Home Fotostorie plastici Guide on-line Plastici in diretta Idee per tracciati

"Il plastico di Marco Roversi"  - Marco - Lombardia

Mi chiamo Marco e, come voi, sono appassionato di modellismo ferroviario.

Tale passione risale ai primi anni delle elementari, in particolar modo per la linea Bologna - Verona; abitando a pochi passi dai binari, esattamente a Poggio Rusco (metà della linea), mi sono sbizzarrito a riprodurla cercando di rispecchiare la realtà!

Tutto ha inizio nel 1983 quando, dopo aver accantonato il "modello giocattolo", ho iniziato a costruire un nuovo modello in scala H0 a livello professionale, ottenendo risultati soddisfacenti nonostante i costi elevati difficili da sostenere all’età di 15 anni: la passione era talmente forte, che nonostante ciò, sembrò tutto più semplice.

Nel 1992, la mia vita familiare cambiò radicalmente e mi permise di dedicare molto più tempo alla realizzazione di un nuovo plastico, più grande e accessoriato; tale plastico è stato successivamente ampliato fino ad ottenere l'attuale versione.

In queste pagine vi riporto una breve fotostoria del lavoro che ho realizzato, concentrandomi soprattutto sul fattore scenografico, auto-costruzione e sulla operosità tecnico-elettrica dell’impianto stesso (in futuro è previsto un inizio di interventi capillari per renderlo più operativo e funzionale). 

Gli albori

Nel 1992 decisi di cimentarmi in un nuovo plastico a livello professionale, che poi sarebbe diventato il plastico attuale delle dimensioni di 18 metri quadri che mi occupa quasi due stanze di casa mia, per somma gioia di mia moglie.

Iniziai posando la linea ferroviaria e abbozzando un pò di paesaggio utilizzando edifici precedentemente utilizzati in altri plastici.

 

Schema delle sette aree del plastico

Panoramica delle aree 1 e 2. Allestite provvisoriamente con edifici, di plastici costruiti precedentemente, poi demoliti. Da notare l’aspetto povero di contenuti.

I primi rifacimenti

Iniziai ben presto ad effettuare alcuni rifacimenti tra cui la segnaletica stradale, gli edifici, l’ampliamento delle linee aeree.

 

Panoramica delle aree 1, 2 e 3. Il fiume senza acqua, solo qualche cespuglio, il casello ed il ponte stradale.

Panoramica lato ovest area 3. Notare l’assenza di edifici civili; è presente solo qualche automezzo sulla strada.

Area 3. Vista centrale ed il fabbricato viaggiatori ancora in stato d’origine con accanto la centralina mobile.

I primi ampliamenti ed i successivi rifacimenti

Successivamente cominciai ad effettuare alcuni ampliamenti del plastico prevedendo nuove aree tra cui l’area 4, e ad effettuare nuovi rifacimenti tra cui la vegetazione e l’inserimento di nuovi edifici.

Panoramica Area 4.

Vista retro Area 2.

Vista area 3 e 2. Da notare la vegetazione autocostruita (descrizione riportata sul sito)

Retro area 1 e 2. Completata con la trattoria, la vegetazione è arricchita con particolari di corredo (autocostruiti).

Panoramica area 1e 2. La vegetazione a fianco dei binari è stata creata secondo norme di un vecchio decreto, per impedire l’accesso agli animali. Si nota l’acqua nel fiume, il nuovo ponte stradale e si intravede la Casa Cantoniera.

Area 1. Casa rurale con insegna pubblicitaria anni ‘50 ,il retro della stalla con bovini.

Tutto interamente autocostruito.

A lato dei binari, la stessa casa è adibita ad abitazione civile,con balcone al piano superiore. Notare la folta vegetazione.

Vista retro della casa rurale.

Area 1. Pietra chilometrica sulla s.s. 12, con annesso un nuovo pannello segnaletico.

Area 1. Casello diroccato al km 103  l’assenza degli infissi al piano terra è dovuta ad atti di vandalismo.

Casello al km 102,544 posto sull’area 1, vista lato est  con annessa area cortili, box auto e pozzo per l’acqua.

Scorcio tra aerea 1 ed aerea 3. Garitta controllo marcia treni vista lato ovest.

Altra inquadratura della garitta.

Casello al km 101 posto sull’area 4 lato ovest. Comprende piccolo giardino area cortili,pozzo per l’acqua e binario tronco.

 Area 3, scorcio lato ovest stazione. Particolare casottino wc,  marciapiede, lampione, si intravede la torre idrica ed il locale ferrovieri.

Le nuove aree

Dopo aver completato le aree 1, 2, 3 e 4 a carattere prettamente civile, cominciai a nutrire l’idea di creare una parte a carattere industriale del mio plastico, prevedendo l’inserimento delle nuove aree 5, 6, 7. Attualmente queste aree sono ancora in costruzione e pian piano vedranno la luce in modo definitivo....

 

Conclusioni

Per il momento il mio plastico è ancora in corso d’opera e presumo che lo sarà ancora per molto tempo.

Ringrazio tutti coloro che hanno letto questa pagina e vi invito a visitare il mio sito dove potete leggere la mia storia ed avere ulteriori notizie sul mio plastico.

Ciao a tutti.

Marco