Cominciano i lavori al mio plastico in scala N

Discussioni relative alla scala N 1:160

Moderatori: cararci, v200, sal727

Rispondi
Avatar utente
lauro fontana
Messaggi: 113
Iscritto il: lun lug 22, 2013 7:49 pm
Nome: Lauro
Regione: Toscana
Città: San Vincenzo
Età: 47
Stato: Non connesso

Cominciano i lavori al mio plastico in scala N

Messaggio da lauro fontana » lun ago 12, 2013 6:03 pm

Esortato da Andrea a creare un mio thread dove raccogliere tutte le info che saranno inerenti alla costruzione millenaria del mio plastico, eccomi dunque qua!

Avendo già pubblicato qualche post in altri Forum copio e incollo le info principali e da lì riprendo, soprattutto (come detto in altro thread qui su scalaTT) per quel che riguarda la cotruzione del telaio ecc... del mio futuro plastico.
Essendo un totale novizio vi prego di perdonare gli strafalcioni che dirò e farò...non lesinerò di chiedere info a voi tutti, forse anche due volte visto che non godo di una grandissima memoria [:I]
Allora...dicevamo...il progetto del mio plastico è quello che vede sotto nelle varie "viste", non dico che sia già definitivo in tutto e per tutto (anche perchè tutto è sempre perfettibile e modificabile) ma insomma...siamo "nell'idea" che ho di quel che mi deve venir fuori!

Immagine

Immagine

Immagine

- Scala N perchè lo spazio massimo disponibile non è molto, a moduli (3)

- Materiale FLEISCHMANN perchè ho "ereditato" da amici (e non solo) un po' di roba di quest'azienda, che poi elencherò

- Assolutamente DIGITALE perchè mi son fissato di imparare e partire con questo

Quale deve essere il prossimo passo?
Nel senso, che come detto nei primi post (e suggeritomi da molti altri forummisti online) mi piacerebbe creare una certa qual forma di automazione nel distanziamento treni (con la retroazione se non ho capito male) e quindi devo far in modo che il tracciato (credo) sia suddiviso in modo logico, per poi permetterne cablaggi e funzionamento corretti. Ma per prima cosa devo pensare a questo oppure a cominciare a costruire la struttura e la conseguente posa dei binari? I sezionamenti li posso effettuare anche dopo?
Cronologicamente come devo\posso proseguire?

Grazie a tutti (altre domande le metto dopo se no viene più un macello di quanto lo sia già... :grin: )
Lauro - Voler tornare un po' bambini è un problema?

Avatar utente
MrMassy86
Socio GAS TT
Messaggi: 13821
Iscritto il: sab nov 10, 2012 3:42 pm
Nome: Massimiliano
Regione: Toscana
Città: Marlia - Lucca
Ruolo: Moderatore
Età: 33
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da MrMassy86 » lun ago 12, 2013 6:09 pm

Complimenti Lauro, davvero un bel progetto :grin:
Per domande più tecniche io non sono tanto afferrato, meglio sentire gli esperti del Forum [:I]
Massimiliano :cool:
Massimiliano Paolinelli - il mio canale YouTubeViaggio in quel di Verni -Il Ponte dei Pescatori - C.L.A.F. Lucca

Avatar utente
lauro fontana
Messaggi: 113
Iscritto il: lun lug 22, 2013 7:49 pm
Nome: Lauro
Regione: Toscana
Città: San Vincenzo
Età: 47
Stato: Non connesso

Messaggio da lauro fontana » lun ago 12, 2013 6:24 pm

Massy ti ringrazio! Sto guardando il tuo progetto....ti invidio tantissimo per cosa sei riuscito a fare...è un bel plastico un bel circuito, e il tutto creato con una pulizia spettacolare. Bravo davvero.....anche se davvero i complimenti di un novizio contano nulla....

E' in HO vero? Digitale o analogico? Grazie ancora :smile:


P.S. Del mio plastico, la foto in 3D è relativa ad una prima "bozza" quindi differisce in piccole cose dagli schemi inferiori, ma le modifiche non sono sostanziali per comprenderne o modificarne il funzionamento
Lauro - Voler tornare un po' bambini è un problema?

Avatar utente
MrMassy86
Socio GAS TT
Messaggi: 13821
Iscritto il: sab nov 10, 2012 3:42 pm
Nome: Massimiliano
Regione: Toscana
Città: Marlia - Lucca
Ruolo: Moderatore
Età: 33
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da MrMassy86 » lun ago 12, 2013 6:51 pm

lauro fontana ha scritto:

Massy ti ringrazio! Sto guardando il tuo progetto....ti invidio tantissimo per cosa sei riuscito a fare...è un bel plastico un bel circuito, e il tutto creato con una pulizia spettacolare. Bravo davvero.....anche se davvero i complimenti di un novizio contano nulla....

E' in HO vero? Digitale o analogico? Grazie ancora :smile:


P.S. Del mio plastico, la foto in 3D è relativa ad una prima "bozza" quindi differisce in piccole cose dagli schemi inferiori, ma le modifiche non sono sostanziali per comprenderne o modificarne il funzionamento


Lauro grazie mille per i complimenti, fanno sempre piacere :grin:
Il plastico è in HO in analogico
Ciao Massimiliano :cool:
Massimiliano Paolinelli - il mio canale YouTubeViaggio in quel di Verni -Il Ponte dei Pescatori - C.L.A.F. Lucca

Avatar utente
Egidio
Messaggi: 11640
Iscritto il: gio mag 17, 2012 1:26 pm
Nome: Egidio
Regione: Abruzzo
Città: Ortona
Età: 55
Stato: Non connesso

Messaggio da Egidio » lun ago 12, 2013 6:57 pm

Bellissimo progetto, ti seguiro' volentieri nelle varie evoluzioni. Saluti. Egidio. :cool:
Egidio Lofrano

Avatar utente
lauro fontana
Messaggi: 113
Iscritto il: lun lug 22, 2013 7:49 pm
Nome: Lauro
Regione: Toscana
Città: San Vincenzo
Età: 47
Stato: Non connesso

Messaggio da lauro fontana » lun ago 12, 2013 7:01 pm

Egidio, grazie già fin d'ora! Sicuramente sarà "un parto" lento....sia per la mia totale inesperienza, sia perchè non è che possa acquistare tutto insieme! :grin: Ho già molto, sinceramente.....e il fatto che oggi sia anche il mio compleanno ha favorito anche alcuni regali (Dremel 4000 Platinum e Dremel Trio)...però manca tutto il legname, quasi tutti i deviatoi, decoders vari....insomma...con calma spero di riuscir a far tutto.
Senti Egidio, tu "lavori" in digitale o analogico?
Lauro - Voler tornare un po' bambini è un problema?

Avatar utente
MrMassy86
Socio GAS TT
Messaggi: 13821
Iscritto il: sab nov 10, 2012 3:42 pm
Nome: Massimiliano
Regione: Toscana
Città: Marlia - Lucca
Ruolo: Moderatore
Età: 33
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da MrMassy86 » lun ago 12, 2013 9:31 pm

lauro fontana ha scritto:

.....e il fatto che oggi sia anche il mio compleanno ...


Allora Tanti auguri Lauro :cool: :cool: :cool:

Ciao Massimiliano :cool:
Massimiliano Paolinelli - il mio canale YouTubeViaggio in quel di Verni -Il Ponte dei Pescatori - C.L.A.F. Lucca

Avatar utente
saverD445
Socio GAS TT
Messaggi: 4115
Iscritto il: mer mag 02, 2012 9:07 pm
Nome: Valerio
Regione: Sardegna
Città: Macomer
Età: 48
Stato: Non connesso

Messaggio da saverD445 » lun ago 12, 2013 10:31 pm

Complimenti Lauro, il progetto mi piace.

Attendiamo gli sviluppi e tanti Auguri di Buon Compleanno :cool:
Valerio -- Plastico H0-H0m Epoca IV-VI Il mio canale YouTube

Avatar utente
lauro fontana
Messaggi: 113
Iscritto il: lun lug 22, 2013 7:49 pm
Nome: Lauro
Regione: Toscana
Città: San Vincenzo
Età: 47
Stato: Non connesso

Messaggio da lauro fontana » mar ago 13, 2013 10:24 am

Domanda idiota... :cool: ...una morsa da banco può servire nell'avanzamento lavori?
Lauro - Voler tornare un po' bambini è un problema?

Avatar utente
lorelay49
Socio GAS TT
Messaggi: 2424
Iscritto il: ven gen 25, 2013 6:32 pm
Nome: giuliano
Regione: Lombardia
Città: Locate di Triulzi
Età: 70
Stato: Non connesso

Messaggio da lorelay49 » mar ago 13, 2013 11:56 am

Una morsa non fa mai male se poi devi fissare dei pezzi da tagliare oppure fare qualche piega a dai lamierini direi che ti è indispensabile :wink:
Giuliano

Avatar utente
lauro fontana
Messaggi: 113
Iscritto il: lun lug 22, 2013 7:49 pm
Nome: Lauro
Regione: Toscana
Città: San Vincenzo
Età: 47
Stato: Non connesso

Messaggio da lauro fontana » lun ago 19, 2013 5:42 pm

Dunque, ormai l'estate sta pian piano volgendo al termine, e quindi anche la temperatura nel sottotetto andrà a mitigarsi, onde potermi permettere l'inizio dei lavori sul telaio. Ne ho intanto approfittato per allestire un minimo di attrezzatura-banco-punti luce.

Ribadisco che voglio dividere il plastico in 3 moduli, quello centrale della stazione e i due laterali facilmente individuabili nello schema sopra postato. In questo modo potrò trasferire il plastico "giù dalla soffitta" una volta terminato, o riporcelo quando sarà d'ingombro.
Partendo da questo presupposto e riprendendo la richiesta fatta ad Andrea (webmaster) sul suo thread "La valle incantata" (e avendo letto qualcosina in giro) potrebbe andar bene l'acquisto di

-listelli di abete 25x50mm per i perimetri dei moduli e per i traversi di rinforzo
-listelli di abete 15x45mm e 9x20mm per un po' tutto il resto
-pannelli di compensato di 5mm di spessore per le rampe
-pannelli di compensato di 7\8 mm di spessore per il piano stazione (livello superiore del plastico) e per il piano binari a livello "0"

Se mi sapete consigliare meglio per non sbagliare, o materiale più a basso costo ve ne sarei immensamente grato :smile:

Per le giunzioni dei moduli è bene usare sia placche metalliche imbullonate (quanto grandi i bulloni?) sia le "spinette" da mobili?
Immagine

E per ultimo, non essendo perfettamente in piano il pavimento del sottotetto volevo prendere delle gambe regolabili, ma dove si trovano? Ho provato in varie ferramente e brico ma ne hanno solo da tavolino da fumo...10\15cm.... :cool:

Perdonate l'immensa ignoranza in tutte queste cose...[:I]
Lauro - Voler tornare un po' bambini è un problema?

Avatar utente
Docdelburg
Messaggi: 5215
Iscritto il: mar set 04, 2012 6:16 pm
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Età: 63
Stato: Non connesso

Messaggio da Docdelburg » lun ago 19, 2013 10:13 pm

Bel progetto che mi riservo di valutare con maggior attenzione.
Le misure del legno che hai indicato sono più che sufficienti. Bene anche lo spessore dei pannelli di compensato/multistrato.
In questo senso non cercare di risparmiare ma acquista legname di buona qualità, stagionato, che non si imbarchi con tempo. Anche per i pannelli, scegli del compensato o multistrato, lascia stare altre proposte più economiche che poi col tempo ti creeranno problemi. Ricorda di trattare il legno con un prodotto impregnante protettivo tipo antiumidità.
Per le gambe puoi utilizzare dei travetti di legno di spessore 4x4 cm a salire, dotandone la base di un piedino gommato regolabile in altezza.
Ecco un esempio di piedini per un piccolo modulo Fremo.

Immagine:
Immagine
175,61 KB

Per unire i moduli usa bulloni e viti di almeno 8 mm di diametro da inserire in fori da 10 mm, in modo da avere un minimo di gioco per le correzioni più fini. Gli spinotti di legno possono servire semmai per irrobustire le giunzioni incollate della struttura, ma non per le giunzioni tra moduli.

Una raccomandazione: risparmia su alcuni materiali per la scenografia, ma non risparmiare a tutti costi sulla base che ospiterà il plastico. Sarebbe un vero peccato che tanti soldi spesi in rotaie, deviatoi, motori elettrici, segnali e via dicendo si perdessero perchè il legno su cui sono fissati si deformasse.

E per finire una considerazione; non hai pensato di fare un seppur minima stazione nascosta al piano inferiore, in modo da movimentare un pò il traffico?
Mauro Menini - CMP - GAS TTGalleria dell’orso - Deposito merci di Casteggio - Ponte sul fiume Po
Salva una pianta, mangia un vegano!

Avatar utente
carlo mercuri
Messaggi: 3495
Iscritto il: sab nov 12, 2011 9:37 pm
Nome: Carlo
Regione: Toscana
Città: Scandicci
Età: 55
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da carlo mercuri » lun ago 19, 2013 10:44 pm

Mauro ti ha dato ottimi consigli...anch'io penso che dovresti dotare il plastico di un fascio di binari
per l'alternarsi dei treni,è basilare!! :wink:
We will rock you! - Officine Mercuri

Avatar utente
lauro fontana
Messaggi: 113
Iscritto il: lun lug 22, 2013 7:49 pm
Nome: Lauro
Regione: Toscana
Città: San Vincenzo
Età: 47
Stato: Non connesso

Messaggio da lauro fontana » lun ago 19, 2013 11:17 pm

Intanto grazie per i preziosi consigli.

Per la stazione fantasma in origine avevo una precedenza sia su un ritorno sia sull'altro ma il mio problema è diventato uno solo: come faccio a capire dove ho messo un treno e se l'ho messo per bene? Nel senso che ho capito che esistono i moduli di feedback, ma questi sono utilizzabili con il multimaus? Non credo....e allora come faccio? Magari ci sono dei sistemi anche più basilari per verificare l'occupazione di quei binari....ma io sono abbastanza al buio...però, cavolo se mi piacerebbe far sparire un treno là dentro per un po' e farne apparire un altro dal nulla! :cool:
Lauro - Voler tornare un po' bambini è un problema?

Avatar utente
Docdelburg
Messaggi: 5215
Iscritto il: mar set 04, 2012 6:16 pm
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Età: 63
Stato: Non connesso

Messaggio da Docdelburg » mar ago 20, 2013 8:07 am

Prendi in considerazione di mettere qualche led di illuminazione e una piccola telecamera al piano inferiore; con un paio di binari di stazionamento potresti gestire "visivamente" una piccola stazione nascosta senza tanti orpelli elettronici.
Mauro Menini - CMP - GAS TTGalleria dell’orso - Deposito merci di Casteggio - Ponte sul fiume Po
Salva una pianta, mangia un vegano!

Avatar utente
Andrea
Socio GAS TT
Messaggi: 21302
Iscritto il: mer ott 26, 2011 7:42 pm
Nome: Andrea
Regione: Lombardia
Città: Segrate
Ruolo: Amministratore
Età: 56
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Andrea » mar ago 20, 2013 8:16 am

lauro fontana ha scritto:
...come faccio a capire dove ho messo un treno e se l'ho messo per bene?

Nell'area nascosta della mia stazione (io però ho un solo binario), ho inserito un rilevatore di presenza con barriera ottica (naturalmente mi sono fatto aiutare).
Guarda qui:

http://www.scalatt.it/bottega%20plastic ... esenza.htm
Andrea - “I fermodellisti sono tanti e legati da un'amicizia sincera, che esplode in una cordialità ormai rara nel mondo rumoroso ed incerto di oggi”. La valle incantata

Avatar utente
Handyman
Messaggi: 243
Iscritto il: sab ago 10, 2013 1:10 pm
Nome: Daniele
Regione: Estero
Città: Mendrisio
Età: 53
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Handyman » mar ago 20, 2013 10:01 am

Per quanto riguarda il legname, prediligo l'uso di compensati e MDF. Hanno il pregio di non lavorare quanto il legno massiccio. Io lavoro molto con telai e rivestimenti utilizzando materiali sottili, ottenendo strutture leggere ma allo stesso tempo molto rigide.
ho abbandonato le spine giuda di faggio perché lavorano troppo per i miei gusti a dipendenza della temperatura e dell'umidità. Uso delle spine in acciaio ma hanno lo svantaggio di richiedeer una grande precisione nel livellamento dei moduli adiacenti.
Per il cablaggio: io mi faccio uno schema prima di partire con i lavori. Le tratte hanno vari sezionamenti (di solito ogni 2-3 binari) che permettono una retrosegnalazione capillare. Importante sono anche le tratte di frenata e arresto prima dei segnali. Gli scambi sono isolati. A questo punto a qualcuno si saranno drizzati i capelli in testa... ma non è casuale.
Questo setup è estremamente flessibile. Con dei semplici morsetti posso unire o separare delle tracce, utilizzare un sistema di comando molto performante e implementare tutto o qualcosa di molto limitato e implementare il minimo. Il sistema si presta addirittura per l'uso in analogico.
Fare, o non fare. Non c'è provare! Ciao, Daniele - "Walser modellistica e fai da te"

Avatar utente
lauro fontana
Messaggi: 113
Iscritto il: lun lug 22, 2013 7:49 pm
Nome: Lauro
Regione: Toscana
Città: San Vincenzo
Età: 47
Stato: Non connesso

Messaggio da lauro fontana » mar ago 20, 2013 10:51 pm

Docdelburg ha scritto:

Prendi in considerazione di mettere qualche led di illuminazione e una piccola telecamera al piano inferiore; con un paio di binari di stazionamento potresti gestire "visivamente" una piccola stazione nascosta senza tanti orpelli elettronici.


Idea interessante e che non avevo mai sentito...ma telecamera poi connessa a PC o esistono altri metodi di visualizzazione?

<div align="center" id="quote2"><table class="quote"><tr><td class="quotetd"></td></tr><tr><td class="quotetd2"><span class="quotetext">Nell'area nascosta della mia stazione (io però ho un solo binario), ho inserito un rilevatore di presenza con barriera ottica (naturalmente mi sono fatto aiutare).[/quote]

...mmm...però io avrò bisogno di sapere che il treno è interamente su uno stazionamento di precedenza(2 se ne faccio uno per "ritorno") e quindi che faccio metto due led per ogni stazionamento(uno che mi dice quando il treno entra, e l'altro che non impegna lo scambio di uscita)?

<div align="center" id="quote2"><table class="quote"><tr><td class="quotetd"></td></tr><tr><td class="quotetd2"><span class="quotetext">Le tratte hanno vari sezionamenti (di solito ogni 2-3 binari) che permettono una retrosegnalazione capillare. Importante sono anche le tratte di frenata e arresto prima dei segnali.[/quote]

Questo sarebbe il mio optimum, ma come realizzarlo? Dovrei capire se è possibile realizzare un qualcosa del genere, anche a livello base, e soprattutto se è "collegabile" con il mulitmaus (mi è arrivato oggi, usato a 51€...leggerò il manuale allegato per farmi un'idea più precisa).
Questo sistema mi piacerebbe soprattutto per utilizzarlo come distanziamento nelle tratte di piena linea, perchè in stazione vorrei mantenere una certa manualità....ed infine che costi mi si prospetterebbero?

Inoltre Handyman grazie per gli ulteriori consigli sui materiali! :smile:


Grazie a tutti per l'enorme pazienza che dimostrate! :cool:
Lauro - Voler tornare un po' bambini è un problema?

Avatar utente
lauro fontana
Messaggi: 113
Iscritto il: lun lug 22, 2013 7:49 pm
Nome: Lauro
Regione: Toscana
Città: San Vincenzo
Età: 47
Stato: Non connesso

Messaggio da lauro fontana » mer ago 21, 2013 7:08 am

Lauro - Voler tornare un po' bambini è un problema?

Avatar utente
Docdelburg
Messaggi: 5215
Iscritto il: mar set 04, 2012 6:16 pm
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Età: 63
Stato: Non connesso

Messaggio da Docdelburg » mer ago 21, 2013 8:44 am

lauro fontana ha scritto:

Questo Mauro potrebbe andare?

http://www.ebay.it/itm/KIT-TELECAMERA-R ... 2568217531


Certamente; vanno bene tutti quei dispositivi economici che ti permettono una visione, anche non dettagliata, di quanto avviene nel piano inferiore. Basta che tu possa controllare la posizione dei 2-3 convogli e distinguere un convoglio dall'altro. :smile:

Il discorso di Handyman è da prendere in seria considerazione, nel senso che portando alimentazione in più punti del tracciato puoi anche pensare di procedere ad un sezionamento di tali punti. Collegando poi ogni tratto ad un'unico bus di alimentazione sarà come avere un unico tracciato. Il tutto però sarà pronto per un'eventuale inserimento di sensori o ltro.
Mauro Menini - CMP - GAS TTGalleria dell’orso - Deposito merci di Casteggio - Ponte sul fiume Po
Salva una pianta, mangia un vegano!

Avatar utente
Edo Mazzo
Socio GAS TT
Messaggi: 1680
Iscritto il: mar lug 16, 2013 9:34 pm
Nome: Edoardo
Regione: Veneto
Città: Treviso
Età: 18
Stato: Non connesso

Messaggio da Edo Mazzo » mer ago 21, 2013 8:48 am

buona fortuna per il plasticoNe......ti seguiro ..............inoltre.........meraviglioiso progetto
Edoardo Mazzonetto - Il mio profilo Facebook https://www.facebook.com/edoardo.mazzonetto

Avatar utente
lauro fontana
Messaggi: 113
Iscritto il: lun lug 22, 2013 7:49 pm
Nome: Lauro
Regione: Toscana
Città: San Vincenzo
Età: 47
Stato: Non connesso

Messaggio da lauro fontana » mer ago 21, 2013 7:21 pm

Sicuramente dovrò"comunque" sezionare il tracciato, almeno nei punti di giunzione tra i moduli...ma so che non saranno i soli, perchè immagino che quando farò le prime prove di circolazione a "tutto intero", sicuramente troverò tratti in cui ci sarà scarsa captazione da parte delle Loco...e quindi gicoforza avrei comunque dovuto portare la tensione in più punti, meglio sezionando.
E' solo che per applicare almeno la minima parte di quel che dice Handyman e che ribadisce anche Doc, devo ancora capire come potrò usare sensori o feedback....
Esiste uno schema di principio (in digitale) dove studiare come far fermare autonomamente un treno (prima di un sezionamento), se la successiva sezione è occupata, senza l'ausilio di centrale più evolute quali Intellibox o similari?

Intanto "appiccico" qui sul thread due possibili modifiche dei binari nascosti con un paio di precedenze, come suggeritomi da voi tutti.

A presto risentirci!

Immagine


Immagine


P.S. Le linee blu che vedete sono in linea di massima i sezionamenti dei moduli: ho cercato di non mettere scambi a cavallo delle giunzioni (questo anche nel livello superiore).
Lauro - Voler tornare un po' bambini è un problema?

Avatar utente
lauro fontana
Messaggi: 113
Iscritto il: lun lug 22, 2013 7:49 pm
Nome: Lauro
Regione: Toscana
Città: San Vincenzo
Età: 47
Stato: Non connesso

Messaggio da lauro fontana » mer ago 21, 2013 7:42 pm

E questi, sempre in linea di massima, i sezionamenti per la piena linea, dove mi piacerebbe "osare" con un distanziamento tipo blocco automatico FS (i sezionamenti sugli stazionamenti di precedenza li ho messi "un po' così" perchè come ho detto prima non so come funziona tutto "l'anbaradan"! :grin: )

Immagine
Lauro - Voler tornare un po' bambini è un problema?

Avatar utente
Docdelburg
Messaggi: 5215
Iscritto il: mar set 04, 2012 6:16 pm
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Età: 63
Stato: Non connesso

Messaggio da Docdelburg » mer ago 21, 2013 8:45 pm

Lauro stai attento a non usare curve troppo strette come raggio sennò poi rischi che alcuni rotabili faticano a girare.... :sad:

Per quanto riguarda i punti di alimentazione e i sezionamenti fai un semplice ragionamento: porta alimentazione ogni metro e mezzo o al massimo due metri di rotaie. Di quel tratto alimentato appunto di 150-200 cm seziona agli estremi una delle due rotaie, sempre la stessa, poniamo quella esterna. Prosegui alimentando e sezionando altre tratte; il sezionamento però sempre sulla stessa rotaia, che in certi punti da esterna potrà diventare interna.
Tutti i fili di alimentazione ai binari saranno poi collegati ad un filo elettrico di maggiori dimensioni (detto bus) collegato all'uscita dell'alimentatore. Controlla ovviamente che siano rispettate le polarità dei binari.
Ora, con questi punti multipli di alimentazione, tutti collegati al bus, avrai un tracciato esattamente come se non avesse sezionamenti.
Un domani, se deciderai di adottare dei sistemi di automazione e retroazione ti troverai i sezionamenti già fatti; basterà scollegare dal bus il filo della rotaia sezionata e farlo passare attraverso un modulo apposito e il gioco è fatto. :wink:
Mauro Menini - CMP - GAS TTGalleria dell’orso - Deposito merci di Casteggio - Ponte sul fiume Po
Salva una pianta, mangia un vegano!

Avatar utente
EMIGRANTE
Messaggi: 279
Iscritto il: dom gen 20, 2013 7:41 pm
Nome: gabriele
Regione: Campania
Città: Napoli
Età: 41
Stato: Non connesso

Messaggio da EMIGRANTE » mer ago 21, 2013 9:13 pm

I progetti in scala N sono sempre belli...!
Gabriele - DEA PARTENOPE DIFENDI I TUOI GUERRIERI

Rispondi

Torna a “SCALA N”