Barilla - nuovo raccordo ferroviario

Ferrovie in esercizio e dismesse, stazioni, impianti, segnalamento e infrastrutture.

Moderatori: Fabrizio, MrMassy86

Avatar utente
Fabrizio
Socio GAS TT
Messaggi: 9941
Iscritto il: gio nov 10, 2011 9:17 pm
Nome: Fabrizio
Regione: Piemonte
Città: Piossasco
Ruolo: co-amministratore
Stato: Non connesso

Messaggio da Fabrizio » gio nov 05, 2015 9:34 pm

E' stato attivato il raccordo.

Per ora giungono alcuni treni per il trasporto grano dal porto di Ravenna. I treni sono formati da tramogge. Da Ravenna a Parma il servizio è gestito da Trenitalia Cargo, mentre per le manovre da Parma allo stabilimento Barilla il servizio è affidato a Dinazzano Po, che vi opera con una G 2000.
Fabrizio Borca

Avatar utente
MrMassy86
Socio GAS TT
Messaggi: 13772
Iscritto il: sab nov 10, 2012 3:42 pm
Nome: Massimiliano
Regione: Toscana
Città: Marlia - Lucca
Ruolo: Moderatore
Età: 33
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da MrMassy86 » ven nov 06, 2015 5:33 pm

Grazie per le puntuali informazioni Fabrizio :wink:
E' sempre una bella notizia l'attivazione di un nuovo servizio merci :cool:
Massimiliano :cool:
Massimiliano Paolinelli - il mio canale YouTubeViaggio in quel di Verni -Il Ponte dei Pescatori - C.L.A.F. Lucca

Avatar utente
roy67
Socio GAS TT
Messaggi: 6355
Iscritto il: dom gen 27, 2013 8:13 am
Nome: Roberto
Regione: Emilia Romagna
Città: Parma
Ruolo: Moderatore
Età: 52
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da roy67 » ven nov 06, 2015 7:56 pm

Fabrizio ha scritto:

E' stato attivato il raccordo.

Per ora giungono alcuni treni per il trasporto grano dal porto di Ravenna. I treni sono formati da tramogge. Da Ravenna a Parma il servizio è gestito da Trenitalia Cargo, mentre per le manovre da Parma allo stabilimento Barilla il servizio è affidato a Dinazzano Po, che vi opera con una G 2000.


Confermo che i binari sono terminati.
Ancora non ho visto alcun convoglio transitarvi.
Se i convogli arrivano dal porto di Ravenna significa che transita da Ferrara, Suzzara, Brescello, Parma. Dubito passi da Bologna... Oppure si....[8]
Ciao. Roberto Alinovi - L'uomo non teme ciò che in lui non c'è. (Hermann Hesse)

Avatar utente
Fabrizio
Socio GAS TT
Messaggi: 9941
Iscritto il: gio nov 10, 2011 9:17 pm
Nome: Fabrizio
Regione: Piemonte
Città: Piossasco
Ruolo: co-amministratore
Stato: Non connesso

Messaggio da Fabrizio » ven nov 06, 2015 9:03 pm

roy67 ha scritto:
....
Ancora non ho visto alcun convoglio transitarvi.
Se i convogli arrivano dal porto di Ravenna significa che transita da Ferrara, Suzzara, Brescello, Parma. Dubito passi da Bologna... Oppure si....[8]


Leggevo che per ora i treni sono pochi, perché devono ancora finire dei lavori nei silos del mulino. Per la via da cui passano i treni non so. Però è una buona occasione per informarmi :wink: Io avevo dato per scontato venissero da Bologna, ma in effetti è vero: da Ravenna c'è quella via che mi pare di aver sentito nominare più volte.
Fabrizio Borca

Avatar utente
Andreacaimano656
Socio GAS TT
Messaggi: 1914
Iscritto il: lun mar 04, 2013 7:23 pm
Nome: Andrea
Regione: Lazio
Città: Roma
Età: 19
Stato: Non connesso

Messaggio da Andreacaimano656 » dom nov 08, 2015 9:25 pm

Grazie per la notizia Fabrizio :wink:
Ciao
Andrea
Andrea Ferreri

Avatar utente
Fabrizio
Socio GAS TT
Messaggi: 9941
Iscritto il: gio nov 10, 2011 9:17 pm
Nome: Fabrizio
Regione: Piemonte
Città: Piossasco
Ruolo: co-amministratore
Stato: Non connesso

Messaggio da Fabrizio » gio nov 26, 2015 9:37 pm

Fabrizio ha scritto:
roy67 ha scritto:
....
Ancora non ho visto alcun convoglio transitarvi.
Se i convogli arrivano dal porto di Ravenna significa che transita da Ferrara, Suzzara, Brescello, Parma. Dubito passi da Bologna... Oppure si....[8]


...... Per la via da cui passano i treni non so. Però è una buona occasione per informarmi :wink: Io avevo dato per scontato venissero da Bologna, ma in effetti è vero: da Ravenna c'è quella via che mi pare di aver sentito nominare più volte.


Mi sono informato. L'amico Marco, su ferrovie.info, mi riferisce che i treni passano per Bologna.
Quelli che arriveranno da Livorno, invece, dovrebbero passare per la pontremolese.
Fabrizio Borca

Avatar utente
mattec91
Messaggi: 6
Iscritto il: ven dic 11, 2015 1:54 pm
Nome: matteo
Regione: Emilia Romagna
Città: parma
Età: 28
Stato: Non connesso

Messaggio da mattec91 » ven dic 11, 2015 10:59 pm

io essendo di parma..e passando di li tutti i giorni vi posso confermare che è attivo..e anche oggi stesso ho visto il treno che entrava in barilla..è veramente molto bello e suggestivo da vedere..se riesco a fare un paio di foto da vicino la settimana prossima ve le posto..
Matteo

Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 9147
Iscritto il: dom mag 03, 2015 6:31 pm
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Età: 58
Stato: Non connesso

Messaggio da v200 » dom dic 13, 2015 9:19 pm

Argomento attualissimo!
Con l'inquinamento odierno delle grandi città il trasporto su rotaia sarebbe un ottima soluzione, si avrebbero riduzioni di costi di cui beneficeremo tutti e importante una riduzione di traffico con meno incidenti.
I nostri vecchi lo avevano creato a buon motivo, pensate che sarebbe persino un guadagno per le F.S.
Auguriamoci che altre aziende procedano con il trasporto su rotaia.
Roby
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.

Avatar utente
Fabrizio
Socio GAS TT
Messaggi: 9941
Iscritto il: gio nov 10, 2011 9:17 pm
Nome: Fabrizio
Regione: Piemonte
Città: Piossasco
Ruolo: co-amministratore
Stato: Non connesso

Messaggio da Fabrizio » dom dic 13, 2015 10:22 pm

Sicuramente Roberto. Ormai il traffico pesante rappresenta un grosso problema per strade ed autostrade.

Da come ho capito io, ad oggi, la soluzione è quella di usare i container nel cosidetto "traffico intermodale".

Esistono ad oggi una grossa varietà di container, specializzati per i diversi tipi di merce da trasportare, che hanno il grosso vantaggio di rendere possibile l'intermodalità di trasporto (nave, treno, camion).

I container sarebbero caricati nelle aziende, per poi giungere via camion al più vicino interporto. Qui troverebbero tanti altri container provenienti da aziende della zona. I container sarebbero poi caricati sui treni, che viaggiano fra due interporti. All'arrivo si fa il procedimento inverso. Diversamente i treni potrebbero arrivare/partire dai porti dove i container sono caricati/scaricati dalle navi.
Della gestione della filiera del container si occupano aziende di logistica, mentre altre aziende che si occupano di trasporto merci su ferrovia si occupano di far circolare i treni fra gli interporti.

Aziende che movimentano un grosso quantitativo di merci, tali da riempire un treno, potrebbero avere propri raccordi.

In questo modo sarebbero risolti i problemi di trasbordo e movimentazione che nascono coi carri normali, poiché il container è caricato e scaricato rapidamente, non tiene impegnato il carro e non sono necessarie manovre.
Anche aziende che movimentano esigui quantitativi possono avvalersi del servizio, essendo che è possibile "spedire" il singolo container.

Da quel che so, mi pare di avere capito funzioni così.

Per quel che riguarda il raccordo Barilla, ho sentito che a breve anche la merce in uscita potrebbe viaggiare su treno. In questo caso, però, la quantità di merci dovrebbe essere sufficiente a far si che il treno completo possa partire direttamente dallo stabilimento.
Fabrizio Borca

Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 9147
Iscritto il: dom mag 03, 2015 6:31 pm
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Età: 58
Stato: Non connesso

Messaggio da v200 » lun dic 14, 2015 2:07 pm

Vero Fabrizio il futuro è nel intermodale.
Visto che mi interesso di SBB e DB da loro ormai prevale molto nelle composizioni merci confronto ai classici carri, inoltre conviene come standardizzazione intermodale marittima tempi molto brevi di stivaggio.
Roby
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.

Avatar utente
roy67
Socio GAS TT
Messaggi: 6355
Iscritto il: dom gen 27, 2013 8:13 am
Nome: Roberto
Regione: Emilia Romagna
Città: Parma
Ruolo: Moderatore
Età: 52
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da roy67 » mar dic 29, 2015 7:21 pm

Ho visto, questa mattina, il primo convoglio (non che sia il primo che transita, ma il primo che vedo io... :wink: )

Il convoglio arriva, come già detto da Fabrizio, dallo scalo merci di Parma, trainato da una "Vossloh G 2000" ex ACT.

Immagine:
Immagine
85,07 KB
<font color="red">(Foto di repertorio)</font id="red">

Per il convoglio trattasi di una ventina circa (non mi è stato possibile contarli) di carri tramoggia, lunghi, a carrelli, di tipo "Tadns".

Purtroppo c'era una "fumèra" (nebbia) che non si riusciva a vedere oltre 50 mt.

Il convoglio viene lasciato su un tronchino a lato della linea Pr-Suzzara, e qui viene preso in carico dalla locomotiva da manovra interna dello stabilimento.

Ci sarà da parlare molto relativamente a tale loco... Molto strana, rodiggio "B", ma con una scuderia di cavalli invidiabile... Purtroppo la nebbia ha reso difficoltoso tutto.

Ma verranno momenti migliori... per scattare foto.... :wink:
Ciao. Roberto Alinovi - L'uomo non teme ciò che in lui non c'è. (Hermann Hesse)

Avatar utente
Fabrizio
Socio GAS TT
Messaggi: 9941
Iscritto il: gio nov 10, 2011 9:17 pm
Nome: Fabrizio
Regione: Piemonte
Città: Piossasco
Ruolo: co-amministratore
Stato: Non connesso

Messaggio da Fabrizio » mar dic 29, 2015 9:57 pm

Interessante Roberto. Non so come sia la situazione li, ma se una volta riuscissi a fare un video delle manovre sarebbe molto interessante. Anche le foto sono sempre ben accette :wink:

Avevo letto su un forum una discussione interessante dove era spiegato come vengono condotte le manovre, ora non ricordo più dove... però mi sembrava brutto fare un copia-incolla, allora avevo tralasciato [8]

La G 2000 dovrebbe essere una diesel-idraulica da 2240 kW con un motore Caterpillar da 16 cilindri.

Ricordi se i carri tramoggia erano color marrone? Sono questi?

Immagine
Foto:http://www.trenomania.org/fotogallery/t ... ?album=683
Fabrizio Borca

Avatar utente
roy67
Socio GAS TT
Messaggi: 6355
Iscritto il: dom gen 27, 2013 8:13 am
Nome: Roberto
Regione: Emilia Romagna
Città: Parma
Ruolo: Moderatore
Età: 52
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da roy67 » mar dic 29, 2015 11:24 pm

Si, Fabrizio, i carri sono proprio di quel tipo e colore. A causa della fittissima nebbia sono sono riuscito a vederli bene ed a leggere la marcatura UIC (quindi non ci giuro), ma sono comunque tramoggie lunghe, a carrelli.
Stavo transitando in via Benedetta, la strada che costeggia la ferrovia Pr-Suzzara. Se ci fosse stato sereno avrei potuto leggere tutto il numero UIC..... :wink:

Purtroppo, per filmare le manovre sarà molto complicato, a causa della distanza (ricordo che è proprietà privata, recintata). I silos sono a circa 300 mt dalla recinzione.
Come ho detto prima.... Arriverà la primavera, i fiori fioriranno, le nebbie spariranno.... :cool:

La G 2000 dovrebbe essere la "19" FER, qui da me fotografata a Scandiano, con un convoglio di ceramica:

Immagine:
Immagine
629,65 KB

Quello che mi ha veramente incuriosito è la piccola loco da manovra interna....
Voglio vederla bene.... :wink:
Ciao. Roberto Alinovi - L'uomo non teme ciò che in lui non c'è. (Hermann Hesse)

Avatar utente
Egidio
Messaggi: 11614
Iscritto il: gio mag 17, 2012 1:26 pm
Nome: Egidio
Regione: Abruzzo
Città: Ortona
Età: 55
Stato: Non connesso

Messaggio da Egidio » mer dic 30, 2015 9:30 am

Bene. Grazie Roberto per averci aggiornato sull' argomento. Saluti. Egidio. :cool:
Egidio Lofrano

Avatar utente
roy67
Socio GAS TT
Messaggi: 6355
Iscritto il: dom gen 27, 2013 8:13 am
Nome: Roberto
Regione: Emilia Romagna
Città: Parma
Ruolo: Moderatore
Età: 52
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da roy67 » mar gen 12, 2016 9:53 pm

Ecco qualche foto... più dettagliata.

<font color="red">Il convoglio in manovra:</font id="red">
Immagine:
Immagine
738,56 KB

<font color="red">Dettaglio della "famosa" locomotiva da manovra..........</font id="red">
Immagine:
Immagine
599,32 KB

... Come si vede... (Senza nebbia si bede bene....) trattasi di un trattore stradale, per la movimentazione dei semirimorchi, dotato di ruote ferroviarie.

A presto con altre novità, sopratutto riguardanti il tracciato.
Ciao. Roberto Alinovi - L'uomo non teme ciò che in lui non c'è. (Hermann Hesse)

Avatar utente
Fabrizio
Socio GAS TT
Messaggi: 9941
Iscritto il: gio nov 10, 2011 9:17 pm
Nome: Fabrizio
Regione: Piemonte
Città: Piossasco
Ruolo: co-amministratore
Stato: Non connesso

Messaggio da Fabrizio » mar gen 12, 2016 10:00 pm

Interessante Roberto, grazie per le info.

Si, quel locotrattore è un modello molto utilizzato nei raccordi moderni. E' versatile proprio per via del fatto che è un mezzo anfibio strada/rotaia ed è economico perché prodotto in grande serie, essendo personalizzabile ed utilizzabile in diverse situazioni e contesti.

Non so se questo è proprio lui, ma vengono chiamati comunemente "Zephir", credo dal nome della azienda produttrice.
Fabrizio Borca

Avatar utente
roy67
Socio GAS TT
Messaggi: 6355
Iscritto il: dom gen 27, 2013 8:13 am
Nome: Roberto
Regione: Emilia Romagna
Città: Parma
Ruolo: Moderatore
Età: 52
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da roy67 » mer gen 13, 2016 12:33 am

Esatto Fabrizio. Trattasi dello "Zephir Loktractor 20.300". http://www.zephir.eu/it/products/21/20-300

Come anticipato, devo correggere lo schema del tracciato. La foto seguente riporta esattamente (non al millimetro... [:I]) lo schema del tracciato interno.
E' un ovale aperto, che termina su 2 tronchini morti.

Immagine:
Immagine
730,72 KB

<font color="red">L'ingresso all'area con macaco manuale:</font id="red">
Immagine:
Immagine
764,67 KB

<font color="red">I 2 binari curvi interni</font id="red">
Immagine:
Immagine
587,02 KB

<font color="red">Il ferma carri posto sul deragliatore di sicurezza (comandato dal macaco manuale precedente)</font id="red">
Immagine:
Immagine
550,37 KB

<font color="red">L'odierno treno di don Camillo che ci ha onorato del transito</font id="red">
Immagine:
Immagine
597,67 KB
Ciao. Roberto Alinovi - L'uomo non teme ciò che in lui non c'è. (Hermann Hesse)

Avatar utente
roy67
Socio GAS TT
Messaggi: 6355
Iscritto il: dom gen 27, 2013 8:13 am
Nome: Roberto
Regione: Emilia Romagna
Città: Parma
Ruolo: Moderatore
Età: 52
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da roy67 » mer gen 13, 2016 12:45 am

Ecco un video dimostrativo dello "Zephir":

Ciao. Roberto Alinovi - L'uomo non teme ciò che in lui non c'è. (Hermann Hesse)

Avatar utente
gaiger2002
Messaggi: 4
Iscritto il: ven mar 04, 2016 5:10 pm
Nome: Riccardo
Regione: Emilia Romagna
Città: Sorbolo
Età: 40
Stato: Non connesso

Messaggio da gaiger2002 » dom mar 06, 2016 10:45 am

Ciao a tutti,
il piano del raccordo presentato da Roberto ha bisogno di due piccole correzioni:
non è presente il terzo binario di fronte allo scarico grano: è corretta l'immissione dalla rete RFI, con scambio e due binari in curva, ma l'impianto così procede con i due binari affiancati sino a dopo la fossa di scarico dove si riuniscono nel binario singolo atto ad asta di manovra.
Il tronchino posto in fondo all'asta di manovra per il ricovero dei carri è correttamente all'interno dell'ovale, ma girato dal lato opposto: presuppone che il locotrattore traini il vagone fino in fondo all'asta di manovra e poi in regressione spinga il vagone nel tronchino.

Confermo utilizzo di 20 vagoni T17 in spola due volte/settimana tra PR e RA, anche se sono stati fatti dei test dalla Francia con le classiche tramogge da 16m (tipo Rivarossi-Jouef per intenderci).

Il raccordo è nato per essere ampliato ulteriormente.
Riccardo
Riccardo

Avatar utente
Egidio
Messaggi: 11614
Iscritto il: gio mag 17, 2012 1:26 pm
Nome: Egidio
Regione: Abruzzo
Città: Ortona
Età: 55
Stato: Non connesso

Messaggio da Egidio » dom mar 06, 2016 12:24 pm

Molto bello il filmato che documenta l' avvento dello Zephir. Innovazione nel campo della logistica ferroviaria. Saluti. Egidio. :cool:
Egidio Lofrano

Avatar utente
roy67
Socio GAS TT
Messaggi: 6355
Iscritto il: dom gen 27, 2013 8:13 am
Nome: Roberto
Regione: Emilia Romagna
Città: Parma
Ruolo: Moderatore
Età: 52
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da roy67 » dom mar 06, 2016 1:49 pm

Grazie Riccardo per le precisazioni. Purtroppo, io, non potendo entrare nell'area, ho potuto solo guardare e supporre dal ponte di via Burla e da via Benedetta (come testimoniano le foto scattate).
Ciao. Roberto Alinovi - L'uomo non teme ciò che in lui non c'è. (Hermann Hesse)

Avatar utente
gaiger2002
Messaggi: 4
Iscritto il: ven mar 04, 2016 5:10 pm
Nome: Riccardo
Regione: Emilia Romagna
Città: Sorbolo
Età: 40
Stato: Non connesso

Messaggio da gaiger2002 » dom mar 06, 2016 8:58 pm

Lo Zephir effettivamente è molto comodo ed economico rispetto all'uso di una locomotiva da manovra tradizionale.
In particolare, ma non nel caso Barilla, l'ho visto anche usato in telecomando con un operatore singolo che scaricava i carri e telecomandava il locotrattore impresenziato con precisione millimetrica per posizionare i vagoni sulla bilancia.

Tornando al raccordo, tanto di cappello al Sig. Roberto per quello che ha ricostruito dall'esterno. Non è male neppure la vista dalla pista ciclabile che passa proprio in mezzo tra la bretella AV e la proprietà Barilla.
Il raccordo ha ricevuto il primo treno il 3 Novembre (notizia anche su iTreni), e dopo una fase di test iniziale (in particolare della bilancia sotto i carri), si è assestato con 2 treni/settimana da Ravenna, ma è capitato anche di vedere 4 treni nella stessa settimana (2 da Ra, 2 dalla Francia).
ciao
Riccardo
Riccardo

Rispondi

Torna a “LINEE ED IMPIANTI”