E 655/656 in accantonamento

Locomotive, carri, carrozze, servizi ferroviari e treni in generale.

Moderatori: Fabrizio, MrMassy86

Avatar utente
Fabrizio
Socio GAS TT
Messaggi: 10340
Iscritto il: giovedì 10 novembre 2011, 21:17
Nome: Fabrizio
Regione: Piemonte
Città: Piossasco
Ruolo: co-amministratore
Stato: Non connesso

E 655/656 in accantonamento

Messaggio da Fabrizio »

E' uscita oggi dalle officine di Foligno l'ultima locomotiva E 655 su cui è stata effettuata la Revisione Ordinaria completa. La macchina in questione è la E 655 549 (ex E 656 549), uscita oggi dalle officine di Foligno. Si conclude così l'era delle revisioni cicliche dei "Caimani", infatti dopo questa macchina nessuna altra sarà più sottoposta alla "ciclica" così che per ciascuna E 656/655 oggi circolante alla scadenza della revisione seguirà l'accantonamento e la radiazione.



Locomotiva E 656 549
Immagine:
Immagine
82,17 KB

Locomotiva dopo la trasformazione in E 655 549
Immagine:
Immagine
99,06 KB


Una locomotiva E 656 nelle officine di Foligno durante una revisione ciclica
Immagine:
Immagine
146,37 KB
Fabrizio Borca
Avatar utente
Marshall61
Messaggi: 7196
Iscritto il: martedì 1 novembre 2011, 20:50
Nome: Carlo
Regione: Toscana
Città: Livorno
Stato: Non connesso

Messaggio da Marshall61 »

....e così finirà un altro mito......niente più "URLO" del Caimano...... :cool:

Ciao, Carlo
NON ESISTONO PROBLEMI, ESISTONO SOLO LE SOLUZIONI. E' LO SPIRITO DELL'UOMO A CREARE IL PROBLEMA DOPO. (Andrè Gide)
Avatar utente
Fabrizio
Socio GAS TT
Messaggi: 10340
Iscritto il: giovedì 10 novembre 2011, 21:17
Nome: Fabrizio
Regione: Piemonte
Città: Piossasco
Ruolo: co-amministratore
Stato: Non connesso

Messaggio da Fabrizio »

La revisione, dipendentemente dal chilometraggio previsto, può durare anche diversi anni. Comunque, come era stato a suo tempo per le E 646/645, dall'annuncio dell'ultima macchina uscita dalla revisione ordinaria all'effettiva radiazione di tutte le unità non sono passati tantissimi anni. Continuano comunque gli altri interventi di manutenzione ordinaria, mentre ai guasti rilevanti segue accantonamento e radiazione.
Fabrizio Borca
Avatar utente
Pecetta
Messaggi: 1812
Iscritto il: giovedì 3 gennaio 2013, 23:48
Nome: Alberico
Regione: Lombardia
Città: Varese
Stato: Non connesso

Messaggio da Pecetta »

@ Fabrizio Borca,

Scusa, ciò che sto per scrivere forse è OT, ma io spesso dai tuoi scritti leggo 'locomotiva' e non 'locomotore'. E' forse un lapsus o una 656xyz è da definirsi locomotiva esattamente come quelle a vapore?
E se fosse così, perché?

Bye
Alberico - NON mi chiamo Alberico - Io sono un Alieno - Io NON ho un plastico in casa perché non ho il posto per tenerlo - Colleziono SOLO Rivarossi in scala 1:80 e quando ci riesco mi autocostruisco qualcosa - A volte vengo a vedere le vostre mostre o cose TT e poi me ne vado senza salutare/presentarmi semplicemente perché non ne ho voglia. Io sto bene così... voi?
Avatar utente
Fabrizio
Socio GAS TT
Messaggi: 10340
Iscritto il: giovedì 10 novembre 2011, 21:17
Nome: Fabrizio
Regione: Piemonte
Città: Piossasco
Ruolo: co-amministratore
Stato: Non connesso

Messaggio da Fabrizio »

Ciao, a dirti la verità non conosco la differenza fra il termine locomotiva e locomotore, o se siano sinonimi. Forse qualcuno più informato potrà svelarci il mistero.
Fabrizio Borca
Avatar utente
liftman
Socio GAS TT
Messaggi: 7484
Iscritto il: domenica 29 gennaio 2012, 14:40
Nome: Rolando
Regione: Liguria
Città: La Spezia
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Messaggio da liftman »

Io ho sempre associato "locomotiva" alle vaporiere, e "locomotore" al resto, ma non mi sono mai domandato se ci fosse una differenza nel 2 termini, o se sono da considerare sinonimi.
Ciao! Rolando
Avatar utente
liftman
Socio GAS TT
Messaggi: 7484
Iscritto il: domenica 29 gennaio 2012, 14:40
Nome: Rolando
Regione: Liguria
Città: La Spezia
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Messaggio da liftman »

Ho dato un'occhiata fugace in rete...

Wikypedia, riporta i vari termini: locomotiva a vapore, locomotiva elettrica, locomotiva diesel...

http://it.wikipedia.org/wiki/Locomotiva
e questo link:
http://it.wikipedia.org/wiki/Locomotore
riporta al medesimo testo, quindi per loro i termini sono equivalenti.

qui: http://www.treccani.it/vocabolario/locomotore/
e qui: http://www.treccani.it/enciclopedia/tag/locomotiva/

sostanzialmente la stessa cosa..
Ciao! Rolando
Avatar utente
Fabrizio
Socio GAS TT
Messaggi: 10340
Iscritto il: giovedì 10 novembre 2011, 21:17
Nome: Fabrizio
Regione: Piemonte
Città: Piossasco
Ruolo: co-amministratore
Stato: Non connesso

Messaggio da Fabrizio »

Anche io ho sempre considerato i termini dei sinonimi. Comunque credo non si commetta un grave errore a usarli come tali, anche se ci fosse qualche differenza :wink:
Fabrizio Borca
Avatar utente
Pecetta
Messaggi: 1812
Iscritto il: giovedì 3 gennaio 2013, 23:48
Nome: Alberico
Regione: Lombardia
Città: Varese
Stato: Non connesso

Messaggio da Pecetta »

@ Entrambi,

Grazie :grin:
(anch'io avevo cercato su wikipedia ed i dizionari ma ho anche considerato che forse in questo sito se ne potesse sapere di più :geek: )

Bye
Alberico - NON mi chiamo Alberico - Io sono un Alieno - Io NON ho un plastico in casa perché non ho il posto per tenerlo - Colleziono SOLO Rivarossi in scala 1:80 e quando ci riesco mi autocostruisco qualcosa - A volte vengo a vedere le vostre mostre o cose TT e poi me ne vado senza salutare/presentarmi semplicemente perché non ne ho voglia. Io sto bene così... voi?
Avatar utente
Enrico87
Messaggi: 18
Iscritto il: venerdì 5 ottobre 2012, 22:37
Nome: Enrico
Regione: Veneto
Città: Galliera Veneta
Stato: Non connesso

Messaggio da Enrico87 »

Che io sappia era così:

Locomotiva a Vapore.

Locomotore Diesel.

Locomotrice Elettrica.

Già il solo primo nome indentifica anche il tipo di alimentazione,quindi con possibilità di omettere Vapore,Diesel ed Elettrica.
Ciao a tutti da Enrico.
Avatar utente
Andreacaimano656
Messaggi: 1914
Iscritto il: lunedì 4 marzo 2013, 19:23
Nome: Andrea
Regione: Lazio
Città: Roma
Stato: Non connesso

Messaggio da Andreacaimano656 »

Oh no!! :cool: :cool:
Prima le E636 poi le E646/645 e infine purtroppo le E655/656: quanto è dura da sopportare :cool: :cool: :cool: :cool: :cool:
Ora ognuno di loro avrà il tempo contato prima che un piccolo e insignificante guasto ne uccida uno a uno.
Dannata Trenitalia :cool: :cool: :cool: :cool: :cool:
Andrea Ferreri
Avatar utente
Fabrizio
Socio GAS TT
Messaggi: 10340
Iscritto il: giovedì 10 novembre 2011, 21:17
Nome: Fabrizio
Regione: Piemonte
Città: Piossasco
Ruolo: co-amministratore
Stato: Non connesso

Messaggio da Fabrizio »

In questo periodo una notevole quantità di locomotive E 655 accantonate a Milano Smistamento sono inviate ad un impresa di S. Giuseppe di Cairo (SV) per la demolizione. Le macchine sono vendute a prezzo di rottame a cifre che si stimano tra i 200 e i 300 euro a tonnellata. Ciascuna E 655 pesa 120 tonnellate, per ciascuna macchina quindi si stima che l'impresa abbia pagato una cifra variabile tra i 24.000 e i 36.000 euro. Nel lotto venduto sono presenti circa una ottantina di macchine, tra cui anche alcune E 633.
Fabrizio Borca
Avatar utente
Edo Mazzo
Messaggi: 1680
Iscritto il: martedì 16 luglio 2013, 21:34
Nome: Edoardo
Regione: Veneto
Città: Treviso
Stato: Non connesso

Messaggio da Edo Mazzo »

Nooooooooooooooooooooooo.......il mio preferito......auguri Caimano :cool: :cool: :cool: :cool: :cool: :cool: :cool: :cool: :cool: :cool: :cool: :cool: :cool: :cool: :cool:
Edoardo Mazzonetto - Il mio profilo Facebook https://www.facebook.com/edoardo.mazzonetto
Avatar utente
Christian-E.656
Messaggi: 485
Iscritto il: lunedì 10 settembre 2012, 11:36
Nome: Christian
Regione: Abruzzo
Città: Pescara
Stato: Non connesso

Messaggio da Christian-E.656 »

Fabrizio Borca ha scritto:

In questo periodo una notevole quantità di locomotive E 655 accantonate a Milano Smistamento sono inviate ad un impresa di S. Giuseppe di Cairo (SV) per la demolizione. Le macchine sono vendute a prezzo di rottame a cifre che si stimano tra i 200 e i 300 euro a tonnellata. Ciascuna E 655 pesa 120 tonnellate, per ciascuna macchina quindi si stima che l'impresa abbia pagato una cifra variabile tra i 24.000 e i 36.000 euro. Nel lotto venduto sono presenti circa una ottantina di macchine, tra cui anche alcune E 633.



Come le care 636 646 428 424, le porteremo sempre nei nostri ricordi piu belli...il ruggito del caimano non si dimentica facilmente...
Amiternus
Avatar utente
Fabrizio
Socio GAS TT
Messaggi: 10340
Iscritto il: giovedì 10 novembre 2011, 21:17
Nome: Fabrizio
Regione: Piemonte
Città: Piossasco
Ruolo: co-amministratore
Stato: Non connesso

Messaggio da Fabrizio »

Già Christian, la E 656 assieme alle altre che hai già citato, fanno parte della macchine preferite dagli appassionati di ferrovia. Purtroppo, se per le altre locomotive che hai citato, il pensionamento è avvenuto dopo anni di onorato servizio (alcune locomotive hanno superato i 60 anni di età) per il "Caimano" la fine è stata prematura. Considerando che le ultime macchine sono uscite di fabbrica nel 1989, si può dire che qualche locomotiva non sia giunta ai 25 anni di servizio, anche se occorre considerare che per le macchine di prima serie si sono sfiorati i 40 anni di attività. Insomma.... luci ed ombre.

Vediamo qualche piccolo dettaglio per capire meglio la situazione:

Le E 656 furono sviluppate dalle FS (allora esistevano ancora ) per far fronte alla necessità di macchine sufficientemente potenti e veloci, nonché multiuso, negli anni '70. Si fece affidamento su un progetto già sperimentato e collaudato, quello delle E 645/646, da cui le E 656 derivano, seppur con notevoli aggiornamenti. Nel 1975 fu consegnata la prima E 656. Con il passare degli anni, le necessità di locomotive potenti ed affidabili crebbero, così che le FS continuarono a ordinare nuove serie di locomotive E 656, visto che si rivelarono affidabili e le nuove E 632/633 elettroniche avevano problemi di affidabilità e il loro sviluppo ebbe qualche contrattempo. Così si giunse nel 1989 a costruire macchine reostatiche "tradizionali" quando invece di li a poco sarebbero comparse le prime locomotive con motori asincroni trifase, più potenti e meno onerose dal punto di vista della manutenzione.

Negli anni in cui le E 656 furono costruite la maggior parte dei treni era formata da locomotive e carrozze. Con il passare del tempo le esigenze mutarono e per raggiungere elevate velocità si è passati ad un più massiccio uso degli elettrotreni, che con la trazione distribuita hanno migliori doti dinamiche, tanto da soppiantare anche sulle tratte non veloci le composizioni classiche di vetture e locomotive. Inoltre con gli elettrotreni sono semplificate le operazioni di inversione e,ultimo arrivato, rendono possibile l'uso dell'agente unico. Ad oggi la soluzione che va per la maggiore nel trasporto passeggeri è l'uso di elettrotreni o composizioni bloccate con locomotive monocabina (dove è possibile un collegamento diretto fra vetture e locomotiva), cosa che permette l'impiego dell'agente unico (nella normativa italiana) nonché annulla la necessità di manovre nelle stazioni. In questo contesto i treni tradizionali trovano sempre meno impiego, di conseguenza le locomotive E 656, reostatiche con motori in corrente continua e a doppia cabina, si trovano ad essere più onerose in termini di manutenzione (inoltre hanno ben 12 motori in luogo dei 4) rispetto alle elettroniche e inoltre non possono essere usate per treni reversibili ad agente unico.

Queste sono le ragioni per cui, nei primi anni 2000, si decide la conversione della maggior parte del gruppo E 656 in E 655 per usarle con i treni merci. Tuttavia la situazione di Trenitalia Cargo non è delle migliori, con i bilanci in forte passivo, il traffico su rotaia in costante calo e la concorrenza degli operatori privati, che hanno costi di gestione inferiori, dovuti a diversi contratti di lavoro e al fatto che usano mezzi a noleggio. L'uso di mezzi a noleggio fa si che l'operatore possa usare mezzi moderni e affidabili in maniera molto flessibile, noleggiando i mezzi solo nel momento in cui ne necessita, per renderli al proprietario quando non ne ha bisogno. Quest'ultimo fa turnare le proprie locomotive fra più operatori, rendendo possibile il noleggio a prezzi vantaggiosi.
In questa situazione Trenitalia Cargo si trova ad avere molte macchine in eccesso, che seppur ancora valide e non vecchie, non può impiegare e mantenere in quanto comunque costose in termini di manutenzione. Un accantonamento di lungo periodo non avrebbe giovato, in quanto si tratta di macchine ormai superate, che se già sono poco concorrenziali ai tempio odierni, risulterebbero praticamente inservibili negli anni avvenire. Si decide così per l'alienazione delle macchine più vecchie e onerose, proprio le E 655. Rimangono ancora in uso un congruo numero di E 652 nonché un piccolo gruppo di E 405 ed E 412.

Ecco alcuni dei perché di una "prematura" fine di queste bellissime e valide macchine, ultime della lunga serie delle 6 assi a cassa articolata tipicamente italiane.
Fabrizio Borca
Avatar utente
Andrew245
Messaggi: 3468
Iscritto il: lunedì 23 gennaio 2012, 21:12
Nome: Andrea
Regione: Veneto
Città: Venezia
Stato: Non connesso

Messaggio da Andrew245 »

- Fabrizio , anche per me è una delle macchie preferite e finisce con queste l'era delle locomotive articolate , fortunatamente a quanto ne so , non tutte sono finite demolende, consevate come rotabili storici , a tutt'oggi quante ne esistono in quanto tali , voglio dre , che eviteranno la fiamma ossidrica ?
Avatar utente
Fabrizio
Socio GAS TT
Messaggi: 10340
Iscritto il: giovedì 10 novembre 2011, 21:17
Nome: Fabrizio
Regione: Piemonte
Città: Piossasco
Ruolo: co-amministratore
Stato: Non connesso

Messaggio da Fabrizio »

Ciao Andrea, esistono ad oggi due locomotive E 656 preservate, la 001 (Sofer-Italtrafo, 1976) e la 023 (Casaralta-Asgen, 1975), entrambe macchine di prima serie

E 656-001
Immagine:
Immagine
83,96 KB
E 656-023
Immagine:
Immagine
57,77 KB

Si spera poi nel recupero di una E 656 di sesta serie "Navetta", probabilmente (se non già sicuro) la E 656.607
Immagine:
Immagine
70,7 KB
[tutte foto da web - autore, se originariamente presente, in didascalia]

La E 656-607 attualmente dovrebbe essere utilizzata per invio di materiali e viaggi di servizio in Liguria
Fabrizio Borca
Avatar utente
Andrew245
Messaggi: 3468
Iscritto il: lunedì 23 gennaio 2012, 21:12
Nome: Andrea
Regione: Veneto
Città: Venezia
Stato: Non connesso

Messaggio da Andrew245 »

Grazie Fabrizio, beh, tutto sommato, consoliamoci , almeno qualcosa è stato pensato e fatto per preservarne alcuni esemplari, spero proprio in una di sesta serie, l'aspetto dei frontali un po diversi mi piace da sempre, le trovo di aspetto ancora più aggressivo . Come sempre sei sempre aggiornatissimo e continuo a seguire i tuoi interessantissimi interventi . :cool:
Avatar utente
Christian-E.656
Messaggi: 485
Iscritto il: lunedì 10 settembre 2012, 11:36
Nome: Christian
Regione: Abruzzo
Città: Pescara
Stato: Non connesso

Messaggio da Christian-E.656 »

una macchina leggendaria,che abbiamo ancora tempo di ammirare e udire...grazie a voi per queste preziosi nozioni e immagini. :geek:
Amiternus
Avatar utente
dilan
Messaggi: 3959
Iscritto il: martedì 7 maggio 2013, 7:32
Nome: Antonino
Regione: Lombardia
Città: Scanzorosciate
Stato: Non connesso

Messaggio da dilan »

Macchine stupende che sicuramente meritavano una più lunga e onorata carriera. :cool:
Antonio
Avatar utente
MrMassy86
Socio GAS TT
Messaggi: 14655
Iscritto il: sabato 10 novembre 2012, 15:42
Nome: Massimiliano
Regione: Toscana
Città: Marlia - Lucca
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Messaggio da MrMassy86 »

Fabrizio Borca ha scritto:

Ciao Andrea, esistono ad oggi due locomotive E 656 preservate, la 001 (Sofer-Italtrafo, 1976) e la 023 (Casaralta-Asgen, 1975), entrambe macchine di prima serie

E 656-001
Immagine:
Immagine
83,96 KB
E 656-023
Immagine:
Immagine
57,77 KB




Oltre a quelle giustamente da te citate Fabrizio ci sono anche la 590 recentemente riportata in livrea originale ed assegnata alla ATS della Liguria e ci dovrebbe essere al 031 de Museo Trieste Campo Marzio, queste informazioni sono visibili sul ottimo sito del Paolini, www.photorail.it, ci sono anche le immagini della 590 appena riverniciata, se non sbaglio è di quelle navetta :wink: ciao Massimiliano :cool:
Massimiliano Paolinelli - il mio canale YouTubeViaggio in quel di Verni -Il Ponte dei Pescatori - C.L.A.F. Lucca
Avatar utente
Egidio
Messaggi: 12347
Iscritto il: giovedì 17 maggio 2012, 13:26
Nome: Egidio
Regione: Abruzzo
Città: Ortona
Stato: Non connesso

Messaggio da Egidio »

L' ultimo canto del cigno...... opps del caimano volevo dire !! :wink:
Saluti. Egidio. :cool:
Egidio Lofrano
Avatar utente
Marco16.10
Messaggi: 880
Iscritto il: martedì 16 aprile 2013, 18:57
Nome: Marco
Regione: Liguria
Città: Leivi
Stato: Non connesso

Messaggio da Marco16.10 »

Io volevo complimentarmi con Fabrizio per la cultura in materia!Ho letto diversi interventi e sono rimasto meravigliato per la quantità di nozioni, li trovo tutti molto interessanti!
The Watchmaker
Avatar utente
Josefloco61
Messaggi: 675
Iscritto il: sabato 2 febbraio 2013, 22:30
Nome: Giuseppe
Regione: Sicilia
Città: Palermo
Stato: Non connesso

Messaggio da Josefloco61 »

Me l'aspettavo...... purtroppo, in quanto leggo molto in rete e frequento altri forum. Per me questa è una notizia che non avrei mai voluto sentire, in quanto legato da sempre a questa macchina ed alle gloriose E636. Ma bisogna convincersi che è un normale fatto fisiologico, la tecnologia avanza, i costi di manutenzione e riparazione si cerca di contenerli, oramai viviamo in un'epoca in cui la corsa della tecnologia è frenetica, e purtroppo le e656 presto faranno parte del passato. Con i treni trainati da queste loco ci ho viaggiato tanto negli anni 80, quando ancora non esistevano le e402, e464 ecc., dalla Sicilia al nord (Toscana) e viceversa, ricordo che quando in piena notte passavo da Roma Ostiense, nel silenzio quasi assoluto dei piazzali, aprivo il finestrino della UIC-X cuccette e sentivo il rumore che faceva il caimano, una sensazione bellissima, un fragore infernale del caimano con 12 carrozze al seguito, e con il sottofondo dello sferragliare delle vetture sugli scambi, bellissimi ricordi.
Devo ammettere che quando ho sentito del progressivo accantonamento delle e656 (se ne parlava già da tempo) mi sono diventati gli occhi lucidi, ho 52 anni, sono cresciuto con le e636, e646, e424 (che non ci sono più !!!) e adesso tocca alle e656, secondo voi come mi devo sentire, al di là di tutte le considerazioni?
Saluti...... commossi.
Josef
Josef. Modellista - plasticista scala H0 solo FS, epoche III, IV,V e poco XMPR, plastico modulare in Progress, Trazione DCC.
Avatar utente
TeoCay686
Messaggi: 86
Iscritto il: martedì 2 luglio 2013, 22:45
Nome: Matteo
Regione: Emilia Romagna
Città: Castel san Giovanni
Stato: Non connesso

Messaggio da TeoCay686 »

Lo sapevo che prima o poi sarebbe arrivato anche per loro il momento di andarsene...tanto per fare un esempio,so che la 018,proprio quella di cui ho il modello,verrà radiata il prossimo anno,in quanto la sua revisione scade nel 2014 :(
A parte questo,la sospensione riguarda solo la revisione ordinaria o anche il cambio carrelli? Cioè quelle che vedo segnate come RO e quelle che vedo segnate come CC,spero di non essermi sbagliato nella differenza.
In sostanza,entro il 2016 non ne vedremo più di caimani circolanti,storiche a parte...e pensare che è la mia locomotiva preferita,ho avuto anche l'occasione di salire e sedere al banco di manovra di una di queste macchine,una di quelle di sesta serie :)
Matteo - Beam me up

Torna a “MATERIALE ROTABILE E CIRCOLAZIONE FERROVIARIA”