Home Fotostorie plastici Guide on-line Plastici in diretta Idee per tracciati

"Alla stazione di Melfi"  -  Giuseppe - Basilicata

Eccomi nuovamente a rappresentare un altro angolo della mia terra.

Anche in questo caso, il lavoro è nato dalla passione per il fermodellismo e da un' idea in collaborazione con il mio amico Roversi Marco di Magnacavallo (Mantova).

E' strano come questo hobby possa unire due persone lontane molti chilometri. Io gli sottoposi il progetto e lui me lo elaborò egregiamente, dando poi a me la possibilità di rifinirlo a mio piacimento.

Le misure del pannello sono 140cm x 40cm x 45cm (altezza) ed è dotato di sfondo amovibile, naturalmente in scala H0.

Tutta la stazione è interamente illuminata. Ecco un paio di scatti notturni...

Il telaio è in legno di abete rivestito nel piano binari di sughero, i materiali usati sono in parte autocostruiti (come la catenaria e la relativa palificazione) ed in parte commerciali ma ampiamente rimaneggiati.

La vegetazione è stata usata con lo stesso criterio ricreando un'ambientazione di inizio autunno.

Il tema è quello tipico di una stazione secondaria dove il traffico è modesto e qualche volta avviene qualche passaggio di qualche treno più importante, semmai instradato, per motivi tecnici, su altre linee.

Il pannello è completamente operativo, sia in analogico che in digitale.

Vi è anche un piccolo deposito merci dove si svolge un modesto movimento merci.

I rotabili che circolano ricreano una situazione tipica FS riconducibile agli anni 70-80 con qualche apparizione di loco a vapore che danno quel tocco di antico caro a noi modellisti.

Spero che questa realizzazione abbia ricreato l'atmosfera a me tanto cara.

Ricordo quando, in pomeriggi assolati, andavo in stazione ad osservare i convogli e a respirare quell'odore di ferrovia, immaginandomi alla guida di qualche convoglio carico di passeggeri da portare alle loro destinazioni.

Vi ricordo la mia e-mail grassoetr@katamail.com per chi mi volesse contattare.

Un saluto a tutti gli appassionati e... a risentirci alla mia prossima fotostoria!

Giuseppe Grasso.