raggio di curvatura minimo rotabili vari

Discussioni relative alla scala H0 1:87

Moderatori: cararci, MrMassy86, adobel55, lorelay49

Avatar utente
teebreda
Messaggi: 130
Iscritto il: mercoledì 14 giugno 2017, 14:11
Nome: Paolo
Regione: Piemonte
Città: Asti
Stato: Non connesso

raggio di curvatura minimo rotabili vari

Messaggio da teebreda »

Cari forumisti, sarebbe utile che le ditte produttrici di modelli mettessero sempre costantemente in evidenza il raggio minimo di curvatura dei loro modelli; da qualche tempo lo si fa più spesso ma non sempre; prendo uno spunto ad esempio dalle vaporiere Oskar:
691 42cm perché dichiarato
640?
625?
Altri?
Perché non raccogliere qui sul forum i raggi di curvatura minimi di ogni rotabile di cui conosciamo per certo tale elemento?
Sarebbe un valido aiuto a non comprare cose che poi restano ferme perché il plastico ha qualche binario di raggio inferiore (ne basta uno, per esempio, per bloccare tutto)
Grazie per l'attenzione


Paolo
Avatar utente
teebreda
Messaggi: 130
Iscritto il: mercoledì 14 giugno 2017, 14:11
Nome: Paolo
Regione: Piemonte
Città: Asti
Stato: Non connesso

Messaggio da teebreda »

nel frattempo su fogli istruzioni ho trovato indicazioni uniformi per le vaporiere Oskar sempre pari a 42cm (685, 623, 625, 640); cosa se ne sa di altre marche ed anche di locomotori elettrici?
Paolo
Avatar utente
Criss Amon
Messaggi: 2712
Iscritto il: giovedì 1 ottobre 2015, 23:14
Nome: Francesco Maria
Regione: Sicilia
Città: Catania
Stato: Non connesso

Messaggio da Criss Amon »

Un consiglio: se la casa dice 42 in realtà è 45. Un ricordo del passato: LIMA G, il treno TGV e le locomotove CC7100 e 1300 NS, dovevano girare in curve da 36; avevano bisogno di curve da 40. Il cerchio della ruota ha limato la carrozzeria all'interno!
Comunque, una regola empirica è legata alla lunghezza e la passo: una locomotiva lunga meno di cm e a corpo rigido necessita di curve da 36;una locomotiva lunga tra 20 e 24 cm e a corpo rigido necessita di curve da 40;una locomotiva lunga oltre 24 cm e a corpo rigido necessita di curve da 43; una locomotiva lunga oltre 27 cm ha bisogno di un raggio di 50, se carenata 60. Un passo rigido a 4 assi hanno bisogno dio un raggio 43. Alla fine bisogna provare se non si sa!!!! :sad:
Ciao!!!
Francesco Maria Spampinato - Viaggio fantastico - Canale Video
Avatar utente
teebreda
Messaggi: 130
Iscritto il: mercoledì 14 giugno 2017, 14:11
Nome: Paolo
Regione: Piemonte
Città: Asti
Stato: Non connesso

Messaggio da teebreda »

Criss Amon ha scritto:

Un consiglio: se la casa dice 42 in realtà è 45. Un ricordo del passato: LIMA G, il treno TGV e le locomotove CC7100 e 1300 NS, dovevano girare in curve da 36; avevano bisogno di curve da 40. Il cerchio della ruota ha limato la carrozzeria all'interno!
Comunque, una regola empirica è legata alla lunghezza e la passo: una locomotiva lunga meno di cm e a corpo rigido necessita di curve da 36;una locomotiva lunga tra 20 e 24 cm e a corpo rigido necessita di curve da 40;una locomotiva lunga oltre 24 cm e a corpo rigido necessita di curve da 43; una locomotiva lunga oltre 27 cm ha bisogno di un raggio di 50, se carenata 60. Un passo rigido a 4 assi hanno bisogno dio un raggio 43. Alla fine bisogna provare se non si sa!!!! :sad:
Ciao!!!


Gulp! come dice Paperino. Paraquack!
Allora ci vuole la laurea in ingegneria.....
Dunque, per quanto, tuttavia, ....io ho dei tee breda roco che girano bene sul raggio 36 e sono nientemeno che lunghi oltre una carrozza da 26 metri. Che poi stonino nello sbordare col muso siamo d'accordo, però non trovano ostacoli.
Allora molto dipende dal produttore, più che dalla lunghezza, forse.
Paolo
Avatar utente
gian paolo cardelli
Messaggi: 444
Iscritto il: giovedì 11 luglio 2013, 21:20
Nome: gian paolo
Regione: Lazio
Città: roma
Stato: Non connesso

Messaggio da gian paolo cardelli »

La filosofia corretta è quella americana: non cercare di adattare i rotabili alle curve che puoi permetterti, ma se non puoi permetterti certi raggi di curvatura i rotabili che ne richiedono di maggiori li lasci in vetrina...
Pace e treni - Gian Paolo Cardelli
Avatar utente
roy67
Socio GAS TT
Messaggi: 6429
Iscritto il: domenica 27 gennaio 2013, 8:13
Nome: Roberto
Regione: Emilia Romagna
Città: Parma
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Messaggio da roy67 »

gian paolo cardelli ha scritto:

La filosofia corretta è quella americana: non cercare di adattare i rotabili alle curve che puoi permetterti, ma se non puoi permetterti certi raggi di curvatura i rotabili che ne richiedono di maggiori li lasci in vetrina...


Concordo al 100%.

Per ragioni anche di realismo è meglio fare le curve il più ampio possibile. Le vaporiere tedesche Roco degli anni '90 (con rodiggio pesante) girano solo al di sopra di 480 mm.
Su una deviata Hornby (440 mm) con il piffero che rimangono sui binari.

Quindi è sempre meglio rivedere e ragionare su un buon tracciato che acquistare rotabili che non potranno percorrerlo...

Il mio "ex-plastico" aveva raggi curva non inferiori a 505 mm.... :wink:
Ciao. Roberto Alinovi - L'uomo non teme ciò che in lui non c'è. (Hermann Hesse)
Avatar utente
Fabrizio
Socio GAS TT
Messaggi: 10516
Iscritto il: giovedì 10 novembre 2011, 21:17
Nome: Fabrizio
Regione: Piemonte
Città: Piossasco
Ruolo: co-amministratore
Stato: Non connesso

Messaggio da Fabrizio »

Vado un po' controcorrente :wink: Secondo me è possibile impostare del plastici molto realistici anche con curve strette, purché queste siano categoricamente nascoste alla vista. Se lo spazio e poco e non si vuole rinunciare al plastico, qualche artificio si può trovare. Però, sempre secondo il mio parere, è opportuno non cadere mai nella tentazione di riprodurre tutto in poco spazio, soprattutto se per fare questo si rendono necessarie curve strette.

Qualche artificio per far circolare i rotabili su curve strette si può fare e io stesso ne ho adottati, con buoni (secondo me) risultati. Certo....i miracoli non si possono fare e ci si dovrà comunque scontrare con dei limiti comunque invalicabili.

Poi è ovvio che, se lo spazio non manca, allora largo alle curve larghe :wink:
Fabrizio
Avatar utente
teebreda
Messaggi: 130
Iscritto il: mercoledì 14 giugno 2017, 14:11
Nome: Paolo
Regione: Piemonte
Città: Asti
Stato: Non connesso

Messaggio da teebreda »

Fabrizio ha scritto:

Vado un po' controcorrente :wink: Secondo me è possibile impostare del plastici molto realistici anche con curve strette, purché queste siano categoricamente nascoste alla vista. Se lo spazio e poco e non si vuole rinunciare al plastico, qualche artificio si può trovare. Però, sempre secondo il mio parere, è opportuno non cadere mai nella tentazione di riprodurre tutto in poco spazio, soprattutto se per fare questo si rendono necessarie curve strette.

Qualche artificio per far circolare i rotabili su curve strette si può fare e io stesso ne ho adottati, con buoni (secondo me) risultati. Certo....i miracoli non si possono fare e ci si dovrà comunque scontrare con dei limiti comunque invalicabili.

Poi è ovvio che, se lo spazio non manca, allora largo alle curve larghe :wink:


mi ritrovo molto su questa "linea secondaria", ma, proprio per evitare l'acquisto di mezzi inidonei alla circolazione sul proprio plastico, come ho detto esplicitamente nel primo messaggio, è bene che si radunino in un unico elenco i raggi di curvatura minima dei vari modelli; è una iniziativa utile per chiunque.
Paolo
Avatar utente
Criss Amon
Messaggi: 2712
Iscritto il: giovedì 1 ottobre 2015, 23:14
Nome: Francesco Maria
Regione: Sicilia
Città: Catania
Stato: Non connesso

Messaggio da Criss Amon »

mi ritrovo molto su questa "linea secondaria", ma, proprio per evitare l'acquisto di mezzi inidonei alla circolazione sul proprio plastico, come ho detto esplicitamente nel primo messaggio, è bene che si radunino in un unico elenco i raggi di curvatura minima dei vari modelli; è una iniziativa utile per chiunque.
[/quote]

Ti do ragione e posso dire il raggio di curva percorribile dei treni che conosco. Poi ci sono altri fattori, come ganci, distanza fra vetture. Figurati che so di un modello con vetture cortissime, locomotiva piccolissima (un trenino d'epoca), che non scende sotto i 43 centimetri. Per non sbagliare ho previsto sul mio piccolo impianto una linea a raggio 76, e profilo delle rotaie alto: posso farci girare quasi tutto (non i sistemi a tre rotaie, allora non ci ho pensato)!
Francesco Maria Spampinato - Viaggio fantastico - Canale Video
Avatar utente
schunt
Messaggi: 533
Iscritto il: giovedì 3 aprile 2014, 8:19
Nome: Enzo
Regione: Toscana
Città: cascina
Stato: Non connesso

Messaggio da schunt »

Il raggio di curvatura rappresenta il punto dolente di tutti i plastici,non possiamo pretendere l'impossibile, non possiano stringerle tanto,poiche anche per i modelli esistono quelle regole basilari da cui non pèossiamo prescindere.

Dobbiamo considerare che in scala H0 un metro corrisponde a 11,5 mm, quindi considerasto che i raggi minimi sono di 80 metri, se lo riduciamo in scala corrispone ( 11,5 x 80 ) = 920mm - raggio minimo !

Bisogna inoltre ricordarsi che le truote ferroviarie sono solidali con l'asse, quindi non hanno differenziale, quindi come compensazione, le stesse hanno il piano di rotolamento tronco conico, per cui la traslazione sulle rotaie della ruota in curva e la differenza di diametro, compensa il differenziale.

Qundi per effetti e dinamiche basilari, non possiamo scendere in curve strette.
Enzo
Avatar utente
Criss Amon
Messaggi: 2712
Iscritto il: giovedì 1 ottobre 2015, 23:14
Nome: Francesco Maria
Regione: Sicilia
Città: Catania
Stato: Non connesso

Messaggio da Criss Amon »

Paolo, io posso fare così. Mi indichi un modello, tipo, meccanica, altezza dei bordini, marca (esempio E646 FS, motore cardanico, bordini 0.75 mm, LIMA 1990): sulla base della mia esperienza e nient'altro, posso ipotizzare che raggio minimo può percorrere.
Ciao!!!
Francesco Maria Spampinato - Viaggio fantastico - Canale Video
Avatar utente
teebreda
Messaggi: 130
Iscritto il: mercoledì 14 giugno 2017, 14:11
Nome: Paolo
Regione: Piemonte
Città: Asti
Stato: Non connesso

Messaggio da teebreda »

Criss Amon ha scritto:

Paolo, io posso fare così. Mi indichi un modello, tipo, meccanica, altezza dei bordini, marca (esempio E646 FS, motore cardanico, bordini 0.75 mm, LIMA 1990): sulla base della mia esperienza e nient'altro, posso ipotizzare che raggio minimo può percorrere.
Ciao!!!

grazie, sei molto gentile! beh si potrebbe partire dai foglietti di istruzioni dei modelli posseduti per ricercare notizie ufficiali, poi fare accanto una colonna invece con la propria esperienza personale:
Modello/marca/raggio citato sulle istruzioni/raggio riscontrato personalmente/problemi riscontrati; se ciascuno fa questo credo che nel giro di qualche settimana si potrebbe avere un report completo ed anche in grado di raffrontare pareri diversi.
Paolo
Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 9950
Iscritto il: domenica 3 maggio 2015, 18:31
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Messaggio da v200 »

In più ultimamente molti aggiuntivi pensati per la bacheca ostacolano non poco l'inserimento in curva per alcune loco che ne sono dotate ( scalette o carenature che si trovano sopra ai carrelli ), quindi non solo è da controllare passo , lunghezza e asse flottante ( asse per alcune vaporiere ) ma anche se alcuni aggiuntivi ostacolano la rotazione dei carrelli. :sad:
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.
Avatar utente
Criss Amon
Messaggi: 2712
Iscritto il: giovedì 1 ottobre 2015, 23:14
Nome: Francesco Maria
Regione: Sicilia
Città: Catania
Stato: Non connesso

Messaggio da Criss Amon »

teebreda ha scritto:
Criss Amon ha scritto:

Paolo, io posso fare così. Mi indichi un modello, tipo, meccanica, altezza dei bordini, marca (esempio E646 FS, motore cardanico, bordini 0.75 mm, LIMA 1990): sulla base della mia esperienza e nient'altro, posso ipotizzare che raggio minimo può percorrere.
Ciao!!!

grazie, sei molto gentile! beh si potrebbe partire dai foglietti di istruzioni dei modelli posseduti per ricercare notizie ufficiali, poi fare accanto una colonna invece con la propria esperienza personale:
Modello/marca/raggio citato sulle istruzioni/raggio riscontrato personalmente/problemi riscontrati; se ciascuno fa questo credo che nel giro di qualche settimana si potrebbe avere un report completo ed anche in grado di raffrontare pareri diversi.


Pienamente d'accordo!!!
Ciao!!!
Francesco Maria Spampinato - Viaggio fantastico - Canale Video
Avatar utente
schunt
Messaggi: 533
Iscritto il: giovedì 3 aprile 2014, 8:19
Nome: Enzo
Regione: Toscana
Città: cascina
Stato: Non connesso

Messaggio da schunt »

Per me e' incomcepibile tenere un trenino in vetrina, magari con il decoder, il sound, e poi non poterlo far camminare !

Si possono realizzare su dei piani a mensola un " plastico o diorama " da punto a punto e utilizzarlo.

Diversamente tanto varrebbe acquistarlo senza motore !
Enzo
Avatar utente
teebreda
Messaggi: 130
Iscritto il: mercoledì 14 giugno 2017, 14:11
Nome: Paolo
Regione: Piemonte
Città: Asti
Stato: Non connesso

Messaggio da teebreda »

<div align="center" id="quote2"><table class="quote"><tr><td class="quotetd"></td></tr><tr><td class="quotetd2"><span class="quotetext">
Diversamente tanto varrebbe acquistarlo senza motore !
[/quote]

è evidente! solo che i furbacchioni non lo vendono senza motore.......
Paolo
Avatar utente
cisalpino
Messaggi: 44
Iscritto il: mercoledì 30 gennaio 2013, 22:23
Nome: Angelo
Regione: Piemonte
Città: Casale Monferrato
Stato: Non connesso

Messaggio da cisalpino »

buonasera carissimi amici.

Tutte le curve della mia costruenda ferrovia in miniatura, il raggio è di cm 60
Marchese Angelo
Avatar utente
teebreda
Messaggi: 130
Iscritto il: mercoledì 14 giugno 2017, 14:11
Nome: Paolo
Regione: Piemonte
Città: Asti
Stato: Non connesso

Messaggio da teebreda »

cisalpino ha scritto:



Tutte le curve di cm 60


ma quanto è largo il plastico? Quanti livelli?
Paolo

Torna a “SCALA H0”