si parte?

Discussioni relative alla scala H0 1:87

Moderatori: cararci, MrMassy86, adobel55, lorelay49

Avatar utente
tartaf4
Messaggi: 52
Iscritto il: giovedì 24 dicembre 2020, 1:04
Nome: marco
Regione: marche
Città: ostra
Stato: Non connesso

si parte?

Messaggio da tartaf4 »

buonasera, allora essendo il solito indeciso questa volta ci sono, anche perche' in questo momento non posso smontare la stanza dove dovrebbe andare il plastico
quindi!!!
per ora parto con un piccolo modulo 1,50x 50, che dovrebbe rappresentare un piccolo scalo con rimessa per loco e un piccolo magazzino-
questo mi servira' per prendere pratica con la posa dei binari,la massicciata,lo scenario, e sopratutto i vari collegamenti elettrici.
l'armamento sara' Roco cod.83
vorrei partire in analogico e qui la prima domanda! conviene prendere un binario con collegamento, o saldare in piu' punti i collegamenti elettrici?
vorrei automatizzare gli scambi, devo gia' provvedere da subito o posso inserire dopo l'automatizzazione??
mi dite una pulsantiera per gli stessi?
suggerimenti? modifiche? che ne pensate?
grazie
Allegati
modulo roco.zip
(6.26 KiB) Scaricato 31 volte


Marco
Avatar utente
MrPatato76
Socio GAS TT
Messaggi: 4885
Iscritto il: lunedì 27 agosto 2012, 11:14
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Nova Milanese
Stato: Non connesso

Re: si parte?

Messaggio da MrPatato76 »

Ti consiglio armamento Peco cod.75, più realistico rispetto al Roco.
Roberto - "...il bambino che vede un treno lo saluta con la manina, questo non succede con un auto!" (Cit.) - Ciao Roberto
Avatar utente
MrPatato76
Socio GAS TT
Messaggi: 4885
Iscritto il: lunedì 27 agosto 2012, 11:14
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Nova Milanese
Stato: Non connesso

Re: si parte?

Messaggio da MrPatato76 »

...e già che ci sei parti direttamente in digitale.
Roberto - "...il bambino che vede un treno lo saluta con la manina, questo non succede con un auto!" (Cit.) - Ciao Roberto
Avatar utente
tartaf4
Messaggi: 52
Iscritto il: giovedì 24 dicembre 2020, 1:04
Nome: marco
Regione: marche
Città: ostra
Stato: Non connesso

Re: si parte?

Messaggio da tartaf4 »

Roberto (MrPatato76) ci avevo pensato mi dici qualche posto dove guardare per gli acquisti?
se dovessi partire subito in digitale gli scambi li devo prevedere subito elettrificati?
grazie
Marco
Avatar utente
MrPatato76
Socio GAS TT
Messaggi: 4885
Iscritto il: lunedì 27 agosto 2012, 11:14
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Nova Milanese
Stato: Non connesso

Re: si parte?

Messaggio da MrPatato76 »

Tecnomodel, Modelbahshop Lippe solo per citare 2 negozi on line, ma se cerchi ne trovi a bizzeffe.

Cosa intendi per scambi elettrificati? Intendi il comando degli aghi?
Ci sono mille modi per motorizzare gli scambi: importante è scegliere scambi con cuore polarizzabili.
Poi puoi scegliere se comandarli tramite comandi meccanici o elettrici (servocomandi, attuatori lineari, motori elettrici……)
Immagine.jpg
Nella foto, ti ho indicato dove io farei i collegamenti per l'alimentazione elettrica del binari (rosso e nero).
In verde ho segnato invece dove andrebbero fatti i tagli per consentire la libera dilatazione lineare della rotaia per evitare eventuali deformazioni o rigonfiamenti del binario al variare della temperatura ambientale.
Visto la lunghezza dei binari, ti consiglio di usare dei flessibili di lunghezza da 1m.
Roberto - "...il bambino che vede un treno lo saluta con la manina, questo non succede con un auto!" (Cit.) - Ciao Roberto
Avatar utente
IpGio
Socio GAS TT
Messaggi: 999
Iscritto il: domenica 20 maggio 2018, 9:22
Nome: Giorgio
Regione: Lombardia
Città: Nerviano
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Re: si parte?

Messaggio da IpGio »

Marco, se ti può essere di interesse e visto il tema che vuoi dare al tuo progetto, mi permetto di segnalarti questo mio lavoro:
Una vetrina... quasi a norma (FIMF 3000)
All'interno puoi trovare i riferimenti al mio sito per tutti gli approfondimenti.
In merito al tuo progetto, ti consiglio di partire da subito con il digitale e con un layout semplice e di lasciare "aperte" le testate della tua struttura in modo da poter ampliare un domani il tuo plastico.
Verifica se è nelle tue possibilità, l'adozione della norma FIMF 3000, anche se poi non intendi partecipare a nessun evento.
Per esperienza personale, la trovo un'ottima soluzione, sotto molti punti di vista.
Non dimenticare di stabilire Epoca, stile, tipo di trazione e ambientazione per il tuo progetto.
[253]
[36] IpGio
Giorgio Nihil difficile volenti
H0-Ep.III-IT GASTT/FIMF
IpGio I plastici di Gio https://www.gtg3b.it
Avatar utente
Senialas
Messaggi: 240
Iscritto il: lunedì 8 ottobre 2012, 16:50
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Gallarate
Stato: Non connesso

Re: si parte?

Messaggio da Senialas »

Condivido interamente il suggerimento di Roberto sull'uso dei flessibili.
Mentre io farei i sezionamenti (in verde) come da immagine, non nell'ottica delle dilatazioni (che ritengo trascurabili su un tratto di un paio di metri), ma per predisporre in tracciato in un ottica di possibili sviluppi futuri (non obbligatori).
I sezionamenti (tutti sulla stessa polarità) si possono fare semplicemente inserendo una scarpetta isolante, senza tagliare nulla.
Allegati
2021-01-22_091957.jpg
Roberto M.
Avatar utente
MrPatato76
Socio GAS TT
Messaggi: 4885
Iscritto il: lunedì 27 agosto 2012, 11:14
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Nova Milanese
Stato: Non connesso

Re: si parte?

Messaggio da MrPatato76 »

Senialas ha scritto: venerdì 22 gennaio 2021, 9:51 Condivido interamente il suggerimento di Roberto sull'uso dei flessibili.
Mentre io farei i sezionamenti (in verde) come da immagine, non nell'ottica delle dilatazioni (che ritengo trascurabili su un tratto di un paio di metri), ma per predisporre in tracciato in un ottica di possibili sviluppi futuri (non obbligatori).
I sezionamenti (tutti sulla stessa polarità) si possono fare semplicemente inserendo una scarpetta isolante, senza tagliare nulla.
…..mmmm…su un metro lineare, considerando un delta termico di 25°C tra inverno ed estate, la variazione di lunghezza sarebbe dell'ordine di 0.3mm.
Può sembrare un valore piccolo, ma è sufficiente per deformarti un binario…
Sui miei moduli Fremo (lunghi 900mm) ho previsto tali sezionamenti, e per il momento tutto OK.
Roberto - "...il bambino che vede un treno lo saluta con la manina, questo non succede con un auto!" (Cit.) - Ciao Roberto
Avatar utente
Egidio
Messaggi: 12786
Iscritto il: giovedì 17 maggio 2012, 13:26
Nome: Egidio
Regione: Abruzzo
Città: Ortona
Stato: Non connesso

Re: si parte?

Messaggio da Egidio »

MrPatato76 ha scritto: giovedì 21 gennaio 2021, 23:28 Ti consiglio armamento Peco cod.75, più realistico rispetto al Roco.
Sono d' accordissimo. E' quello che sto usando anch' io per il nuovo plastico. Saluti. Egidio. [51]
Egidio Lofrano
Avatar utente
FrancoV
Messaggi: 875
Iscritto il: sabato 15 febbraio 2020, 17:45
Nome: Franco
Regione: Piemonte
Città: Bosconero
Stato: Non connesso

Re: si parte?

Messaggio da FrancoV »

Io mi permetto suggerire almeno una bretella da qualche parte perchè altrimenti le manovre diventano impossibili.
Dai un'occhiata qui https://www.carendt.com/ troverai di tutto e di più :D
Franco -Etroit, quoi qu'il soit!
Avatar utente
adobel55
Socio GAS TT
Messaggi: 9739
Iscritto il: venerdì 18 novembre 2011, 15:51
Nome: Adolfo
Regione: Lazio
Città: Roma
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Re: si parte?

Messaggio da adobel55 »

Franco, ho provato a visitare il sito ma non funziona correttamente è in ristrutturazione.
Ciao
Avatar utente
Senialas
Messaggi: 240
Iscritto il: lunedì 8 ottobre 2012, 16:50
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Gallarate
Stato: Non connesso

Re: si parte?

Messaggio da Senialas »

[/quote]

…..mmmm…su un metro lineare, considerando un delta termico di 25°C tra inverno ed estate, la variazione di lunghezza sarebbe dell'ordine di 0.3mm.
Può sembrare un valore piccolo, ma è sufficiente per deformarti un binario…
Sui miei moduli Fremo (lunghi 900mm) ho previsto tali sezionamenti, e per il momento tutto OK.
[/quote]

Scusa, ma questo succede se tieni il plastico all'aperto.
In casa l'escursione può variare di 10 gradi max.
Io ho un plastico di 5,3m (in casa, ovviamente) e non ho nessun problema di deformazione rotaie.
Roberto M.
Avatar utente
MrPatato76
Socio GAS TT
Messaggi: 4885
Iscritto il: lunedì 27 agosto 2012, 11:14
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Nova Milanese
Stato: Non connesso

Re: si parte?

Messaggio da MrPatato76 »

Senialas ha scritto: venerdì 22 gennaio 2021, 13:01
…..mmmm…su un metro lineare, considerando un delta termico di 25°C tra inverno ed estate, la variazione di lunghezza sarebbe dell'ordine di 0.3mm.
Può sembrare un valore piccolo, ma è sufficiente per deformarti un binario…
Sui miei moduli Fremo (lunghi 900mm) ho previsto tali sezionamenti, e per il momento tutto OK.
[/quote]

Scusa, ma questo succede se tieni il plastico all'aperto.
In casa l'escursione può variare di 10 gradi max.
Io ho un plastico di 5,3m (in casa, ovviamente) e non ho nessun problema di deformazione rotaie.
[/quote]
Beh si in casa l’escursione termica è più contenuta, ma in altri ambienti come cantine o sottotetti...
Roberto - "...il bambino che vede un treno lo saluta con la manina, questo non succede con un auto!" (Cit.) - Ciao Roberto
Avatar utente
MrPatato76
Socio GAS TT
Messaggi: 4885
Iscritto il: lunedì 27 agosto 2012, 11:14
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Nova Milanese
Stato: Non connesso

Re: si parte?

Messaggio da MrPatato76 »

...e a tal proposito, v'invito a leggere l'ultimo post dell'autore (pag.5) in questa discussione sul Forum ASN

http://www.amiciscalan.com/forum/viewto ... 8&start=60
Roberto - "...il bambino che vede un treno lo saluta con la manina, questo non succede con un auto!" (Cit.) - Ciao Roberto
Avatar utente
Senialas
Messaggi: 240
Iscritto il: lunedì 8 ottobre 2012, 16:50
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Gallarate
Stato: Non connesso

Re: si parte?

Messaggio da Senialas »

La sezione di una rotaia in scala N direi che è superiore al mm quadro. Quindi di Amperes ne passano ben oltre la disponibilità offerta dalla centralina.
In H0 le cose migliorano ulteriormente.
Conclusione: sono molto scettico su quanto dichiarato nella discussione circa le cause della sbisciolatura. Poi senza essere presenti è sicuramente difficile dare una valutazione.
Roberto M.
Avatar utente
FrancoV
Messaggi: 875
Iscritto il: sabato 15 febbraio 2020, 17:45
Nome: Franco
Regione: Piemonte
Città: Bosconero
Stato: Non connesso

Re: si parte?

Messaggio da FrancoV »

adobel55 ha scritto: venerdì 22 gennaio 2021, 11:51 Franco, ho provato a visitare il sito ma non funziona correttamente è in ristrutturazione.
Ciao
Non fare caso a quell' avviso, è li da quando malauguratamente l'amico Carl ci ha lasciati e giustifica il fatto che l'aggiornamento sia, come si può dire, aleatorio :wink:
la parte "storica" a me risulta accessibilissima :D
Franco -Etroit, quoi qu'il soit!
Avatar utente
tartaf4
Messaggi: 52
Iscritto il: giovedì 24 dicembre 2020, 1:04
Nome: marco
Regione: marche
Città: ostra
Stato: Non connesso

Re: si parte?

Messaggio da tartaf4 »

MrPatato76 ha scritto: venerdì 22 gennaio 2021, 8:41 Tecnomodel, Modelbahshop Lippe solo per citare 2 negozi on line, ma se cerchi ne trovi a bizzeffe.

Cosa intendi per scambi elettrificati? Intendi il comando degli aghi?
Ci sono mille modi per motorizzare gli scambi: importante è scegliere scambi con cuore polarizzabili.
Poi puoi scegliere se comandarli tramite comandi meccanici o elettrici (servocomandi, attuatori lineari, motori elettrici……)
Immagine.jpg

Nella foto, ti ho indicato dove io farei i collegamenti per l'alimentazione elettrica del binari (rosso e nero).
In verde ho segnato invece dove andrebbero fatti i tagli per consentire la libera dilatazione lineare della rotaia per evitare eventuali deformazioni o rigonfiamenti del binario al variare della temperatura ambientale.
Visto la lunghezza dei binari, ti consiglio di usare dei flessibili di lunghezza da 1m.
si intendo i comandi sugli aghi! come faccio a vedere se sono polarizzati? ok per i collegamenti ma in analogico? ho visto che in digitale ci sono degli spinotti appositi che vanno alla centralina
intendi tutti flessibili?
Ultima modifica di tartaf4 il venerdì 22 gennaio 2021, 22:03, modificato 1 volta in totale.
Marco
Avatar utente
tartaf4
Messaggi: 52
Iscritto il: giovedì 24 dicembre 2020, 1:04
Nome: marco
Regione: marche
Città: ostra
Stato: Non connesso

Re: si parte?

Messaggio da tartaf4 »

IpGio ha scritto: venerdì 22 gennaio 2021, 9:26 Marco, se ti può essere di interesse e visto il tema che vuoi dare al tuo progetto, mi permetto di segnalarti questo mio lavoro:
Una vetrina... quasi a norma (FIMF 3000)
All'interno puoi trovare i riferimenti al mio sito per tutti gli approfondimenti.
In merito al tuo progetto, ti consiglio di partire da subito con il digitale e con un layout semplice e di lasciare "aperte" le testate della tua struttura in modo da poter ampliare un domani il tuo plastico.
Verifica se è nelle tue possibilità, l'adozione della norma FIMF 3000, anche se poi non intendi partecipare a nessun evento.
Per esperienza personale, la trovo un'ottima soluzione, sotto molti punti di vista.
Non dimenticare di stabilire Epoca, stile, tipo di trazione e ambientazione per il tuo progetto.
[253]
[36] IpGio
visto, bellissimo ma per ora voglio fare qualcosa di molto piu facile
Marco
Avatar utente
tartaf4
Messaggi: 52
Iscritto il: giovedì 24 dicembre 2020, 1:04
Nome: marco
Regione: marche
Città: ostra
Stato: Non connesso

Re: si parte?

Messaggio da tartaf4 »

FrancoV ha scritto: venerdì 22 gennaio 2021, 11:37 Io mi permetto suggerire almeno una bretella da qualche parte perchè altrimenti le manovre diventano impossibili.
Dai un'occhiata qui https://www.carendt.com/ troverai di tutto e di più :D
come ti hanno gia' detto non si vede niente
Marco
Avatar utente
sal727
Messaggi: 3764
Iscritto il: domenica 26 aprile 2015, 17:22
Nome: Salvatore
Regione: Emilia Romagna
Città: Bologna
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Re: si parte?

Messaggio da sal727 »

Ciao, Salvatore
Avatar utente
tartaf4
Messaggi: 52
Iscritto il: giovedì 24 dicembre 2020, 1:04
Nome: marco
Regione: marche
Città: ostra
Stato: Non connesso

Re: si parte?

Messaggio da tartaf4 »

sal727 ha scritto: venerdì 22 gennaio 2021, 22:04 i menù in alto
https://www.carendt.com/category/small- ... scrapbook/
buonasera Salvatore si ora ho visto grazie
Marco
Avatar utente
MrPatato76
Socio GAS TT
Messaggi: 4885
Iscritto il: lunedì 27 agosto 2012, 11:14
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Nova Milanese
Stato: Non connesso

Re: si parte?

Messaggio da MrPatato76 »

tartaf4 ha scritto: venerdì 22 gennaio 2021, 21:58
MrPatato76 ha scritto: venerdì 22 gennaio 2021, 8:41 Tecnomodel, Modelbahshop Lippe solo per citare 2 negozi on line, ma se cerchi ne trovi a bizzeffe.

Cosa intendi per scambi elettrificati? Intendi il comando degli aghi?
Ci sono mille modi per motorizzare gli scambi: importante è scegliere scambi con cuore polarizzabili.
Poi puoi scegliere se comandarli tramite comandi meccanici o elettrici (servocomandi, attuatori lineari, motori elettrici……)
Immagine.jpg

Nella foto, ti ho indicato dove io farei i collegamenti per l'alimentazione elettrica del binari (rosso e nero).
In verde ho segnato invece dove andrebbero fatti i tagli per consentire la libera dilatazione lineare della rotaia per evitare eventuali deformazioni o rigonfiamenti del binario al variare della temperatura ambientale.
Visto la lunghezza dei binari, ti consiglio di usare dei flessibili di lunghezza da 1m.
si intendo i comandi sugli aghi! come faccio a vedere se sono polarizzati? ok per i collegamenti ma in analogico? ho visto che in digitale ci sono degli spinotti appositi che vanno alla centralina
intendi tutti flessibili?
Dunque...
Per i binari, ad eccezione dei deviatoi ti suggerisco di usare tutti binari flessibili.
L’azionamento dei deviatoi è un discorso a parte, separato dalla trazione.
Puoi alimentare il circuito in digitale, ed avere i deviatoi comandati da una semplice pulsantiera che comanda degli attuatori elettrici , senza averli per forza collegati ad una centrale digitale.
Per il discorso polarizzazione scambi, esistono in commercio due macrofamiglie di scambi: quelli con il cuore in plastica (economici entry level) o con cuori in metallo.
Per cuore si intende quella cuspide formata dai binari interni allo scambio.
Cerca in rete e in questo forum “scambi elettrofrog”.
Roberto - "...il bambino che vede un treno lo saluta con la manina, questo non succede con un auto!" (Cit.) - Ciao Roberto
Avatar utente
tartaf4
Messaggi: 52
Iscritto il: giovedì 24 dicembre 2020, 1:04
Nome: marco
Regione: marche
Città: ostra
Stato: Non connesso

Re: si parte?

Messaggio da tartaf4 »

Ok grazie
Marco
Avatar utente
Senialas
Messaggi: 240
Iscritto il: lunedì 8 ottobre 2012, 16:50
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Gallarate
Stato: Non connesso

Re: si parte?

Messaggio da Senialas »

MrPatato76 ha scritto: venerdì 22 gennaio 2021, 23:16 Dunque...
Per i binari, ad eccezione dei deviatoi ti suggerisco di usare tutti binari flessibili.
L’azionamento dei deviatoi è un discorso a parte, separato dalla trazione.
Puoi alimentare il circuito in digitale, ed avere i deviatoi comandati da una semplice pulsantiera che comanda degli attuatori elettrici , senza averli per forza collegati ad una centrale digitale.
Per il discorso polarizzazione scambi, esistono in commercio due macrofamiglie di scambi: quelli con il cuore in plastica (economici entry level) o con cuori in metallo.
Per cuore si intende quella cuspide formata dai binari interni allo scambio.
Cerca in rete e in questo forum “scambi elettrofrog”.
Scusate, ma se uno decide per l'analogico, comanderà anche i deviatoi in analogico, ma se uno parte in digitale perché dovrebbe diversificare e realizzare il comando dei deviatoi in analogico? Molto più semplice (ed anche meno costoso) controllare anche i deviatoi in digitale.
Roberto M.
Avatar utente
antogar
Messaggi: 131
Iscritto il: mercoledì 31 dicembre 2014, 13:52
Nome: Antonino
Regione: Campania
Città: C.mare
Stato: Non connesso

Re: si parte?

Messaggio da antogar »

Senialas ha scritto: sabato 23 gennaio 2021, 9:05 Scusate, ma se uno decide per l'analogico, comanderà anche i deviatoi in analogico, ma se uno parte in digitale perché dovrebbe diversificare e realizzare il comando dei deviatoi in analogico? Molto più semplice (ed anche meno costoso) controllare anche i deviatoi in digitale.
Certo, ma puoi benissimo farlo dopo, specialmente se l'impianto non è grande come in questo caso dove (IMHO) è molto più semplice il contrario: ovvero partire comandando gli scambi (sono 4 in tutto, giusto?) in analogico e usare un multimaus per muovere le loco invece delle "centralone" (che hanno tutto tutto tutto...) e successivamente, quando il decidere...

Magari l'anno prossimo Nuccio tira fuori la ClaudiaCS 2.00 con Xnet integrato, la DR5000 sarà diventata DR5000 GTS Turbo16V ed entrambe costano la metà (come normalmente accade nel mondo dell' elettronica)

Saluti :)

PS sul "meno costoso" poi è tutta da vedere...
Antonino

Torna a “SCALA H0”