Home Fotostorie plastici Guide on-line Plastici in diretta Idee per tracciati

"Il plastico di Small Lake City" - Luca - Piemonte

Tutto ebbe inizio quando ero piccolo, molto piccolo… alla fine degli anni ’90.

Giocavo con 3 carrozze di mio padre e qualche binario. Mi divertivo a spostarle a mano… tutto con il materiale in scala N di mio papà.

Tutto ciò fino a quando mio nonno non mi regalò 5 o 6 binari, una casetta, una stazione in kit e due carrozze UIC-X. Da li al giorno dell’inizio della costruzione del mio plastico sono passati tanti anni (ora ne ho 14), in cui, purtroppo, è anche venuto a mancare mio nonno, nel 2003.

Nel frattempo, ricevo una scatola di base della "Mehano" (come regalo di Natale, l’anno della strage dello tsunami di Sumatra)  con una locomotiva, 3 carri e un tracciato, con tappetino ed ambientazione.

Questa è stata la partenza.

Ho giocato per molto tempo montando la ferrovia a terra. Ricevo intanto una locomotiva E444 prototipo della Lima, vecchia produzione. Gioco così a comporre treni disparati, doppie trazioni diesel ed elettriche (la locomotiva della scatola di montaggio “Mehano” è la SNCF CC70000, prototipo anch’esso).

Nell’ottobre del 2007, in occasione del mio onomastico, ricevo un altro kit di partenza con un convoglio TGV e il solito ovale di binari "Lima".

Arriva finalmente il mese di luglio del 2008. Con mio papà vado a comprare due pezzi di legno della misura di 2 metri  per 60 cm e 2 metri per 40 cm. Inizio così ad avvitare i binari, componendo un doppio ovale con 2 binari tronchini di stazione ed altri due binari tronchi per un piccolo scalo merci.

La parte a livello ferrovia è finita, mi manca solo più la parte della galleria, che va ad imitare un piccolo centro storico.

La cittadina si sviluppa perlopiù nella zona della stazione, un lungo viale e tre villette. C’è anche la centrale del pompieri e della polizia. In costruzione è la pompa di benzina. Anche la massicciata è in via di formazione, ma penso che non la continuerò perché è un lavoro decisamente impegnativo e crea molta polvere.

Molti ferrovieri sono disturbati nella guida dal famoso SCMT… Sistema Controllo Marcia Treno.

Nel mio plastico è presente, ancora in via di sperimentazione.

L’attuale parco rotabili che possiedo è composto dai seguenti treni:
SNCF CC70000 "Mehano"
FS D345 1085 "Roco"
FS E444 001 "Lima"
SNCF TGV Atlantinque  "Lima"
RTC EU 43 008  "Roco"
Dispongo poi di
carri e carrozze
Carrozze Z di 2° classe Lima: 1
Carrozze Z di 1° classe Roco: 1
Carrozze X di 2° classe Mehano: 2
Carrozze MDVC "Pilota" di 2° classe "Rivarossi": 1
Carri europei (frigo, cassone, cisterna, transwaggon)
Carri americani (cassone, tramoggia e trasporto cemento con cabina frenatore)
Descrivere il plastico a parole è difficile, penso dunque possano parlare di più le immagini e le foto…

Buona Visione...

 Rotabili fermi nei tronchini della stazione.
 Il Gelataio.
Per andare allo Small Lake.  Incrocio di convogli merci e regionale alla stazione.
Il passaggio a livello. Benvenuti a Small Lake City.
Il rettilineo dietro Small Lake City. Il convoglio merci.
La stazione dei Vigili del Fuoco. La corriera per il capoluogo della Provincia.
Dettaglio: l'apparecchiatura SCMT. SNCF CC70000 in attesa di partire.
Camion con Volvo FH16 della ditta Alstom. Il Subaru Club.
Angolo tra Corso Stazione e Viale Borghese. Villetta con garage e giardino.