Home Fotostorie plastici Guide on-line Plastici in diretta Idee per tracciati

"Incidente ferroviario"  - Simone e Cesare - Lombardia

Invenzione o realtà?

Due possibilità che ogni modellista si trova a dover valutare ogni volta che inizia un plastico o un diorama. Ma quando ti trovi sotto casa una scena reale che poche volte capita (fortunatamente sotto certi aspetti), non puoi che non prenderla come spunto per ricrearla in scala.

Arrivando al sodo, il diorama nasce da un fatto realmente accaduto nella nostra città, dove una Ale 803 in fase di manovra, per errore (scambio girato male) sfonda il terminale e si adagia a sbalzo per qualche metro sopra l’uscita di un sottopasso stradale. Fortunatamente non ci sono danni a persone e la scena nel giro di poco si riempie di curiosi ma anche di mezzi di soccorso, soccorritori e, giustamente, non potevano mancare due carri soccorso trainati da una D.146.

Nasce il progetto: base di legno di 50x80cm, decine di foto scattate durante le operazioni di soccorso, buona memoria e molte foto ambientali per ricreare al meglio l’angolo della nostra città teatro della scena.

Il piano rialzato dei binari è stato ricavato da una lastra di compensato da 5mm con scarpate sagomate in polistirolo, i binari prima della posa sono stati verniciati e sporcati, la massicciata in origine bianca è stata colorata e sporcata con diverse tonalità di marrone, i pali della linea aerea (prima esperienza!) sono stati ricavati con vecchi ferri da maglia e filo di rame saldati assieme. Erba e siepi sono della Noch, gli omini Preiser e le macchine Herpa.

Siamo poi passati alla costruzione della gru (scatola di montaggio Kibri), dei carri soccorso (scatola di montaggio Ferfix) e finalmente arriva la parte dell’autocostruzione.

L’Ale 803 è interamente in legno, carrelli e pantografi sono stati recuperati da vecchie carrozze e locomotive. La cabina, il tetto e la pancia sono ricavati da blocchi di legno sagomati con lima e cartavetrata di varie grane. L’interno, molto semplificato e stato prodotto con i sedili di una vecchia carrozza.

Il locomotore D.146 è stato costruito con fogli di plasticard della Evergreen (per la cassa) e legno (per la base); anche qui sono stati utilizzati carrelli di recupero.

I due modelli sono stati verniciati con colori miscelati in colorificio sull’esempio di quelli di Trenitalia.

Questo progetto è il nostro primo diorama creato ispirandosi alla realtà.

Abbiamo trovato qualche difficoltà nel costruirlo, oltretutto la gente vede nel modello un raffronto con la  realtà ed è quindi necessaria la massima cura del particolare...

Il  diorama non ancora ultimato e le "prove su strada".

I dettagli dell'incidente. Il diorama ad una mostra di modellismo.
Altri particolari e dettagli del lavoro di  Simone e Cesare.

E' bellissimo osservare un angolo di vita reale riportato nel nostro fantastico mondo in miniatura... non vi pare?