Presentazione e discussione su l'idea di plastico

Discussioni relative alla scala N 1:160

Moderatori: cararci, MrMassy86, adobel55, lorelay49

Avatar utente
Docdelburg
Socio GAS TT
Messaggi: 5801
Iscritto il: martedì 4 settembre 2012, 18:16
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Stato: Non connesso

Re: Presentazione e discussione su l'idea di plastico

Messaggio da Docdelburg »

Fausto_1960 ha scritto: domenica 2 maggio 2021, 8:25
Ciao Doc, la centrale funzione ma comando solo le loco, i deviatoi no!!!
.........................
Da quello che dici e per quel che mi sembra di aver capito, c'è un problema di files a cui accede il programma di Rocrail. Perchè due files diversi hanno lo stesso nome?


Avatar utente
Senialas
Messaggi: 225
Iscritto il: lunedì 8 ottobre 2012, 16:50
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Gallarate
Stato: Non connesso

Re: Presentazione e discussione su l'idea di plastico

Messaggio da Senialas »

Mauro, lo scopo del mio commento, forse un po’ diretto, era quello di dare un suggerimento sul ripensare al sw di gestione (anche perché credo sia possibile, anche se capisco che è difficile, decidere di cambiare il software).
Lo ribadisco, certo, perché spesso leggo di sostenitori di RocRail che fanno altrettanto senza, però, valide motivazioni a supporto (questi non sono noiosi?).
E comunque il mio commento è indirizzato al prodotto, mai verso chi scrive.

Le indicazioni non sono una filosofia. Né tantomeno il tipo di sw è una mia scelta.
È solo il risultato di una valutazione razionale, condivisa da altri, sul fatto che è importante scegliere il software sulla base delle prestazioni e non semplicemente usarne uno perché non costa, perché lo usa un amico o perché è consigliato su un forum.
Non ho niente contro RocRail; è un buon sw, ma, ad oggi, non è all'altezza di altri. Nonostante ciò io vedo che i consigli per scegliere questo strumento abbondano. E sono consigli essenzialmente supportati dal fatto che il sw è gratuito.
E non ho nulla nemmeno contro le scelte altrui. Ognuno può fare quello che desidera. Ma ogni scelta implica le conseguenze che ne derivano per cui credo valga la pena di essere a conoscenza delle differenze tra le varie possibilità. Poi, come già detto, ognuno scelga liberamente.
È incredibile come si valutino meticolosamente certi aspetti mentre altri, non meno importanti, sono molto spesso trascurati. Salvo poi infilarsi in una serie di non semplici problematiche.
Credo quindi che anche sul software si possano dare suggerimenti sostanziali, oltre magari a risolvere il problemino spiccio, che, spesso, però non fa altro che invischiare maggiormente l’utilizzatore.
Quindi, secondo me, anche il suggerimento di valutare altri sw è un suggerimento costruttivo.
È forse un caso che su WinDigipet e TrainController non arrivino così tante richieste di aiuto?

Tra l’altro, se non erro, analoghi commenti vengono fatti anche sui rotabili: c’è anche chi suggerisce di non acquistare più rotabili di alcune marche perché, ad esempio, perdono pezzi. Si devono criticare anche loro?

Sull'ultima frase, poi, mi sembra ti si sia un po’ allungato il naso.
Roberto M.
Avatar utente
Fausto_1960
Messaggi: 154
Iscritto il: domenica 16 agosto 2020, 19:56
Nome: Fausto
Regione: Turin
Città: Nole
Età: 61
Stato: Non connesso

Re: Presentazione e discussione su l'idea di plastico

Messaggio da Fausto_1960 »

Senialas ha scritto: giovedì 6 maggio 2021, 8:16 Mauro, lo scopo del mio commento, forse un po’ diretto, era quello di dare un suggerimento sul ripensare al sw di gestione (anche perché credo sia possibile, anche se capisco che è difficile, decidere di cambiare il software).
Lo ribadisco, certo, perché spesso leggo di sostenitori di RocRail che fanno altrettanto senza, però, valide motivazioni a supporto (questi non sono noiosi?).
E comunque il mio commento è indirizzato al prodotto, mai verso chi scrive.

Le indicazioni non sono una filosofia. Né tantomeno il tipo di sw è una mia scelta.
È solo il risultato di una valutazione razionale, condivisa da altri, sul fatto che è importante scegliere il software sulla base delle prestazioni e non semplicemente usarne uno perché non costa, perché lo usa un amico o perché è consigliato su un forum.
Non ho niente contro RocRail; è un buon sw, ma, ad oggi, non è all'altezza di altri. Nonostante ciò io vedo che i consigli per scegliere questo strumento abbondano. E sono consigli essenzialmente supportati dal fatto che il sw è gratuito.
E non ho nulla nemmeno contro le scelte altrui. Ognuno può fare quello che desidera. Ma ogni scelta implica le conseguenze che ne derivano per cui credo valga la pena di essere a conoscenza delle differenze tra le varie possibilità. Poi, come già detto, ognuno scelga liberamente.
È incredibile come si valutino meticolosamente certi aspetti mentre altri, non meno importanti, sono molto spesso trascurati. Salvo poi infilarsi in una serie di non semplici problematiche.
Credo quindi che anche sul software si possano dare suggerimenti sostanziali, oltre magari a risolvere il problemino spiccio, che, spesso, però non fa altro che invischiare maggiormente l’utilizzatore.
Quindi, secondo me, anche il suggerimento di valutare altri sw è un suggerimento costruttivo.
È forse un caso che su WinDigipet e TrainController non arrivino così tante richieste di aiuto?

Tra l’altro, se non erro, analoghi commenti vengono fatti anche sui rotabili: c’è anche chi suggerisce di non acquistare più rotabili di alcune marche perché, ad esempio, perdono pezzi. Si devono criticare anche loro?

Sull'ultima frase, poi, mi sembra ti si sia un po’ allungato il naso.
ciao,
siccome sono un curioso potresti brevemente spiegarmi le differenze tra i due sistemi, sono andato sul sito di itrain ma ho capito poco... ah come avrai letto sono una capra con l'informatica
ti ringrazio anticipatamente
Fausto
Avatar utente
Senialas
Messaggi: 225
Iscritto il: lunedì 8 ottobre 2012, 16:50
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Gallarate
Stato: Non connesso

Re: Presentazione e discussione su l'idea di plastico

Messaggio da Senialas »

Fausto, ti rispondo copiando un paio di commenti non miei (preso da un altro forum), altrimenti qualcuno potrebbe avere da dire.

Qui c'è una spiegazione generica:
JMRI e RocRail sono gratuiti, quest'ultimo però e molto più utilizzato in Italia, da singoli e soprattutto da associazioni modellistiche.
Se si vogliono prestazioni migliori, su un plastico casalingo, meglio utilizzare WinDigipet o TrainController.
Questi sono software a pagamento, però offrono anche una versione demo, limitata nelle dimensioni del tracciato WinDigipet, limitata nel tempo di funzionamento per sessione TrainController.

La presenza di un convoglio su una sezione viene rilevata tramite sensori di assorbimento corrente, e questo è il principio alla base del funzionamento: nessun treno potrà mai essere indirizzato su un tratto occupato.
Ciò impedisce anche incidenti nel caso di perdita trainati, se assorbono corrente (carrozze illuminate o in genere veicoli con assi resistivi o resistenze a cavallo degli assi).
Questo in automatico, in manuale si viene avvertiti, dopodiché si può fare quel che si vuole...
Se il decoder e il sensore di assorbimento supportano Railcom, viene inviato anche l'indirizzo della loco alla centrale e da questa al software.
Se invece non lo supportano, il software conosce comunque quale loco è su un sensore, avendocela inviata lui stesso.
Così pure il software conosce velocità e posizione della loco grazie a una calibrazione preventiva con la quale rileva esattamente la velocità reale della loco a fronte di una data velocità impostata.
Questa calibrazione preventiva è presente in WinDigipet e TrainController, non in RocRail e JMRI che invece, a posteriori, durante la circolazione dei treni, calcolano la velocità in funzione del tempo impiegato a percorrere una sezione di lunghezza nota.
Mentre i primi due software sono più indicati per uso personale, dato che non è un problema calibrare preventivamente le proprie loco (ma si possono anche non calibrare, perdendo però alcuni vantaggi di questi due software) e impostare funzioni varie e profili personalizzati per ogni treno, gli ultimi due sono più indicati per uso presso associazioni, dato che questa calibrazione non è richiesta e viene aggiustata per approssimazioni successive man mano che la loco circola (per ora non ho riscontri riguardo alla bontà del metodo) e anche le personalizzazioni di funzionamento attese sono inferiori.
Con i primi due è possibile attivare una funzione (suono, accensioni luci, ecc) in qualsiasi posizione con una precisione generalmente di +/- 2 cm, oppure far fermare il treno a inizio o fine o centro banchina o al segnale (dato che il software conosce lunghezza del treno, della banchina e posizione del segnale).

Qui c'è una risposta a qualcuno che affermava quanto segue: " ... non conosco TrainController e di sicuro ROCRAIL fa le stesse cose "
Che RocRail sia gratuito e che quindi ciò costituisca un notevole punto a favore nessuno lo nega.
Ma dire che di sicuro RocRail fa le stesse cose di TrainController, o Windigipet aggiungo io (simile a TC per concetti di base e implementazione), mi sembra del tutto azzardato.
Ripeto, ho letto i manuali di TC, WDP, iTrain e provato RocRail in demo.
Con RocRail si può far fermare lo stesso treno nella stessa stazione una volta a centro banchina, una volta al segnale, una volta a inizio o fine banchina?
Si ferma con decelerazione continua (non con 2 step) a partire da un determinato punto modificabile a piacere (non con sezionamenti)? Basta una sola retroazione per tratto di fermata, per fare quanto detto?
Di sicuro no.
Si può percorrere con un unico itinerario un loop costituito da un unico blocco, quindi senza fermarvisi dentro?
Di sicuro no.
Si può variare per ogni treno, a seconda dell'itinerario (ad esempio uscita stazione o verso scalo) l'accelerazione, tenendo conto anche della "massa" dei trainati, e la decelerazione?
Di sicuro no.
Si può su un determinato contatto, in moto o da fermo, fare in modo che lo stesso treno emetta una volta certi suoni altre volte altri, e che i comportamenti siano diversi, in modo prestabilito o casuale, da treno a treno?

RocRail, non richiedendo calibrazioni preventive e offrendo una buona circolazione anche senza programmazione dettagliata, è molto indicato per associazioni dove il socio arriva con la loco e la vuole subito veder circolare.
Mi lascia però del tutto basito che l'autore dell'affermazione dichiari "non conosco TrainController", ma si avventuri in paragoni "sicuri".
Roberto M.
Avatar utente
Fausto_1960
Messaggi: 154
Iscritto il: domenica 16 agosto 2020, 19:56
Nome: Fausto
Regione: Turin
Città: Nole
Età: 61
Stato: Non connesso

Re: Presentazione e discussione su l'idea di plastico

Messaggio da Fausto_1960 »

Roberto,
grazie....
Avrei molte domandi da sottoporti, e non escludo di farlo in un prossimo futuro, per ora mi limiterò di cercare di capire le potenzialità dei programmi indicati nel tuo post, l'eventuale reale (ma vale anche per rocrail) e fruttuosa applicazione nel mio plastico, ma soprattutto (e vale anche per rocrail) se IO ne riconosco le potenzialità :mrgreen:
Infine, ciò che io cerco da un programma di controllo dei treni è l'intuitività, che sopperisca ad una mia mancanza... poi so bene che un sw FA quello che dico io e non quelle che decide lui, però se quelle che voglio fare io è più intuibile è meglio :D
Ancora grazie...
Fausto
Avatar utente
Fausto_1960
Messaggi: 154
Iscritto il: domenica 16 agosto 2020, 19:56
Nome: Fausto
Regione: Turin
Città: Nole
Età: 61
Stato: Non connesso

Re: Presentazione e discussione su l'idea di plastico

Messaggio da Fausto_1960 »

Docdelburg ha scritto: domenica 2 maggio 2021, 14:01
Fausto_1960 ha scritto: domenica 2 maggio 2021, 8:25
Ciao Doc, la centrale funzione ma comando solo le loco, i deviatoi no!!!
.........................
Da quello che dici e per quel che mi sembra di aver capito, c'è un problema di files a cui accede il programma di Rocrail. Perchè due files diversi hanno lo stesso nome?
ciao DOc...
non ne ho idea, davvero... credo che abbia a che fare con il lavoro ( la prova del tracciato con tutti i blocchi e sensori correttamente inseriti, gli itinerari corretti... infatti tutto funziona) fatto in demo e nel riportare poi questo lavoro, lascia dire, nel reale ovvero collegato (meglio dire non collegato, dato che non ci riesco) alla centrale dr5000.
Fausto
Avatar utente
Senialas
Messaggi: 225
Iscritto il: lunedì 8 ottobre 2012, 16:50
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Gallarate
Stato: Non connesso

Re: Presentazione e discussione su l'idea di plastico

Messaggio da Senialas »

Fausto_1960 ha scritto: giovedì 6 maggio 2021, 17:54 ..........
Infine, ciò che io cerco da un programma di controllo dei treni è l'intuitività, che sopperisca ad una mia mancanza... poi so bene che un sw FA quello che dico io e non quelle che decide lui, però se quelle che voglio fare io è più intuibile è meglio :D
Ancora grazie...
Fausto, provare per credere: uno dei grossi vantaggi di TrainController è proprio l'interfaccia utente, cioè la semplicità e immediatezza di quanto è rappresentato e del modo di "colloquiare" con il sw.
Roberto M.
Avatar utente
Docdelburg
Socio GAS TT
Messaggi: 5801
Iscritto il: martedì 4 settembre 2012, 18:16
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Stato: Non connesso

Re: Presentazione e discussione su l'idea di plastico

Messaggio da Docdelburg »

Fausto, credo che tu debba rivedere i collegamenti tra il programma e la DR5000.
Con un tracciato "demo" hai configurata sul programma una centrale virtuale come virtuali sono gli indirizzi e i sensori.
Passando ad un tracciato operativo devi prima configurare nel programma (che sia Rocrail o Traicontroller o quello che vuoi) la centrale utilizzata, specificando le caratteristiche del bus di uscita (trazione e comando decoder) e di quello in entrata (feddback o retroazione dai sensori) scegliendo tra Xpressnet e Loconet in base ai moduli in tuo possesso. E dovresti aver dato indirizzi specifici sia ai moduli di retroazione sia ai decoder per deviatoi e segnali.

E le prove di questi collegamenti falle con un tracciato minimo, con 1 o 2 deviatoi, 1 o 2 sensori e una loco codificata così va verificare velocemente cosa funziona e cosa no.
Avatar utente
Senialas
Messaggi: 225
Iscritto il: lunedì 8 ottobre 2012, 16:50
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Gallarate
Stato: Non connesso

Re: Presentazione e discussione su l'idea di plastico

Messaggio da Senialas »

Fausto, se ad esempio vuoi collegare la DR5000 al Pc tramite USB, devi verificare, prima di tutto, tramite la finestra CONTROL che la connessione sia impostata su USB, poi devi verificare quali sono le porte COM (del Pc) assegnate ad XpressNet e a LocoNet cliccando su USB 2.0. La porta del protocollo che vorrai usare dovrà essere inserita, insieme alla scelta del protocollo, nel riquadro del sistema digitale da collegare al software. Ad esempio: LocoNet e COM5. Dando l'OK il sw si dovrebbe connettere con la centrale.
Roberto M.
Avatar utente
FrancoV
Messaggi: 844
Iscritto il: sabato 15 febbraio 2020, 17:45
Nome: Franco
Regione: Piemonte
Città: Bosconero
Stato: Non connesso

Re: Presentazione e discussione su l'idea di plastico

Messaggio da FrancoV »

Ma il digitale non doveva semplificare le cose ? :mrgreen:
Franco -Etroit, quoi qu'il soit!
Avatar utente
Docdelburg
Socio GAS TT
Messaggi: 5801
Iscritto il: martedì 4 settembre 2012, 18:16
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Stato: Non connesso

Re: Presentazione e discussione su l'idea di plastico

Messaggio da Docdelburg »

FrancoV ha scritto: lunedì 10 maggio 2021, 9:38 Ma il digitale non doveva semplificare le cose ? :mrgreen:
Le semplifica se usi l'alimentazione digitale al posto di quella analogica; se poi però vuoi di più, tipo l'automazione, allora qualche complicazione la trovi sicuramente..... :wink:
Avatar utente
FrancoV
Messaggi: 844
Iscritto il: sabato 15 febbraio 2020, 17:45
Nome: Franco
Regione: Piemonte
Città: Bosconero
Stato: Non connesso

Re: Presentazione e discussione su l'idea di plastico

Messaggio da FrancoV »

Docdelburg ha scritto: lunedì 10 maggio 2021, 13:18
FrancoV ha scritto: lunedì 10 maggio 2021, 9:38 Ma il digitale non doveva semplificare le cose ? :mrgreen:
Le semplifica se usi l'alimentazione digitale al posto di quella analogica; se poi però vuoi di più, tipo l'automazione, allora qualche complicazione la trovi sicuramente..... :wink:
Capisco :D
Franco -Etroit, quoi qu'il soit!
Avatar utente
Fausto_1960
Messaggi: 154
Iscritto il: domenica 16 agosto 2020, 19:56
Nome: Fausto
Regione: Turin
Città: Nole
Età: 61
Stato: Non connesso

Re: Presentazione e discussione su l'idea di plastico

Messaggio da Fausto_1960 »

Prova semafori.jpg
Buongiorno
.. e grazie a tutti per i suggerimenti fin qui ricevuti.
Oggi ho provato il funzionamento dei segnali su rocrail in modalità demo.
Diciamo che funziona tutto, la loco blu va dal blocco 3 al blocco 2... e viceversa, solo che mi aspettavo che con il semaforo rosso non partisse sino a che IO non davo il verde... invece la maledetta parte :mrgreen:
Doc... c'è bisogno di te :D
Fausto
Avatar utente
Docdelburg
Socio GAS TT
Messaggi: 5801
Iscritto il: martedì 4 settembre 2012, 18:16
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Stato: Non connesso

Re: Presentazione e discussione su l'idea di plastico

Messaggio da Docdelburg »

Devi legare i segnali al blocco cui appartengono.
In questo esempio guarda bene le parti evidenziate; vai su BLOCCHI e poi su SEGNALI.
Indica quale segnale è posto sul lato MENO del blocco e quale sul lato PIU' e quindi fai click su APPLICA.

segnalirr.jpg

Poi esci dal programma, lo rilanci e provi in automatico gli itinerari. Se ti rimangono i segnali verdi facciamo la seconda puntata...... :wink:
Avatar utente
Fausto_1960
Messaggi: 154
Iscritto il: domenica 16 agosto 2020, 19:56
Nome: Fausto
Regione: Turin
Città: Nole
Età: 61
Stato: Non connesso

Re: Presentazione e discussione su l'idea di plastico

Messaggio da Fausto_1960 »

buonasera,
seguendo le indicazioni di DOC ho ridisegnato un tracciato che ricalca quello della mia stazione secondaria con uno scalo merci adibito ad una fabbrica. messo i segnali, sensori ectect dandogli a tutti un indirizzo preciso ed univoco... ho dato corrente e... la locomotiva rossa , adesso nel blocco 7, è partita da Hulm 2 è arrivata a Scalo merci 1 si è fermata e dopo alcuni secondi è ripartita per il blocco 7 con un bel rosso nel segnale 4.
allego immagini
Allegati
Pannello segnali 2.jpg
Pannello segnali 1.jpg
Pannello segnali.jpg
tracciato.jpg
Fausto
Avatar utente
Fausto_1960
Messaggi: 154
Iscritto il: domenica 16 agosto 2020, 19:56
Nome: Fausto
Regione: Turin
Città: Nole
Età: 61
Stato: Non connesso

Re: Presentazione e discussione su l'idea di plastico

Messaggio da Fausto_1960 »

ah ho dimenticato una immagine
Allegati
Pannello segnali 3.jpg
Fausto

Torna a “SCALA N”