Ben arrivato! Fate login o registratevi per fruire di tutte le funzionalità del forum e del sito.
Se eri già registrato e non ti ricordi la password usa questo link per recuperare l'accesso
Sito e forum dedicati al fermodellismo, il nostro hobby viene praticato in molte maniere diverse, tutte ugualmente valide: hai un plastico? oppure sei un collezionista? oppure un semplice appassionato? Non esitare a scrivere nel forum, tutti gli interventi sono benvenuti ... Postate foto e video del vostro plastico e chiedete aiuto per ogni problema o curiosità inerente al nostro hobby.

Modulo piena linea

Loro caratteristiche e come realizzarli.
Messaggio
Autore
Avatar utente
Edgardo_Rosatti
Socio GAS TT
Messaggi: 4537
Iscritto il: venerdì 28 ottobre 2011, 0:59
Nome: Edgardo
Regione: Lombardia
Città: Muggiò
Età: 57
Stato: Non connesso

Modulo piena linea

#1 Messaggio da Edgardo_Rosatti »

Ciao a tutti,
ho spostato qui la discussione sulle problematiche relative al modulo di piena linea o modulo passante del quale si è iniziato a discuterne in altro th .

Ieri sera si era parlato di modulo passante in alternativa al modulo di piena linea per semplificare i collegamenti.
Mi sono reso conto che in realtà questo non serve, in quanto il circuito del modulo di piena linea è di per sè un circuito che ci consente di realizzare un modulo passante.

Quindi mi scuso per l'eventuale confusione creata e riparto da zero.

Qui sotto sono visibili gli schemi elettrici relativi alle alimentazioni e alla piena linea del modulare:

Schema alimentazioni:
Immagine

Schema piena linea (passante):
Immagine

Questi due schemi formano un modulo passante un unica scheda.

La scheda è visibile in questo pdf:
Modulo_alimentazione_e_piena_linea.pdf (24,15 KB)

Nel rettangolo in rosso tratteggiato vi sono i collegamenti verso i 4 trasformatori previsti (ma non tutti necessari) al funzionamento del modulare (alimentazioni).
I restanti collegamenti riguardano il singolo pannello di piena linea o passaggio.

Ho volutamente inserito le alimentazioni assieme ai collegamenti del modulo passante in quanto è sempre utile averli. Inoltre c'era spazio sulla scheda per farlo.
Se poi non servono basta non utilizzarli.

Tutti gli altri collegamenti ci consentono di alimentare i binari del modulo per avere la corretta distribuzione della corrente per le linee.

Una precisazione; questo schema rispecchia le norme che prevedono l'uso di una linea a doppio binario alimentata da due trasformatori per le due linee, un terzo per la linea secondaria ed un quarto per i servizi.

Per ora che siamo agli inizi non è necessario che vengano usate tutte e quattro, ne basta almeno una (trasformatore linea 1) e trasformatore servizi per mettere giù un impianto ad osso che ci consenta di far circolare qualche treno. Giusto per capire come gestire il tutto.

Spero di non aver creato troppa confusione con queso post.

Ciao
Edgardo


ED
237
11101101

Avatar utente
Fabrizio
Socio GAS TT
Messaggi: 10579
Iscritto il: giovedì 10 novembre 2011, 21:17
Nome: Fabrizio
Regione: Piemonte
Città: Piossasco
Ruolo: co-amministratore
Stato: Non connesso

#2 Messaggio da Fabrizio »

Ciao Edgardo. Hai fatto bene a mettere questo post. Io direi che in fase di costruzione del modulo, si potrebbe prevedere per tutti il sezionamento del binario. Questo perchè in tale maniera poi il circuito è facilmente riconfigurabile in modulo senza blocco (si mette un ponticello) o modulo con blocco (si usa la scheda). Si tratta di un semplice taglietto con due fili che vanno sotto il piano del plastico, facili da fare durante la realizzazione. Se non si prevedono i sezionamenti, farli una volta posato il ballast e la massicciata, risulta invece complicato. Se poi non servono, basta un ponticello.


Ciao

Fabrizio
Fabrizio

Avatar utente
Edgardo_Rosatti
Socio GAS TT
Messaggi: 4537
Iscritto il: venerdì 28 ottobre 2011, 0:59
Nome: Edgardo
Regione: Lombardia
Città: Muggiò
Età: 57
Stato: Non connesso

#3 Messaggio da Edgardo_Rosatti »

Esatto Fabrizio, inoltre il sezionamento potrà essere utile se in futuro aumenterà il numero dei moduili (e treni) per creare come nella realtà delle sottostazioni elettriche.
In parole povere, fino a quando circoleranno un paio di treni basterà un alimentatore, ma quando i treni saranno 5,6 o 10 serviranno più alimentatori.

Visto che si era parlato di un kit plus, per chi volesse la scheda in oggetto, sono a disposizione per realizzarla a prezzo di costo dei soli componenti (scheda fotoincisa, connettori e morsettiere a vite).
Posso fornire anche il solo circuito stampato già forato e pronto all'uso.
ED
237
11101101

Avatar utente
Riccardo
Socio GAS TT
Messaggi: 5594
Iscritto il: domenica 11 dicembre 2011, 9:26
Nome: Riccardo
Regione: Lombardia
Città: Lombardia
Età: 11
Stato: Non connesso

#4 Messaggio da Riccardo »

grande Edgardo....

Immagine

Immagine
Riccardo

Avatar utente
Edgardo_Rosatti
Socio GAS TT
Messaggi: 4537
Iscritto il: venerdì 28 ottobre 2011, 0:59
Nome: Edgardo
Regione: Lombardia
Città: Muggiò
Età: 57
Stato: Non connesso

#5 Messaggio da Edgardo_Rosatti »

Per completezza allego anche il master del circuito stampato in scala 1:1 della scheda modulo passante o piena linea.
Chi se la sente può fotoinciderselo da sè:

Modulo_alimentazione_e_piena_linea_PCB.pdf (63,08 KB)

Per la sua realizzazione è necessaria una basetta presensibilizzata in formato eurocard da 160x100 millimetri.
ED
237
11101101

Avatar utente
Andrea
Socio GAS TT
Messaggi: 22743
Iscritto il: mercoledì 26 ottobre 2011, 19:42
Nome: Andrea
Regione: Lombardia
Città: Segrate
Ruolo: Amministratore
Stato: Non connesso

#6 Messaggio da Andrea »

Edgardo_Rosatti ha scritto:
Per chi volesse la scheda in oggetto, sono a disposizione per realizzarla a prezzo di costo dei soli componenti (scheda fotoincisa, connettori e morsettiere a vite).Posso fornire anche il solo circuito stampato già forato e pronto all'uso.

Edgardo, sei un mito!
:cool:
Andrea - “I fermodellisti sono tanti e legati da un'amicizia sincera, che esplode in una cordialità ormai rara nel mondo rumoroso ed incerto di oggi”. La valle incantata

Torna a “PANNELLI”