Selezionare l' alimentazione di piu' trazioni

Tutto ciò che è elettricità applicata al fermodellismo.

Moderatori: liftman, roy67

Avatar utente
iname1030
Socio GAS TT
Messaggi: 26
Iscritto il: mercoledì 19 aprile 2017, 20:05
Nome: Adriano
Regione: Lombardia
Città: Brescia
Stato: Non connesso

Selezionare l' alimentazione di piu' trazioni

Messaggio da iname1030 »

Ciao a tutti,

isolati tra di loro nel tracciato vi sono da due itinerari, semplicizzando due ovali "A" e "B". Intenderei selezionare la loro alimentazione/trazione attraverso dei commutatori rotativi a 2 vie e 4 posizioni (quelli per circuiti stampati da alcuni euro, se ne è accenanto qui: topic.asp?TOPIC_ID=14316&SearchTerms=rotativo), ad esempio la selezione potrebbe essere:

Commutatore rotativo per Fleischmann 6755 Trasformatore-Alim n°1 in Pos.1=alimenta "A"
oppure
Commutatore rotativo per 6755 Trasformatore-Alim n°1 in Pos.2=alimenta "B"
oppure
Commutatore rotativo per 6755 Trasformatore-Alim n°1 in Pos.3=alimenta "A+B"
oppure
Commutatore rotativo per 6755 Trasformatore-Alim n°1 in Pos.4=escluso

e contemporaneamente e/o in alternativa (rispetto alla posizione del commutatore n°1)

Commutatore rotativo per Roco Multimaus Trasformatore-Alim n°2 in Pos.1=alimenta "B"
oppure
Commutatore rotativo per Roco Multimaus Trasformatore-Alim n°2 in Pos.2=alimenta "A"
oppure
Commutatore rotativo per Roco Multimaus Trasformatore-Alim n°2 in Pos.3=alimenta "B+A"
oppure
Commutatore rotativo per Roco Multimaus Trasformatore-Alim n°2 in Pos.4=escluso

Analogamente vi è poi una terza alimentazione selezionabile (stavolta Rivarossi RT2 Trasformatore-Alim) sempre con il proprio dedicato commutatore rotativo. Le alimentazioni "attive" saranno comunque sempre una o massimo due sulle tre
disponibili.
Ogni Trasformatore-Alim non alimenta "servizi" con le proprie uscite AC in quanto sono alimentati separatamente.
Ammesso di eseguire le commutazioni con tutti i trasformatori-alimentatori con le manopole di regolazione a "zero" e selezionando prima le esclusioni, vi chiedo se vi siano controindicazioni...e se non sia meglio inserire delle sicurezze ( fusibili ? altro ?) e dove ?
Oppure sto solo complicando ed esiste qualcosa di meglio ? Ogni consiglio/indicazione è piu' che benaccetto. Grazie!

p.s.: non essendo molto pratico di schemi ho preferito la descrizione, spero sia tutto abbastanza chiaro.
Avatar utente
MrPatato76
Socio GAS TT
Messaggi: 4558
Iscritto il: lunedì 27 agosto 2012, 11:14
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Nova Milanese
Stato: Non connesso

Messaggio da MrPatato76 »

E' un po' confuso il tuo post.....
Comunque, se ho capito bene, tu hai due itineari indipendenti, giusto? Con cosa alimenti questi itineari? Con due alimentatori separati? In questo modo potrai gestire due convogli separatamente su ciascun itinerario.
Esistono punti di scambio tra i due itinerari?
Se no, sono sufficienti due alimentatori (uno per itinerario).
Se si, dovrai prevedere un opportuno tratto sezionato che congiunga i due itinerari e che possa essere alimentato sia dall'alimentatore del primo itinerario sia dall'alimentatore del secondo itinerario.
Ovvio che non dovrai alimentarlo in contemporanea, ma dovrai prevedere un commutatore che ti permetta di passare da un alimentatore all'altro in funzione della direzione che vuoi dare al tuo convoglio (da itinerario 1 a itinerario 2 o viceversa).
Roberto - "...il bambino che vede un treno lo saluta con la manina, questo non succede con un auto!" (Cit.) - Ciao Roberto
Avatar utente
Giacomo
Messaggi: 1205
Iscritto il: domenica 28 luglio 2013, 19:40
Nome: Giacomo
Regione: Toscana
Città: Siena
Stato: Non connesso

Messaggio da Giacomo »

Appunto, se come mi pare di aver capito, disponi già di più alimentatori è inutile inserire commutatori o interruttori. Ogni itinerario sarà collegato al suo alimentatore indipendentemente dagli altri. Solo se, come accennato da Roberto, ci sono delle intersezioni tra gli itinerari, va previsto, per ogni interconnessione, un tratto sezionato.
Più semplice di così.... :wink:
Giacomo - free climber modellista, attore, motociclista ecc ecc...
Avatar utente
iname1030
Socio GAS TT
Messaggi: 26
Iscritto il: mercoledì 19 aprile 2017, 20:05
Nome: Adriano
Regione: Lombardia
Città: Brescia
Stato: Non connesso

Messaggio da iname1030 »

Grazie per le conferme ai miei dubbi.
L' intenzione è non di avere un alimentatore per ogni itinerario ma di poter variare/alternare a piacere su ogni itinerario il "tipo" di alimentazione sia essa DC e/o DCC (secondo la locomotiva in uso).
Avatar utente
Giacomo
Messaggi: 1205
Iscritto il: domenica 28 luglio 2013, 19:40
Nome: Giacomo
Regione: Toscana
Città: Siena
Stato: Non connesso

Messaggio da Giacomo »

Per questa esigenza lascio la parola a chi è più esperto di me per il DCC... nonostante sia perito elettronico e programmatore, abbia oltre 35 anni di esperienza nei PC, il digitale mi resta ostico, e più leggo meno ci capisco... strano vero? Però è così... in ogni caso quando (e se) riuscirò a farmi un plastichetto sarà rigorosamente in analogico, che per le mie esigenze basta e avanza.....
Giacomo - free climber modellista, attore, motociclista ecc ecc...
Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 9671
Iscritto il: domenica 3 maggio 2015, 18:31
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Messaggio da v200 »

L'alimentazione per i due sistemi analogico e digitale si basa su due diverse correnti
ANALOGICO = CC a 16 V
Digitale = CA a 22 V
ora è possibile tramite isolamento tra i due tracciati è inserendo un commutatore selezionare l'alimentazione per l'analogico o digitale.
Il problema rimane di non avere comunicazioni tra i due tracciati, ricordiamo che una loco " digitale " può indifferentemente circolare su un tracciato analogico che digitale mentre una loco " ANALOGICA " non può circolare su un tracciato digitale pena frittura del motore.
Situazione abbastanza semplice per la sola loco isolata, un po più complesso per un convoglio che vorremmo far transitare dal tracciato A al tracciato B. Occorre predisporre un binario isolato su entrambe le rotaie e su le due testate in modo che possa accogliere il convoglio più lungo che hai in modo che non si creino corti con un rotabile a cavallo dei due tratti alimentati diversamente, con gli opportuni cablaggi per alimentarlo/disalimentarlo con il sistema desiderato.
Generalmente non consiglio questa soluzione fonte di problemi in caso di errata sequenza comandi per l'alimentazione, ma di avere sempre due tracciati ben distinti e isolati fisicamente in modo da non creare situazioni di pericolo per le loco. Uno analogico per loco analogiche ed uno in digitale per loco digitali.
Purtroppo plastici con tracciati misti con commutatori per alimentarli con i due sistemi in caso di distrazioni sono fonte di guai.
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.
Avatar utente
Docdelburg
Messaggi: 5601
Iscritto il: martedì 4 settembre 2012, 18:16
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Stato: Non connesso

Messaggio da Docdelburg »

iname1030 ha scritto:

Grazie per le conferme ai miei dubbi.
L' intenzione è non di avere un alimentatore per ogni itinerario ma di poter variare/alternare a piacere su ogni itinerario il "tipo" di alimentazione sia essa DC e/o DCC (secondo la locomotiva in uso).


Questo è uno dei migliori metodi per riuscire a friggere col DCC qualche povera loco analogica...... :sad:
.....e ti assicuro che nonostante l'attenzione è successo a tanti![xx(]

Molto meglio due tracciati separati senza possibilità di connessione, uno per il DC e uno per il DCC (e qualche piccolo rischio di errore rimane....)

Torna a “COLLEGAMENTI ELETTRICI”