Il mio plastico "boh 2"

Discussioni relative alla scala H0 1:87

Moderatori: cararci, MrMassy86, adobel55, lorelay49

Avatar utente
Roberto Fainelli
Messaggi: 386
Iscritto il: venerdì 19 luglio 2013, 14:45
Nome: Roberto
Regione: Umbria
Città: Orvieto
Stato: Non connesso

Re: Il mio plastico

Messaggio da Roberto Fainelli »

Dalla sala DCO:



Roberto - Non bisogna confondere la gentilezza con la debolezza.
Avatar utente
Egidio
Messaggi: 12481
Iscritto il: giovedì 17 maggio 2012, 13:26
Nome: Egidio
Regione: Abruzzo
Città: Ortona
Stato: Non connesso

Re: Il mio plastico

Messaggio da Egidio »

[264] [264] Saluti. Egidio. [51]
Egidio Lofrano
Avatar utente
Docdelburg
Socio GAS TT
Messaggi: 5661
Iscritto il: martedì 4 settembre 2012, 18:16
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Stato: Non connesso

Re: Il mio plastico

Messaggio da Docdelburg »

Roberto ha la necessità di far compiere un certo itinerario più complesso a convogli merci molto lunghi rispetto ad un itinerario più diretto e trova difficoltà con Rocrail.
Vediamo il piano binari della stazione (in un percorso ridotto di verifica) con particolare riguardo all'itinerario che compiono i convogli dal blocco [S10P] al binario di stazione [VDP2] e poi da questo, a uscire verso il blocco [S2P].
FAIROBBASEA.jpg
Come si può vedere esistono due possibili percorsi:
1) il percorso più breve, in corretto tracciato
FAIROBBASEB.jpg
2) il percorso più lungo con un tratto su binario illegale, ma che permette di sfruttare una maggior lunghezza del binario di stazione VDP2 in quanto i deviatoi di ingresso (e poi di uscita) permettono di ricoverare per intero i convogli merci più lunghi.
FAIROBBASEC.jpg

Per far comprendere a Rocrail l'istruzione che i due merci lunghi che ho chiamato [LUNGO A] e [LUNGO B] rispetto ad altri convogli standard devono percorrere obbligatoriamente il percorso più complesso sono andato ad agire sui permessi dei BLOCCHI e degli ITINERARI nel modo seguente:
a) permessi ed esclusioni nel blocco [VDP2]
FAIROB10.jpg
b) individuazione degli itinerari alternativi (basta guardare nei COMANDI quali sono i deviatoi interessati e la loro posizione per capire a quale dei due itinerari corrisponde ogni sigla)
FAIROB11.jpg
c) accordare permessi ed esclusioni ai vari convogli (in questo caso solo ai due itinerari in entrata, idem per quelli in uscita)
FAIROB12.jpg
FAIROB13.jpg
Il risultato finale, facendo partire l'automatismo di circolazione, sarà il seguente:
FAIROB01.jpg
FAIROB02.jpg
FAIROB03.jpg
FAIROB04.jpg

Per chi volesse provare ecco il file dimostrativo
fainelli.xml
(79.82 KiB) Scaricato 5 volte
Avatar utente
Roberto Fainelli
Messaggi: 386
Iscritto il: venerdì 19 luglio 2013, 14:45
Nome: Roberto
Regione: Umbria
Città: Orvieto
Stato: Non connesso

Re: Il mio plastico

Messaggio da Roberto Fainelli »

Mauro,sto togliendoTi del tempo prezioso alla tua quotidianità per le mie esigenze frivole :D :D :D . Funziona perfettamente se l'arrivo lo gestisce rocrail ma se il treno decido di mandarcelo io per trascinamento o comandando la destinazione usa sempre l'itinerario per il CORTO. Rocrail é tosto e comanda lui. :evil: :evil: :D :D :D . Alla fine la soluzione c'é chiudendo l'itinerario non voluto però tutti i treni faranno l'altro.
Roberto - Non bisogna confondere la gentilezza con la debolezza.
Avatar utente
Docdelburg
Socio GAS TT
Messaggi: 5661
Iscritto il: martedì 4 settembre 2012, 18:16
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Stato: Non connesso

Re: Il mio plastico

Messaggio da Docdelburg »

Roberto Fainelli ha scritto: domenica 25 ottobre 2020, 10:21 Mauro,sto togliendoTi del tempo prezioso alla tua quotidianità per le mie esigenze frivole :D :D :D . Funziona perfettamente se l'arrivo lo gestisce rocrail ma se il treno decido di mandarcelo io per trascinamento o comandando la destinazione usa sempre l'itinerario per il CORTO. Rocrail é tosto e comanda lui. :evil: :evil: :D :D :D . Alla fine la soluzione c'é chiudendo l'itinerario non voluto però tutti i treni faranno l'altro.
Si, hai ragione, sto verificando, sul file che mi hai mandato, che è così.
Faccio qualche prova per vedere se c'è una soluzione.
Ho cancellato tutti gli itinerari e li ho rifatti ma il risultato non cambia.
Avatar utente
Docdelburg
Socio GAS TT
Messaggi: 5661
Iscritto il: martedì 4 settembre 2012, 18:16
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Stato: Non connesso

Re: Il mio plastico

Messaggio da Docdelburg »

Niente, non riesco a far fare l'itinerario voluto come non ci riesci tu. A questo punto ho provato un'altra soluzione che prevede l'entrata e l'uscita dal binario VDP2 in manuale con due pulsanti che mi predispongono i rispettivi itinerari.
In pratica tu dovresti dare al merci lungo la destinazione finale al blocco S10P dove si fermerà anche se è un blocco di transito. A quel punto premi il pulsante "IN VDP2" e l'itinerario di entrata desiderato si attiverà e rimarrà attivo per il tempo che imposterai tu (io ho messo pochi secondi).
Seguirai l'entrata del convoglio sul binario VDP2 tramite l'attivazione dei sensori anche se non comparirà la loco nel riquadro del blocco. Dovrai invece disimpegnare il blocco S10P dalla loco del merci.
Idem per l'uscita, premendo il pulsante "OUT VDP2" attiverai l'itinerario lungo di uscita verso il blocco S2P dove il merci figurerà arrivare grazie all'attivazione dei sensori. A quel punto, inserendo la loco nel riquadro del blocco, ripristinerai eventuali automatismi.
Questo è quello che ho fatto:
1) inserito due pulsanti che ritroverai nelle USCITE
fairob30.jpg
2) ho creato due AZIONI per l'entrata e l'uscita
fairob31.jpg
3) ho caratterizzato le uscite con le relative AZIONI
fairob32.jpg
fairob33.jpg
fairob34.jpg

Mi rendo conto che non è molto diverso da quello che fai tu ma almeno imposti l'itinerario voluto con un solo pulsante.
Nelle due ultime immagini c'è un campo DURATA con indicato il valore "20"; modifica questo valore per mantenere attivi i due itinerari a seconda delle necessità.
Un saluto "manuale" [99]
Avatar utente
Roberto Fainelli
Messaggi: 386
Iscritto il: venerdì 19 luglio 2013, 14:45
Nome: Roberto
Regione: Umbria
Città: Orvieto
Stato: Non connesso

Re: Il mio plastico

Messaggio da Roberto Fainelli »

Innanzi tutto grazie Mauro per la dedizione.A questo punto lascio tutto come é e chiudo l'itinerario [S10P +]-[VDP2 +] e anche quello in uscita [VDP2 -]-[S2P -] anche perché VDP2 é il binario di precedenza del binario dispari mentre VDP4 di quello pari. Per cui se c'é bisogno farò la traversata come al vero. Posso utilizzare le azioni da Te pensate per fare gli itinerari di manovra. Per questo, un'ultima cosa te la posso chiedere?
Roberto - Non bisogna confondere la gentilezza con la debolezza.
Avatar utente
Docdelburg
Socio GAS TT
Messaggi: 5661
Iscritto il: martedì 4 settembre 2012, 18:16
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Stato: Non connesso

Re: Il mio plastico

Messaggio da Docdelburg »

Roberto Fainelli ha scritto: domenica 25 ottobre 2020, 19:34 .......... Per questo, un'ultima cosa te la posso chiedere?

Chiedere non costa nulla; semmai è un problema dare delle risposte sensate.....! ;)
Avatar utente
Roberto Fainelli
Messaggi: 386
Iscritto il: venerdì 19 luglio 2013, 14:45
Nome: Roberto
Regione: Umbria
Città: Orvieto
Stato: Non connesso

Re: Il mio plastico

Messaggio da Roberto Fainelli »

Chiedo, allora! Trai blocchi di stazione e S10P del binario pari e S1D del dispari ho circa un paio di metri di binario non vincolato ai blocchi citati. Ho provato ad utilizzarla per eventuali manovre in uscita mettendo un sensore per tratta che risulta occupata quando c'é qualcosa sopra ma non impedisce di fare gli itinerari. Si può fare una azione? E se si, sarebbe da capire come.
Roberto - Non bisogna confondere la gentilezza con la debolezza.
Avatar utente
Docdelburg
Socio GAS TT
Messaggi: 5661
Iscritto il: martedì 4 settembre 2012, 18:16
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Stato: Non connesso

Re: Il mio plastico

Messaggio da Docdelburg »

Ragioniamo insieme sul quesito: un sensore da solo, non collegato ad un blocco, non può condizionare il percorso che lo interessa ma segnala solo un'occupazione che può portare a qualche conseguenza tramite un'azione. Questa azione può riguardare vari bersagli tipo un segnale, un deviatoio, un itinerario ecc.
Tu cosa hai in mente al proposito?
Se intendi utilizzarlo per il discorso del merci lungo sul binario 2 allora dovresti identificare un blocco di transito (chiamiamolo S0D) con il sensore sul binario dispari prima di S1D; non cambia nulla con gli itinerari attuali salvo il fatto che devi specificare che, ad esempio, l'itinerario [VDP1+]-[S1D-] attraversa il nuovo blocco.
Per il merci lungo, e solo per quello, creerai l'itinerario [S10P+]-[S0D] e quindi [S0D]-[VDP2+].
Spero di averti dato una risposta comprensibile e "sensata"
Avatar utente
Roberto Fainelli
Messaggi: 386
Iscritto il: venerdì 19 luglio 2013, 14:45
Nome: Roberto
Regione: Umbria
Città: Orvieto
Stato: Non connesso

Re: Il mio plastico

Messaggio da Roberto Fainelli »

No, non ha a che fare con i treni lungo e corto. Ipotizzavo una tratta di occupazione senza blocco. I sensori li avevo messi sui blocchi S10P e S1D. Peró quando li occupo mi da il ghost sugli stessi e non mi piace.
Roberto - Non bisogna confondere la gentilezza con la debolezza.
Avatar utente
Docdelburg
Socio GAS TT
Messaggi: 5661
Iscritto il: martedì 4 settembre 2012, 18:16
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Stato: Non connesso

Re: Il mio plastico

Messaggio da Docdelburg »

Roberto Fainelli ha scritto: lunedì 26 ottobre 2020, 15:13 No, non ha a che fare con i treni lungo e corto. Ipotizzavo una tratta di occupazione senza blocco. I sensori li avevo messi sui blocchi S10P e S1D. Peró quando li occupo mi da il ghost sugli stessi e non mi piace.
Allora se ti serve solo un segnale di occupazione sgancia i sensori dai blocchi S10P e S1D. Lasciali come sensori a sé stanti, che segnalano appunto solo l'ccupazione durante i vari transiti.
Avatar utente
Roberto Fainelli
Messaggi: 386
Iscritto il: venerdì 19 luglio 2013, 14:45
Nome: Roberto
Regione: Umbria
Città: Orvieto
Stato: Non connesso

Re: Il mio plastico

Messaggio da Roberto Fainelli »

Però accadeva che nonostante il sensore segnalasse l'occupazione si formassero gli itinerari da S10P o verso S1D.
Roberto - Non bisogna confondere la gentilezza con la debolezza.
Avatar utente
Docdelburg
Socio GAS TT
Messaggi: 5661
Iscritto il: martedì 4 settembre 2012, 18:16
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Stato: Non connesso

Re: Il mio plastico

Messaggio da Docdelburg »

Roberto Fainelli ha scritto: lunedì 26 ottobre 2020, 17:19 Però accadeva che nonostante il sensore segnalasse l'occupazione si formassero gli itinerari da S10P o verso S1D.
Si, giusto; dicevo per evitare il "GHOST".
Avatar utente
FrancoV
Messaggi: 607
Iscritto il: sabato 15 febbraio 2020, 17:45
Nome: Franco
Regione: Piemonte
Città: Bosconero
Stato: Non connesso

Re: Il mio plastico

Messaggio da FrancoV »

Ma, alla fine, 'sti treni girano ?
Franco -Etroit, quoi qu'il soit!
Avatar utente
Roberto Fainelli
Messaggi: 386
Iscritto il: venerdì 19 luglio 2013, 14:45
Nome: Roberto
Regione: Umbria
Città: Orvieto
Stato: Non connesso

Re: Il mio plastico

Messaggio da Roberto Fainelli »

:D :D :D Si, si, bene.
Roberto - Non bisogna confondere la gentilezza con la debolezza.
Avatar utente
FrancoV
Messaggi: 607
Iscritto il: sabato 15 febbraio 2020, 17:45
Nome: Franco
Regione: Piemonte
Città: Bosconero
Stato: Non connesso

Re: Il mio plastico

Messaggio da FrancoV »

Ah mi fa piacere, lo chiedevo perchè questo vostro scambio mi ricorda degli amici che, ogni anno, presentano in un' esposizione dei bellissimi plastici; il problema è che su tre giorni di apertura (circa 30 ore mal contate) ne passano due terzi a cercare di farli funzionare ;-)
Franco -Etroit, quoi qu'il soit!
Avatar utente
Roberto Fainelli
Messaggi: 386
Iscritto il: venerdì 19 luglio 2013, 14:45
Nome: Roberto
Regione: Umbria
Città: Orvieto
Stato: Non connesso

Re: Il mio plastico

Messaggio da Roberto Fainelli »

Lo scambio di informazioni e nozioni é servito per capire e integrare alcune funzionalità che già andavano. Normalmente non funziona quando ho qualche ospite,ma mi dicono che é tipico. Ho qualche problema con qualche amico che porta macchine con decoder strani che sono difficile da capire e da regolare con i parametri che ho impostato sul mio plastico. Io uso solo Esu. I V5 di ultima generazione, per me, sono un pianto. Ho una taurus roco con sound di serie che non so che ha ma credo uno zimo che ha tutta una regolazione a parte. Poi dipende a volte dai materiale rimorchiato se deraglia. Quando si ha un sistema così e i treni danno problemi, per intervenire sui problemi va facilmente in tilt. Comunque funziona e ci sono tante funzionalità da capire e da mettere in opera. A me sinceramente quando mi permette quelle "quattro" cose che vedo o faccio anche al vero, basta ed avanza e penso di esserci vicino.
Roberto - Non bisogna confondere la gentilezza con la debolezza.
Avatar utente
IpGio
Socio GAS TT
Messaggi: 779
Iscritto il: domenica 20 maggio 2018, 9:22
Nome: Giorgio
Regione: Lombardia
Città: Nerviano
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Re: Il mio plastico

Messaggio da IpGio »

Roberto Fainelli ha scritto: mercoledì 28 ottobre 2020, 16:11 Normalmente non funziona quando ho qualche ospite,ma mi dicono che é tipico.
Roberto... risponde esattamente alla legge di Murphy...
Dal primo assioma...
La fetta imburrata cade dal lato del burro solo perché il peso del burro sposta il punto di applicazione della forza di gravità, quindi la coppia fa ruotare la fetta che cadrà inesorabilmente dalla parte del burro.
Per cui in conformità alla legge di Murphy: il toast cade prevalentemente dal lato imburrato; questo perché l'altezza media da cui cade (tipicamente un tavolo) è tale da consentire solo una rotazione parziale.

«Se qualcosa può andare storto, lo farà» :roll:

Tranquillo che sei in ottima compagnia... io non ospito più nessuno... mi limito a segnalare indirizzo e numero di telefono giusto per risponde all'invitato... "incamminati... ma di che passavi per caso..." [255]
[253]
[36] IpGio
Giorgio - Nihil difficile volenti
H0-Ep.III-Italia
IpGio - I plastici di Gio - https://www.gtg3b.it
Avatar utente
Roberto Fainelli
Messaggi: 386
Iscritto il: venerdì 19 luglio 2013, 14:45
Nome: Roberto
Regione: Umbria
Città: Orvieto
Stato: Non connesso

Re: Il mio plastico

Messaggio da Roberto Fainelli »

😁😁😁😁😁😁
Roberto - Non bisogna confondere la gentilezza con la debolezza.
Avatar utente
FrancoV
Messaggi: 607
Iscritto il: sabato 15 febbraio 2020, 17:45
Nome: Franco
Regione: Piemonte
Città: Bosconero
Stato: Non connesso

Re: Il mio plastico

Messaggio da FrancoV »

Sono i gremlins ;-) :mrgreen:

Giorgio, quando tutto questo bailamme sarà finito dobbiamo trovare il modo di incontrarci :D
Franco -Etroit, quoi qu'il soit!
Avatar utente
Senialas
Messaggi: 129
Iscritto il: lunedì 8 ottobre 2012, 16:50
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Gallarate
Stato: Non connesso

Re: Il mio plastico

Messaggio da Senialas »

[/quote]
........................
La fetta imburrata cade dal lato del burro solo perché il peso del burro sposta il punto di applicazione della forza di gravità, quindi la coppia fa ruotare la fetta che cadrà inesorabilmente dalla parte del burro.
Per cui in conformità alla legge di Murphy: il toast cade prevalentemente dal lato imburrato; questo perché l'altezza media da cui cade (tipicamente un tavolo) è tale da consentire solo una rotazione parziale.

[/quote]

Scusa Giorgio, ma lo spostamento del baricentro della fetta imburrata non è la causa della caduta dalla parte del burro. Questo spostamento è trascurabile.
La fetta, quando cade di mano, compie una rotazione attorno all'asse che passa dalle due dita che cercano di tenerla e cadrà dalla parte spalmata perché il tempo necessario per arrivare al pavimento (38-40 millisecondi) è sufficiente per farle fare solo mezzo giro.
Questo se la spalmi sopra :D :D :D

Ciao
Roberto M.
Avatar utente
IpGio
Socio GAS TT
Messaggi: 779
Iscritto il: domenica 20 maggio 2018, 9:22
Nome: Giorgio
Regione: Lombardia
Città: Nerviano
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Re: Il mio plastico

Messaggio da IpGio »

Ragazzi non divaghiamo troppo sul burro, altrimenti ci tocca prendere in considerazione anche la temperatura del locale e l'eventuale scioglimento della materia in un moto intrinseco e secante.
Quindi rientriamo nei ranghi... ooops in cabina e seguiamo con ampio interesse le tribolazioni del povero Roberto alle prese con il RocRail "nemico".
Quanto agli incontri cari amici a da passà ancora un luuuunga nuttata e tanti treni sotto ai ponti e tenere tanta pazienza in saccoccia, sto "covid nemico" è tosto e ci sta conciando per le feste in tanti modi... sta al nostro personale comportamento in primis... opporre dura resistenza.
Torneremo ad una diversa normalità... forza.
[36] IpGio
Giorgio - Nihil difficile volenti
H0-Ep.III-Italia
IpGio - I plastici di Gio - https://www.gtg3b.it
Avatar utente
FrancoV
Messaggi: 607
Iscritto il: sabato 15 febbraio 2020, 17:45
Nome: Franco
Regione: Piemonte
Città: Bosconero
Stato: Non connesso

Re: Il mio plastico

Messaggio da FrancoV »

Senialas ha scritto: mercoledì 28 ottobre 2020, 19:17
Questo se la spalmi sopra :D :D :D

Ciao
.... ma a spalmarla di sotto sono c.... :mrgreen:
Franco -Etroit, quoi qu'il soit!
Avatar utente
Docdelburg
Socio GAS TT
Messaggi: 5661
Iscritto il: martedì 4 settembre 2012, 18:16
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Stato: Non connesso

Re: Il mio plastico

Messaggio da Docdelburg »

IpGio ha scritto: mercoledì 28 ottobre 2020, 19:32 .....
Quanto agli incontri cari amici a da passà ancora un luuuunga nuttata e tanti treni sotto ai ponti e tenere tanta pazienza in saccoccia, sto "covid nemico" è tosto e ci sta conciando per le feste in tanti modi..............
[36] IpGio
Mah....da medico sul campo ho dei dubbi che il vero nemico sia il Covid-19.
La cosa finirà probabilmente quando smetteremo di rincorrere i sani, ci sarà un tampone che distingue tra coronavirus da banale raffreddore dal coronavirus della Sars2019 e i giornalisti la pianteranno di fare i portavoce del governo. Oppure quando ci piegheremo al ricatto del vaccino fatto in fretta e furia e non adeguatamente testato. Vaccino poi contro cosa non si sa; il virus non è mai stato isolato, ma solo individuato.

Torna a “SCALA H0”