Una vetrina... quasi a norma (FIMF 3000)

Discussioni relative alla scala H0 1:87

Moderatori: cararci, adobel55, MrMassy86, lorelay49

Avatar utente
IpGio
Messaggi: 551
Iscritto il: domenica 20 maggio 2018, 9:22
Nome: Giorgio
Regione: Lombardia
Città: Nerviano
Stato: Non connesso

Re: Una vetrina... quasi a norma (FIMF 3000)

Messaggio da IpGio »

Grazie a tutti per i graditi commenti...
Adolfo (aka adolbel55), la nonna ha insistito tanto per dare un contributo.

Nicola (aka Nick8526), ti ringrazio per il commento ma devo "girare" il tuo messaggio a chi di dovere e merito.
La mano non è mia, ma della "Sala verniciature", essendo questo progetto opera di ben quattro mani.
Il cielo mi ha dato la fortuna e la gioia di trasmettere la passione del modellismo (anche se in forma diversa dal ferromodellismo), quindi quando parlo di "Sala verniciature" mi riferisco sempre a mio figlio e alle sue capacità e alla sua disponibilità in termini di tempo e pazienza.
Per cui io mi occupo del progetto e della sua realizzazione, mentre le verniciature sono esclusivamente sue.
Io per il momento mi sono concesso i pennelli solamente per la realizzazione del fondale, ancora incompiuto.

Comunque per noi è sempre un piacere condividere il nostro lavoro con il forum e ci auguriamo di essere di sprone per tutti gli amici che ci leggono.
"Nihil diffile volenti"... forza cosa aspettate amici titubanti, salite in carrozza, si va nel magico mondo del ferromodellismo.
Alla prossima... e seguiteci anche sul sito alla apposita sezione dedicata al progetto per gli approfondimenti...
Una vetrina… quasi a norma (FIMF 3000)
[253]
[36] IpGio
Giorgio - Nihil difficile volenti
IpGio - I plastici di Gio - https://www.gtg3b.it
Avatar utente
FrancoV
Messaggi: 465
Iscritto il: sabato 15 febbraio 2020, 17:45
Nome: Franco
Regione: Piemonte
Città: Bosconero
Stato: Non connesso

Re: Una vetrina... quasi a norma (FIMF 3000)

Messaggio da FrancoV »

adobel55 ha scritto: lunedì 9 novembre 2020, 11:28 Non pensavo che per asciugare la colla si usassero i vecchi ferri da stiro a carbone. [261]
Ottimo lavoro.
Ciao
Beh, ..... cos'altro aspettarsi da un appassionato di treni :lol:
Franco -Etroit, quoi qu'il soit!
Avatar utente
IpGio
Messaggi: 551
Iscritto il: domenica 20 maggio 2018, 9:22
Nome: Giorgio
Regione: Lombardia
Città: Nerviano
Stato: Non connesso

Re: Una vetrina... quasi a norma (FIMF 3000)

Messaggio da IpGio »

Aggiornamento... iniziati i lavori nella zona della rimessa principale.
Verranno messe in opera, all'interno della futura rimessa due fosse di visita.
imve83.jpg
imve83d.jpg
Dunque si lavora parallelamente a questa zona, alla posa del muro di cinta ed alla realizzazione della pavimentazione in cemento o asfalto.
Allego, per gli approfondimenti, due link al mio sito "I Plastici di Gio" sezione progetti "Una vetrina… quasi a norma (FIMF 3000)":
- Indice del progetto
- Stato Avanzamento Lavori (SAL)
Alla prossima... [253]
[36] IpGio
Giorgio - Nihil difficile volenti
IpGio - I plastici di Gio - https://www.gtg3b.it
Avatar utente
Docdelburg
Messaggi: 5587
Iscritto il: martedì 4 settembre 2012, 18:16
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Stato: Non connesso

Re: Una vetrina... quasi a norma (FIMF 3000)

Messaggio da Docdelburg »

Ma le fosse le fai tutte e due all'interno del deposito o una interna e una esterna?
Bel lavoro e bel piano binari per una marea di manovre!
Ho apprezzato i "moderni pesi" .... ne ho una piccola collezione! :wink:
Avatar utente
antogar
Messaggi: 102
Iscritto il: mercoledì 31 dicembre 2014, 13:52
Nome: Antonino
Regione: Campania
Città: C.mare
Stato: Non connesso

Re: Una vetrina... quasi a norma (FIMF 3000)

Messaggio da antogar »

Giorgio, perchè non metti gli interuttori su un pannellino ?
Non rischi di non poter manovrare se ci sono convogli in transito/sosta ?

saluti
Antonino
Avatar utente
Egidio
Messaggi: 12341
Iscritto il: giovedì 17 maggio 2012, 13:26
Nome: Egidio
Regione: Abruzzo
Città: Ortona
Stato: Non connesso

Re: Una vetrina... quasi a norma (FIMF 3000)

Messaggio da Egidio »

Ottimo....... Saluti. Egidio. [51]
Egidio Lofrano
Avatar utente
IpGio
Messaggi: 551
Iscritto il: domenica 20 maggio 2018, 9:22
Nome: Giorgio
Regione: Lombardia
Città: Nerviano
Stato: Non connesso

Re: Una vetrina... quasi a norma (FIMF 3000)

Messaggio da IpGio »

Mauro (aka Docdelburg) le fosse saranno entrambe all'interno della rimessa (oggi opero la foratura).
Comunque la disposizione delle fosse può essere sia interna che esterna, io ho scelto l'impostazione interna in quanto nella parte antistante la rimessa principale andrò a posizionare una colonna idraulica di rifornimento.
Le fosse in questo progetto sono tre in totale, ce ne dovrebbe essere stata una quarta in prossimità della piattaforma girevole, in funzione dello scarico delle ceneri dal ceneratoio, ma vista l'estensione del mio DL, ho preferito soprassedere, anche in funzione del fatto che le ceneri andrebbero gestite lontano dal deposito carbone.
Tieni in considerazione e invito anche chi ci legge a farlo, che questo progetto ha alcune licenze ferromodellistiche, per il fatto che è ridotto in uno spazio esiguo, ma ho preferito riportare alcuni elementi caratteristici di un impianto nostrano, giusto per riportare in scala un'idea di deposito locomotive in epoca III a trazione prettamente termica (vapore e diesel).
Per le manovre ho studiato a fondo sia la realtà che altri layout in scala tra Italia, Germania e Inghilterra, pur cercando di restare negli sapzi della mia vetrina.
Strategici il tronchino T1, che porterebbe alla stazione, e il tronchino M1 basilare per le manovre sia delle loco sia dei carri carbone e scorie.
Si è trattato di fare in modo che una loco non resti "intrappolata" nel giro di lavorazioni all'interno del DL.
Il T1 avrebbe meritato una lunghezza leggermente superiore, ma il mio Köf, se la sbrigerà lo stesso con i carri a due assi per il carbone e con un pianle che trasporta materiali per il DL.
Con le dimensioni della mia vetrina, certamente il progetto sviluppato in scala N o TT, avrebbe sicuramente solo vantaggi di sviluppo del tracciato.
Grazie per l'attenzione Mauro... alla prossima.
[253]
[36] IpGio
Giorgio - Nihil difficile volenti
IpGio - I plastici di Gio - https://www.gtg3b.it
Avatar utente
IpGio
Messaggi: 551
Iscritto il: domenica 20 maggio 2018, 9:22
Nome: Giorgio
Regione: Lombardia
Città: Nerviano
Stato: Non connesso

Re: Una vetrina... quasi a norma (FIMF 3000)

Messaggio da IpGio »

Antonino (aka antogar), il progetto inizialmente prevedeva un massiccio uso del DCC (piattaforma girevole compresa) con il tutto gestito dal software RocRail (RR), con una centrale ESU 50210.
Sia i costi, sia un effettivo riscontro reale durante la fase progettuale mi hanno portato a delegare al DCC (MultiMaus) la sola trazione dei rotabili e indirizzarmi sull'analogico per i deviatoi e alla manualità per la piattaforma girevole.
Avevo messo in conto di realizzare un piccolo sinottico, ma condiderando gli spazi a disposizione, il cablaggio necessario, un limite nella struttura della vetrina, la scelta di rendere il piano del tracciato asportabile e un'altro "elemento fondamentale", mi hanno portato a sceglier di usare dei deviatori a slitta ON-ON posizionati nelle vicinanze dei deviatoi e di mimetizzarli quando non in uso.
Veniamo all'"elemento fondamentale"... ci troviamo di fronte alla realizzazione in scala di un DL, quindi riferendoci alla realtà il movimento dei rotabili e sottoposto al vincolo della marcia a vista a 5 km/h, inoltre l'instradamento dei rotabili era vincolato del fondamentale lavoro manuale et deambulante del personale addetto da ultimo in un DL non circolano convogli ma loco o automotrici isolate o in doppia (o più).
Quindi si tratta di un esercizio molto "lento" e che nella riproduzione in scala si traduce in un effettivo gioco all'instradamento ragionato, per cui prima di muovere un rotabile da punto a punto, ci devi riflettere bene e con calma, prima di ritrovarti su un cuore che blocca la trazione, perchè non hai correttamente "girato" un macaco.
In più metti in cambio di direzione di marcia, un colpo di fischio al segnale della bandierina del manovratore, dopo che ha girato i deviatoi necessari, e il gioco e il divertimento sono assicurati.
In quanto ad interferenze, pensa solo che la loco o l'automotrice ferma in un tronchino, si muoveranno quando avrò entrambe le mani sul MultiMaus.
Grazie per l'attenzione e il suggerimento... Antonino... alla prossima
[253]
[36] IpGio
Giorgio - Nihil difficile volenti
IpGio - I plastici di Gio - https://www.gtg3b.it
Avatar utente
Senialas
Messaggi: 74
Iscritto il: lunedì 8 ottobre 2012, 16:50
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Gallarate
Stato: Non connesso

Re: Una vetrina... quasi a norma (FIMF 3000)

Messaggio da Senialas »

Scusa Giorgio, non capisco.
Adduci ai costi il non uso "massiccio" del DCC e hai una centrale ESU ECos2.
Con il MultiMAUS, un paio di convertitori (XpressNet-USB e LocoNet-PC) da 30€/cad, qualche decoder stazionario e un po' di schede di retroazione (3,5€/sensore) avresti fatto tutto.
Magari meglio con TrainController che con RocRail, ma i costi sarebbero stati due terzi del costo della ESU.
In questo modo avresti risolto anche il discorso del sinottico sullo schermo del Pc.

Poi, che significa "un effettivo riscontro reale" ?

Un ultima cosa: le fosse sono illuminate?

Ciao
Roberto M.
Avatar utente
antogar
Messaggi: 102
Iscritto il: mercoledì 31 dicembre 2014, 13:52
Nome: Antonino
Regione: Campania
Città: C.mare
Stato: Non connesso

Re: Una vetrina... quasi a norma (FIMF 3000)

Messaggio da antogar »

Sarà... ma rimango dell' opinione che se hai usato armamento di alta qualità (Tillig) e motorizzazione, mettere l'interruttore di fianco al deviatoio mi sembra non opportuno, tanto valeva usare una leva come hanno anche suggerito.
E' vero che è un DL, ma è anche una ferrovia in miniatura e quindi ci sei te ad un lato del tavolo che manovri, non vai passeggiando come nella realtà fra i macachi del diorama... tu sei in scala 1:1 vero ? :lol:
A parte le battute, io li raccoglierei almeno sul bordo.

CIAO! [99]
Ultima modifica di antogar il martedì 10 novembre 2020, 17:08, modificato 1 volta in totale.
Antonino
Avatar utente
IpGio
Messaggi: 551
Iscritto il: domenica 20 maggio 2018, 9:22
Nome: Giorgio
Regione: Lombardia
Città: Nerviano
Stato: Non connesso

Re: Una vetrina... quasi a norma (FIMF 3000)

Messaggio da IpGio »

Roberto (aka Senialas) i costi si riferivano al progetto della vetrina.
- "Una vetrina… quasi a norma (FIMF 3000)"
Se dai un'occhiata a questo mio progetto, vedrai che al momento preferisco orientarmi qui per il DCC...
- Discussione forum
- Progetto "Laboratorio"
... questo è alla base di un progetto futuro che ho in testa da tempo, come del resto la vetrina che costituisce un'ottima "palestra" sempre per la finalità che ho prima descritto.
Su RocRail, ti rispondo che è stato il primo che ho incontrato nella mia carriera ferromodellistica post-analogica, facendo i conti con Intellibox Basic ed ESU ECoS, l'ho "adottato" e lo sostengo, cosa che invito a fare agli amici che ci leggono e lo usano.
Il MultiMaus fa da DCC per la vetrina, ma essendo "aviotrasportabile", torna utile nel "Laboratorio".
Il sinottico per la vetrina con un PC sarebbe stato un di più "ingombrante", tieni conto che la vetrina sarà collegata tramite una apposita spina al MultiMaus e al trasformatore per gli accessori e luci entrambi "aviotrasportabili".
Per "effettivo riscontro reale" mi riferisco al momento in cui ho avuto la vetrina finalmente appesa alla parete ed ho iniziato a trasportare il progetto dalla carta al manufatto.
Le fosse... le fosse della rimessa principale non sono illuminate, primo perchè in epoca III non mi risulta fossero dotate di impianto di illuminazione, secondo perchè vista la posizione dell'edificio e l'altezza della vetrina da terra, non permettono la godibilità di tale finezza.
Cosi anche per la fossa eserena sotto la capria di sollevamento nel tronchino G1.
Piuttosto dovrò al momento giusto studiare bene l'illuminazione di tutti gli edifici e del piazzale, ne riparleremo.
Sempre a disposizione per chiarimenti... e ancora grazie per i vostri interessanti interventi.
[253]
[36] IpGio
Giorgio - Nihil difficile volenti
IpGio - I plastici di Gio - https://www.gtg3b.it
Avatar utente
IpGio
Messaggi: 551
Iscritto il: domenica 20 maggio 2018, 9:22
Nome: Giorgio
Regione: Lombardia
Città: Nerviano
Stato: Non connesso

Re: Una vetrina... quasi a norma (FIMF 3000)

Messaggio da IpGio »

Antonino (aka antogar), la leva che impone un meccanismo sotto un piano amovibile, sarebbe di gran lunga difficile da mimetizzare e gestire, nel mio caso, comunque percorribile per chi ne ravvede l'uso sul suo impianto.
Il cablaggio del motore Tillig con i suoi sette cavetti è impegnativo e inoltre avrei dovuto gestire il cablaggio di 8 deviatoi sotto il piano per concentrare in un unico punto i deviatori a slitta, dovendo attraversare il collo di bottiglia della struttura portante centrale della vetrina.
Prova per la realizzazione di passaggio cavi
Prova per la realizzazione di passaggio cavi
Verifica della sede
Verifica della sede
Canalina passaggio cavi, fissata sotto il piano amovibile
Canalina passaggio cavi, fissata sotto il piano amovibile
Questa è la soluzione per far passare solo pochi cavi indispensabili al funzionamento di due deviatoi e il bus trazione e il bus accessori.
Sul fatto del "passeggiare tra i macachi", posso garantire che il piano base del tracciato all'altezza tra 120 e 130 cm da terra offre un punto di vista sull'impianto veramente godevole.
Raccomando vivamente a chi ci legge e sia in procinto di realizzare un impianto, di analizzare la possibilità di usare la struttura a box o quanto meno di avere il piano base alle misure che prima ho indicato (la schiena e la vista di sicuro ne giovano).
[253]
[36] IpGio
Giorgio - Nihil difficile volenti
IpGio - I plastici di Gio - https://www.gtg3b.it
Avatar utente
Senialas
Messaggi: 74
Iscritto il: lunedì 8 ottobre 2012, 16:50
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Gallarate
Stato: Non connesso

Re: Una vetrina... quasi a norma (FIMF 3000)

Messaggio da Senialas »

Grazie della spiegazione, Giorgio.
Per la o le fosse da visita, credo che in epoca terza avessero l'illuminazione, altrimenti in inverno, dopo le 16 sarebbe stato impossibile lavorare.
Anche se non sono visibili più di tanto, secondo me rimane sempre la soddisfazione personale.
Ti allego un paio di foto delle mie, che però sono ambientate in epoca IV.
Buon lavoro
Allegati
Rimessa loco.jpg
Roberto M.
Avatar utente
Senialas
Messaggi: 74
Iscritto il: lunedì 8 ottobre 2012, 16:50
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Gallarate
Stato: Non connesso

Re: Una vetrina... quasi a norma (FIMF 3000)

Messaggio da Senialas »

Scusa, un'immagine l'ho persa.
Roberto M.
Avatar utente
antogar
Messaggi: 102
Iscritto il: mercoledì 31 dicembre 2014, 13:52
Nome: Antonino
Regione: Campania
Città: C.mare
Stato: Non connesso

Re: Una vetrina... quasi a norma (FIMF 3000)

Messaggio da antogar »

IpGio ha scritto: martedì 10 novembre 2020, 17:46 Sul fatto del "passeggiare tra i macachi", posso garantire che il piano base del tracciato all'altezza tra 120 e 130 cm da terra offre un punto di vista sull'impianto veramente godevole.
Ma certo che si... anche io cerco di guardare sempre con la linea degli occhi sul piano del ferro del mio plastico (che è ad altezza "tavolo"), fino a che la schiena tiene. La mia battuta era per sottolineare l'utilità (secondo me) di avere i comandi a bordo plastico invece che di fianco ai deviatoi proprio per evitare di far "passeggiare" le mani fra i binari.
Ma hai fatto tutte le valutazioni e la tua scelta è certamente quella ottimale...

curiosità: cos' è il "bus accessori" ?
Ultima modifica di antogar il martedì 10 novembre 2020, 19:19, modificato 1 volta in totale.
Antonino
Avatar utente
Senialas
Messaggi: 74
Iscritto il: lunedì 8 ottobre 2012, 16:50
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Gallarate
Stato: Non connesso

Re: Una vetrina... quasi a norma (FIMF 3000)

Messaggio da Senialas »

Credo fosse troppo pesante.
Scusate.
Roberto M.
Avatar utente
Senialas
Messaggi: 74
Iscritto il: lunedì 8 ottobre 2012, 16:50
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Gallarate
Stato: Non connesso

Re: Una vetrina... quasi a norma (FIMF 3000)

Messaggio da Senialas »

Ci riprovo.
Allegati
2020-11-10_191648.jpg
Roberto M.
Avatar utente
IpGio
Messaggi: 551
Iscritto il: domenica 20 maggio 2018, 9:22
Nome: Giorgio
Regione: Lombardia
Città: Nerviano
Stato: Non connesso

Re: Una vetrina... quasi a norma (FIMF 3000)

Messaggio da IpGio »

Roberto (aka Senialas)... complimenti vedo che hai curato gli interni, come la struttura del tetto e comunque rimane la soddisfazione di aver realizzato e portato in scala la realtà, molto bene.
Vista l'epoca IV è corretta l'illuminazione con la accortezza sempre di attenuare le luci, che a quei tempi vedevano le prime applicazioni del neon in generale ma che comunque dominavano le lampade ad incandescenza che di noto sappiamo siano tendenti al giallo.
Quanto al lavoro, per come erano organizzati i turni macchina e le lavorazioni in un deposito così piccolo, le attività dopo una certa ora erano affidati alle cure degli accudienti che avevano il compito di tenere la macchina in pressione ed ad effettuare altre incombenze nel deposito come le pulizie.
[253]
[36] IpGio
Giorgio - Nihil difficile volenti
IpGio - I plastici di Gio - https://www.gtg3b.it
Avatar utente
Docdelburg
Messaggi: 5587
Iscritto il: martedì 4 settembre 2012, 18:16
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Stato: Non connesso

Re: Una vetrina... quasi a norma (FIMF 3000)

Messaggio da Docdelburg »

Senialas ha scritto: martedì 10 novembre 2020, 19:06
Ti allego un paio di foto delle mie, che però sono ambientate in epoca IV.
Molto bello Roberto, complimenti! Se ci fosse qualche attrezzo in più, un pò di sporcizia e qualche calendario con donnine nude sarebbe perfetto! :wink:
Avatar utente
IpGio
Messaggi: 551
Iscritto il: domenica 20 maggio 2018, 9:22
Nome: Giorgio
Regione: Lombardia
Città: Nerviano
Stato: Non connesso

Re: Una vetrina... quasi a norma (FIMF 3000)

Messaggio da IpGio »

Antonino (aka antogar) ti do ragione sulla opportunità di portare i comandi in un punto del plastico, ognuno fa le sue valutazioni.
Per chi ci legge ed è in procinto di iniziare un nuovo progetto basato sul DCC, la necessità di avere i comandi sull'impianto, a mio modesto avviso viene a cadere, in funzione dell'uso di un software di gestione su PC o su tablet, e a seconda della centrale in uso come la ECoS di Esu il sinottico può essere riprodotto sul monitor della centrale, insomma uno sbattimento in termini di cablaggio in meno.
Quanto al concetto di bus nel nostro hobby si intende un cavo bipolare che porta "corrente e segnale" ed il bus DCC ( [33] da centrale e booster), per bus accessori si intende un cavo bipolare che porta corrente ai moduli per accessori 12-16v CA ( [33] da trasformatore dedicato) ce ne sarebbe poi un terzo sempre bipolare da destinare alla illuminazione a 12 o 5 v CC ( [33] da trasformatore dedicato).
Sui bus mi fermo qui perchè ce ne sarebbe da approfondire... [35]
[253]
[36] IpGio
Giorgio - Nihil difficile volenti
IpGio - I plastici di Gio - https://www.gtg3b.it
Avatar utente
antogar
Messaggi: 102
Iscritto il: mercoledì 31 dicembre 2014, 13:52
Nome: Antonino
Regione: Campania
Città: C.mare
Stato: Non connesso

Re: Una vetrina... quasi a norma (FIMF 3000)

Messaggio da antogar »

ah ecco, bus di alimentazione allora...
Io sono un tradizionalista: per me il sinottico non può che essere un pannello con interruttori/pulsanti e lucine, e sono anche un fan del DCC. Per questo ho pensato di farmi un comando scambi per sistemi Xpressnet fatto con pulsanti (link), e a breve anche il progetto su come fare una matrice di led che indica la posizione degli scambi, sempre in DCC, sempre per sistemi basati sul bus Xpressnet. :wink:

Comuqnue, il tuo è proprio un bel lavoro, faresti qualche foto d'insieme, da lontano ?
Antonino
Avatar utente
Senialas
Messaggi: 74
Iscritto il: lunedì 8 ottobre 2012, 16:50
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Gallarate
Stato: Non connesso

Re: Una vetrina... quasi a norma (FIMF 3000)

Messaggio da Senialas »

Antonino, per bus accessori, di solito, si intende un cavo bipolare che porta il segnale (ad es. DCC) dalla centrale (o dal booster) ai decoders per deviatoi, segnali e altri dispositivi chiamati, appunto, accessori. I decoders degli accessori avranno poi anche un'alimentazione propria per evitare di drenare potenza dalla centrale (o dal booster). Esistono anche decoders, tipo alcuni decoders per segnali, che non richiedono l'alimentazione.
Il mio suggerimento per l'alimentazione per i decoders accessori è, salvo diversamente richiesto come, ad esempio, per i deviatoi ad elettromagneti, di usare la corrente continua (12V DC) in modo da evitare eventuali possibili disturbi dell'alternata a 50Hz.
Buona giornata
Roberto M.
Avatar utente
antogar
Messaggi: 102
Iscritto il: mercoledì 31 dicembre 2014, 13:52
Nome: Antonino
Regione: Campania
Città: C.mare
Stato: Non connesso

Re: Una vetrina... quasi a norma (FIMF 3000)

Messaggio da antogar »

Senialas ha scritto: mercoledì 11 novembre 2020, 9:05 Antonino, per bus accessori, di solito, si intende un cavo bipolare che porta il segnale (ad es. DCC) dalla centrale (o dal booster) ai decoders per deviatoi, segnali e altri dispositivi chiamati, appunto, accessori. I decoders degli accessori avranno poi anche un'alimentazione propria per evitare di drenare potenza dalla centrale (o dal booster). Esistono anche decoders, tipo alcuni decoders per segnali, che non richiedono l'alimentazione.
Il mio suggerimento per l'alimentazione per i decoders accessori è, salvo diversamente richiesto come, ad esempio, per i deviatoi ad elettromagneti, di usare la corrente continua (12V DC) in modo da evitare eventuali possibili disturbi dell'alternata a 50Hz.
Buona giornata
Giorgio usa il DCC solo per la trazione, per questo mi chiedevo cosa fosse il bus accessori...
Si, anche io nei miei progetti di decoder accessori (qui e qui) ho separato l'alimentazione, e anche per quello sonoro - di cui a breve pubblicherò schema e sw - anche perchè prevedono il funzionamento in analogico.

Fa bene Giorgio a tenere separate le varie alimentazioni, DCC, Accessori, illuminazione etc., la ricerca guasti e le eventuali modifiche sono parecchio facilitate
Antonino
Avatar utente
IpGio
Messaggi: 551
Iscritto il: domenica 20 maggio 2018, 9:22
Nome: Giorgio
Regione: Lombardia
Città: Nerviano
Stato: Non connesso

Re: Una vetrina... quasi a norma (FIMF 3000)

Messaggio da IpGio »

Antonino, se hai pazienza e tempo e vai sul mio sito al seguente link, trovi foto e informazioni a iosa, ti consiglio di seguire "Lo Stato di Avanzamento Lavori (SAL)" partendo dall'inizio, oltre a consultare i vari argomenti dal menu nella pagina principale i quali vengono aggiornati aperiodicamente, basta che tieni d'occhio le date di aggiornamento e i colori dei semafori (trovi una legenda).
Poi se continui a seguire questa discussione e se ci sono aggiornamenti, generalmente, li anticipo qui sul Forum GAS TT, con i rimandi al sito.
Comunque per la prima volta consiglio di leggere il SAL e gli argomenti, cosi ci si allinea allo stato del progetto.
IpGio - I Plastici di Gio - "Una vetrina… quasi a norma (FIMF 3000)"
Se poi desideri puoi farti un giro di tutto il mio sito web, con calma... i contenuti non mancano.
Grazie a Te e a chi ci legge per l'attenzione...
[253]
[36] IpGio
Giorgio - Nihil difficile volenti
IpGio - I plastici di Gio - https://www.gtg3b.it
Avatar utente
IpGio
Messaggi: 551
Iscritto il: domenica 20 maggio 2018, 9:22
Nome: Giorgio
Regione: Lombardia
Città: Nerviano
Stato: Non connesso

Re: Una vetrina... quasi a norma (FIMF 3000)

Messaggio da IpGio »

Antonino e Roberto, sulla gestione della parte elettrica di un plastico o diorama ci sarebbe da scrivere a quattro mani intere pagine web.
In un impianto ferromodellistico, come ben sappiamo, la parte elettrica è una delle "ossature" principali e il progettarla e posarla con ordine, molte volte fanno la differenza.
Oggi il DCC è "una manna" riconosciuta da tutti per tanti motivi e dovrebbe essere anche la leva per avvicinare "nuove leve... sopratutto giovani" al nostro amato hobby.
Personalmente per quanto riguarda il DCC ( Digital Command Control - Wikipedia ), devo ancora farne di strada e vedrò di approfondire le mie attuali conoscenze ed esperienze in altri argomenti qui nel Forum GAS TT, con la certezza di coinvolgere nel seguito all'argomento tanti amici ferromodellisti.
Bene... sotto al lavoro, oggi si punta alla posa della seconda fossa ed al cablaggio definitivo dei relativi tronchini e ad una serie di test di circolabilità
Ecco delle foto dei lavori già eseguiti nella zona rimessa principale.
00.jpeg
01.jpg
02.jpeg
03.jpeg
04.jpeg
Al prossimo aggiornamento...
[253]
[36] IpGio
Giorgio - Nihil difficile volenti
IpGio - I plastici di Gio - https://www.gtg3b.it

Torna a “SCALA H0”