Home Fotostorie plastici Guide on-line Plastici in diretta Idee per tracciati

"Treni in casa" - Roberto - Lombardia

 

 

Ciao a tutti gli appassionati ed ai lettori delle fotostorie, mi chiamo Roberto ho 40 anni e vivo in provincia di Brescia.

 

Immagino come molti di voi, il mio primo treno lho ricevuto da bambino ed ancora adesso ho ricordi meravigliosi. Ore ed ore trascorse con mio fratello a far girare treni su un ovale incollato su un pianale di compensato... che bei momenti!


Crescendo, questa passione si parecchio affievolita, ma nel momento in cui mio figlio ha avuto in dono il suo primo treno, tornato l'antico entusiasmo.

 

Abbiamo quindi deciso di dar vita alla nostra ferrovia in miniatura e di condividere alcune foto del nostro lavoro in scala H0.

 

La parte del tracciato a destra a forma d'osso di cane ed la parte del plastico che non smonto mai.

 

 

Qui c' la stazione con 3 binari di piena linea, uno che porta al deposito container, un magazzino merci, un tronchino di ricovero pi un binario nascosto. L'area si sviluppa per una lunghezza di 300 cm e una larghezza di 0,90.


La parte a sinistra composta da 4 moduli dritti e 2 curvi ed la parte che pi spesso smonto per buona pace di mia moglie.

 

L'armamento della Hornby, mentre i motori per i deviatori sono Peco. L'impianto in digitale e per dar vita alla nostra ferrovia in miniatura, manovriamo i nostri con il Multimaus della Roco. Spazio dunque alla immagini dei nostri "treni in casa" ...

Una E655 con il suo carico di container.

 

 

Il medesimo convoglio nelle vicinanze del casello ferroviario.

 

 

Alluscita della galleria S. Rocco.

 

 

Sul ponte "de fer" a ridosso di un antico ponte romano.

 


 

Un altro "treno in casa": una ALN della "Brescia Iseo Edolo" presso un deposito container.

 

 

Vista dal satellite del deposito container.

 

 

La ALN mentre entra in galleria.

 

 

Arrivo in stazione di una E636.

 


 

L'ultimo scatto lo dedichiamo alla Signora Maria che approfitta del passaggio di una E655 per far asciugar prima i panni stesi...

 

 

Un saluto ai lettori da Roberto.