Ben arrivato! Fate login o registratevi per fruire di tutte le funzionalità del forum e del sito.
Se eri già registrato e non ti ricordi la password usa questo link per recuperare l'accesso
Sito e forum dedicati al fermodellismo, il nostro hobby viene praticato in molte maniere diverse, tutte ugualmente valide: hai un plastico? oppure sei un collezionista? oppure un semplice appassionato? Non esitare a scrivere nel forum, tutti gli interventi sono benvenuti ... Postate foto e video del vostro plastico e chiedete aiuto per ogni problema o curiosità inerente al nostro hobby.

Bettiart, Questa sconosciuta

Spazio dedicato alle recensioni dei modelli in scala, prodotti per il modellismo, libri e tutto ciò che è modellismo.

Moderatore: v200

Messaggio
Autore
Avatar utente
trenini
Messaggi: 1277
Iscritto il: martedì 21 agosto 2012, 19:27
Nome: Loris
Regione: Toscana
Città: Seravezza
Stato: Non connesso

Bettiart, Questa sconosciuta

#1 Messaggio da trenini »

Premessa: Ho inserito qui questo mio post ma se gli amministratori pensano che non sia il posto giusto prego di spostarlo dove sia più consono.

Dunque, il Presidente del mio gruppo ha portato in sede delle vecchie riviste di "Trenitalia" dei lontani anni ottanta e gli ho chiesto di prestarmeli per leggerli, sfogliando ho notato una ditta produttrice che non avevo mai sentito parlare la "Bettiart". Qualcuno la conosce? A leggere sulla rivista sembra che producesse modelli molto realistici all'altezza di quelli prodotti oggi, mi piacerebbe saperne di più. Grazie a tutti
Ciao Loris


Navari Loris

Avatar utente
Fabrizio
Socio GAS TT
Messaggi: 10527
Iscritto il: giovedì 10 novembre 2011, 21:17
Nome: Fabrizio
Regione: Piemonte
Città: Piossasco
Ruolo: co-amministratore
Stato: Non connesso

#2 Messaggio da Fabrizio »

Ciao Loris, qui si fa un accenno a Bettiart

topic.asp?TOPIC_ID=12452

Si tratta di un marchio che ho già sentito nominare, tra luci e ombre.
Fabrizio

Avatar utente
Docdelburg
Socio GAS TT
Messaggi: 5842
Iscritto il: martedì 4 settembre 2012, 18:16
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Stato: Non connesso

#3 Messaggio da Docdelburg »

Per quello che ne so è stato produttore molto attento ai particolari più di quanto non facessero ai tempi Lima e Rivarossi. La scala non era perfetta ma quasi ed era comunque un mal comune.
Molti modelli hanno subito una sorta di sbriciolamento se non una vera e propria disintegrazione per minimi urti in quanto costruiti con una resina che ha reso comunque assai problematica la conservazione della meccanica e del suo funzionamento.
Qualche ulteriore informazione la potete trovare qui:

http://www.forum-duegieditrice.com/view ... =21&t=5300

Avatar utente
marioscd
Socio GAS TT
Messaggi: 4517
Iscritto il: lunedì 23 luglio 2012, 12:56
Nome: Mario
Regione: Lombardia
Città: Valera Fratta
Stato: Non connesso

#4 Messaggio da marioscd »

conosco di "fama" la Bettiart, attiva negli anni '80. come detto, luci ed ombre... ottimi modelli che nessuno realizzava, allora, in modo industriale ma pessimi materiali che hanno duramente subito il tempo.

ciao
Mario Scuderi - C.M.P. Club Modellismo Pavese ...ciò che è piccolo a volte diventa grande...

Avatar utente
salvo56
Messaggi: 3
Iscritto il: giovedì 11 settembre 2014, 19:01
Nome: salvatore
Regione: Lazio
Città: anguillara sabazia
Stato: Non connesso

#5 Messaggio da salvo56 »

La Bettiart è una ditta romana creata da un grande appassionato che era Sergio Betti.
Prodotti di buona fattura , abbastanza realistici e in scala quasi 1/87 .
in poco meno di 15 anni sfornò diversi modelli FS , un ambizioso catalogo e una rivista di nome Trenitalia , di cui il nome alla fine non si sà come fu "preso " dalle FS.
Modelli di spicco furono l'ATR 100 , la Ale 601, il Settebello , Etr 200 e tante automotrici ed elettromotrici.
I prodotti erano abbastanza reperibili nei negozi romani e in qualche negozio importante della penisola.
Diversi modelli partivano da una motorizzazione Lima in seguto sostituita da un motore Lenco come nel caso del E 633 .
il colpo d'occhio era buono anzi ottimo , il funzionamento anche , ma la vera nota dolente era il materiale di cui erano costruiti : il metalplast .
Il metalplast non era altro che una normale resina epossidica rinforzata con aggiunte di ferro ma data la scarsa affidabilità dei materiali del tempo dopo breve cominciava la deformazione e il modello si autodistruggeva.
Pochi esemplari hanno resistito all'oblio , io sono stato fortunato con un ATR 100 che dopo circa 30 anni era ancora in perfetto stato ma nelle mie improvvise follie decisi di metterlo in vendita su Ebay.
Il modello andò immediatamente in competizione e alla fine fù aggiudicato da un compratore giapponese di Tokio alla favolosa cifra di circa 700 euro.
Spedito con tutte le cautele arrivò a destinazione seriamente danneggiato per un fermo deposito in India , grande disperazione mia e del compratore , forse uno dei pochi modelli che chissà per quale motivo erano rimasti integri andò distrutto .

La morte di Sergio Betti pose fine definitivamente alla Bettiart , piccola casa che con i mezzi di oggi sarebbe diventata grande.
Salvatore Mammoliti

Avatar utente
MrMassy86
Socio GAS TT
Messaggi: 15147
Iscritto il: sabato 10 novembre 2012, 15:42
Nome: Massimiliano
Regione: Toscana
Città: Marlia - Lucca
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

#6 Messaggio da MrMassy86 »

Grazie Salvatore per le informazioni storiche, molto interessanti :cool: Massimiliano :cool:
Massimiliano Paolinelli - il mio canale YouTubeViaggio in quel di Verni -Il Ponte dei Pescatori - C.L.A.F. Lucca

Avatar utente
trenini
Messaggi: 1277
Iscritto il: martedì 21 agosto 2012, 19:27
Nome: Loris
Regione: Toscana
Città: Seravezza
Stato: Non connesso

#7 Messaggio da trenini »

Grazie a tutti, molto interessante le informazioni storiche di Salvatore, questa sera ho imparato qualcosa di più
Ciao Loris
Navari Loris

Avatar utente
Ferruggia Carlo
Socio GAS TT
Messaggi: 673
Iscritto il: sabato 29 dicembre 2012, 17:27
Nome: Carlo
Regione: Lombardia
Città: Romano di Lombardia
Stato: Non connesso

#8 Messaggio da Ferruggia Carlo »

Questa è la 668 Bettiart verniciata in livrea della Veneta.
A distanza di tanti anni non si è deformata e tantomeno decomposta.
L'unica modifica è stata la sostituzione del motore. Funziona benissimo.
Carlo

Immagine:
Immagine
71,39 KB
Carlo

Avatar utente
trissa
Messaggi: 234
Iscritto il: sabato 22 dicembre 2012, 15:14
Nome: antonio
Regione: Lazio
Città: tivoli
Stato: Non connesso

#9 Messaggio da trissa »

Ciao Ragazzi sentendo il nome di Sergio Betti, mi sento un po' chiamato in causa, una persona veramente speciale con un entusiasmo inverosimile, tutto ciò che ha prodotto, lo ha fatto con il cuore; è tuttora una persona dai mille interessi, dalle mille idee, e siccome è sempre alla ricerca del "nuovo", forse proprio perchè ha sperimentato troppo sui nuovi materiali ha commesso gli errori che gli sono attribuiti. Non produce più modelli ed è un vero peccato, perchè con i mezzi di oggi forse avremmo visto delle piccole meraviglie.
Ho collaborato insieme ad un amico , con la Bettiart, per la realizzazione di un plastico per il Museo Nazionale delle Ferrovie di Pietrarsa.

In questo momento non ho molto materiale sottomano, ma se mi date un po' di tempo, in seguito, vi racconto la bella avventura del "plastico dimostrativo" richiesto dalle FS, delle varesine a terza rotaia, che univano Varese a porto Ceresio, realizzato da Sergio Betti, Antonio Trissati (trissa) e Giuseppe Pacifici, verso la fine degli anni 80.
Il tempo di ritrovare foto e materiale e vi racconto una bella storia.

Mi piacerebbe anche , se può interessare, fornire le foto di alcuni modelli prodotti a suo tempo dalla Bettiart che il mio amico Giuseppe dovrebbe avere , potremmo fare un piccolo servizio fotografico da mettere a disposizione del forum.

Per ora vi posto qualche foto del plastico di Pietrarsa, del quale ho rivisto una foto qualche tempo fa, che lo mostra quasi completamente distrutto.
E' stato depredato di tutto ciò che c'era di asportabile: treni, personaggi, semafori, alberi, anche qualche fabbricato, ridotto praticamente alla riproduzione di un deserto scolorito, tanto che credo sia stato tolto dal salone in cui era esposto.

Le foto che ho sottomano ora sono queste sotto.

Questa foto, mostra il plastico mentre lo stavamo realizzando, nel laboratorio di Sergio. Quella in primo piano rappresenta la stazione di Varese. I semafori ad ala sono semafori marklin con l'ala modificata.
A fianco del binario, si nota la terza rotaia coperta semplicemente con un tavolato continuo posto a pochi cm sopra. Come noterete in corrispondenza degli scambi la terza rotaia non c'è, il treno nella realtà, doveva superare per inerzia quei tratti che sarebbe risultato difficile elettrificare.
Immagine:
Immagine
155,61 KB


Il treno che vedete, fu progettato e realizzato in due sole copie, da Sergio proprio per questo plastico.
Immagine:
Immagine

123,28 KB



Questa è la foto della motrice vera che è in mostra al Museo, come vedete c'è la riproduzione (dentro il cerchio rosso) del pattino strisciante prendicorrente realizzato dagli operai dell'officina di Pietrarsa in legno di faggio, copia perfetta del pattino reale.
Immagine:
Immagine
145,45 KB

Ed infine questo è l'aspetto del plastico come si presentava qualche tempo fa, una foto per caso trovata su internet, postata da un modellista che si chiedeva che cosa rappresentasse "quel coso" .
Ora mi sembra di aver capito che il plastico è stato tolto dal salone del Museo (forse per vergogna).
E pensare che all'epoca fu presentato in pompa magna all'allora ministro dei trasporti Spadolini.


Immagine:
Immagine
153,72 KB

Avatar utente
MrMassy86
Socio GAS TT
Messaggi: 15147
Iscritto il: sabato 10 novembre 2012, 15:42
Nome: Massimiliano
Regione: Toscana
Città: Marlia - Lucca
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

#10 Messaggio da MrMassy86 »

Un contributo veramente interessante Antonio, aspetto con molto interesse anche il proseguimento sui modelli Bettiart :grin:
E' davvero un peccato per il plastico, se lo si confronta con le immagini di allora con quelle più recenti.... non ci sono parole, è una vergogna per come è stato ridotto [:(!]
Massimiliano :cool:
Massimiliano Paolinelli - il mio canale YouTubeViaggio in quel di Verni -Il Ponte dei Pescatori - C.L.A.F. Lucca

Avatar utente
marioscd
Socio GAS TT
Messaggi: 4517
Iscritto il: lunedì 23 luglio 2012, 12:56
Nome: Mario
Regione: Lombardia
Città: Valera Fratta
Stato: Non connesso

#11 Messaggio da marioscd »

non ho capito una cosa, però... Sergio Betti è ancora vivo o no? Salvatore ha detto che non c'è più ma dalle parole di Antonio sembra che non sia così...

ciao
Mario Scuderi - C.M.P. Club Modellismo Pavese ...ciò che è piccolo a volte diventa grande...

Avatar utente
red
Messaggi: 536
Iscritto il: giovedì 21 novembre 2013, 7:34
Nome: rosati
Regione: Lazio
Città: vetralla
Stato: Non connesso

#12 Messaggio da red »

I modelli bettiart avevano un aspetto gradevole e realistico. E' vero che c'era il problema delle resine, ma non tutti i modelli ne erano interessati. Personalmente possiedo una aln 773 biodegradabile, ed una ale 840 con la resina metaplast che, ancora oggi appare stabile, non solo, anche gli ingranaggi del motore non si sono incollati e funzionano ancora . Confermo poi il mio gradimento verso la rivista trenitalia che , almeno all' inizio , mi ricordava la più vecchia Ho Rivarossi. Ne ho conservato diversi numeri nella mia collezione privata.
Pietro

Avatar utente
Matteo Santoni
Messaggi: 99
Iscritto il: domenica 7 agosto 2016, 13:48
Nome: Matteo Jarno
Regione: Lazio
Città: Viterbo
Stato: Non connesso

#13 Messaggio da Matteo Santoni »

Possiedo un catalogo della produzione di questa ditta romana e diversi numeri della sua rivista "TRENITALIA".
La produzione (da quanto si apprende dal catalogo) era abbastanza vasta e comprendeva anche modelli mai messi in commercio dalle altre ditte .
Ho notato con piacere che sul catalogo figurano anche modelli delle ECD Stanga-TIBB 1932 della SRFN (Società Romana per le Ferrovie del Nord), che hanno prestato servizio sulla linea Roma-Civita Castellana-Viterbo fino al 2010, frequento molto le borse scambio e non ne ho mai trovato un esemplare , dubito quindi che siano state effettivamente prodotte.

saluti
:cool:
Matteo
Matteo - Socio FIMF

Torna a “RECENSIONI DI MODELLISMO”