La Mini Rotaia

Ferrovie in esercizio e dismesse, stazioni, impianti, segnalamento e infrastrutture.

Moderatori: Fabrizio, MrMassy86

Rispondi
Avatar utente
venturi giampiero
Messaggi: 106
Iscritto il: lun mag 02, 2016 7:53 pm
Nome: giampiero
Regione: Toscana
Città: prato
Età: 59
Stato: Non connesso

La Mini Rotaia

Messaggio da venturi giampiero » dom apr 23, 2017 1:41 am

salve a tutti
spero che qualcuno possa darmi qualche notizia su quest'argomento
Dovendo eradicare la ceppa di un albero dal giardino, ho estratto dalla buca del terreno, uno spezzone di rotaia di circa 40 cm di lunghezza.
E' molto piccola, altezza 50 mm, suola 45 mm, gambo 3 mm, fungo 25 mm.
Ho cercato su dei cataloghi di costruttori e il modello più piccolo S7 è alto 65 mm.
Nei dintorni di Prato non ci sono mai state miniere e fatto salvo per le ferrovie di servizio e decauville usate all'epoca della costruzione della direttissima Prato-Bologna,
che avevano scartamento 950, 750 e 600, come risulta dal libro di Panconesi, "La Direttissima degli Appennini", e della tranvia a vapore, non so se in precedenza ippotrainata, Prato-Campi Bisenzio, di cui però ho una Regia Notificazione dove si indicano modalità del servizio e non tecniche.
Possiedo uno spezzone della SATESDALNBANEN che era/è a scartamento metrico, però ha un'altezza di 90 mm!
Peserò lo spezzone trovato, per confrontare il peso/metro, considerando che, dai cataloghi di prima, l'S7 pesa 9 KG/metro e il 600 mm decauville pesava 12 KG/metro
Altra particolarità è lo stelo/gambo che è decisamente inclinato rispetto all'appoggio.

aspetto vostre.... buon treno

Immagine:
Immagine
64,03 KB


<font color="green">- spostato da: materiale rotabile e circolazione ferroviaria - </font id="green">
Giampiero Venturi

Avatar utente
Fabrizio
Socio GAS TT
Messaggi: 10164
Iscritto il: gio nov 10, 2011 9:17 pm
Nome: Fabrizio
Regione: Piemonte
Città: Piossasco
Ruolo: co-amministratore
Stato: Non connesso

Messaggio da Fabrizio » dom apr 23, 2017 2:40 am

Interessante Giampiero. Se l'hai trovata in un giardino, può essere che quel pezzo sia stato portato lì da qualcuno, magari per creare una recinzione o un sostegno agli alberi. Potrebbe venire anche da molto lontano. E' un ritrovamento molto curioso e interessante.

Tienici informati sulle indagini per scoprire la provenienza del pezzo.

Ciao

Fabrizio
Fabrizio Borca

Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 9543
Iscritto il: dom mag 03, 2015 6:31 pm
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Età: 58
Stato: Non connesso

Messaggio da v200 » dom apr 23, 2017 10:00 am

Rotaia cosi piccola potrebbe essere per carrelli industriali movimentati manualmente, credo :?
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.

Avatar utente
MrMassy86
Socio GAS TT
Messaggi: 14401
Iscritto il: sab nov 10, 2012 3:42 pm
Nome: Massimiliano
Regione: Toscana
Città: Marlia - Lucca
Ruolo: Moderatore
Età: 33
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da MrMassy86 » dom apr 23, 2017 10:56 am

Ritrovamento davvero interessante Giampiero :wink: Massimiliano :cool:
Massimiliano Paolinelli - il mio canale YouTubeViaggio in quel di Verni -Il Ponte dei Pescatori - C.L.A.F. Lucca

Avatar utente
roy67
Socio GAS TT
Messaggi: 6368
Iscritto il: dom gen 27, 2013 8:13 am
Nome: Roberto
Regione: Emilia Romagna
Città: Parma
Ruolo: Moderatore
Età: 52
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da roy67 » dom apr 23, 2017 11:20 am

Quel tipo di rotaia veniva utilizzato anche (in Italia solo...) nell'industria, per i carrelli dei "primordiali" carri ponte. Ovvero quelle gru su rotaia che viaggiano appena sotto il tetto dei capannoni appoggiate ai plinti.

Ne ho un paio di metri... Misuro le dimensioni. :wink:
Ciao. Roberto Alinovi - L'uomo non teme ciò che in lui non c'è. (Hermann Hesse)

Avatar utente
benigni99
Socio GAS TT
Messaggi: 1130
Iscritto il: dom ago 10, 2014 2:42 pm
Nome: Filippo
Regione: Toscana
Città: Firenze
Età: 16
Stato: Non connesso

Messaggio da benigni99 » dom apr 23, 2017 4:18 pm

Interessante Giampiero... :wink:
Filippo Benigni - Il mio canale YouTube - Il mio profilo Instagram

"Imparare a vedere è il tirocinio più lungo in tutte le arti." Edmond De Goncourt

Avatar utente
venturi giampiero
Messaggi: 106
Iscritto il: lun mag 02, 2016 7:53 pm
Nome: giampiero
Regione: Toscana
Città: prato
Età: 59
Stato: Non connesso

Messaggio da venturi giampiero » dom apr 23, 2017 11:17 pm

okay
sono riuscito a pesare il tronchetto, quindi posso darvi il peso/metro
E' lungo 533 mm e pesa 2170 g, per equivalenza siamo a 4,071 Kg/mt compreso la ruggine...
Credo a questo punto abbia ragione Roberto, indipendentemente dalla provenienza reale del pezzo,
nella città di Prato si è sviluppata una fiorente industria tessile, con un indotto di officine meccaniche
anche di un certo rilievo, quindi mi sembra plausibile la presenza di carri ponte utilizzati al loro interno.
Per mia esperienza personale, avendo per lavoro, visitato diverse realtà di questo tipo, non ho un tale riscontro, comunque.
La cosa più interessante che invece vorrei sapere, e ci torno sopra, è la spiccata inclinazione del gambo.
La convergenza in campo ferroviario, di questo elemento è fondamentale, e mi sembra legata alla dinamica di marcia dei veicoli,
in caso di carri ponte quale importanza avrebbe, visto le velocità in campo?

saluti

Immagine:
Immagine
106,53 KB
Giampiero Venturi

Avatar utente
MrPatato76
Socio GAS TT
Messaggi: 4261
Iscritto il: lun ago 27, 2012 11:14 am
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Nova Milanese
Età: 44
Stato: Non connesso

Messaggio da MrPatato76 » lun apr 24, 2017 10:05 am

<div align="center" id="quote2"><table class="quote"><tr><td class="quotetd"></td></tr><tr><td class="quotetd2"><span class="quotetext">

La cosa più interessante che invece vorrei sapere, e ci torno sopra, è la spiccata inclinazione del gambo.
La convergenza in campo ferroviario, di questo elemento è fondamentale, e mi sembra legata alla dinamica di marcia dei veicoli,
in caso di carri ponte quale importanza avrebbe, visto le velocità in campo?

saluti

Immagine:
Immagine
106,53 KB
[/quote]

I carri ponte sono molto larghi: basta un piccolo disassamento nel funzionamento per creare grossi incidenti.
L'inclinazione serve quindi per eliminare i moti di serpeggio e dare stabilità anche a basse velocità .
Roberto - "...il bambino che vede un treno lo saluta con la manina, questo non succede con un auto!" (Cit.) - Ciao Roberto

Avatar utente
venturi giampiero
Messaggi: 106
Iscritto il: lun mag 02, 2016 7:53 pm
Nome: giampiero
Regione: Toscana
Città: prato
Età: 59
Stato: Non connesso

Messaggio da venturi giampiero » lun apr 24, 2017 7:43 pm

E' verissimo, non ci avevo pensato...
grazie Roberto
Giampiero Venturi

Rispondi

Torna a “LINEE ED IMPIANTI”