La sagra dei furbetti.

Ferrovie in esercizio e dismesse, stazioni, impianti, segnalamento e infrastrutture.

Moderatori: Fabrizio, MrMassy86

Rispondi
Avatar utente
ma76tteo
Messaggi: 362
Iscritto il: mar dic 23, 2014 10:24 pm
Nome: matteo
Regione: Sardegna
Città: tempio pausania
Età: 43
Stato: Non connesso

La sagra dei furbetti.

Messaggio da ma76tteo » gio feb 26, 2015 5:40 pm

Per guadagnare qualcosa in più che si può fare. Alla Trenord l'hanno capita.
http://notizie.tiscali.it/articoli/cron ... enord.html
Matteo - Oppala!!! Il mio Blog: http://lamiaferrovia.blogspot.it/

Avatar utente
MrMassy86
Socio GAS TT
Messaggi: 13755
Iscritto il: sab nov 10, 2012 3:42 pm
Nome: Massimiliano
Regione: Toscana
Città: Marlia - Lucca
Ruolo: Moderatore
Età: 33
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da MrMassy86 » gio feb 26, 2015 5:50 pm

Solo in Italia succedono queste cose, poi ci si lamente se i treni sono in ritardo [xx(] Massimiliano :cool:
Massimiliano Paolinelli - il mio canale YouTubeViaggio in quel di Verni -Il Ponte dei Pescatori - C.L.A.F. Lucca

Avatar utente
Egidio
Messaggi: 11605
Iscritto il: gio mag 17, 2012 1:26 pm
Nome: Egidio
Regione: Abruzzo
Città: Ortona
Età: 55
Stato: Non connesso

Messaggio da Egidio » gio feb 26, 2015 5:55 pm

Bah, no comment........ Saluti. Egidio. :cool:
Egidio Lofrano

Avatar utente
Andreacaimano656
Socio GAS TT
Messaggi: 1914
Iscritto il: lun mar 04, 2013 7:23 pm
Nome: Andrea
Regione: Lazio
Città: Roma
Età: 19
Stato: Non connesso

Messaggio da Andreacaimano656 » gio feb 26, 2015 8:51 pm

Che vergogna[:(!][:(!]
Ciao
Andrea
Andrea Ferreri

Avatar utente
roy67
Socio GAS TT
Messaggi: 6355
Iscritto il: dom gen 27, 2013 8:13 am
Nome: Roberto
Regione: Emilia Romagna
Città: Parma
Ruolo: Moderatore
Età: 52
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da roy67 » gio feb 26, 2015 10:04 pm

Basta mettere una trattenuta pari al 200% dell'ultima ora se il treno arriva in ritardo, retroattiva a 5 anni. :wink:
Ciao. Roberto Alinovi - L'uomo non teme ciò che in lui non c'è. (Hermann Hesse)

Avatar utente
sma835_47
Messaggi: 683
Iscritto il: lun ago 27, 2012 12:25 am
Nome: Saverio
Regione: Lombardia
Città: Pavia
Età: 71
Stato: Non connesso

Messaggio da sma835_47 » ven feb 27, 2015 9:30 am

Caro Roberto sei troppo severo!!!
La cosa più semplice è un euro di trattenuta per ogni minuto di ritardo a tutto il personale del treno, più altrettanto a tutto il personale che lo ha gestito (Dirigente centrale, personale di cabina di controllo e via così). Se il ritardo è stato causato da scarsa manutenzione e/o guasto dovuto a scarsa o negligente manutenzione, tanti euro quanti i minuti di ritardo accumulati dai vari treni. Logicamente stesso trattamento per i quadri ed i dirigenti superiori, con trattenute pari ai minuti di ritardo di tutti i treni sotto la loro responsabilità accumulati in un mese. Unica eccezione guasti o ritardi dovuti a cause di forza maggiore, tipo frane, nevicate di 50cm, terremoti etc.etc.
A mio avviso, subito dopo la sicurezza, la puntualità del treno (anche di qualche minuto) deve essere la caratteristica di questo tipo di trasporto.
Ciao
Saverio
Saverio - C.M.P. Club Modellismo Pavese

Avatar utente
roy67
Socio GAS TT
Messaggi: 6355
Iscritto il: dom gen 27, 2013 8:13 am
Nome: Roberto
Regione: Emilia Romagna
Città: Parma
Ruolo: Moderatore
Età: 52
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da roy67 » ven feb 27, 2015 10:07 am

Anche così può andare bene.

Se mi è concesso, vorrei spiegare alcuni fatti accaduti nell'azienda ove ho lavorato (da dipendente) fino al 2003.

L'azienda si occupava di manutenzione tecnica, installazione, revisione di macchine utensili a CNC. Operava in tutt'Europa, come filiale europea di una grande multinazionale giapponese. La squadra tecnica era formata da circa 40 tecnici (fra i quali vi ero anch?io) che uscivano, spesso con valigia nel baule, per andare presso i clienti.

Cosa succedeva spesso?

Con la scusa di code in autostrada, lavori in corso, intoppi vari alla viabilità, ad esempio, per andare a Modena (52 Km) venivano marcate 1,5 ore di viaggio (per un tempo effettivo, reale, di 45 minuti). Ore che venivano conteggiate, ovviamente, in busta paga. 1,5 di andata, più 1,5 di ritorno, facevano 3 ore di viaggio. Ma in effetti erano state impiegate 1, 5 ore in totale. Ora, si provi ad immaginare cosa accadeva per la "settimana tecnica", ovvero:
Partenza da Parma il lunedì mattina alle 6:00, destinazione Klagenfurt.
Il martedì, da Klagenfurt (A) a Ulm (D).
Mercoledì: Ulm (D) - Solothurn (CH)
Giovedì: Solothurn (CH) - Genève (CH)
venerdì. Genève (CH) - Torino (I)
Sabato ritorno a Parma.

Si creava un monte ore "gonfiato" di circa 20-30 ore.

L'azienda introdusse la paga forfettaria. Venivano retribuite solo le ore stimate, calcolate sullo storico aziendale. Se c'era veramente un intoppo... Si lavorava gratis. :wink:
Ciao. Roberto Alinovi - L'uomo non teme ciò che in lui non c'è. (Hermann Hesse)

Avatar utente
roy67
Socio GAS TT
Messaggi: 6355
Iscritto il: dom gen 27, 2013 8:13 am
Nome: Roberto
Regione: Emilia Romagna
Città: Parma
Ruolo: Moderatore
Età: 52
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da roy67 » ven feb 27, 2015 2:19 pm

Alro esempio:

Essendo sempre fuori, si aveva l'indennizzo ristorante a mezzogiorno e/o hotel se vi era pernottamento.
L'azienda pagava, dietro presentazione ricevuta, il costo della spesa totale (pranzo+cena/pernottamento eventuale).

Va da se che alcuni furbetti, ad esempio, diretti per manutenzione a Melfi, uscissero dall'autostrada ad Alba Adriatica (o dintorni) per farsi una buona scorpacciata di pesce, presentando rimborso di 150.000 lire per un solo pasto a mezzogiorno.

L'azienda introdusse, nel 1998, il forfait pasto. Ovvero, l'azienda riconosceva una spesa, pari a 40.000 Lire per il pranzo(€ 20,00, dal 2001) e 160.000 Lire per cena e pernottamento (€ 80,00 dal 2001), direttamente in busta paga. Non si assorbiva altri oneri. Se spendevi meno... meglio... altrimenti caz.. Ehm... cavoli tuoi.

Incredibilmente, improvvisamente, gli hotel divennero da 2 stelle (anziché 4) e, molti "furbastri", portavano da casa una scatoletta di tonno ed una confezione di Creacker, per il pranzo. Fermandosi in auto sotto l'ombra di un albero per mangiare. Pur di guadagnare sul rimborso pranzo in busta paga :wink:

All'epoca vigeva un codice del tecnico. Il lunedì mattina (alle 5:30) ci si scambiavano gli itinerari settimanali, per sapere se, eventualmente, qualcuno, il giorno "x" fosse nei pressi di Innsbruck, Achen, Goteborg, Zurich, Paris, Madrid, Zaragoza, Perpignan, Budapest, Ljubljana, Maribor, solo per trovarsi a cena nello stesso Hotel, o pranzare insieme a mezzogiorno.

No!
I furbetti smisero di "esistere" per i colleghi, anche a migliaia di chilometri da casa.

Devo dirvi al verità.

Spesso, mi sono trovato a pernottare in autogrill, abbassando i sedili dell'auto, ma perché la tarda ora non consentiva più di trovare un hotel.
Oppure mangiare in camera d'albergo, acquistando i generi ad un centro commerciale, perchè i ristoranti non avevano posto.

Vi chiederete.. Ma come?

In Austria, se non avete prenotato una settimana prima, posto non c'è. (Punto!) E se non c'è significa che, per te, in quanto italiano, non ci sarà mai!
Ciao. Roberto Alinovi - L'uomo non teme ciò che in lui non c'è. (Hermann Hesse)

Rispondi

Torna a “LINEE ED IMPIANTI”