Ben arrivato! Fate login o registratevi per fruire di tutte le funzionalità del forum e del sito.
Se eri già registrato e non ti ricordi la password usa questo link per recuperare l'accesso
Sito e forum dedicati al fermodellismo, il nostro hobby viene praticato in molte maniere diverse, tutte ugualmente valide: hai un plastico? oppure sei un collezionista? oppure un semplice appassionato? Non esitare a scrivere nel forum, tutti gli interventi sono benvenuti ... Postate foto e video del vostro plastico e chiedete aiuto per ogni problema o curiosità inerente al nostro hobby.

Uniformità di scenario nelle congiunzioni moduli

Ambietazioni - edifici - strutture - scenari - paesaggi - vegetazione.
Messaggio
Autore
Avatar utente
marioscd
Socio GAS TT
Messaggi: 4517
Iscritto il: lunedì 23 luglio 2012, 12:56
Nome: Mario
Regione: Lombardia
Città: Valera Fratta
Stato: Non connesso

#26 Messaggio da marioscd »

concordo con Giuseppe. In realtà le norme Fremo hanno previsto anche questo... difatti esse definiscono un determinato tipo di massicciata (se ricordo bene Woodland Scenics) e di erba che deve essere "comune" per almeno gli ultimi 10 cm di ogni modulo, lato testate. Questo per dare uniformità... in realtà questa cosa va bene... per plasticisti tedeschi ma molto meno per gli italiani! In ogni caso sulla massicciata ho qualche dubbio anche io... non amo la massicciata "pulita" ma mi piace sporcarla con le polveri per darle quella patina rugginosa vicino alle rotaie e spesso nerastra nel mezzo. Ovviamente sarà quasi impossibile avere la stessa "mano" di sporcatura su tutti i moduli...

ciao


Mario Scuderi - C.M.P. Club Modellismo Pavese ...ciò che è piccolo a volte diventa grande...

Avatar utente
Andrea
Socio GAS TT
Messaggi: 22733
Iscritto il: mercoledì 26 ottobre 2011, 19:42
Nome: Andrea
Regione: Lombardia
Città: Segrate
Ruolo: Amministratore
Stato: Non connesso

#27 Messaggio da Andrea »

marioscd ha scritto:
... difatti esse definiscono un determinato tipo di massicciata (se ricordo bene Woodland Scenics) e di erba che deve essere "comune" per almeno gli ultimi 10 cm di ogni modulo, lato testate.

Concordo, in effetti è una delle cose che balza più all'occhio.
E' anche vero che si potrebbe rimediare ad eventuali magagne in occasione dell'esposizione.
Il sottoscritto potrebbe arrivare con il proprio pistolotto elettrostatico ed intervenire chirurgicamente. :wink:
Andrea - “I fermodellisti sono tanti e legati da un'amicizia sincera, che esplode in una cordialità ormai rara nel mondo rumoroso ed incerto di oggi”. La valle incantata

Avatar utente
Riccardo
Socio GAS TT
Messaggi: 5594
Iscritto il: domenica 11 dicembre 2011, 9:26
Nome: Riccardo
Regione: Lombardia
Città: Lombardia
Età: 11
Stato: Non connesso

#28 Messaggio da Riccardo »

quoto in toto Giuseppe,
credo che Carlo possa darci il suo parere .

Poi se Andrea arriva con il suo pistolotto.... :cool: siamo in una botte de fero! :cool: :cool: :cool:
Riccardo

Avatar utente
Marshall61
Messaggi: 7196
Iscritto il: martedì 1 novembre 2011, 20:50
Nome: Carlo
Regione: Toscana
Città: Livorno
Stato: Non connesso

#29 Messaggio da Marshall61 »

Per il modulo che ho fatto io, la normativa prevede che sulle testate, per tutto il suo spessore quindi 18 mm. è prevista l'erba standard, fermo restando che debba comuque essere armonizzata con quella applicata all'interno del modulo e così ho fatto per esempio nella parte destra si estende per circa 10 cm., mentre per quella sinistra appena sulla testata giusto per dare il raccordo.
Per il ballast ho utilizzato quello Woodland per l'ultimo diorama del magazzino che ho fatto, la pezzatura, a mio giudizio, potrebbe andare bene anche per la TT; bisogna deciderne comunque il colore, direi da evitare quella color basalto (in uso nelle DB) poichè è molto scura ( grigio fumo di londra) , propenderei per una grigio chiara. quasi bianca, come del resto è nella realtà delle FS
Per l'invecchiamento della medesima sarei propenso per una sporcatina leggera e, per la ruggine delle rotaie userei una tonalità meno rossa ma più sul marrone (non terra di siena bruciata ma terra d'ombra bruciata) ossia un ruggine più vissuto in luogo ad uno più giovane.....

Ciao, Carlo
NON ESISTONO PROBLEMI, ESISTONO SOLO LE SOLUZIONI. E' LO SPIRITO DELL'UOMO A CREARE IL PROBLEMA DOPO. (Andrè Gide)

Avatar utente
Marshall61
Messaggi: 7196
Iscritto il: martedì 1 novembre 2011, 20:50
Nome: Carlo
Regione: Toscana
Città: Livorno
Stato: Non connesso

#30 Messaggio da Marshall61 »

...ho dimenticato di dare indicazione del tipo di ballast, io ho utilizzato il Medium Buff B 80 della Woodland Scenic, penso che sia la stesso che utilizza Mario, e mi sembra che per l'ambientazione italiana sia sufficientemente coerente con la realtà.

Ciao, Carlo
NON ESISTONO PROBLEMI, ESISTONO SOLO LE SOLUZIONI. E' LO SPIRITO DELL'UOMO A CREARE IL PROBLEMA DOPO. (Andrè Gide)

Avatar utente
Riccardo
Socio GAS TT
Messaggi: 5594
Iscritto il: domenica 11 dicembre 2011, 9:26
Nome: Riccardo
Regione: Lombardia
Città: Lombardia
Età: 11
Stato: Non connesso

#31 Messaggio da Riccardo »

ciao Carlo,
ho visto il ballast che indichi ed è proprio quasi bianco,
invece per l'erba in prossimità delle testate dici erba standard, ovvero verde non troppo intenso? hai qualche casa di riferimento?
così facciamo un sondaggio sulle varie colorazioni :wink:
Riccardo

Avatar utente
Fabrizio
Socio GAS TT
Messaggi: 10564
Iscritto il: giovedì 10 novembre 2011, 21:17
Nome: Fabrizio
Regione: Piemonte
Città: Piossasco
Ruolo: co-amministratore
Stato: Non connesso

#32 Messaggio da Fabrizio »

In merito alle congiunzioni dei moduli. Credo che possano esistere moduli ambientati in ambito cittadino e altri in ambito rurale... quali potrebbero essere i parametri di compatibilità? Per esempio, a me piacerebbe fare la riproduzione di un un borgo ligure attraversato dal treno. Solo che in questo caso ci sarebbe il mare. Il che rende molto complicato uniformare il paesaggio ai moduli cirscostanti, che dubito abbiano il mare. Io avrei pensato quindi a riprodurre una specie di golfo, cioè con la riproduzione del mare nella parte centrale, per avere invece ai lati elementi scenici diversi, ai quali devo ancora pensare. Tuttavia il grosso problema sarebbe che anche nei moduli adiacenti l'ambiente dovrebbe essere di tipo "mediterraneo", per esempio sicuramente non andrebbe bene un modulo di montagna. Quindi chiedo cosa prevedete in questo senso, anche tenendo presente che se non è possibile fare il borgo ligure, farò qualcosa di altro.
Fabrizio

Avatar utente
Marshall61
Messaggi: 7196
Iscritto il: martedì 1 novembre 2011, 20:50
Nome: Carlo
Regione: Toscana
Città: Livorno
Stato: Non connesso

#33 Messaggio da Marshall61 »

Ciao Fabrizio, si parla di uniformità sulle testate per cui non vedo per qale motivo tu debba cambiare il tuo progetto è sufficiente che sulla testata e per qualche centimetro all'interno del modulo ci sia l'erba standar che tra le alctre cose si deve ancora decidere; ovviamente come tu affermi non c'è una correlazione di paesaggio, per ora, ma in futuro sicuramente.....Per esempio la stazione che stà facendo Giuseppe, da una parte può esserci il mare e dall'altra la campagna o la montagna, credo che per ora la cosa importante sia di produrre qualche modulo e portarlo in mostra, solamente in un secondo tempo si possono richiedere specifiche ambientazioni....almeno io sono di questo parere.... :wink:

Ciao, Carlo
NON ESISTONO PROBLEMI, ESISTONO SOLO LE SOLUZIONI. E' LO SPIRITO DELL'UOMO A CREARE IL PROBLEMA DOPO. (Andrè Gide)

Avatar utente
Andrea
Socio GAS TT
Messaggi: 22733
Iscritto il: mercoledì 26 ottobre 2011, 19:42
Nome: Andrea
Regione: Lombardia
Città: Segrate
Ruolo: Amministratore
Stato: Non connesso

#34 Messaggio da Andrea »

Eurostar ha scritto:
Io avrei pensato quindi a riprodurre una specie di golfo, cioè con la riproduzione del mare nella parte centrale, per avere invece ai lati elementi scenici diversi, ai quali devo ancora pensare.

Fantastico Fabrizio... io adoro il mare... poi tu sei molto bravo.
Concordo con Carlo e poi è giusto fare ciò per cui si ha l'ispirazione.
Io ad esempio adoro i viadotti... non potrò sottrarmi a tale tentazione.
Vai tranquillo e poi... qualche libertà ce la possiamo certo concedere.
L'unica cosa che eviterei a priori è la neve (mi pice molto anche quella).
:cool:
Andrea - “I fermodellisti sono tanti e legati da un'amicizia sincera, che esplode in una cordialità ormai rara nel mondo rumoroso ed incerto di oggi”. La valle incantata

Avatar utente
giuseppe_risso
Socio GAS TT
Messaggi: 7586
Iscritto il: giovedì 27 ottobre 2011, 22:44
Nome: Giuseppe
Regione: Liguria
Città: Chiavari
Stato: Non connesso

#35 Messaggio da giuseppe_risso »

Hanno ragione Carlo e Andrea, neppure io mi farei un problema, se ti piace quel tema fallo, poi come risolvere il collegamento con altri lo risolveremo.
L'idea di un piccolo golfo mi sembra ottima e faciliterà la cosa, inoltre la linea di levante (zona 5 terre) é piena di queste situazioni.
Caso mai, poi, si potrà studiare dei mini moduli di collegamento, ma per ora l'importante che ci siano bravi ferromodellisti che realizzino moduli. :grin:

Avatar utente
Fabrizio
Socio GAS TT
Messaggi: 10564
Iscritto il: giovedì 10 novembre 2011, 21:17
Nome: Fabrizio
Regione: Piemonte
Città: Piossasco
Ruolo: co-amministratore
Stato: Non connesso

#36 Messaggio da Fabrizio »

Vi ringrazio perle spiegazioni, adesso ho capito e posso iniziare a far funzionare la fantasia.

Siccome il mio plastico è ambientato nella riviera di levante, allora il nuovo lo sarà nelle riviera di ponente. Non riprodurrà un tratto esistente, ma un ipotetico tratto della ferrovia di ponente. Anche se diversi scorci li ho visti proprio sulla ferrovia di levante :razz:

Per esempio il tratto centrale potrebbe essere simile a questa foto



Immagine:
Immagine
71,81 KB

ovvero il calssico scenario con strada+passeggiata, ferrovia, spiaggia, mare

per il collgamento alle testate, su un lato per esempio questo scorcio sarebbe l'ideale per dividere in maniera tale da non creare discontinuità, dietro al ponte (su cui per esempio potrà esserci un strada) ci sarà la zona di erba di "connessione", il retro della abitazione che si vede, fungerà da confine ideale dell'abitato riprodotto nel modulo.



Immagine:
Immagine
144,68 KB

per riprodurre il golfo, ad esempio questo è lo scorcio a cu mi ispirerei



Immagine:
Immagine
65,95 KB

il fabbricato sullo sfondo, con la lingua di terra verso il mare, porterebbe a far si che sul modulo successivo non sia necessaria la presenza del mare, oltre che garantirelo spazio per la posa dell'erba nel tratto di connessione

Poi sono ovviamente idee che mivengono così sul momento.... giusto per capire se è fattibile.

E con tutte quelle case, ringhiere, lampioni....eheheheh mi dovrete dare qualche dritta :smile:
Fabrizio

Avatar utente
Marshall61
Messaggi: 7196
Iscritto il: martedì 1 novembre 2011, 20:50
Nome: Carlo
Regione: Toscana
Città: Livorno
Stato: Non connesso

#37 Messaggio da Marshall61 »

....idea fantastica Fabrizio!!! dalla tua descrizione traspare una visione molto equilibrata e soprattutto fattibile del modulo; per l'esecuzione, bèh, basta vedere il tuo plastico, recensito nelle fotostorie del sito Scalatt, e ci si immagina il grado di rifiniture e particolari che adotterai :cool: :razz: .....mi raccomando apri poi un thread apposito così ti seguiremo passo a passo.... :wink: :cool:

Ciao, Carlo
NON ESISTONO PROBLEMI, ESISTONO SOLO LE SOLUZIONI. E' LO SPIRITO DELL'UOMO A CREARE IL PROBLEMA DOPO. (Andrè Gide)

Avatar utente
Fabrizio
Socio GAS TT
Messaggi: 10564
Iscritto il: giovedì 10 novembre 2011, 21:17
Nome: Fabrizio
Regione: Piemonte
Città: Piossasco
Ruolo: co-amministratore
Stato: Non connesso

#38 Messaggio da Fabrizio »

Grazie Carlo,
che aprirò un topic apposito puoi starne sicuro, la condivisone di questo lavoro sarà per me un piacere e una necessità. Infatti dovrete aiutarmi in molte cose, in quanto ci saranno da fare tante cose che non ho mai fatto, soprattutto le autocostruzioni degli edifici. Non a caso ho scelto un'ambientazione di questo tipo, proprio per iniziare esperienze che non ho mai avuto. Dovrò imparare a saldare, per autocostruire diversi particolari.
Fabrizio

Avatar utente
marioscd
Socio GAS TT
Messaggi: 4517
Iscritto il: lunedì 23 luglio 2012, 12:56
Nome: Mario
Regione: Lombardia
Città: Valera Fratta
Stato: Non connesso

#39 Messaggio da marioscd »

una soluzione adottata dagli amici del CFB (Club Fermodellistico Bresciano) nella riproduzione della loro linea Brescia-Edolo su standard Fremo è stata quella di "dividere" varie località riprodotte (e facilmente identificabili da chi conosce la linea) attraverso moduletti "neutri" senza scenografia colorati in nero che volevano indicare una tratta di linea non riprodotta in mezzo a due moduli riprodotti realisticamente. A me personalmente il sistema non piace molto però potrebbe essere un'idea...

ciao

PS bellissimo plastico, molta fantasia e ottime sporcature, Fabrizio!!
Mario Scuderi - C.M.P. Club Modellismo Pavese ...ciò che è piccolo a volte diventa grande...

Avatar utente
Fabrizio
Socio GAS TT
Messaggi: 10564
Iscritto il: giovedì 10 novembre 2011, 21:17
Nome: Fabrizio
Regione: Piemonte
Città: Piossasco
Ruolo: co-amministratore
Stato: Non connesso

#40 Messaggio da Fabrizio »

Grazie per i complimenti Mario, ciò che mi piace proprio di più della realizzazione è la scenografia. L'idea dei moduli neutri non è male, anche se credo che una buona pianificazione nelle idee sulla realizzazione dei moduli possa portare ad accostamenti verosimili. Come mi dicevano prima negli interventi precedenti, una volta avuti tutti i moduli, si potrà cercare una sequenza atta a minimizzare gli stacchi. Nel caso dei moduli neutri di cui parli, che si potrebbero in effetti usare per dividere moduli alquanto differenti, si potrebbe anche pensare di inserire in questi tratti la storia del plastico modulare, con dei cartelloni e magari dei pezzi di plastico in stato di lavorazione. Così da inserire nel modulare sia il risultato finale che la spiegazione delle lavorazioni e la sua storia.
Fabrizio

Avatar utente
giuseppe_risso
Socio GAS TT
Messaggi: 7586
Iscritto il: giovedì 27 ottobre 2011, 22:44
Nome: Giuseppe
Regione: Liguria
Città: Chiavari
Stato: Non connesso

#41 Messaggio da giuseppe_risso »

Mi sembra che tu stia progettando un modulo molto interessante e, visti i precedenti, sono sicuro che sarà bellissimo. :grin:

Avatar utente
Marshall61
Messaggi: 7196
Iscritto il: martedì 1 novembre 2011, 20:50
Nome: Carlo
Regione: Toscana
Città: Livorno
Stato: Non connesso

#42 Messaggio da Marshall61 »

Eurostar ha scritto:

Grazie Carlo,
che aprirò un topic apposito puoi starne sicuro, la condivisone di questo lavoro sarà per me un piacere e una necessità. Infatti dovrete aiutarmi in molte cose, in quanto ci saranno da fare tante cose che non ho mai fatto, soprattutto le autocostruzioni degli edifici. Non a caso ho scelto un'ambientazione di questo tipo, proprio per iniziare esperienze che non ho mai avuto. Dovrò imparare a saldare, per autocostruire diversi particolari.


Prego Fabrizio!, vedrai che non sarà difficile con la tua manualità imparare sia l'autocostruzione degli edifici che saldare, anzi ti divertirai ancora di più e rafforzerai ancora di più la tua creatività! :wink: :grin:
Se ci sono problemi, non ti peritare, almeno per me come penso per tutti, ciò che si sà è a disposizione di chi nè ha bisogno..... :cool:

Ciao, Carlo
NON ESISTONO PROBLEMI, ESISTONO SOLO LE SOLUZIONI. E' LO SPIRITO DELL'UOMO A CREARE IL PROBLEMA DOPO. (Andrè Gide)

Avatar utente
Marshall61
Messaggi: 7196
Iscritto il: martedì 1 novembre 2011, 20:50
Nome: Carlo
Regione: Toscana
Città: Livorno
Stato: Non connesso

#43 Messaggio da Marshall61 »

marioscd ha scritto:

una soluzione adottata dagli amici del CFB (Club Fermodellistico Bresciano) nella riproduzione della loro linea Brescia-Edolo su standard Fremo è stata quella di "dividere" varie località riprodotte (e facilmente identificabili da chi conosce la linea) attraverso moduletti "neutri" senza scenografia colorati in nero che volevano indicare una tratta di linea non riprodotta in mezzo a due moduli riprodotti realisticamente. A me personalmente il sistema non piace molto però potrebbe essere un'idea...

ciao

........


...grazie Mario per i suggerimenti!...sei un "pozzo" di idee.... :cool:

Ciao, Carlo
NON ESISTONO PROBLEMI, ESISTONO SOLO LE SOLUZIONI. E' LO SPIRITO DELL'UOMO A CREARE IL PROBLEMA DOPO. (Andrè Gide)

Avatar utente
Fabrizio
Socio GAS TT
Messaggi: 10564
Iscritto il: giovedì 10 novembre 2011, 21:17
Nome: Fabrizio
Regione: Piemonte
Città: Piossasco
Ruolo: co-amministratore
Stato: Non connesso

#44 Messaggio da Fabrizio »

Ciao a tutti.... sto procendendo, nella mia testa :wink: , al progetto del modulo della ferrovia di ponente. Siccome realizzerò un modulo di ambientazione cittadina, sul limite della testata, anzichè usare l'erba per la congiunzione scenica con il modulo adiacente, se mettessi degli edifici, ovviamente rifiniti su tutti i lati, che hanno la parete verticale fino a una distanza di 2-3 cm dal limite, potrebbe andare bene? Non so se sono riuscito a spiegarmi.... in caso non vi piaccia la soluzione, non esitate, chiedo proprio per svilipparein maniera accurata la fase progettuale, per ottenere un risultato il migliore possibile, siccome voi di modulari siete esperti.... ne sapete più di me :wink:
Fabrizio

Avatar utente
giuseppe_risso
Socio GAS TT
Messaggi: 7586
Iscritto il: giovedì 27 ottobre 2011, 22:44
Nome: Giuseppe
Regione: Liguria
Città: Chiavari
Stato: Non connesso

#45 Messaggio da giuseppe_risso »

Eurostar ha scritto:

Ciao a tutti.... sto procendendo, nella mia testa :wink: , al progetto del modulo della ferrovia di ponente. Siccome realizzerò un modulo di ambientazione cittadina, sul limite della testata, anzichè usare l'erba per la congiunzione scenica con il modulo adiacente, se mettessi degli edifici, ovviamente rifiniti su tutti i lati, che hanno la parete verticale fino a una distanza di 2-3 cm dal limite, potrebbe andare bene? Non so se sono riuscito a spiegarmi.... in caso non vi piaccia la soluzione, non esitate, chiedo proprio per svilipparein maniera accurata la fase progettuale, per ottenere un risultato il migliore possibile, siccome voi di modulari siete esperti.... ne sapete più di me :wink:


Per questo tipo di moduli, a mio parere, non ci sono problemi, starà a chi allestisce il modulare fare attenzione a non accostare due moduli che siano in contrasto tra di loro.
Comunque all'inizio. quando i moduli saranno pochi, e ci sarà poca scelta, un po' di compromessi dovremo accettarli.

Avatar utente
giuseppe_risso
Socio GAS TT
Messaggi: 7586
Iscritto il: giovedì 27 ottobre 2011, 22:44
Nome: Giuseppe
Regione: Liguria
Città: Chiavari
Stato: Non connesso

#46 Messaggio da giuseppe_risso »

Comunque, si potrebbero anche studiare dei mini moduli (un paio di binari) veloci da fare e che servano di raccordo tra scenari diversi.

Avatar utente
Andrea
Socio GAS TT
Messaggi: 22733
Iscritto il: mercoledì 26 ottobre 2011, 19:42
Nome: Andrea
Regione: Lombardia
Città: Segrate
Ruolo: Amministratore
Stato: Non connesso

#47 Messaggio da Andrea »

Concordo con Giuseppe.
Per me hai semaforo verde!
Andrea - “I fermodellisti sono tanti e legati da un'amicizia sincera, che esplode in una cordialità ormai rara nel mondo rumoroso ed incerto di oggi”. La valle incantata

Avatar utente
Marshall61
Messaggi: 7196
Iscritto il: martedì 1 novembre 2011, 20:50
Nome: Carlo
Regione: Toscana
Città: Livorno
Stato: Non connesso

#48 Messaggio da Marshall61 »

...concordo anche io, soprattutto servono per mantenere la distanza esatta per i pali della catenaria per la giunzione tra un modulo diritto ed uno in curva..... :wink: :grin:

Ciao, Carlo
NON ESISTONO PROBLEMI, ESISTONO SOLO LE SOLUZIONI. E' LO SPIRITO DELL'UOMO A CREARE IL PROBLEMA DOPO. (Andrè Gide)

Avatar utente
Fabrizio
Socio GAS TT
Messaggi: 10564
Iscritto il: giovedì 10 novembre 2011, 21:17
Nome: Fabrizio
Regione: Piemonte
Città: Piossasco
Ruolo: co-amministratore
Stato: Non connesso

#49 Messaggio da Fabrizio »

Grazie a tutti. Benissimo, adesso vedrò come procedere. Vorrei farmi venire in mente una qualche soluzione per rendere il modulo ben integrato con il resto. L'idea dei mini moduli in effetti è ottima. Ad esempio nella maggior parte degli scorci che ho osservato c'è la strada posizionata nella direzione a correre sul lato più lungo, cosa che non va bene in quanto il termine e il principio andrebbero a finire nelle testate. Sto quindi valutando e ricercando degli scorci che mi permettano l'ingresso e l'uscita della strada sui lati anteriore e poteriore del modulo, magari realizzando una sorta di piazzetta al centro del modulo stesso.
Fabrizio

Avatar utente
Andrea
Socio GAS TT
Messaggi: 22733
Iscritto il: mercoledì 26 ottobre 2011, 19:42
Nome: Andrea
Regione: Lombardia
Città: Segrate
Ruolo: Amministratore
Stato: Non connesso

#50 Messaggio da Andrea »

Eurostar ha scritto:
... l'ingresso e l'uscita della strada sui lati anteriore e poteriore del modulo, magari realizzando una sorta di piazzetta al centro del modulo stesso.

L'idea non mi sembra malvagia... :wink:
Evvai Fabrizio!
Andrea - “I fermodellisti sono tanti e legati da un'amicizia sincera, che esplode in una cordialità ormai rara nel mondo rumoroso ed incerto di oggi”. La valle incantata

Torna a “SCENERY - IDEE TEMATICHE”