Home Fotostorie plastici Guide on-line Plastici in diretta Idee per tracciati

"Il diorama di San Damiano"  -  Stefano e Marta - Lombardia

Il compianto Nino Manfredi cantava una splendida canzone che abbiamo parafrasato... "pe' fa' la vita meno amara ho costruito 'sto diorama..."

Il diorama "San Damiano" (ovviamente di pura fantasia) é dedicato a nostro figlio Damian di 22 anni che vive, lavora e studia con merito a Cracovia, in Polonia.

In tutta franchezza, una volta visionate le spettacolari realizzazioni fino ad ora pubblicate, non eravamo certi nel voler pubblicare il nostro lavoro, ma sia il sottoscritto che mia moglie Marta, un giorno potremo dire... "anche noi c'eravamo" sul portale scalatt.it.

Il diorama che misura cm. 130 cm x 30 é stato collocato in una nicchia ricavata in un muro del '500 del nostro piccolo ristorante tipico chiamato Officina dei Sapori nella medioevale Cittā Alta di Bergamo.

Per la sua costruzione non abbiamo seguito un vero progetto, non ci sono dettagliate fotografie step by step ed é stato quindi pensato e creato, come si suol dire, "di pancia".

La sua esecuzione mostra una particolaritā: per circa il 90% sono stati impiegati materiali di recupero dal costo contenuto e facilmente reperibili ogni dove. (i personaggi e i piccoli particolari sono Preiser e Faller).

Sono quindi abbastanza ricorrenti e ben visibili: fiammiferi svedesi, led, guaine termoretraibili, graffette della cucitrice, pavimenti e selciati ricavati da immagini internet, forex per abitazioni e muri, retine e pezzi di zanzariere, chiodi di acciaio e rame, filo di ferro per giardinaggio, spinette per l'assemblaggio dei mobili, licheni e muschi del presepe, chiodi di garofano, erba cipollina, sabbia e mangime del canarino, fascette dell'elettricista, bacchette d'ombrello ecc.

La stazione e l'ufficio postale.

Anche se il paese é piccolo, la stazione di San Damiano é molto trafficata di gente in arrivo e partenza. Il personale di servizio e i facchini hanno un bell'impegno in stazione, sulla pensilina e nell'ufficio postale.

I lampioni a lato del fabbricato sono stati realizzati con siringhe da 1 ml debitamente tagliate, adattate e dotate di un led.

Il piccolo parco.

Per ingannare l'attesa, un piccolo parco dona un po' di frescura ai viaggiatori in partenza.

L'orticello al di la della ferrovia.

Gli abitanti di San Damiano sono dediti anche all'agricoltura e alla cura dell'orticello... i loro prodotti sono poi venduti nel mercatino del paese.

I cavoli sono stati realizzati con chiodi di garofano, la baracca verde in cartoncino e la staccionata al di la del binario é retina di plastica e fiammiferi.

La pensione Marta.

Una piccola e fatiscente pensione accoglie i pochi turisti in visita al paese.

La chiesetta del paese e la grotta con la Madonna.

Con l'abito della festa gli abitanti si raccolgono in preghiera e ogni tanto si celebra un semplice matrimonio.

Il Cristo (dietro il tabernacolo) come il quadro della Madonnina nella grotta sono retroilluminati da led, le finestre sono in reticella di plastica contornate da carta vetrata grigia.

La scuola elementare e... il severo bidello!

Come al solito i bambini si attardano ad arrivare... la campanella é appena suonata e l'immancabile burbero bidello di nome Idek, attende gli scolari accompagnati da Suor Kristina.

Le finestre sono ricavate da reticella di plastica per giardinaggio, le tapparelle anni 50 con fascette da elettricista, grondaie e tubi di scolo con filo di ferro per recinzioni, i corrimano dietro al bidello con graffette da cucitrice, pavimenti stampati con laser e muro in forex inciso.

La vecchia casa restata indenne ai bombardamenti della seconda guerra mondiale.

Una delle poche vecchie abitazioni del paese con la nonna che riposa sulla panchina e pensa al marito mai tornato dalla campagna di Russia.

La casa é costruita in forex inciso, le persiane fascette da elettricista e le finestre con la solita retina da giardiniere.

La palazzina con la macelleria e il bar Italia.

Ed ecco il piccolo condominio dove abitano 4 famiglie di operai, la macelleria e il bar Italia.

La casa é costruita in forex inciso e cartoncino 2 mm, le persiane e il portone sono stampate con stampante laser, come gli interni dei negozi.

La fontanella é realizzata in sughero con uno spillo testa di plastica e la base con parte finale di una fascetta.

La veranda del bar trattoria Italia, il campo delle bocce e...

La piccola veranda dove si "annegano" i ricordi, il campo delle bocce dove ci si gioca il calice di bianco e il matto del paese che grida giorno e notte.

La tettoia grigia é realizzata con cartoncino ondulato, il campo delle bocce in carta vetrata, le panchine con fascette da elettricista e i vasi di fiori con spinette da falegname tagliate e guarnite con licheni.

La torre dell'acqua potabile.

Il paese di San Damiano ha l'acqua potabile per le sue case e tutti i servizi con annesso una piccola area di manutenzione.

La torre é realizzata con l'interno di un rotolo di carta igienica che, una volta bagnato, é stato modellato ottagonalmente e poi, una volta asciutto. ricoperto con mattoni stampati. La struttura che lo regge é costituita da cartoncino, fiammiferi svedesi lunghi e bacchette di un vecchio ombrello rotto.

Il piccolo casello e la stradina che attraversa i binari.

Anche se passano pochi treni, il casellante vigila sull'incolumitā altrui quando un bicchiere di troppo gli rallegra il rientro alla fattoria.

La garitta é realizzata in cartoncino, fascetta da elettricista per la porta, chiodo per tubo della stufa. La carrozza, debitamente invecchiata ed allestita con led rossi esterni e bianchi interni, é ricavata da una carrozza presente in una dispensa della Hachette.

La carrozza č stata divisa in due e l'altra metā é servita per un mini diorama raffigurante la vecchia ferrovia della Valle Brembana (poi donato ad un bimbo di 10 anni prossimo fermodellista).

La casa di campagna

Al di la della ferrovia c'é la vecchia casa in campagna con il gabinetto ricavato sulla facciata, le comari che ritirano i panni e il melo con i suoi frutti.

La casa é realizzata in forex, il melo con rame stagnato e licheni, i frutti con i semi del canarino che sta ancora protestando per l'avvenuto furto...

Alcuni altri piccoli particolari...

Il mercatino della frutta (Kit di montaggio Faller).

L'edicola e il casanova "beccaccione" di San Damiano.

La panchina é realizzata con cartoncino e graffette.

Ci scusiamo se alcuni particolari non sono perfettamente in scala H0 (Stefano é da poco approdato al fermodellismo e proviene dall'aeromodellismo riproduzioni volanti) e il diorama risulta magari troppo carico e pesante di personaggi e strutture ma, quando lo accendiamo al termine del nostro lavoro e ci soffermiamo come bambini a guardarlo, ci passa la stanchezza lavorativa di un'intera giornata.

Come detto all'inizio di questa fotostoria, Il diorama si trova nel nostro piccolo ristorante, nella medioevale Cittā Alta di Bergamo.