Ferrovia del Gottardo De Agostini scala N

Discussioni relative alla scala N 1:160

Moderatori: cararci, v200, lorelay49, sal727

Avatar utente
sal727
Messaggi: 3537
Iscritto il: domenica 26 aprile 2015, 17:22
Nome: Salvatore
Regione: Emilia Romagna
Città: Bologna
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Messaggio da sal727 »

E' una soluzione valida, aumenti di poco la misura del piano ed ottieni un ulteriore binario di stazione dove poter fare anche manovre isolandolo dal resto del circuuito, prevedi se usi i binari della DeA che probabilmente dovrai raccordare con qualche spezzone di binario diritto per via delle misure che si creano


Ciao, Salvatore
Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 9676
Iscritto il: domenica 3 maggio 2015, 18:31
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Messaggio da v200 »

Si riesci ad ampliare il piazzale stazione permettendo più incroci e soste tra i convogli.
E' una alternativa facilmente proponibile con i binar/deviatoi Peco che sono compatibili volendo mantenere le stesse geometrie.
Benvenuto Antonio in questa rubrica :smile: :cool:
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.
Avatar utente
FraPis
Messaggi: 1691
Iscritto il: domenica 19 marzo 2017, 19:32
Nome: Francesco
Regione: Sardegna
Città: Quartu Sant'Elena
Stato: Non connesso

Messaggio da FraPis »

aleps ha scritto:

Salve a tutti, con l ultima uscita sono arrivate le scarpette con i fili elettrici. Ricordo un post passato in cui veniva spiegato il cablaggio della ferrovia. Ora per un neofita, per quanto riguarda la parte elettrica, è sufficiente seguire il metodo proposto dalla Dea o è comunque preferibile adottare quello spiegato nel post passato?? (per chi magari come me che non sa nulla di saldature, mammut e cose varie :grin: )
Grazie a tutti


Premetto che sono possessore di stazione saldante e per il mio lavoro la uso frequentemente, volevo dare il mio modesto parere esclusivamente "elettrico" sull'utilizzo delle "scarpette di alimentazione"

Concordo su fatto che occorra alimentare il tracciato in più punti in modo da limitare al minimo l'impedenza creata dalle connessioni di accoppiamento binari (scarpette) e dallo stesso circuito, ma che sia meglio saldare i fili direttamente ai binari invece che nelle scarpette nutro qualche perplessità, mi spiego meglio, saldando i fili al binario elimino il problema solo ed esclusivamente nel tratto esatto della lunghezza dell'elemento stesso ma essendo collegato all'elemento precedente/successivo tramite "scarpette" ho solo rimandato il problema di qualche centimetro, cioè collegando i conduttori direttamente al binario non ho fatto altro che creare una "scarpetta" lunga quanto lo stesso elemento binario.
Il concetto è un po contorto, spero di essermi spiegato bene
*Francesco* - Non ho particolari talenti, sono soltanto appassionatamente curioso. (Albert Einstein)
Avatar utente
Excalibur
Socio GAS TT
Messaggi: 4921
Iscritto il: mercoledì 28 giugno 2017, 19:56
Nome: Alceo
Regione: Abruzzo
Città: Silvi Marina
Stato: Non connesso

Messaggio da Excalibur »

FraPis ha scritto:
Concordo su fatto che occorra alimentare il tracciato in più punti in modo da limitare al minimo l'impedenza creata dalle connessioni di accoppiamento binari (scarpette) e dallo stesso circuito, ma che sia meglio saldare i fili direttamente ai binari invece che nelle scarpette nutro qualche perplessità, mi spiego meglio, saldando i fili al binario elimino il problema solo ed esclusivamente nel tratto esatto della lunghezza dell'elemento stesso ma essendo collegato all'elemento precedente/successivo tramite "scarpette" ho solo rimandato il problema di qualche centimetro, cioè collegando i conduttori direttamente al binario non ho fatto altro che creare una "scarpetta" lunga quanto lo stesso elemento binario.
Il concetto è un po contorto, spero di essermi spiegato bene

Ti sei spiegato benissimo, almeno per quanto riguarda me.
Bisogna però dire che inserendo la scarpetta fra due elementi di binario, aumenti i contatti fra i due elementi, che diventerebbero due per ogni rotaia, destra e sinistra, anzichè uno solo.
A questo punto non so se mi sono spiegato anch'io.
Alceo - Mai discutere con un idiota, ti trascina al suo livello e ti batte con l'esperienza. (Oscar Wilde)
Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 9676
Iscritto il: domenica 3 maggio 2015, 18:31
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Messaggio da v200 »

Ti sei espresso bene Francesco,
Un tratto di linea A------------------B è composta da X tratti di binario con 4 connessioni tramite scarpette per ogni spezzone.
Per esperienza raramente piu di un tratto di spezzone rimane isolato causa colle/ossido, solitamente le scarpette clampano bene non lasciando fessure ma può capitare che :cool: una scarpetta lasca permetta l' infiltrazione di colla o formarsi di ossido. Se hai fatto più punti di alimentazione molte volte la mancanza di continuità non si nota.
Nei plastici complessi si utilizzano binari flessibili quindi creiamo il punto di alimentazione al centro di essi grazie alla lunghezza i punti sono ridotti.
Ma nel nostro plastico piccolo dove facilmente raggiungiamo ogni punto non occorre saldare ogni spezzone basta un X di cm per aumentare la certezza di continuità elettrica. Se poi capitasse una interruzione basta un colpo di stagno e ripristiniamo il contatto tra rotaie ( lavoro da fare sulla faccia esterna della rotaia mai su quella interna altrimenti ostacoliamo il rotolamento delle ruote).
Anche con i deviatoi possiamo avere problemi di continuità, basta per esempio che in quelli dotati di mollette ( pensanti )se ne stacci una per non avere alimentato il ramo deviato o corretto), a volte il cablaggio interno può danneggiarsi e non alimentarne un tratto a monte di esso. Avendo predisposto un punto supplementare permette quasi sempre di non perdere continuità.
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.
Avatar utente
Sergio Trucco
Messaggi: 361
Iscritto il: domenica 29 settembre 2013, 21:06
Nome: Sergio
Regione: Piemonte
Città: ORTA SAN GIULIO
Stato: Non connesso

Messaggio da Sergio Trucco »

Vedi Excalibur io per principio non compero su web mi piace vedere quello che compero, anche da chi vende on line preferisco andare da loro e trattare direttamente, per me il contatto umano vale di più del prezzo, e poi su Ebay ho visto prezzi fino a 245€ ed erano usate, e poi ci sono le spese di spedizione.
Sergio
Avatar utente
Excalibur
Socio GAS TT
Messaggi: 4921
Iscritto il: mercoledì 28 giugno 2017, 19:56
Nome: Alceo
Regione: Abruzzo
Città: Silvi Marina
Stato: Non connesso

Messaggio da Excalibur »

Sergio Trucco ha scritto:

Vedi Excalibur io per principio non compero su web mi piace vedere quello che compero, anche da chi vende on line preferisco andare da loro e trattare direttamente, per me il contatto umano vale di più del prezzo, e poi su Ebay ho visto prezzi fino a 245€ ed erano usate, e poi ci sono le spese di spedizione.


Forse mi hai frainteso Sergio, il mio intervento non era mirato a mostrarti che io sono stato più bravo , o più fortunato di te, voleva essere un semplice confronto e direi che abbiamo fatto entrambi un affare.
Sapessi quanto mi piacerebbe entrare in un negozio di modellismo e passarci l'intera giornata, purtroppo qui non ne trovo uno nel raggio di 200 Km., sicchè giocoforza sono costretto ad acquistare su eBay, o negozi online.
Anche per poter visitare una Fiera specializzata mi toccherebbe sobbarcarmi chilometri di tragitto e spese con le quali acquisterei tre "cocco".
Fino a qualche anno fa c'era a Pescara un negozio di modellismo fornito di tutto, auto, moto, aerei, navi, trenini, insomma proprio tutto, poi quel negozio è stato rilevato dal figlio, ha smantellato tutto ed ora tratta soltanto Droni, questo anche per dimostrare quanto interesse abbiano i giovani d'oggi per il modellismo.
Alceo - Mai discutere con un idiota, ti trascina al suo livello e ti batte con l'esperienza. (Oscar Wilde)
Avatar utente
aleps
Messaggi: 270
Iscritto il: martedì 28 febbraio 2017, 20:33
Nome: alessandro
Regione: Marche
Città: pesaro
Stato: Non connesso

Messaggio da aleps »

Ok grazie.
Comunque quando qualcuno arriverà alla fase delle saldature e cablaggi chiedo per favore se potete postare delle foto nelle apposite sezioni così darò un occhiatina :grin:
Graziee
v200 ha scritto:

La cura della continuità elettrica è basilare per il tracciato, le condizione di un ambiente in cui viene ospitato il plastico possono aiutare o no questo fattore. Anche l' utilizzo del plastico da delle differenti risposte. Meno si utilizza maggiormente si creano problemi di manutenzione.
Su YouTube si trovano molti tutorial come saldare elettricamente a stagno.
Alessandro
Avatar utente
Sergio Trucco
Messaggi: 361
Iscritto il: domenica 29 settembre 2013, 21:06
Nome: Sergio
Regione: Piemonte
Città: ORTA SAN GIULIO
Stato: Non connesso

Messaggio da Sergio Trucco »

Scusami tu non era per vedere chi era più bravo è proprio il mio non accettare il commercio elettronico, che lo ritengo in parte responsabile del declino dei negozi (vedasi anche utilizzare l'edicola e non l'abbonamento), inoltre sono effettivamente più fortunato visto che nel raggio di 20 km ho due negozi di modellismo ma che non trattano l'Enne, però a Biella c'è Capotreno Giò a Novara due negozi uno classico ed uno online più altri nel raggio di 100 Km circa un ora e 1/2 di macchina quindo non posso lamentarmi, Milano anche in treno lo raggiungo in un oretta. Purtroppo il nostro hobby crea per il commerciante un grosso magazzino ed i negozi tradizionali invece dovrebbero essere piccoli, con magazzini esterni più grandi non aperti al pubblico per contenere i costi da qui la specializzazione ed a nostro svantaggio il nostro hobby non utilizza consumabili come le macchinine ed i droni o gli aerei.
Sergio
Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 9676
Iscritto il: domenica 3 maggio 2015, 18:31
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Messaggio da v200 »

Qualche tutorial per saldare a stagno preso da You Tube;




Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.
Avatar utente
Sergio Trucco
Messaggi: 361
Iscritto il: domenica 29 settembre 2013, 21:06
Nome: Sergio
Regione: Piemonte
Città: ORTA SAN GIULIO
Stato: Non connesso

Messaggio da Sergio Trucco »

per V200 sai mica dirmi per cortesia come è la massicciata sui ponti in pietra? come quello della DeA, mi sembra che continui come la massicciata normale ma non ne sono sicuro.
Sergio
Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 9676
Iscritto il: domenica 3 maggio 2015, 18:31
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Messaggio da v200 »

Si sui ponti in pietra continua la massicciata.
Solamente su quelli in ferro o legno troviamo solo rotaie/traversine.
Quando poseremo la massicciata sul ponte non superiamo i marciapiedi, se riusciamo qualche mm in meno del bordo non guasta.
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.
Avatar utente
Sergio Trucco
Messaggi: 361
Iscritto il: domenica 29 settembre 2013, 21:06
Nome: Sergio
Regione: Piemonte
Città: ORTA SAN GIULIO
Stato: Non connesso

Messaggio da Sergio Trucco »

Grazie
quindi le rotaie è meglio che siano più basse dei marciapiedi, è corretto, queste notizie mi servono per capire in quanto adesso dovrei metterle in pratica per un diorama in HO ho trovato in fiera dopo anni che lo cercavo il "Treno della Brianza" del 1888 della Rivarossi, ma non voglio tenerlo nella scatola faccio una vetrina per potermelo gustare tutte le sere, mi aveva colpito quello vero negli anni 80 a Luino, ma non ero mai riuscito a trovarlo, adesso non vedo l'ora di ambientarlo, posterò il tutto nella sezione HO.
Sergio
Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 9676
Iscritto il: domenica 3 maggio 2015, 18:31
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Messaggio da v200 »

Si ma non di molto anche al vero il marciapiedi laterali per ispezione non sono elevatissimi
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.
Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 9676
Iscritto il: domenica 3 maggio 2015, 18:31
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Messaggio da v200 »

Alcuni esempi


Immagine:
Immagine
452,07 KB

Immagine:
Immagine
120,53 KB

Immagine:
Immagine
249,43 KB

Immagine:
Immagine
356,45 KB

Immagine:
Immagine
181,93 KB

Immagine:
Immagine
776,54 KB

Immagine:
Immagine
76,1 KB

Immagine:
Immagine
154,55 KB

Immagine:
Immagine
138,88 KB
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.
Avatar utente
FraPis
Messaggi: 1691
Iscritto il: domenica 19 marzo 2017, 19:32
Nome: Francesco
Regione: Sardegna
Città: Quartu Sant'Elena
Stato: Non connesso

Messaggio da FraPis »

Domandona [8]

Nei post precedenti si è affrontato il discorso della motorizzazione dei deviatoi, essendo questa una delle prime migliorie che intendo apportare durante la costruzione, ho letto con interesse il tema trattato, avrei però la necessità di maggiori informazioni sugli organi di comando dei deviatoi, sia quelli azionati manualmente (meccanici) che quelli azionati elettricamente e/o elettronicamente, ovvero leve, switch, sensori di controllo ecc. dove piazzarli e tecniche di installazione

Ringrazio anticipatamente :smile:
*Francesco* - Non ho particolari talenti, sono soltanto appassionatamente curioso. (Albert Einstein)
Avatar utente
Excalibur
Socio GAS TT
Messaggi: 4921
Iscritto il: mercoledì 28 giugno 2017, 19:56
Nome: Alceo
Regione: Abruzzo
Città: Silvi Marina
Stato: Non connesso

Messaggio da Excalibur »

Seguendo l'esempio di Antonio, ecco come ho pensato di modificare e rendere più completo il mio tracciato del Gottardo.

Immagine
Alceo - Mai discutere con un idiota, ti trascina al suo livello e ti batte con l'esperienza. (Oscar Wilde)
Avatar utente
Excalibur
Socio GAS TT
Messaggi: 4921
Iscritto il: mercoledì 28 giugno 2017, 19:56
Nome: Alceo
Regione: Abruzzo
Città: Silvi Marina
Stato: Non connesso

Messaggio da Excalibur »

FraPis ha scritto:

Domandona [8]

Nei post precedenti si è affrontato il discorso della motorizzazione dei deviatoi, essendo questa una delle prime migliorie che intendo apportare durante la costruzione, ho letto con interesse il tema trattato, avrei però la necessità di maggiori informazioni sugli organi di comando dei deviatoi, sia quelli azionati manualmente (meccanici) che quelli azionati elettricamente e/o elettronicamente, ovvero leve, switch, sensori di controllo ecc. dove piazzarli e tecniche di installazione

Ringrazio anticipatamente :smile:

Abbiamo tre, od al massimo sei deviatoi secondo la mia ipotesi, quindi io ho deciso di manovrarli manualmente, tramite un sistema di leve, evitando così di complicarmi la vita, del resto verranno, dato la configurazione del tracciato stesso, utilizzati pochissimo.
Alceo - Mai discutere con un idiota, ti trascina al suo livello e ti batte con l'esperienza. (Oscar Wilde)
Avatar utente
FraPis
Messaggi: 1691
Iscritto il: domenica 19 marzo 2017, 19:32
Nome: Francesco
Regione: Sardegna
Città: Quartu Sant'Elena
Stato: Non connesso

Messaggio da FraPis »

Ciao Alceo,

per me non è importante quanto saranno utilizzati, a me interessa conoscere quante e quali possibilità esistono per eseguire la funzione, potrei anche pensare un utilizzo manuale ma credo che sia impensabile muovere lo scambio infilando un dito tra i binari, penso piuttosto a delle leve con dei rinvii, ecco anche per il caso più semplice ho necessità di acquisire nozioni ed informazioni tecniche che mi permettano di fare la scelta giusta :wink:
*Francesco* - Non ho particolari talenti, sono soltanto appassionatamente curioso. (Albert Einstein)
Avatar utente
Excalibur
Socio GAS TT
Messaggi: 4921
Iscritto il: mercoledì 28 giugno 2017, 19:56
Nome: Alceo
Regione: Abruzzo
Città: Silvi Marina
Stato: Non connesso

Messaggio da Excalibur »

FraPis ha scritto:

Ciao Alceo,

per me non è importante quanto saranno utilizzati, a me interessa conoscere quante e quali possibilità esistono per eseguire la funzione, potrei anche pensare un utilizzo manuale ma credo che sia impensabile muovere lo scambio infilando un dito tra i binari, penso piuttosto a delle leve con dei rinvii, ecco anche per il caso più semplice ho necessità di acquisire nozioni ed informazioni tecniche che mi permettano di fare la scelta giusta :wink:

Il sistema di leveraggio manuale è molto semplice e funzionale, Roby lo ha illustrato bene qualche intervento addietro
Alceo - Mai discutere con un idiota, ti trascina al suo livello e ti batte con l'esperienza. (Oscar Wilde)
Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 9676
Iscritto il: domenica 3 maggio 2015, 18:31
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Messaggio da v200 »

Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.
Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 9676
Iscritto il: domenica 3 maggio 2015, 18:31
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Messaggio da v200 »

I motori o meglio attuatori sono composti da due bobine elettriche e una barra metallica, dando l'impulso tramite interruttore a bilancia ( quelli delle apposite scatole ) eccitiamo una bobina
alla volta che attira a se la barra metallica , a sua volta attiva il cursore collegato alla barra accoppia aghi.Questo per i classici motori di superficie che si montano a fianco del deviatoio.
Questi motori si possono alimentare sia in corrente alternata che continua 14 V, attivando alternativamente le bobine permettiamo lo spostamento degli aghi nelle due posizioni corretto tracciato il ramo rettilineo o in deviata il ramo curvo.
Per i Peco e una trattazione più esaustiva sui deviatoi vi rimando alla guida di Mauro
topic.asp?TOPIC_ID=11660
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.
Avatar utente
Anto
Messaggi: 57
Iscritto il: mercoledì 17 maggio 2017, 19:17
Nome: Antonio
Regione: Campania
Città: San Giorgio a Cremano
Stato: Non connesso

Messaggio da Anto »

Sempre in tema di deviatoi, considerato che lo spessore del piano dove dovranno funzionare gli scambi è di 4 o più cm, mi chiedevo se questo potesse dare problemi per installazioni sottoplancia. Forse la cosa migliore è di optare per i motori sovraplancia Peco PL-11 che Salvatore è riuscito ad adattare ai deviatoi DeA e utilizzare, per eventuali scambi supplementari, i Peco ST-5 e 6
Antonio
Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 9676
Iscritto il: domenica 3 maggio 2015, 18:31
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Messaggio da v200 »

Se non ricordo male i motori Peco sotto plancia hanno astine con diverse misure,poi si può vedere come allungare se possibile.
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.
Avatar utente
sal727
Messaggi: 3537
Iscritto il: domenica 26 aprile 2015, 17:22
Nome: Salvatore
Regione: Emilia Romagna
Città: Bologna
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Messaggio da sal727 »

E' un problema risolvibile, basta mettere al posto del foglio di polistirolo o simili un foglio di compensato con relativi supporti per arrivare ai 3cm, ed i motori si posizionano sotto.
Ciao, Salvatore

Torna a “SCALA N”