Home Fotostorie plastici Guide on-line Plastici in diretta Idee per tracciati

"Sosta vietata"  - Gianni - Liguria

Eccomi nuovamente! Per chi non avesse letto la mia precedente fotostoria o ancora non mi avesse conosciuto sono Gianni Lauricella, uno dei tanti genovesi con una  irrefrenabile passione per il modellismo.

Mi piace far si che le mie rappresentazioni modellistiche sei avvicinino il più possibile alla realtà e questa mia passione la racconto nel mio sito Artemodellismo.it , il portale che ho voluto creare per trasmettere l'arte di questo meraviglioso hobby.

Anche questo diorama è interamente autocostruito, ha dimensioni di 22cm x 10cm, ed ho impiegato circa una settimana per realizzarlo.

E’ fatto quasi completamente con cartoncino e legno, materiali "poveri" che uso comunemente per le mie realizzazioni.

Il diorama visto dal lato stradale.

Il diorama visto dal lato ferrovia.

I marciapiedi e le strade asfaltate sono un mio classico e solitamente le realizzo con carta vetro a grana fine, colore grigio scuro, passate di grigio medio e qualche sfumatura di grigio-bianco.

Il muro è invece realizzato in cartoncino e le rifiniture in legno, mentre il lampione è in ottone.

Nella foto sottostante potete notare i particolare: il marciapiede, il tombino otturato (un sottilissimo lamierino), il muro dello stabilimento ed il binario morto.

Il diorama visto dal lato stradale.

Il tronchino è autocostruito con spezzoni di binario, come al vero. La bullonatura delle piastrine si ottiene con del comunissimo cartoncino. Lo si batte con una punta nel lato opposto cercando naturalmente di non passare dall'altra parte.

Per la realizzazione di questo tronchino l’ideale è usare spezzoni di rotaia della scala N, non ci si accorge della differenza. Ho provato a farli con rotaie in H0, vi garantisco che erano inguardabili.

Il tronchino viene poi colorato con le classiche strisce bianche e nere.

Ecco il binario morto ultimato, naturalmente la ruggine ha fatto il suo lavoro... non poteva essere diversamente per rendere  il tutto più reale.

E' lui che questa notte farà la guardia al carro...

Altra cosa che rende maggiormente reale una ferrovia in miniatura sono le erbacce. In questo diorama non potevano naturalmente mancare!

Ho utilizzato comune erba per plastici. Per renderla più copiosa consiglio di darne almeno 2 strati. Si incolla il primo sulla base con del vinavil, si lascia asciugare, si da dell’ulteriore colla sull'erba e se ne mette dell'altra con le dita o con delle pinzette.

Il pesante cancello di ferro che vedete, non è stato ancora aperto dal custode dello stabilimento...

Questo cancello l'ho realizzato con il plasticard.

Si tratta di un un materiale plastico venduto in fogli di diverso spessore, colore e trasparenza. Questi particolari fogli vengono utilizzati per compiere lavori quali costruzioni, modelli in scala o qualsiasi altro impiego modellistico o creativo.

Plasticard è il nome commerciale del materiale altrimenti noto come stirene o polistirene, viene adoperato per la fabbricazione delle custodie CD, per le smartcard ed altri oggetti.

Il plasticard inoltre si incolla con un tipo particolare di colla che ha la funzione di sciogliere localmente il materiale. Accostando due parti dopo pochi minuti queste si saldano insieme e ad avvenuta essiccazione l'insieme è perfettamente carteggiabile e si presenta come un pezzo unico. Essendo sensibile al calore si può termoformare o piegare, incidere con una punta di compasso e piegare, saldare con l'acetone o meglio una colla per polistirene (ne esistono dal denso al liquido), si può stuccare con la maggior parte degli stucchi e levigare.

Non può insomma mancare nella "dispensa del perfetto modellista".

Ma mentre vi raccontavo ciò, ha avuto inizio un'altra giornata di lavoro e trovare un posteggio è un grosso problema.

Ma il vigile anche questa volta non perdona, mentre il carro merci, aldilà del muro, è al sicuro e se la ride.

Dimenticavo... Il vigile?

Non è un vigile... ma bensì un ferroviere al quale ho "semplicemente" piegato le braccia.

Nel modellismo la creatività è una cosa che non deve mancare...

Un saluto a tutti.

Gianni Lauricella - artemodellismo@aruba.it