UN PLASTICO DA ESPOSIZIONE - Gruppo Appassionati Scala TT

Il primo plastico italiano con veicoli italiani in scala 1:120

IL PLASTICO di CARNATE USMATE

PAGINA 1 PAGINA 2 PAGINA 3 PAGINA 4 PAGINA 5

Veduta d'insieme.

Viene data una mano di sottofondo al terreno e vengono sporcate di grigio (e poco marrone) le rocce.

Successivamente le rocce verranno rifinite con il metodo "a punta secca". La vegetazione verrà aggiunta in un secondo momento.

Posato il pannello che sosterrà la parte alta ed i tre deviatoi.

Posati anche i binari. Manca soltanto il binario nr. 1 della futura stazione

Viene chiusa la zona dove sorgerà l'area per il carico del bestiame.

La base è in cartoncino e le rocce sono realizzate con il polistirolo ad alta densità.

Viene data la forma al terreno e vengono fissate le rocce con la colla a caldo.

Il tutto viene ricoperto con carta igienica.

Viene data una mano di sottofondo al terreno e vengono sporcate di grigio e (poco) marrone, le rocce che successivamente vengono rifinite con il metodo "a punta secca". Anche in questo caso, la vegetazione verrà aggiunta in un secondo momento.

Chiusa anche la parte frontale, meno rocciosa rispetto a quella sullo sfondo. Sulla destra si può notare un nuovo portale stradale ai cui lati sono stati inseriti due muri di contenimento in forex, realizzati da Marco Siccardi.

Particolare dell'originario muro di contenimento in forex, successivamente diviso a metà ed opportunamente invecchiato (Andrea Altrocchi). A destra inquadratura ravvicinata dell'area.

Inserita la vegetazione nella zona del carico bestiame. Visibile in primo piano il passaggio a livello senza barriere. Verrà successivamente inserita la croce di S. Andrea (singola). Ci sono tre sentieri distinti realizzati con normale sabbia di mare. I primi due a destra conducono alla banchina di carico del bestiame, il terzo ad un casotto F.S. (realizzazione Riccardo Rigamonti).

Inquadratura ravvicinata della banchina di carico del bestiame, realizzata in cartoncino (realizzazione Andrea Altrocchi).

Gli interni dei portali: sulla sagoma del portale,viene realizzato l'interno in polistilene e rivestito di un cartoncino.

Veduta d'insieme. Nella parte alta (sulla destra) verranno inserite tre villette a schiera.

Veduta d'insieme con l'inserimento di altri due portali. E' anche stato posato il binario 1 della futura stazione.

Posato un ulteriore portale. Chiusa la parte in alto a sinistra e posato il casotto F.S. realizzato da Riccardo Rigamonti.

La montagna viene "chiusa".

Aprile 2012 - Posato il secondo edificio (Auhagen).

Veduta d'insieme da destra.

Veduta d'insieme da sinistra.

Inseriti i pali del telegrafo realizzati da Massimo Salvadori.  QUI la guida per realizzarli.

Il plastico in uno scatto del 21 aprile 2012

Edgardo Rosatti mette a punto la centralina. L'impianto elettrico per il movimento dei treni è ormai ultimato.

Entrambi i terminali "punto a punto" sono nascosti in galleria alle due estremità del tracciato. Nella rappresentazione è visibile quello di sinistra. Il convoglio sosta circa 10 secondi per poi ripartire automaticamente nella direzione contraria.

Il secondo verrà occultato all'interno del doppio tunnel di destra che ospita anche il terminale della linea che porta alla stazione di CARNATE USMATE e alla zona di carico del bestiame.

Il "punto a punto" di sinistra, viene nascosto da una parete rocciosa. Ecco la sequenza realizzativa.

1. la parete di polistirolo ad alta densità  2. la parete viene rivestita con carta igienica e colorata  3. viene rifinita la parete con fioccaggio e viene impostata la copertura  4. l'inserimento del muro interno del portale  5-6 viene chiusa la parte superiore con bende gessate  7. viene ricoperto il tutto con carta igienica.

1

2 3 4 5 6 7

Ed ecco la zona quasi ultimata.

Come suggeritomi nel forum, si è preferito togliere la "merlatura" dei portali, in quanto non caratteristica delle ferrovie italiane.

Aggiunti dei pini...

Vengono rifiniti i portali nella zona antistante la stazione. Anche in questo caso viene eliminata la merlatura

Inquadratura allargata.

La zona con il furgone è quella relativa al parcheggio.

Realizzato anche il portale di sinistra. QUI la guida su come è stato costruito.

A buon punto anche la realizzazione del fabbricato viaggiatori (Giuseppe Risso).

 

 
Il telaio della tenda è stato realizzato con parti di scarto delle lastrine di alpaca fotoincise (il colore é simile all'alluminio). Il telo é un foglietto sottilissimo di plastica colorato con colori acrilici e le grondaie sono ricavate da un tubicino di rame da mm 1 fresato a metà.  
 

Procede anche la realizzazione dei segnali in fotoincisione (Giuseppe Risso).

In lavorazione anche le panchine e la cabina Telecom, rigorosamente in scala TT (Giuseppe Risso).

Non mancano neppure i chiusini quadrati, quelli tondi e i tombini (Giuseppe Risso).

Sul fronte luci, Edgardo Rosatti ha completato il programma per Arduino (tutti i dettagli nel forum).

PAGINA 1

PAGINA 2

PAGINA 3

PAGINA 4

PAGINA 5