Ben arrivato! Fate login o registratevi per fruire di tutte le funzionalità del forum e del sito.
Se eri già registrato e non ti ricordi la password usa questo link per recuperare l'accesso
Sito e forum dedicati al fermodellismo, il nostro hobby viene praticato in molte maniere diverse, tutte ugualmente valide: hai un plastico? oppure sei un collezionista? oppure un semplice appassionato? Non esitare a scrivere nel forum, tutti gli interventi sono benvenuti ... Postate foto e video del vostro plastico e chiedete aiuto per ogni problema o curiosità inerente al nostro hobby.

Sezione moduli

Loro caratteristiche e come realizzarli.
Messaggio
Autore
Avatar utente
federico
Messaggi: 695
Iscritto il: venerdì 9 dicembre 2011, 18:34
Nome: Federico
Regione: Piemonte
Città: torino
Stato: Non connesso

#26 Messaggio da federico »

giusto giuseppe....bisognerà attenersi molto alle norme sullo scenery


Federico

Avatar utente
Marshall61
Messaggi: 7196
Iscritto il: martedì 1 novembre 2011, 20:50
Nome: Carlo
Regione: Toscana
Città: Livorno
Stato: Non connesso

#27 Messaggio da Marshall61 »

Caro Riccardo la questione che hai posto in evidenza è sacrosanta, bisogna standanrdizzare il ballast per la massicciata, così come il tipo di erba proprio per non avere questi stacchi "pesanti" e mascherare anche bene la giuntura dei moduli (ovviamente nella parte ai lati del piano dei binari).
Per esperienza, il materiale della Ditta Heky, lo indicherei come il migliore, bisogna stabilire che codici usare.
Questo si può verificare però solo con visione dal vivo del materiale....stabilito questo si comunica al resto del gruppo la marca ed il numero di codice degli accessori in questione; da tenere presente che esistono le confezioni più grandi e più piccole dell'erba con lo stesso codice, spesso, cambiando la dimensione della confezione, non si ottiene la stessa gradazione di colore.
Più semplice è l'invecchiamento della massicciata e del binario, la terra di Siena bruciata è a mio giudizio il colore migliore, ovviamente nelle sue gradazioni (con aggiunta di bianco o di nero a seconda della tipologia del modulo)..... :smile:

Ciao, Carlo
NON ESISTONO PROBLEMI, ESISTONO SOLO LE SOLUZIONI. E' LO SPIRITO DELL'UOMO A CREARE IL PROBLEMA DOPO. (Andrè Gide)

Avatar utente
Riccardo
Socio GAS TT
Messaggi: 5590
Iscritto il: domenica 11 dicembre 2011, 9:26
Nome: Riccardo
Regione: Lombardia
Città: Lombardia
Età: 11
Stato: Non connesso

#28 Messaggio da Riccardo »

Carlo,
ho aperto una discussione specifica sull'argomento "uniformità scenario tra i moduli",
invece qui volevo sentire un tuo parere (anzi forse l'avevi già espresso...), per quanto riguarda l'aumento di quota tra il piano ferro ed il piano modulo: ora siamo propensi per portare questa quota a 16mm.
Riccardo

Avatar utente
Marshall61
Messaggi: 7196
Iscritto il: martedì 1 novembre 2011, 20:50
Nome: Carlo
Regione: Toscana
Città: Livorno
Stato: Non connesso

#29 Messaggio da Marshall61 »

...mi sembra di averlo espresso, se non ricordo male era 15 mm, ma 16 va bene uguale; secondo me si hanno più possibilità per la scenografia e sul davanti non bisogna scendere poi di tanto per avere un ottimale effetto ottico di prospettiva....
Hai fatto bene aprie una discussione in merito all'uniformità dallo scenario.... :wink:

Ciao, Carlo
NON ESISTONO PROBLEMI, ESISTONO SOLO LE SOLUZIONI. E' LO SPIRITO DELL'UOMO A CREARE IL PROBLEMA DOPO. (Andrè Gide)

Avatar utente
Riccardo
Socio GAS TT
Messaggi: 5590
Iscritto il: domenica 11 dicembre 2011, 9:26
Nome: Riccardo
Regione: Lombardia
Città: Lombardia
Età: 11
Stato: Non connesso

#30 Messaggio da Riccardo »

più o meno potrebbe risultare così:

Immagine:
Immagine
91,05 KB


praticamente, senza complicare troppo, un'aggiunta di spessore 8mm tra il piano modulo e il sughero (4mm) posa binari.
Ovviamente se si trova il sughero da 2 mm., lo spessore sarà di 10mm,
ai quali aggiungendo i 4 mm del binario si arriva al tot. 16mm :wink:
Riccardo

Avatar utente
Marshall61
Messaggi: 7196
Iscritto il: martedì 1 novembre 2011, 20:50
Nome: Carlo
Regione: Toscana
Città: Livorno
Stato: Non connesso

#31 Messaggio da Marshall61 »

Riccardo mi sembra che sia un'ottimo compromesso....a mio giudizio va bene così! :wink:

Ciao, Carlo
NON ESISTONO PROBLEMI, ESISTONO SOLO LE SOLUZIONI. E' LO SPIRITO DELL'UOMO A CREARE IL PROBLEMA DOPO. (Andrè Gide)

Avatar utente
giuseppe_risso
Socio GAS TT
Messaggi: 7572
Iscritto il: giovedì 27 ottobre 2011, 22:44
Nome: Giuseppe
Regione: Liguria
Città: Chiavari
Stato: Non connesso

#32 Messaggio da giuseppe_risso »

Per me va bene. :wink:

Avatar utente
Andrea
Socio GAS TT
Messaggi: 22646
Iscritto il: mercoledì 26 ottobre 2011, 19:42
Nome: Andrea
Regione: Lombardia
Città: Segrate
Ruolo: Amministratore
Stato: Non connesso

#33 Messaggio da Andrea »

Mi associo. :cool:
Andrea - “I fermodellisti sono tanti e legati da un'amicizia sincera, che esplode in una cordialità ormai rara nel mondo rumoroso ed incerto di oggi”. La valle incantata

Avatar utente
federico
Messaggi: 695
Iscritto il: venerdì 9 dicembre 2011, 18:34
Nome: Federico
Regione: Piemonte
Città: torino
Stato: Non connesso

#34 Messaggio da federico »

ma 16mm dal piano di ferro o dal sughero???perché sarebbe più semplice trovare la misura dal piano di sughero piuttosto che da i binari
Federico

Avatar utente
Riccardo
Socio GAS TT
Messaggi: 5590
Iscritto il: domenica 11 dicembre 2011, 9:26
Nome: Riccardo
Regione: Lombardia
Città: Lombardia
Età: 11
Stato: Non connesso

#35 Messaggio da Riccardo »

federico ha scritto:

ma 16mm dal piano di ferro o dal sughero???perché sarebbe più semplice trovare la misura dal piano di sughero piuttosto che da i binari


ciao Federico,
16 mm. dal piano ferro al piano modulo :cool:

Immagine:
Immagine
46,3 KB
Riccardo

Avatar utente
federico
Messaggi: 695
Iscritto il: venerdì 9 dicembre 2011, 18:34
Nome: Federico
Regione: Piemonte
Città: torino
Stato: Non connesso

#36 Messaggio da federico »

grazie...però ribadisco che forse sarebbe più facile stabilire l'altezza del sughero (da terra) che può variare, piuttosto che quella dei binari che sono commerciali e uguali per tutti...
Federico

Avatar utente
Riccardo
Socio GAS TT
Messaggi: 5590
Iscritto il: domenica 11 dicembre 2011, 9:26
Nome: Riccardo
Regione: Lombardia
Città: Lombardia
Età: 11
Stato: Non connesso

#37 Messaggio da Riccardo »

federico ha scritto:

grazie...però ribadisco che forse sarebbe più facile stabilire l'altezza del sughero (da terra) che può variare, piuttosto che quella dei binari che sono commerciali e uguali per tutti...


Federico,
il piano ferro è la quota zero, come in edilizia; da quella quota si costruisce il mondo attorno !!! :cool: :cool:
Riccardo

Avatar utente
Andrea
Socio GAS TT
Messaggi: 22646
Iscritto il: mercoledì 26 ottobre 2011, 19:42
Nome: Andrea
Regione: Lombardia
Città: Segrate
Ruolo: Amministratore
Stato: Non connesso

#38 Messaggio da Andrea »

rbk250 ha scritto:
il piano ferro è la quota zero, come in edilizia; da quella quota si costruisce il mondo attorno !!! :cool: :cool:

Mi ricorda una certa pubblicità di un signore che lavora (si fa per dire...) in una banca...
Riccardo guardi troppa TV.
:cool: :cool: :cool:
Andrea - “I fermodellisti sono tanti e legati da un'amicizia sincera, che esplode in una cordialità ormai rara nel mondo rumoroso ed incerto di oggi”. La valle incantata

Avatar utente
Riccardo
Socio GAS TT
Messaggi: 5590
Iscritto il: domenica 11 dicembre 2011, 9:26
Nome: Riccardo
Regione: Lombardia
Città: Lombardia
Età: 11
Stato: Non connesso

#39 Messaggio da Riccardo »

giuseppe_risso ha scritto:
Sul forum ASN c'é un intervento di Tolini che a mio avviso merita di essere preso in considerazione.
Non é che approvi tutto, ma la sua proposta potrebbe essere studiata anche per il nostro modulare.
Non sarebbe facile , ma si può parlarne.
In effetti, qualche modulo piatto va bene, ma la monotonia di certi modulari, anche se belli, é realtà.
Il nostro modulare non credo brillerà per lunghezza, ma potrebbe farlo per la ricchezza del paesaggio.
In fondo si era pensato a una collocazione geografica vicina al confine e in quelle zone ponti e gallerie la fanno da padroni.
Metto il link, date un'occhiata e ditemi cosa ne pensate.
http://www.amiciscalan.com/forum/vi...?f=20&t=2498


ho portato qui questo intervento di Giuseppe (era in una discussione chiusa),

Ho dato l'occhio alla discussione e dovo dire che è condivisibile il pensiero di Tolini.
Se ci ricordiamo, all'inizio dell'avventura, vi erano gli interventi di Carlo e Topalov topic.asp?TOPIC_ID=6318 nei quali evidenziavano la bellezza dell'avere la sezione del modulo proprio più movimentata.....
.... mi sembra sempre interessante, si tratta unicamente di definire più tipologie di moduli, pianeggiante (più o meno quello fin'ora fatto), di confine (come chiamato da Giuseppe) avente la parte frontale sotto piano ferro e la parte posteriore sopra piano ferro ... :grin:
E' utile discuterne e condividerne tutte le possibilità....
..... (stiamo o non stiamo facendo la storia del TT..... ) :cool:
Riccardo

Avatar utente
Marshall61
Messaggi: 7196
Iscritto il: martedì 1 novembre 2011, 20:50
Nome: Carlo
Regione: Toscana
Città: Livorno
Stato: Non connesso

#40 Messaggio da Marshall61 »

Non so cosa ci sia nell'aria nel Forum della scala N, ma anche io sono concorde con il discorso di Tolini, sicuramente bisognerebbe a priori stabilire un percorso, rapportandosi ad una vera linea o porzione di essa.
I moduli prettamente pianeggianti sono semplici e rapidi nella costruzione ma sicuramente come già precedentemente affermato vengono a noia, come del resto presentare sempre gli stessi alle mostre, ma questo è comunque comprensibile poichè, la costruzione richiede tempo e denaro e non è che ad ogni mostra si possono sostiuire i vecchi moduli con dei nuovi e soprattutto allienare i vecchi estirpando da loro il materiale che è ancora impiegabile.... :sad: .
Sul Forum di ASN è stato postato anche un filmato di un modulista francese, tale Andrè Pinat, e la dice lunga su come deve essere un modulare per spezzare la monotonia......:

https://www.youtube.com/watch?v=http:// ... ql4aF2cl6I

Ciao, Carlo
NON ESISTONO PROBLEMI, ESISTONO SOLO LE SOLUZIONI. E' LO SPIRITO DELL'UOMO A CREARE IL PROBLEMA DOPO. (Andrè Gide)

Avatar utente
Andrea
Socio GAS TT
Messaggi: 22646
Iscritto il: mercoledì 26 ottobre 2011, 19:42
Nome: Andrea
Regione: Lombardia
Città: Segrate
Ruolo: Amministratore
Stato: Non connesso

#41 Messaggio da Andrea »

giuseppe_risso ha scritto:
Sul forum ASN c'é un intervento di Tolini che a mio avviso merita di essere preso in considerazione.
Non é che approvi tutto, ma la sua proposta potrebbe essere studiata anche per il nostro modulare.
Non sarebbe facile , ma si può parlarne.
In effetti, qualche modulo piatto va bene, ma la monotonia di certi modulari, anche se belli, é realtà.
Il nostro modulare non credo brillerà per lunghezza, ma potrebbe farlo per la ricchezza del paesaggio.
In fondo si era pensato a una collocazione geografica vicina al confine e in quelle zone ponti e gallerie la fanno da padroni.
Metto il link, date un'occhiata e ditemi cosa ne pensate.
http://www.amiciscalan.com/forum/vi...?f=20&t=2498

Sorry, ma questo intervento di Giuseppe me l'ero perso, addirittura in una discussione chiusa... (?).
Perdo i colpi...
E' condivisibile al 100%.
Avere dei moduli più movimentati sarebbe fare un salto di qualità e differenzarsi dai "soliti modulari".
E' una cosa sulla quale riflettere anche perchè siamo (per ora) un gruppo "di nicchia" e poco numeroso.
A maggior ragione, giusto differenziarsi dai "modulari di massa".
Avere la parte frontale sotto il piano del ferro e la parte posteriore sopra, renderebbe la realizzazione più complessa ma anche decisamente più affascinante.
Su questo credo non vi siano dubbi...
Certo sarà difficile avvicinarsi ai livelli del video postato da Carlo.
rbk250 ha scritto:
..... (stiamo o non stiamo facendo la storia del TT.....

Parole sante... :wink:
Andrea - “I fermodellisti sono tanti e legati da un'amicizia sincera, che esplode in una cordialità ormai rara nel mondo rumoroso ed incerto di oggi”. La valle incantata

Avatar utente
giuseppe_risso
Socio GAS TT
Messaggi: 7572
Iscritto il: giovedì 27 ottobre 2011, 22:44
Nome: Giuseppe
Regione: Liguria
Città: Chiavari
Stato: Non connesso

#42 Messaggio da giuseppe_risso »

Carlo, il plastico "passerella" del Francese é stupendo, ma é stato concepito perché i moduli abbiano sempre quella sequenza.
In un modulare come faremo noi sarà un po' più dura.
Dovremo fare in modo che se uno di noi non può portare i propri moduli non salti all'aria tutto.
La vera sfida sarà questa.
Possiamo anche stabilire di riprodurre un tratto di ferrovia particolarmente significativo.
Fare in modo che dove finisce uno prosegua precisamente l'altro,e poi l'altro e così via, ma se uno manca cosa mettiamo in mezzo.
Bisognerà risolvere questo problema.

Avatar utente
Marshall61
Messaggi: 7196
Iscritto il: martedì 1 novembre 2011, 20:50
Nome: Carlo
Regione: Toscana
Città: Livorno
Stato: Non connesso

#43 Messaggio da Marshall61 »

Caro Giuseppe, è vero ciò che dici, infatti il francese mi sà che è l'unico costruttore del suo modulare, almeno credo....ma l'ho preso come esempio solamente per dare un'altro tipo di visione del modulare, credo che l'idea sia valida non solo per le mostre ma anche per il plastico di casa, che all'occorrenza e solo ciò che serve, smontandolo si può portare alle esposizioni.
Quanto sopra è solamente una mia personale idea.....la cosa che posso affermare con certezza che bisognerebbe fare un layout di massima, ossia riuscire a stabilire un numero minimo di moduli per il tracciato standard, non tanto per i tratti rettilinei (in fondo i più semplici ed i più gettonati) ma soprattutto per i moduli tecnici (scali, stazioni, zone industriali etc...) e le famose curve, di ritorno se si pensa ad una stazione nascosta, o del famoso "osso di cane" se si vuole mantenere su di un'unica linea retta il modulare.....

Ciao, Carlo
NON ESISTONO PROBLEMI, ESISTONO SOLO LE SOLUZIONI. E' LO SPIRITO DELL'UOMO A CREARE IL PROBLEMA DOPO. (Andrè Gide)

Avatar utente
giuseppe_risso
Socio GAS TT
Messaggi: 7572
Iscritto il: giovedì 27 ottobre 2011, 22:44
Nome: Giuseppe
Regione: Liguria
Città: Chiavari
Stato: Non connesso

#44 Messaggio da giuseppe_risso »

Marshall61 ha scritto:
.....la cosa che posso affermare con certezza che bisognerebbe fare un layout di massima, ossia riuscire a stabilire un numero minimo di moduli per il tracciato standard, non tanto per i tratti rettilinei (in fondo i più semplici ed i più gettonati) ma soprattutto per i moduli tecnici (scali, stazioni, zone industriali etc...) e le famose curve, di ritorno se si pensa ad una stazione nascosta, o del famoso "osso di cane" se si vuole mantenere su di un'unica linea retta il modulare.....

Ciao, Carlo


Giusto.
Forse bisognerebbe che ciascuno facesse almeno due moduli con le estremità sinistra di uno e destra dell'altro collimanti con quelli degli altri.
All'interno dei suoi due sarebbe libero di fare quello che vuole.
Anche se mancasse a un appuntamento non succederebbe nulla.
E' un po' il concetto del mio plastico di Rivarolo.
Per rispettare rigorosamente la realtà non ho seguito le norme ASN, se mai lo finirò, sarà composto da 4 o 5 moduli collegabili solo tra di loro, e solo alle estremità sarà possibile collegarlo a quello ASN.
Ho guardato a che punto é la discussione sul forum ASN e mi sembra ci siano stati interessanti interventi, direi di seguirla e trarne spunti :wink: .

Avatar utente
federico
Messaggi: 695
Iscritto il: venerdì 9 dicembre 2011, 18:34
Nome: Federico
Regione: Piemonte
Città: torino
Stato: Non connesso

#45 Messaggio da federico »

giuseppe_risso ha scritto:

Forse bisognerebbe che ciascuno facesse almeno due moduli con le estremità sinistra di uno e destra dell'altro collimanti con quelli degli altri.
All'interno dei suoi due sarebbe libero di fare quello che vuole.
Anche se mancasse a un appuntamento non succederebbe nulla.
probabilmente è l'idea migliore......ma nel caso uno avesse la macchina piccola (o proprio non ce l'ha (come me)) e avesse quindi la possibilità di portare solo uno dei moduli????
Federico

Avatar utente
Marshall61
Messaggi: 7196
Iscritto il: martedì 1 novembre 2011, 20:50
Nome: Carlo
Regione: Toscana
Città: Livorno
Stato: Non connesso

#46 Messaggio da Marshall61 »

Si, Giuseppe sarebbe un idea, parliamone e si vede di trovare un valido sistema! :wink: :grin:

Ciao, Carlo
NON ESISTONO PROBLEMI, ESISTONO SOLO LE SOLUZIONI. E' LO SPIRITO DELL'UOMO A CREARE IL PROBLEMA DOPO. (Andrè Gide)

Avatar utente
Marshall61
Messaggi: 7196
Iscritto il: martedì 1 novembre 2011, 20:50
Nome: Carlo
Regione: Toscana
Città: Livorno
Stato: Non connesso

#47 Messaggio da Marshall61 »

federico ha scritto:
probabilmente è l'idea migliore......ma nel caso uno avesse la macchina piccola (o proprio non ce l'ha (come me)) e avesse quindi la possibilità di portare solo uno dei moduli????


Federico lo spazio in macchina credo che riguardi un pò tutti, si stà ragionando proprio per cercare il miglior connubio possibile, in quanto non solo è un problema di moduli ma anche delle gambe di essi e del materiale rotabile che ognuno (ammesso che ne abbia) deve portare....io nè so qualcosa con il modulare Marklinfan..... :smile:
Ciao, Carlo
NON ESISTONO PROBLEMI, ESISTONO SOLO LE SOLUZIONI. E' LO SPIRITO DELL'UOMO A CREARE IL PROBLEMA DOPO. (Andrè Gide)

Avatar utente
Riccardo
Socio GAS TT
Messaggi: 5590
Iscritto il: domenica 11 dicembre 2011, 9:26
Nome: Riccardo
Regione: Lombardia
Città: Lombardia
Età: 11
Stato: Non connesso

#48 Messaggio da Riccardo »

federico ha scritto:
......ma nel caso uno avesse la macchina piccola (o proprio non ce l'ha (come me)) e avesse quindi la possibilità di portare solo uno dei moduli????


Federico,
quando il <font color="navy">TT scoppierà</font id="navy">, gli organizzatori delle varie manifestazioni verranno di casa in casa con un pulmino per portarci direttamente in fiera moduli annessi... :cool: :cool: :cool: :cool: :cool: :cool: :cool: :cool: :cool: :cool:
Riccardo

Avatar utente
Riccardo
Socio GAS TT
Messaggi: 5590
Iscritto il: domenica 11 dicembre 2011, 9:26
Nome: Riccardo
Regione: Lombardia
Città: Lombardia
Età: 11
Stato: Non connesso

#49 Messaggio da Riccardo »

giuseppe_risso ha scritto:

[quote
Giusto.
Forse bisognerebbe che ciascuno facesse almeno due moduli con le estremità sinistra di uno e destra dell'altro collimanti con quelli degli altri.
All'interno dei suoi due sarebbe libero di fare quello che vuole.
Anche se mancasse a un appuntamento non succederebbe nulla.
E' un po' il concetto del mio plastico di Rivarolo.
Per rispettare rigorosamente la realtà non ho seguito le norme ASN, se mai lo finirò, sarà composto da 4 o 5 moduli collegabili solo tra di loro, e solo alle estremità sarà possibile collegarlo a quello ASN.
Ho guardato a che punto é la discussione sul forum ASN e mi sembra ci siano stati interessanti interventi, direi di seguirla e trarne spunti :wink: .


Ciao Giuseppe,
penso proprio che sia la soluzione più opportuna, lasciando le testate estreme "comuni" come da ultima versione (ora siamo a quelle con i 16mm piano ferro-piano modulo...(per ora...)) e internamente, con due o più moduli per partecipante, libera fantasia.

:cool:

Aggiungo,
.....credo che per avere un grandioso riscontro, e qui si parla di una nicchia (per ora), si debba lasciare libertà di idee e di realizzazioni, <font color="red">alcune ben chiare regole</font id="red"> ma massima libertà.
Ho sentito anche parlare di configuratori per creare un senso logico alla sequenza di moduli.
Questo è da prendere in considerazione, tra non molto ci sarà la coda al casello per i moduli in arrivo :cool: :cool: ....
Per finire un pensiero a Dubai (dai racconti di un conoscente): in questa strana città, nello spazio di poche decine di metri, si tuffano nel mare a 45 gradi oppure sciano, con tanto di tuta e casco, sulla neve a pochi gradi ... :cool: :cool:
Riccardo

Avatar utente
Andrea
Socio GAS TT
Messaggi: 22646
Iscritto il: mercoledì 26 ottobre 2011, 19:42
Nome: Andrea
Regione: Lombardia
Città: Segrate
Ruolo: Amministratore
Stato: Non connesso

#50 Messaggio da Andrea »

rbk250 ha scritto:
...Per finire un pensiero a Dubai (dai racconti di un conoscente): in questa strana città, nello spazio di poche decine di metri, si tuffano nel mare a 45 gradi oppure sciano, con tanto di tuta e casco, sulla neve a pochi gradi ... :cool: :cool:

A questo punto mi vedo costretto a svelare la provenienza della foto del mio avatar...

Immagine:
Immagine
55,76 KB

Me l'hanno scattata al mattino, poche ore dopo sono andato a sciare.
Naturalmente non pensiate che ero li per piacere, viaggio di LAVORO!
:cool: :cool: :cool:
Andrea - “I fermodellisti sono tanti e legati da un'amicizia sincera, che esplode in una cordialità ormai rara nel mondo rumoroso ed incerto di oggi”. La valle incantata

Torna a “PANNELLI”