Home Fotostorie plastici Guide on-line Plastici in diretta Idee per tracciati

"Il plastico di Radeburg"  - Antonio - Lombardiai

Le generazioni si susseguono, ma i fermodellisti continuano sempre estasiati ed appassionati ad ammirare e collezionare dalle vecchie locomotive a vapore fino ai modernissimi elettrotreni super veloci di oggi.

Ed anche per il sottoscritto vale la stessa regola... i trenini elettrici hanno sempre avuto il loro fascino speciale!

Non posso fare a meno di invitare tutti voi a provare l’ebbrezza del modellismo ferroviario.

Naturalmente modellismo ferroviario vuol dire tante cose. Mi piace collezionare rotabili in scala N ed anche mostrarli agli amici o a chi, come me, adora questo meraviglioso hobby.

Il bello credo sia proprio quello di far girare i propri treni in miniatura su un plastico, temendo un incidente, un deragliamento o una semplice piccola ammaccatura.

Non sono un cultore del modellismo statico, e quindi in questa fotostoria potete vedere un piccolo spaccato di vita quotidiana, una piccola stazione che pullula di viaggiatori, una chiesetta in una suggestiva vallata, villette immerse nel verde, un piccolo torrente che scorre nelle vicinanze della strada ferrata...

Il plastico di Radeburg, pur piccolo che sia, consente ai miei trenini di fare il loro onesto mestiere: cioè fare i trenini.

Vi pare poco?...

Anche il video è realizzato nella speranza di far apparire il tutto come al vero...

Immaginare il fumo della locomotiva, lo sferragliare sui binari, l’entrare ed uscire dalle gallerie, il fermarsi dei treni in una stazioncina di 20 centimetri da cui entrano ed escono immaginari passeggeri, il tintinnio di un campanello della stazione.

Deve vivere quell’emozione che solo un treno vero può dare ma che, in questo caso, un piccolo plastico sa raccogliere e diffondere per dargli qualche momento di felicità.

Guarda le fasi realizzative del plastico ferroviario di RADEBURG