Gruppi di Lavoro FIMF

Tutto ciò che riguarda la Federazione Italiana Modellisti Ferroviari e Amici della Ferrovia, associazione che ha lo scopo di promuovere, sostenere e diffondere in Italia l'interesse per le Ferrovie ed ogni altro mezzo di trasporto su rotaia, sia nel campo modellistico che reale, nonché la conoscenza dei loro più svariati aspetti.

Moderatori: MrMassy86, sal727

Avatar utente
ho_master
Messaggi: 604
Iscritto il: martedì 6 novembre 2012, 6:58
Nome: Antonello
Regione: Abruzzo
Città: Pescara
Stato: Non connesso

Gruppi di Lavoro FIMF

Messaggio da ho_master »

Nel corso dell'ultimo consiglio, a Firenze, e' stato dato il LA alla partenza dei Gruppi di Lavoro di cui si era cominciato a parlare a Novegro.

I primi Gruppi di Lavoro si accuperanno di 'Modulare' e il Responsabile sara' il Consigliere Paolo Beverini.

I primi argomenti potrebbero essere :

- rivisitazione delle Norme FIMF sui moduli tenendo conto dello stato di fatto e normalizzando, magari, solo la parte meccanica. Si potrebbero impostare delle 'raccomandazioni' per quanto riguarda gli altri aspetti.

- nuovo sistema modulare che, imitando i Club francesi, mi piacerebbe chiamare 'FIMF 3000' basato sui cosiddetti 'moduli a televisore' detti 'caisson' dai francesi e 'showcase' dagli anglosassoni. Il sistema sarebbe indirizzato ai singoli che vogliono mettere assieme i propri moduli con quelli degli amici e alle piccole realta' associative.
Piccolo investimento, facilita' e sicurezza di trasporto, molto orientato alle manovre e con rifiniture del paesaggio da diorama.

Ovviamente, viste le regole che ci siamo dati, saranno i partecipanti ai Gruppi di Lavoro a definire obiettivi e modalita'.

Ogni Socio puo' suggerire al Coordinatore nuovi argomenti e il nome di nuovi 'esperti' da invitare..

Praticamente si operera' all'interno di un Forum chiuso dove si accede per invito da parte del Coordinatore.

Ogni Gruppo, o anche i singoli Soci, possono candidarsi come 'Laboratorio di Prova' per testare sul campo le varie idee.


Possiamo discuterne qui in modo da partire con il piede giusto

Grazie a tutti, Antonello Lato


Avatar utente
sma835_47
Messaggi: 683
Iscritto il: lunedì 27 agosto 2012, 0:25
Nome: Saverio
Regione: Lombardia
Città: Pavia
Stato: Non connesso

Messaggio da sma835_47 »

PRESENTE!!!
Ciao
Saverio
Saverio - C.M.P. Club Modellismo Pavese
Avatar utente
MrPatato76
Socio GAS TT
Messaggi: 4663
Iscritto il: lunedì 27 agosto 2012, 11:14
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Nova Milanese
Stato: Connesso

Messaggio da MrPatato76 »

Il discorso FIMF 3000 non mi dispiace.....
Roberto - "...il bambino che vede un treno lo saluta con la manina, questo non succede con un auto!" (Cit.) - Ciao Roberto
Avatar utente
marioscd
Socio GAS TT
Messaggi: 4517
Iscritto il: lunedì 23 luglio 2012, 12:56
Nome: Mario
Regione: Lombardia
Città: Valera Fratta
Stato: Non connesso

Messaggio da marioscd »

disponibile.

ciao
Mario Scuderi - C.M.P. Club Modellismo Pavese ...ciò che è piccolo a volte diventa grande...
Avatar utente
trenini
Messaggi: 1273
Iscritto il: martedì 21 agosto 2012, 19:27
Nome: Loris
Regione: Toscana
Città: Seravezza
Stato: Non connesso

Messaggio da trenini »

Molto interessante il discorso FIMF3000, si può saperne di più?
Ciao loris
Navari Loris
Avatar utente
ho_master
Messaggi: 604
Iscritto il: martedì 6 novembre 2012, 6:58
Nome: Antonello
Regione: Abruzzo
Città: Pescara
Stato: Non connesso

Messaggio da ho_master »

Potete incominciare a farvene un'idea qui

Temi da trattare :

- come adattarle ai gusti italiani, ?

- come ottenere piani di stazione piu' lunghi di un metro ?

- cappio, coulisse, linea di ritorno nascosta o ovale ?

- che materiali impiegare ?

- che sistema di alimentazione ?

- che sistema di illuminazione ?

- adattamenti alle varie scale ?

- vantaggi/svantaggi

- chi vuol fare da cavia ?

- ogni altro tema che vi verra' in mente

Se ci sono gia' dei Soci interessati si facciano avanti: si proseguira' la discussione nel Gruppo di Lavoro aggiornandovi qui sul Forum man mano che ci sono sviluppi.

Antonello Lato
Avatar utente
ho_master
Messaggi: 604
Iscritto il: martedì 6 novembre 2012, 6:58
Nome: Antonello
Regione: Abruzzo
Città: Pescara
Stato: Non connesso

Messaggio da ho_master »

Come sapete Sabato 12/03 c'e' l'ultimo incontro con i Presidenti dei vari Gruppi del Centro-Nord.

Dopo aver comunicato il nostro programma per la terza volta vorrei partire con il Progetto FIMF 3000 di cui si parlava sopra.

Ho preparato l'area di Lavoro per i partecipanti al Gruppo di Lavoro e ora mancano i nomi dei partecipanti.

Se qualcuno di voi e' interessato ad iscriversi già da adesso provvedero' a registrarlo.

Altrettanto vale per chi e' interessato alla revisione delle attuali norme sul modulare e a progetti derivati da questo.

Frazie per l'attenzione, Antonello Lato
Avatar utente
marioscd
Socio GAS TT
Messaggi: 4517
Iscritto il: lunedì 23 luglio 2012, 12:56
Nome: Mario
Regione: Lombardia
Città: Valera Fratta
Stato: Non connesso

Messaggio da marioscd »

a proposito di "FIMF 3000" e dintorni... se qualcuno di voi è stato al Modelgame di Bologna della scorsa edizione di novembre, avrà forse visto una sezione dei workshop "Trainmaster" dove il CMP su idea del buon Giulio Barberini, si è cimentato nell'assemblaggio meccanico di un modulo "simil-FIMF" alla francese, ovvero con sfondo e illuminazione integrata.
Questa potrebbe essere una buona base di partenza per parlarne...

ciao!
Mario Scuderi - C.M.P. Club Modellismo Pavese ...ciò che è piccolo a volte diventa grande...
Avatar utente
ho_master
Messaggi: 604
Iscritto il: martedì 6 novembre 2012, 6:58
Nome: Antonello
Regione: Abruzzo
Città: Pescara
Stato: Non connesso

Messaggio da ho_master »

@ Mario. Potresti metterci in contatto con Giulio o chiedergli se e' interessato a mettere a comune le sue esperienze, per favore ?

Ci sono dei materiali illustrativi ?

Antonello Lato
Avatar utente
ho_master
Messaggi: 604
Iscritto il: martedì 6 novembre 2012, 6:58
Nome: Antonello
Regione: Abruzzo
Città: Pescara
Stato: Non connesso

Messaggio da ho_master »

A grande richiesta incominciamo a fare sul serio.

Ho buttato giu' un elenco di possibili Gruppi di lavoro


Immagine:
Immagine
32,68 KB

A voi la possibilita' di suggerirne di nuovi o di modificare i titoli.

Ditemi anche se tenerli raggruppati come in figura o separare quelli legati alle norme dagli altri.

Direi anche di partire in prova con un paio per tarare eventuali problemi.

Se qualcuno di voi volesse fare il noderatore di un GdL non legato alle norme
e' il benvenuto

Una volta definito l'elenco definiremo i partecipanti.

Antonello Lato

PS ai GdL si accedera' dal Portale a partire da Lunedi' prossimo.
Avatar utente
sma835_47
Messaggi: 683
Iscritto il: lunedì 27 agosto 2012, 0:25
Nome: Saverio
Regione: Lombardia
Città: Pavia
Stato: Non connesso

Messaggio da sma835_47 »

Scusa Antonello, è vero che abbiamo parlato di questi gruppi di lavoro diverse volte e si è accennato anche ai possibili contenuti, tuttavia, proporrei di definirli un po' meglio, qui sul forum, in modo che tutti sappiano gli argomenti che verranno ad essere trattati.
Ciao
Saverio
Saverio - C.M.P. Club Modellismo Pavese
Avatar utente
ho_master
Messaggi: 604
Iscritto il: martedì 6 novembre 2012, 6:58
Nome: Antonello
Regione: Abruzzo
Città: Pescara
Stato: Non connesso

Messaggio da ho_master »

Accolgo l'invito di Saverio e provo a definire il mio punto di vista sui Gruppi di Lavoro ricordando che il progetto nasce su vostra sollecitazione e che quindi siete voi, i Soci FIMF, che indirizzerete le scelte su temi, modalita' di partecipazione e soluzioni sotto la moderazione di un Consigliere o di uno di voi a seconda dei casi.

Nel Gruppo di Lavoro i Soci discutono sul tema assegnato e sviluppano le migliori soluzioni al riguardo d sottoporre al Consiglio per la ratifica.

Facciamo un paio di esempi.

Il primo GdL immaginato a Novegro riguardava genericamente la revisione delle norme esistenti sul Modulare a Norme FIMF.

La prima cosa che farei e' quella di meglio definire il tema e, se necessario, segmentarlo in sottogruppi ( parte geometrica/meccanica, parte elettrica etc ) e poi incominciare a discutere sulla necessita' dell'intervento, sulla fattibilita', sulle possibile soluzioni.

Per esempio si potrebbe decidere di trasformare le attuali Norme in una Norma 'cogente' e delle raccomandazioni.

Abbiamo fior di esperti fra di noi e sono convinto che sotto la moderazione di Paolo Beverini si arrivera' a sviscerare il problema ottimamente.

A mio vedere anche decidere di non intervenire e' comunque un risultato del lavoro di gruppo.

Un secondo GdL, nasce da una mia proposta: pubblicare una nuova Raccomandazione FIMF sui moduli cosiddetti alla francese secondo la FFMF 3000 reinterpretandola alla italiana e, magari, migliorandola.

Si tratta di definire dei moduli facilmente trasportabili e interfacciabili sia per uso individuale sia per piccoli gruppi, moduli caratterizzati da avere uno sfondo e un sistema di illuminazione integrato e che possano anche 'vivere' singolarmente come diorami.

Il discorso dei GdL non si esaurisce con i Plastici, ma puo' essere utilizzato anche per temi di natura organizzativa o per migliorare procedure esistenti.

Per esempio si e' ipotizzata la possibilita' di formare un GdL per disegnare opportunamente e migliorare il nostro Sito oppure un GdL per definire meglio e portare avanti il progetto di Editoria FIMF.

Vogliamo democratizzare il processo decisionale nella Federazione e coinvolgere al massimo grado i Soci e i Gruppi: a voi proporre e partecipare.

Propongo di partire con uno di questi GdL e affinare i meccanismi man mano.

Propongo di partire con il FIMF 3000 perche' avendo davanti una prateria sara' piu' semplice lavorare insieme rispetto ad un progetto di revisione.

Antonello Lato
Avatar utente
Alessandro Giglio
Messaggi: 290
Iscritto il: martedì 16 giugno 2015, 23:52
Nome: Alessandro
Regione: Campania
Città: Volla
Stato: Non connesso

Messaggio da Alessandro Giglio »

Tra le varie proposte fatte da Antonello, io proporrei un GDL con tema "La FIMF: la sua evoluzione e il convolgimeto dei Gruppi" con lo scopo di non fermarsi alla struttura attuale ma pensare anche alla FIMF3000 per l' organizzazione.
Guai se pensiamo di aver raggiunto l' optimum ma la cosa deve essere sempre in costante evoluzione, con suggerimenti, proposte, idee attuazioni di programmi.
Altra cosa importante: pur apprezzando molto il forum che ci ospita, il solo forum non può e non deve essere il solo terreno di confronto perché purtroppo non è molto seguito dai Soci FIMF, forse anche per colpa nostra che non ne abbiamo data ampia diffusione, cosa che dovremmo fare sul prossimo Bollettino.
Alessandro
Alessandro Giglio
Avatar utente
Marco Dalmaggio
Messaggi: 76
Iscritto il: sabato 11 aprile 2015, 14:58
Nome: Marco
Regione: Lombardia
Città: OSIO SOTTO
Stato: Non connesso

Messaggio da Marco Dalmaggio »

ho_master ha scritto:

Potete incominciare a farvene un'idea qui

Temi da trattare :

- come adattarle ai gusti italiani, ?

- come ottenere piani di stazione piu' lunghi di un metro ?

- cappio, coulisse, linea di ritorno nascosta o ovale ?

- che materiali impiegare ?

- che sistema di alimentazione ?

- che sistema di illuminazione ?

- adattamenti alle varie scale ?

- vantaggi/svantaggi

- chi vuol fare da cavia ?

- ogni altro tema che vi verra' in mente

Se ci sono gia' dei Soci interessati si facciano avanti: si proseguira' la discussione nel Gruppo di Lavoro aggiornandovi qui sul Forum man mano che ci sono sviluppi.

Antonello Lato





Questo sistema assomiglia vagamente al plastico modulare che avevo in mente prima di progettare l'attuale impianto in costruzione.
Il piano di stazione misurava 4 metri in tre moduli profondi 40.
Potrei riprendere a svilupparlo e darne un assaggio qui sul forum.

Saluti

Marco
Marco Dalmaggio
Avatar utente
Alessandro Giglio
Messaggi: 290
Iscritto il: martedì 16 giugno 2015, 23:52
Nome: Alessandro
Regione: Campania
Città: Volla
Stato: Non connesso

Messaggio da Alessandro Giglio »

Forza Marco con il tuo contributo....
Alessandro
Alessandro Giglio
Avatar utente
Marco Dalmaggio
Messaggi: 76
Iscritto il: sabato 11 aprile 2015, 14:58
Nome: Marco
Regione: Lombardia
Città: OSIO SOTTO
Stato: Non connesso

Messaggio da Marco Dalmaggio »

ho_master ha scritto:

Potete incominciare a farvene un'idea qui

Temi da trattare :

- come adattarle ai gusti italiani, ?

- come ottenere piani di stazione piu' lunghi di un metro ?

- cappio, coulisse, linea di ritorno nascosta o ovale ?

- che materiali impiegare ?

- che sistema di alimentazione ?

- che sistema di illuminazione ?

- adattamenti alle varie scale ?

- vantaggi/svantaggi

- chi vuol fare da cavia ?

- ogni altro tema che vi verra' in mente

Se ci sono gia' dei Soci interessati si facciano avanti: si proseguira' la discussione nel Gruppo di Lavoro aggiornandovi qui sul Forum man mano che ci sono sviluppi.

Antonello Lato






- COME ADATTARLE AI GUSTI ITALIANI
Prendendo come spunto le linee ferroviarie della penisola, mantenendo le norme FIMF (che comunque sono da rivedere);

- COME OTTENERE PIANI DI STAZIONE PIU' LUNGHI DI UN METRO
Praticamente come l'immagine in allegato?

- CAPPIO, COULISSE, LINEA DI RITORNO NASCOSTA O OVALE?
Anello di ritorno e stazione nascosta sotto il modulo stesso;

- CHE MATERIALI IMPIEGARE?
Direi i classici, oppure a scelta purchè l'aspetto finale sia il medesimo;

- CHE SISTEMA DI ILLUMINAZIONE?
Sistema di illuminazione a LED;

- ADATTAMENTI ALLE VARIE SCALE?
Perchè no, utilizzando le stesse norme della scala N, TT e LGB (ma un binario solo però...);

- VANTAGGI/SVANTAGGI
Chiaramente più è lungo più sarà difficile maneggiarlo e trasportarlo, comunque con maniglie apposite inserite ad es. nelle testate;

- CHI VUOL FARE DA CAVIA?
Io ci provo, con data di scadenza "da definire"; :cool:

- OGNI ALTRO TEMA CHE VI VERRA' IN MENTE
In questo momento mi viene in mente di cominciare a inserire una sottosezione per i GdL con la dicitura FIMF3000;

Io mi sono lanciato, spero di non andare a sbattere contro un muro!

Adesso però meglio che vada a lavorare (in ufficio...);

Un saluto a tutti!

Marco


Immagine:
Immagine
61,85 KB
Marco Dalmaggio
Avatar utente
ho_master
Messaggi: 604
Iscritto il: martedì 6 novembre 2012, 6:58
Nome: Antonello
Regione: Abruzzo
Città: Pescara
Stato: Non connesso

Messaggio da ho_master »

Accipicchia, Marco !

Mi piace il tuo approccio ! Anche l' ACAF si associa alla sperimentazione.

Per i tempi, una volta definita una bozza delle 'norme' si puo' cominciare a sperimentare,

ognuno col proprio passo, mettendo a comune le proprie esperienze.

Dopo Pasqua si parte, con una sorpresina di cui vi diro' a brevissimo.


Antonello Lato
Avatar utente
marioscd
Socio GAS TT
Messaggi: 4517
Iscritto il: lunedì 23 luglio 2012, 12:56
Nome: Mario
Regione: Lombardia
Città: Valera Fratta
Stato: Non connesso

Messaggio da marioscd »

Antonello, come ti avevo promesso ho contattato Giulio il quale mi ha autorizzato a divulgare in ambito FIMF i due disegni 3D del progetto "sfondo + illuminazione" che col CMP avevamo cominciato a realizzare nell'ambito di Trainmaster all'ultima Modelgame di Bologna, lo scorso novembre.
In pratica il progetto verteva sull'adattamento ad un modulo FIMF "classico" (quindi un modulo da 120cm x 60cm a doppio binario in posizione asimmetrica) al quale veniva aggiunto uno scatolato di fondo e di soffitto sul quale è possibile applicare l'illuminazione a strisce LED.
Per quanto riguarda la parte elettrica si ragionava su un sistema completamente digitale mentre per l'esercizio si pensava ad un anello chiuso su stazione nascosta (addirittura ipotizzando che essa potesse essere disposta al di sotto del modulo stesso).
Il tutto era studiato per scenografia a livello occhi, quindi con altezza di 130cm del PdF.
Questa normativa era studiato esattamente per plastici relativamente piccoli (mi vengono in mente quelli presentati da Arcamodellismo allo scorso Novegro, per intenderci) composti da 3 o 4 moduli scenografati più quelli "tecnici" per l'esercizio.
Ovviamente si può pensare sia ad un sistema "chiuso" ad ovale con stazione nascosta sia ad un sistema "Avanti/indietro" con fascio nascosto, più adatto a scenografie industriali. Il tutto con operatore disposto sul lato pubblico e comandi attraverso palmare.
La documentazione è disponibile appena si partirà con la definizione dei gruppi.

ciao
Mario Scuderi - C.M.P. Club Modellismo Pavese ...ciò che è piccolo a volte diventa grande...
Avatar utente
Marco Dalmaggio
Messaggi: 76
Iscritto il: sabato 11 aprile 2015, 14:58
Nome: Marco
Regione: Lombardia
Città: OSIO SOTTO
Stato: Non connesso

Messaggio da Marco Dalmaggio »

marioscd ha scritto:

Antonello, come ti avevo promesso ho contattato Giulio il quale mi ha autorizzato a divulgare in ambito FIMF i due disegni 3D del progetto "sfondo + illuminazione" che col CMP avevamo cominciato a realizzare nell'ambito di Trainmaster all'ultima Modelgame di Bologna, lo scorso novembre.
In pratica il progetto verteva sull'adattamento ad un modulo FIMF "classico" (quindi un modulo da 120cm x 60cm a doppio binario in posizione asimmetrica) al quale veniva aggiunto uno scatolato di fondo e di soffitto sul quale è possibile applicare l'illuminazione a strisce LED.
Per quanto riguarda la parte elettrica si ragionava su un sistema completamente digitale mentre per l'esercizio si pensava ad un anello chiuso su stazione nascosta (addirittura ipotizzando che essa potesse essere disposta al di sotto del modulo stesso).
Il tutto era studiato per scenografia a livello occhi, quindi con altezza di 130cm del PdF.
Questa normativa era studiato esattamente per plastici relativamente piccoli (mi vengono in mente quelli presentati da Arcamodellismo allo scorso Novegro, per intenderci) composti da 3 o 4 moduli scenografati più quelli "tecnici" per l'esercizio.
Ovviamente si può pensare sia ad un sistema "chiuso" ad ovale con stazione nascosta sia ad un sistema "Avanti/indietro" con fascio nascosto, più adatto a scenografie industriali. Il tutto con operatore disposto sul lato pubblico e comandi attraverso palmare.
La documentazione è disponibile appena si partirà con la definizione dei gruppi.

ciao


E' la stessa idea che ho avuto io per il mio impianto, compresa la stazione nascosta sotto il modulo stesso, solo che non l'ho sviluppata perchè ho dovuto integrare la struttura nell'arredamento esistente e ho dovuto optare per un'altra soluzione.

Il plastico di VALLESCURA dello stand di Arcamodellismo assomiglia molto a quello francese e la stazione nascosta mi pare fosse dietro e ripiegabile per il trasporto.

Ma mi piace di più l'idea della stazione sotto il modulo! :razz:

Un grosso saluto

Marco
Marco Dalmaggio
Avatar utente
Marco Dalmaggio
Messaggi: 76
Iscritto il: sabato 11 aprile 2015, 14:58
Nome: Marco
Regione: Lombardia
Città: OSIO SOTTO
Stato: Non connesso

Messaggio da Marco Dalmaggio »

ho_master ha scritto:

Accipicchia, Marco !

Mi piace il tuo approccio ! Anche l' ACAF si associa alla sperimentazione.

Per i tempi, una volta definita una bozza delle 'norme' si puo' cominciare a sperimentare,

ognuno col proprio passo, mettendo a comune le proprie esperienze.

Dopo Pasqua si parte, con una sorpresina di cui vi diro' a brevissimo.


Antonello Lato


Grazie Presidente!
[:I]
Marco Dalmaggio
Avatar utente
Marco Dalmaggio
Messaggi: 76
Iscritto il: sabato 11 aprile 2015, 14:58
Nome: Marco
Regione: Lombardia
Città: OSIO SOTTO
Stato: Non connesso

Messaggio da Marco Dalmaggio »

Piccolissima osservazione sulle eventuali prossime revisioni delle norme FIMF.

La norma sulle giunzione tra i moduli prevede l'inserimento di uno spezzone di binario, ma mi pare che nessuno adotti più questo sistema, vedo solamente giunzioni "a filo" (sicuramente migliori).

Norma "corretta" e non ancora ufficializzata?
Marco Dalmaggio
Avatar utente
sma835_47
Messaggi: 683
Iscritto il: lunedì 27 agosto 2012, 0:25
Nome: Saverio
Regione: Lombardia
Città: Pavia
Stato: Non connesso

Messaggio da sma835_47 »

Scusate, non sono un moderatore, ma penso che si debba fare un attimo di ordine. Questo topic, a mio avviso, non dovrebbe entrare nel merito delle discussioni dei vari gruppi di lavoro, per i quali aprirei un topic ciascuno. L'aggiornamento delle norme FIMF per plastici modulari penso che sia un argomento diverso di quello relativo al FIMF3000 dove si vuole creare un nuovo sistema di modularità per plastici con fini abbastanza diversi. E' vero che l'aggancio tra i vari moduli presenta gli stessi problemi, ma dobbiamo tener presente che nel caso dei plastici modulari che conosciamo ora, i moduli sono tanti (si veda il plastico dei Piombinesi) e i treni devono poter "correre", mentre nel caso del FIMF3000 mi sembra si pensi a pochi moduli con convogli necessariamente corti, eventualmente con tanta possibilità di far manovre e, soprattutto, con una scenografia da diorama.
Ciao
Saverio
Saverio - C.M.P. Club Modellismo Pavese
Avatar utente
ho_master
Messaggi: 604
Iscritto il: martedì 6 novembre 2012, 6:58
Nome: Antonello
Regione: Abruzzo
Città: Pescara
Stato: Non connesso

Messaggio da ho_master »

Hai ragione, Saverio. Questo topice e' nato come vetrina del Progetto Gruppi di Lavoro: non dobbiamo addentrarci nelle varie problematiche qui.

Per mettere a punto le modalità operative e permettere a tutti di farsi un'idea di cosa vogliamo ottenere e' mia intenzione, passata Pasqua

di partire con il primo GdL, FIMF 3000, aprendolo a tutti i frequentatori di questo Forum, senza preventiva iscrizione.

Se dovesse prendere una brutta piega ( cosa che reputo quasi impossibile ) vuol dire che faremo partecipare solo gli utenti registrati.

Per i successivi GdL vi invito a formulare qui le vostre proposte intese come obiettivi dei vari Gruppi.

Buona Pasqua a tutti, Antonello Lato
Avatar utente
MrMassy86
Socio GAS TT
Messaggi: 14812
Iscritto il: sabato 10 novembre 2012, 15:42
Nome: Massimiliano
Regione: Toscana
Città: Marlia - Lucca
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Messaggio da MrMassy86 »

ho_master ha scritto:

Hai ragione, Saverio. Questo topice e' nato come vetrina del Progetto Gruppi di Lavoro: non dobbiamo addentrarci nelle varie problematiche qui.

Per mettere a punto le modalità operative e permettere a tutti di farsi un'idea di cosa vogliamo ottenere e' mia intenzione, passata Pasqua

di partire con il primo GdL, FIMF 3000, aprendolo a tutti i frequentatori di questo Forum, senza preventiva iscrizione.

Se dovesse prendere una brutta piega ( cosa che reputo quasi impossibile ) vuol dire che faremo partecipare solo gli utenti registrati.

Per i successivi GdL vi invito a formulare qui le vostre proposte intese come obiettivi dei vari Gruppi.

Buona Pasqua a tutti, Antonello Lato


Raccolgo l'invito di Saverio, ma vedo che Antonello ha già risposto molto bene, quindi manteniamo questo topic come vetrina generica dove progettare i vari gruppi, poi per gli approfondimenti relativi a quel singolo gruppo si aprirà una discussione dedicata [:I]
Se ho ben capito poi provvederà Antonello ad aprire le relative discussioni dove noi tutti potremo dare il nostro contributo :cool:
Massimiliano :cool:
Massimiliano Paolinelli - il mio canale YouTubeViaggio in quel di Verni -Il Ponte dei Pescatori - C.L.A.F. Lucca
Avatar utente
marioscd
Socio GAS TT
Messaggi: 4517
Iscritto il: lunedì 23 luglio 2012, 12:56
Nome: Mario
Regione: Lombardia
Città: Valera Fratta
Stato: Non connesso

Messaggio da marioscd »

parallelamente al FIMF3000 però si dovrebbe anche aprire il GdL relativo alla revisione delle attuali norme dei modulari.
Su questo argomento cercherò di preparare una specie di memorandum su come sono le norme attuali e su come esse sono state "reinterpretate" dai vari gruppi dei quali ho una conoscenza diretta. Credo che questo "riassunto" possa poi essere utilizzato come base per poter capire dove le norme sono state maggiormente stravolte e dove invece hanno retto alla loro formulazione originale.
Da questa base si potrà poi partire, aggiungendo i "desiderata" dei vari modellisti, per rimodulare le norme stesse.

ciao
Mario Scuderi - C.M.P. Club Modellismo Pavese ...ciò che è piccolo a volte diventa grande...

Torna a “FIMF”