E 354…011 (free lance scala 1:85)

Locomotive - carrozze - carri - altri rotabili.

Moderatore: Fabrizio

Rispondi
Avatar utente
claudio_62
Messaggi: 35
Iscritto il: lun dic 11, 2017 10:46 pm
Nome: Claudio
Regione: Lombardia
Città: Milano
Età: 58
Stato: Non connesso

E 354…011 (free lance scala 1:85)

Messaggio da claudio_62 » mar apr 03, 2018 11:29 pm

Buona sera a Tutti.
Nel modellismo non si butta via niente, gli sfridi possono diventare dei semilavorati quasi a misura ed i pezzi sbagliati possono trovare futuri utilizzi.

E’ il caso di questo E354, che immatricolerò 011, perché è necessariamente free lance.
Scusate la pessima qualità delle fotografie, col riflesso della luce il cellulare và nel panico!
lato 1.jpg
lato 2.jpg
fronte 1.jpg
fronte 2.jpg
Purtroppo, cercando con Google sul web, non sono riuscito a reperire fotografie, ed ho dovuto arrangiarmi con le informazioni ricavate dai due Locknotes “Trifase in italia” del 1991 che possiedo, in pratica una descrizione della trasformazione da E554 ad E354 ed i numeri di serie delle macchine trasformate (10 unità in tutto), oltre tutto per pochi anni soltanto, per poi ritornare ai 5 assi accoppiati.
In sostanza, con così scarse informazioni, è impossibile “azzeccarci”, ma volevo comunque mettere insieme qualcosa, in puro stile “Io, speriamo che me la cavo!”, approfittando di parti che avevo accantonato in precedenza.

Avevo un telaio da E554, motorizzato e con il biellismo.
Era il primo esperimento di realizzazione di un telaio rigido a 5 assi e non ebbe buon esito.
Con le mie ruote, autocostruite e calettate con filetto e controdado, risultava troppo largo per consentire la circolazione sulle curve r=360 mm e dovetti rifarlo più stretto.
Con soli tre assi accoppiati il problema non si pone e l’ho “rimesso in batteria” sostituendo la trasmissione con articoli attuali.
Di ciò beneficia il motore che, essendo ex mangianastri, ha un involucro corposo, ma ha una ruota polare molto piccola ed è provvisto di poca coppia motrice.
Cambiato il rapporto di trasmissione da 1:15 ad 1:25,5. sostituiti gli assi 1 e 5 con altri a razze e tolte le relative bielle di accoppiamento, funziona discretamente con una velocità dell’ordine di 60-65 km/h con alimentazione a 12 Vc.c.
telaio.jpg
trasmissione.jpg
Anche la carrozzeria faceva parte del primo esperimento di autocostruzione di un E554 e dovetti accantonarla perché gli avancorpi e l’inclinazione delle porte di accesso non sono corretti.
Ho montato tutti gli elementi che sono riuscito ad … incollare, cercando di mantenere le posizioni relative tra i vari pezzi.
Le prese d’aria sono del tipo “ad orecchio”, perché non dispongo di una attrezzatura utile alla realizzazione delle matrici dei fori di ventilazione.
Sono caratteristiche delle E554 relative al primo periodo di esercizio, sicuramente antecedenti il primo accesso alla OGR.
Con le prese d’aria così realizzate ed anche con i fanali a petrolio (o acetilene?), ho scelto la livrea nera, unificando la tonalità di rosso al solo “rosso segnale” (RAL 3020), l’unico facilmente reperibile in bombolette.
Nel 1939 la livrea più logica era il castano-isabella, ma, con la livrea nera, posso sempre trasformare il tutto in un E554 relativo ai primi anni di esercizio (ovviamente un po’ “storto”).

Pure il trolley era un pezzo accantonato, era montato su di un E 550.
E’ un trolley di “prima generazione”, molto giocattolesco, ma per adesso lo tengo così.
La forometria di montaggio è la stessa di quelli fatti in seguito e posso rifarlo… appena me ne verrà la voglia.
Foto0109.jpg
Anche se ho realizzato il “festival degli errori” (sono una trentina almeno), sono comunque felice del risultato.
Tuttavia, mi resta il dubbio circa l’aspetto della macchina reale.
Per questo chiedo informazioni per reperire documentazioni e/o fotografie.
Se la base non è troppo sbagliata, posso tentare di perfezionare il tutto.

Ringrazio tutti quanti leggeranno questo articolo.

Claudio – Milano
Claudio

Avatar utente
red
Messaggi: 503
Iscritto il: gio nov 21, 2013 7:34 am
Nome: rosati
Regione: Lazio
Città: vetralla
Età: 63
Stato: Non connesso

Re: E 354…011 (free lance scala 1:85)

Messaggio da red » mer apr 04, 2018 7:52 am

Mi piace veramente tanto....
Pietro

Avatar utente
robiravasi62
Messaggi: 945
Iscritto il: mar dic 30, 2014 11:49 am
Nome: roberto
Regione: Lombardia
Città: belgioioso
Età: 57
Stato: Non connesso

Re: E 354…011 (free lance scala 1:85)

Messaggio da robiravasi62 » mer apr 04, 2018 9:56 am

Grande modello! Bravo!
Roberto

Avatar utente
liftman
Socio GAS TT
Messaggi: 7437
Iscritto il: dom gen 29, 2012 2:40 pm
Nome: Rolando
Regione: Liguria
Città: La Spezia
Ruolo: Moderatore
Età: 65
Stato: Non connesso
Contatta:

Re: E 354…011 (free lance scala 1:85)

Messaggio da liftman » mer apr 04, 2018 1:13 pm

al netto della trentina di errori, è un bel vedere... E poi diciamocelo, pure i modelli commerciali sono pieni di "errori" più o meno voluti e che in queste scale sono praticamente inevitabili. Io mi accontenterei di farne uno anche con un centinaio di errori :-D
Ciao! Rolando

Avatar utente
MrMassy86
Socio GAS TT
Messaggi: 14534
Iscritto il: sab nov 10, 2012 3:42 pm
Nome: Massimiliano
Regione: Toscana
Città: Marlia - Lucca
Ruolo: Moderatore
Età: 34
Stato: Non connesso
Contatta:

Re: E 354…011 (free lance scala 1:85)

Messaggio da MrMassy86 » mer apr 04, 2018 3:14 pm

Non sono un esperto di modelli trifase, ma per il mio gusto hai ottenuto davvero un gran bel risultato nonostante gli errori che segnali :D
Massimiliano [253]
Massimiliano Paolinelli - il mio canale YouTubeViaggio in quel di Verni -Il Ponte dei Pescatori - C.L.A.F. Lucca

Avatar utente
claudio_62
Messaggi: 35
Iscritto il: lun dic 11, 2017 10:46 pm
Nome: Claudio
Regione: Lombardia
Città: Milano
Età: 58
Stato: Non connesso

Re: E 354…011 (free lance scala 1:85)

Messaggio da claudio_62 » gio apr 05, 2018 10:10 pm

Vi ringrazio tutti!
Ero un po' titubante ad inserirlo nel forum perché, data l'assenza di documentazioni, potevo solo far qualcosa "alla cieca" e non a ragion veduta.
Per l'aspetto "al vero" vogliate considerare che le finiture sono mediocri, con una verniciatura che lascia a desiderare.
Purtroppo, sono i limiti di un attrezzatura da bricolage domestico prestata a lavori più minuti.
La livrea nera non ha ombre e rende tutto piatto e senza spessore, le fotografie (peraltro sfuocate) raffigurano malamente il tutto.
Allego due foto di dettaglio, fatte appena dopo la pittura.
Foto0112.jpg
Foto0113.jpg
Claudio
Claudio

Rispondi

Torna a “AUTOCOSTRUZIONI ED ELABORAZIONI ROTABILI”