso

Re: Rocrail e BBT - come avere rallentamenti realistici

Messaggio da Roberto Fainelli » ven lug 24, 2020 8:42 am

Non capisco, Mauro, la fine differenza tra il sensore SHORTIN e PRE2IN. Io uso il BBT però gli ho dato una prima taratura perché con 14 blocchi da leggere da parte della loc. mi ci vogliono 10 anni. Ho impostato,facendo un pò di prove:
PASSI: 9
INTERVALLO DI PARTENZA : 160
MASSIMA DIFFERENZA : 350
CORREZIONE : 100 %
LA CV 4 a 100.
Ho la fortuna di avere i blocchi da 3,5 / 4 metri .Solo su uno ,di stazione mi va lungo perché il sensore "IN" corto.
Roberto - Non bisogna confondere la gentilezza con la debolezza.

Avatar utente
Docdelburg
Messaggi: 5367
Iscritto il: mar set 04, 2012 6:16 pm
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Età: 64
Stato: Non connesso

Re: Rocrail e BBT - come avere rallentamenti realistici

Messaggio da Docdelburg » ven lug 24, 2020 11:41 am

Roberto Fainelli ha scritto:
ven lug 24, 2020 8:42 am
Non capisco, Mauro, la fine differenza tra il sensore SHORTIN e PRE2IN. Io uso il BBT però gli ho dato una prima taratura perché con 14 blocchi da leggere da parte della loc. mi ci vogliono 10 anni. Ho impostato,facendo un pò di prove:
...........
Ciao Roberto, ti dico quello che ho capito io, senza pretesa di fare il sapientone.... :wink:
SHORTIN dovrebbe avere solo la funzione di fermare nel tratto assoggettato al sensore le loco cui è stata attivata questa funzione, vedi automotrici o convogli corti che così fermano al centro di un binario di stazione e non all'estremità.
PRE2IN invece dovrebbe avere due funzioni; una è uguale a SHORTIN (per loco cui viene attivata questa funzione) e una è quella di produrre un rallentamento intermedio tra i sensori ENTER e IN. Questo ho letto nelle istruzioni e appena posso farò qualche prova in tal senso.
Non so però come PRE2IN possa interagine con BBT, ma credo sia ininfluente.
Nel variare la percentuale di correzione non superare il 70% altrimenti succede spesso che in fase di aggiustamento la loco finisca per saltare l'IN e riprenda la marcia. Certamente più è lunga la tratta tra Enter e IN e più tempo e tentativi ci vorranno per regolare l'arresto.

Avatar utente
Roberto Fainelli
Messaggi: 354
Iscritto il: ven lug 19, 2013 2:45 pm
Nome: Roberto
Regione: Umbria
Città: Orvieto
Età: 56
Stato: Non connesso

Re: Rocrail e BBT - come avere rallentamenti realistici

Messaggio da Roberto Fainelli » ven lug 24, 2020 12:04 pm

Ecco,é quello che avevo capito anche io.Avevo i sensori pre2in ma li ho tolti per utilizzare le porte dei decoders per fare le azioni per la messa a via impedita dei segnali e per certi versi imbrogliare anche un pò. Quindi non posso fare le prove. Ma lo SHORTIN é sempre esistito od é una novità dell'ultimo aggiornamento di rocrail?
Roberto - Non bisogna confondere la gentilezza con la debolezza.

Avatar utente
Docdelburg
Messaggi: 5367
Iscritto il: mar set 04, 2012 6:16 pm
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Età: 64
Stato: Non connesso

Re: Rocrail e BBT - come avere rallentamenti realistici

Messaggio da Docdelburg » ven lug 24, 2020 1:39 pm

Ho fatto le prove del caso, con due binari, ciascuno con 3 sensori; ENTER e IN alle estremità per ogni senso di marcia, un binario con SHORTIN centrale e l'altro con PRE2IN sempre centrale. Tolta la funzione BBT alla loco e iniziato a girare.
Nel binario con "ENTER SHORTIN e IN" la loco mantiene velocità di crociera fin quando non tocca il tratto IN dove si ferma di botto (la mia CV4 è a 5). Nello stesso binario, attivando BBT sulla loco, questa rallenta subito all'ENTER e giro dopo giro sistema il rallentamento progressivo. Quindi SHORTIN non è altro che un IN dedicato alle loco con questa funzione attiva, nient'altro e, per quel che mi risulta, c'è da molto tempo, almeno qualche anno.
Nell'altro binario con PRE2IN, la loco senza BBT transita a velocità di crociera sull'ENTER e rallenta solo sul PRE2IN e poi procede lentamente fino ad arrestarsi all'IN. Attivando il BBT la loco ignora il PRE2IN e inizia il solito adattamento al rallentamento graduale da ENTER a IN.
L'uso quindi di BBT esclude di fatto il PRE2IN a meno che una loco abbia attiva la funzione apposita al che diventa il punto di arrivo al posto del normale IN.

Conclusioni:
SHORTIN serve solo per determinare un punto di arresto diverso per alcuni rotabili rispetto al punto IN.
PRE2IN può fare la stessa funzione di SHORTIN e in più serve per rallentare la corsa del convoglio in vista dell'arresto nel punto IN. Molto utile, combinato con valori di CV4 più o meno alti, per produrre un rallentamento prima del punto di arresto definitivo. Da usarsi in alternativa al BBT regolando velocità e inerzia della loco in base alla distanza che separa i tratti PRE2IN e IN.
Con il BBT questi due tipi di sensori vengono presi in considerazione solo se la loco in transito ha attivato le relative funzioni, cioè arresto al SHORTIN o PRE2IN e in quel caso fungono da IN più corto, altrimenti vengono ignorati.

Avatar utente
Roberto Fainelli
Messaggi: 354
Iscritto il: ven lug 19, 2013 2:45 pm
Nome: Roberto
Regione: Umbria
Città: Orvieto
Età: 56
Stato: Non connesso

Re: Rocrail e BBT - come avere rallentamenti realistici

Messaggio da Roberto Fainelli » ven lug 24, 2020 1:59 pm

Ottimo,Mauro.
Roberto - Non bisogna confondere la gentilezza con la debolezza.

Avatar utente
anam
Messaggi: 39
Iscritto il: mar mar 25, 2014 7:32 pm
Nome: Daniele
Regione: Piemonte
Città: Santhià
Età: 57
Stato: Non connesso

Re: Rocrail e BBT - come avere rallentamenti realistici

Messaggio da anam » ven lug 24, 2020 2:46 pm

Confermo quanto detto da Mauro. La funzione BBT utilizza solo due eventi. Enter, che attiva il BBT per quella tratta; PRE2IN oppure SHORTIN oppure IN come punto di arrivo.
Come suggerisce la documentazione, azzerare tutti gli eventuali timer impostati sugli eventi, pena possibili malfunzionamenti.
Seguo RR dal 2008, a memoria SHORTIN c'è da almeno 7/8 anni.
Daniele - Plastico delle terme

Rispondi

Torna a “DIGITALE”