Ferrovia del Gottardo De Agostini scala N

Discussioni relative alla scala N 1:160

Moderatori: cararci, v200, lorelay49, sal727

Avatar utente
sal727
Messaggi: 3537
Iscritto il: domenica 26 aprile 2015, 17:22
Nome: Salvatore
Regione: Emilia Romagna
Città: Bologna
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Messaggio da sal727 »

FraPis ha scritto:

Domanda ????
I binari devono essere preventivamente incollati al supporto? oppure devono essere fissati con i chiodini e quando si incolla il ballast fissa anche i binari?
dico questo perché nel forum tedesco mi sembra di aver visto appunto incollare i binari alle plance e successivamente posare il ballast ed incollare
...

molto probabilmente si è optato per la colla al posto dei chiodi, essendo le plance piuttosto deboli per piantare chiodi.


Ciao, Salvatore
Avatar utente
geluc
Messaggi: 196
Iscritto il: martedì 11 aprile 2017, 13:46
Nome: MAURIZIO
Regione: Liguria
Città: GENOVA
Stato: Non connesso

Messaggio da geluc »

Boh, mi sa che alla fine useró la massicciata già pronta fonoassorbente, comunque vedró il da farsi e deciderò anche in funzione della difficoltà e dei rischi di causare problematica sui binari.
Appena trovo una soluzione alternativa, magari anche provata sul campo, la posto in chat se riesco
Saluti a tutti
Maurizio - in ogni Genoano c’è un po’di masochismo e quindi anche di voler essere fermodellista in enne
Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 9676
Iscritto il: domenica 3 maggio 2015, 18:31
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Messaggio da v200 »

Per i chiodini in enne con il sughero sotto basta la pressione di un dito o con un paio di pinze a becco, non dobbiamo martellare come su un asse di noce :grin: :wink:
Anche con le plance D&A basta una pressione leggere ad esempio con i pianta chiodi ad uso modellismo navale e un supporto al di sotto della plancia per non farla flettere
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.
Avatar utente
Excalibur
Socio GAS TT
Messaggi: 4921
Iscritto il: mercoledì 28 giugno 2017, 19:56
Nome: Alceo
Regione: Abruzzo
Città: Silvi Marina
Stato: Non connesso

Messaggio da Excalibur »

Invece di utilizzare il cartoncino, come suggerito dalla DeA, oppure qualsiasi altro materiale poco pratico da lavorare, io ho ricavato l'alloggio per gli interruttori da un pannello di compensato di spessore 5 mm.
Lo scopo è stato raggiunto ugualmente e l'effetto non è malaccio, sicuramente migliore di quello proposto dalla DeA.

Immagine
Alceo - Mai discutere con un idiota, ti trascina al suo livello e ti batte con l'esperienza. (Oscar Wilde)
Avatar utente
sal727
Messaggi: 3537
Iscritto il: domenica 26 aprile 2015, 17:22
Nome: Salvatore
Regione: Emilia Romagna
Città: Bologna
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Messaggio da sal727 »

Gli interruttori, chiamati da pannello, hanno una linguetta (indicata dalla freccia rossa) che gli permette di bloccarsi nei pannelli di spessore attorno ai 2mm

Immagine

Immagine

se si usano spessori superiori l'interruttore non si blocca e rischia di scorrere per il vano se proprio non è preciso il foro.
Alceo lo spessore di 5mm con cui hai fatto il pannello, non premette alla linguetta di bloccarsi, ti do un consiglio, poi fai come ti pare, quando non conosci i componenti o non li hai fra le mani, non studiare modifiche che possono eventualmente crearti qualche problema.
Ciao, Salvatore
Avatar utente
Excalibur
Socio GAS TT
Messaggi: 4921
Iscritto il: mercoledì 28 giugno 2017, 19:56
Nome: Alceo
Regione: Abruzzo
Città: Silvi Marina
Stato: Non connesso

Messaggio da Excalibur »

sal727 ha scritto:
Alceo lo spessore di 5mm con cui hai fatto il pannello, non premette alla linguetta di bloccarsi, ti do un consiglio, poi fai come ti pare, quando non conosci i componenti o non li hai fra le mani, non studiare modifiche che possono eventualmente crearti qualche problema.

Grazie come sempre Salvatore per i validi e preziosi consigli.
Prima di fissare con le viti il mio pannellino, ho fatto una prova inserendo l'interruttore fornitoci dalla DeA e si era incastrato talmente bene che ho faticato non poco per toglierlo, rischiando anche di creare qualche danno.
Comunque prima di fissarli definitivamente, se non dovessero tenere, potrò sempre assottigliare i bordi delle fessure, creando una specie di invaso, sinceramente non ho voglia di rifare daccapo il pannellino, inoltre prevedo di ampliare il tracciato e dovrò sicuramente inserire altri interruttori, deciderò il da farsi al momento opportuno.

PS : Ho ricontrollato lo spessore del pannello, è leggermente inferiore ai 4 mm., ma non cambia di molto la situazione.
Alceo - Mai discutere con un idiota, ti trascina al suo livello e ti batte con l'esperienza. (Oscar Wilde)
Avatar utente
Peppe Petronio
Messaggi: 854
Iscritto il: mercoledì 17 luglio 2013, 21:37
Nome: Giuseppe
Regione: Sicilia
Città: ENNA
Stato: Non connesso

Messaggio da Peppe Petronio »

Scusa Alceo , ma perchè non hai usato la trafolite come Francesco? che ha uno spessore di 2 mm ed è piu resistente
Peppe Petronio
Avatar utente
Excalibur
Socio GAS TT
Messaggi: 4921
Iscritto il: mercoledì 28 giugno 2017, 19:56
Nome: Alceo
Regione: Abruzzo
Città: Silvi Marina
Stato: Non connesso

Messaggio da Excalibur »

Peppe Petronio ha scritto:

Scusa Alceo , ma perchè non hai usato la trafolite come Francesco? che ha uno spessore di 2 mm ed è piu resistente

Perchè non sono riuscito a trovarla.
Alceo - Mai discutere con un idiota, ti trascina al suo livello e ti batte con l'esperienza. (Oscar Wilde)
Avatar utente
FraPis
Messaggi: 1691
Iscritto il: domenica 19 marzo 2017, 19:32
Nome: Francesco
Regione: Sardegna
Città: Quartu Sant'Elena
Stato: Non connesso

Messaggio da FraPis »

Nuovo aggiornamento del mio plastico topic.asp?TOPIC_ID=14725&whichpage=3 :geek:
*Francesco* - Non ho particolari talenti, sono soltanto appassionatamente curioso. (Albert Einstein)
Avatar utente
FraPis
Messaggi: 1691
Iscritto il: domenica 19 marzo 2017, 19:32
Nome: Francesco
Regione: Sardegna
Città: Quartu Sant'Elena
Stato: Non connesso

Messaggio da FraPis »

Ho acquistato il sughero da 2mm da posare sulla piattaforma, in un primo momento pensavo si ricoprire la plancia piattaforma per tutta la sua larghezza, ma poi leggendo le norme NEM 122 dove dice che dal filo superiore del binaro fino alla base piattaforma devono esserci 6mm, ho optato per una striscia di sughero larga 22mm posizionata come da foto


Immagine:
Immagine
108,36 KB

Immagine:
Immagine
92,23 KB

Come ho detto in un precedente post, sto costruendo una tramoggia spargi ballast, nella foto e visibile la parte frontale con la sagoma della massicciata


Immagine:
Immagine
85,39 KB
*Francesco* - Non ho particolari talenti, sono soltanto appassionatamente curioso. (Albert Einstein)
Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 9676
Iscritto il: domenica 3 maggio 2015, 18:31
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Messaggio da v200 »

Il ballast deve terminare sul sughero, altrimenti propaga le vibrazioni quindi il suono vanificando l' effetto insonorizzate.
Il ballast se appoggia sul piano del plastico trasferisce le vibrazioni, se poi il telaio è fatto a cassettoni gli spazi si comportano come una cassa acustica amplificando il suono a livelli fastidiosi.
In casi eccezionali i vuoti si possono riempire con materiale fono assorbente polistirolo o cartoni per uova.
Insonorizzare permette di utilizzare il plastico anche in ore serali senza provocare disturbo, con il nostro plastico abbastanza contenuto il rumore dei convogli in transito rimane modesto.
Ma utilizzandolo per un tempo prolungato può dare fastidio.
Nei plastici di grandi dimensioni il rumore dei convogli in circolazione diventa molto insopportabile :wink:
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.
Avatar utente
FraPis
Messaggi: 1691
Iscritto il: domenica 19 marzo 2017, 19:32
Nome: Francesco
Regione: Sardegna
Città: Quartu Sant'Elena
Stato: Non connesso

Messaggio da FraPis »

quindi dovrei aumentare la larghezza del sughero (che nella foto misura 22mm) quanto la base maggiore del trapezio della massicciata, nel mio caso circa 25mm, è corretto?
*Francesco* - Non ho particolari talenti, sono soltanto appassionatamente curioso. (Albert Einstein)
Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 9676
Iscritto il: domenica 3 maggio 2015, 18:31
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Messaggio da v200 »

Si, esatto :wink: :smile:
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.
Avatar utente
FraPis
Messaggi: 1691
Iscritto il: domenica 19 marzo 2017, 19:32
Nome: Francesco
Regione: Sardegna
Città: Quartu Sant'Elena
Stato: Non connesso

Messaggio da FraPis »

Se a qualcuno dovesse servire metto a disposizione la copia delle sagome delle plance piattaforma che ho creato in CAD e successivamente in PDF

Plance DeA.pdf (23,06 KB)

Immagine:
Immagine
41,16 KB
*Francesco* - Non ho particolari talenti, sono soltanto appassionatamente curioso. (Albert Einstein)
Avatar utente
marcokki
Messaggi: 6
Iscritto il: sabato 14 ottobre 2017, 9:21
Nome: Marco
Regione: Emilia Romagna
Città: Ferrara
Stato: Non connesso

Messaggio da marcokki »

Ciao a tutti.

@Roby
Quindi la per il rispetto delle norme NEM oltre a rivestire tutta la plancia di sughero dovrei mettere un'ulteriore striscia da 22mm prima di posare il binario ?

P.S. complimenti per i tuoi preziosi consigli e per la maestria nell'invecchiamento
Marco - Se puoi sognarlo, puoi farlo (Walt Disney)
Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 9676
Iscritto il: domenica 3 maggio 2015, 18:31
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Messaggio da v200 »

Basta un centimetro ai lati delle traversine in modo che il ballast non vada sul piano del plastico, la misura N.E.M riguarda l'altezza rotaie con traversine più sughero 6 mm. Questo in piena linea. ( un solo strato di sughero da 2 mm )
Mentre per i fasci binari delle stazioni o depositi si può mettere il sughero più largo lasciando il vuoto per le banchine e le varie costruzioni.
Questa soluzione di stendere il sughero in modo più ampio viene data dalla differenza delle altezze tra il sedime di una linea in aperta campagna notevolmente più alto che in un piazzale stazione/deposito nel reale mentre in scala si nota meno.
Grazie per il Tuo gradimento[:I]
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.
Avatar utente
Anto
Messaggi: 57
Iscritto il: mercoledì 17 maggio 2017, 19:17
Nome: Antonio
Regione: Campania
Città: San Giorgio a Cremano
Stato: Non connesso

Messaggio da Anto »

In attesa dei tempi della DeA ho pensato ad altre varianti sul tema e ho disegnato un quadro sinotticco per i comandi elettrici.
Non ho esperienza in merito ed ho copiato la simbologia da analoghi quadri di manovra in internet.
Quindi, nell'ipotesi che riesca a motorizzare i deviatoi, che nel mio caso sono 6 (avendo aggiunto un altro binario di manovra), dovrei realizzare un pannello che metterei in corrispondenza della seconda sezione del piano (manovrabile con la sinistra avendo la destra impegnata col trasformatore).
Come si può vedere dalle foto gli scambi sarebbero comandati da pulsanti (i cerchietti in corrispondenza); inoltre piazzerei sullo stesso pannello gli interruttori dei sezionamenti (non quelli forniti dalla DeA ma interruttori a levetta: i tre cerchietti al centro del pannello).
Lo spazio dietro al pannello è ricavabile facendo tre fori da 7cm per gli scambi e uno da 5cm per gli interrruttori.
Qualche suggerimento e parere dei più esperti?

Immagine:
Immagine
188,49 KB

Immagine:
Immagine
192,56 KB
Antonio
Avatar utente
Excalibur
Socio GAS TT
Messaggi: 4921
Iscritto il: mercoledì 28 giugno 2017, 19:56
Nome: Alceo
Regione: Abruzzo
Città: Silvi Marina
Stato: Non connesso

Messaggio da Excalibur »

Hai avuto, o meglio, io ho avuto la tua stessa idea di aggiungere un ulteriore binario di manovra, considerato che vi è spazio a sufficienza ed ho portato quindi anch'io gli scambi a sei, pertanto il tuo schema mi risulterà molto utile, quindi credo proprio di copiartelo, se non ti offendi.
Forse l'unica differenza rispetto al tuo progetto, sarà quella di manovrare gli scambi manualmente tramite leveraggi, vaglierò la situazione, perchè manovrarli elettricamente da tutto un altro effetto.
Alceo - Mai discutere con un idiota, ti trascina al suo livello e ti batte con l'esperienza. (Oscar Wilde)
Avatar utente
Anto
Messaggi: 57
Iscritto il: mercoledì 17 maggio 2017, 19:17
Nome: Antonio
Regione: Campania
Città: San Giorgio a Cremano
Stato: Non connesso

Messaggio da Anto »

Scherzi Alceo? Io sono qua per apprendere, se poi riesco ad essere pure utile per me è molto gratificante.
Antonio
Avatar utente
Excalibur
Socio GAS TT
Messaggi: 4921
Iscritto il: mercoledì 28 giugno 2017, 19:56
Nome: Alceo
Regione: Abruzzo
Città: Silvi Marina
Stato: Non connesso

Messaggio da Excalibur »

Anto ha scritto:

Scherzi Alceo? Io sono qua per apprendere, se poi riesco ad essere pure utile per me è molto gratificante.

Antonio, non sto scherzando affatto, da quello che vedo sei molto più avanti e più preparato di me, fino a ieri non conoscevo nemmeno la differenza fra le diverse scale, credevo che esistesse soltanto la "HO".
Alceo - Mai discutere con un idiota, ti trascina al suo livello e ti batte con l'esperienza. (Oscar Wilde)
Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 9676
Iscritto il: domenica 3 maggio 2015, 18:31
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Messaggio da v200 »

Per gestire un deviatoio hai bisogno di due interruttori uno NA normalmente aperto ed uno NC normalmente chiuso ad impulso. Pigiandoli fanno scattare tramite breve impulso il motore a bobina del deviatoio uno apre e uno chiude.( si trovano anche con led incorporato ) in modo da non alimentare continuamente le bobine altrimenti fondono.
O a levetta tre posizioni ON/OFF/ON.
Vedi qui
topic.asp?TOPIC_ID=12369
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.
Avatar utente
Excalibur
Socio GAS TT
Messaggi: 4921
Iscritto il: mercoledì 28 giugno 2017, 19:56
Nome: Alceo
Regione: Abruzzo
Città: Silvi Marina
Stato: Non connesso

Messaggio da Excalibur »

v200 ha scritto:

Per gestire un deviatoio hai bisogno di due interruttori uno NA normalmente aperto ed uno NC normalmente chiuso ad impulso. Pigiandoli fanno scattare tramite breve impulso il motore a bobina del deviatoio uno apre e uno chiude.( si trovano anche con led incorporato ) in modo da non alimentare continuamente le bobine altrimenti fondono.
O a levetta tre posizioni ON/OFF/ON.
Vedi qui
topic.asp?TOPIC_ID=12369

Come supponevo Roby, ritengo tutto l'apparato un pò troppo complicato per le mie conoscenze e capacità, quindi decido fin da adesso di manovrare gli scambi manualmente tramite leveraggi, considerato che sono alla mia prima esperienza e non vorrei complicarmi troppo la vita, per il prossimo progetto, se ci sarà, vedremo...........................
Alceo - Mai discutere con un idiota, ti trascina al suo livello e ti batte con l'esperienza. (Oscar Wilde)
Avatar utente
Anto
Messaggi: 57
Iscritto il: mercoledì 17 maggio 2017, 19:17
Nome: Antonio
Regione: Campania
Città: San Giorgio a Cremano
Stato: Non connesso

Messaggio da Anto »

Grazie per i chiarimenti Roberto. Per i deviatoi avevo pensato a questi pulsanti. Che ne pensi?

Immagine:
Immagine
26,65 KB
Antonio
Avatar utente
Anto
Messaggi: 57
Iscritto il: mercoledì 17 maggio 2017, 19:17
Nome: Antonio
Regione: Campania
Città: San Giorgio a Cremano
Stato: Non connesso

Messaggio da Anto »

Alceo non ti scoraggiare, vedrai che man mano che si va avanti con l'aiuto di chi ne sa di più ci riusciremo anche noi
Antonio
Avatar utente
sal727
Messaggi: 3537
Iscritto il: domenica 26 aprile 2015, 17:22
Nome: Salvatore
Regione: Emilia Romagna
Città: Bologna
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Messaggio da sal727 »

v200 ha scritto:

Per gestire un deviatoio hai bisogno di due interruttori uno NA normalmente aperto ed uno NC normalmente chiuso ad impulso. Pigiandoli fanno scattare tramite breve impulso il motore a bobina del deviatoio uno apre e uno chiude.( si trovano anche con led incorporato ) in modo da non alimentare continuamente le bobine altrimenti fondono.
O a levetta tre posizioni ON/OFF/ON.
Vedi qui
topic.asp?TOPIC_ID=12369

Scusa Roby, occorrono dei pulsanti NA, come lo colleghi quello NC?
Ciao, Salvatore

Torna a “SCALA N”