Home Fotostorie plastici Guide on-line Plastici in diretta Idee per tracciati

"Alla stazione di Minturno"  -  Gianfranco - Piemonte

Il plastico di Minturno prende spunto da una località immaginaria che risiede nella fantasia di ogni appassionato di modellismo ferroviario.  In realtà, Minturno esiste veramente, è in provincia di Latina e
si trova quasi al confine tra Lazio e Campania, precisamente dopo il fiume Garigliano. E' arroccata un pò in collina ed esiste anche la stazione ferroviaria, posta sulla direttissima Roma-Napoli via Formia
ed è denominata Minturno-Scauri.

Il plastico è piccolo ma è il bello (e il pratico) della scala N. E' ancor più facile realizzare una ferrovia in miniatura in quanto si può prestare una maggior cura del particolare e del dettaglio...

 

Per quanto di misure contenuto, il plastico è ricco di possibilità di movimento con tre livelli distinti tra loro che permettono di far circolare tre treni in contemporanea, manovrabili distintamente con tre trasformatori.

 

Inoltre i quattro semafori presenti sul tracciato, consentono di comandare i quattro sezionamenti alternando i treni a più riprese.

 

Ci si ispira ad una ferrovia a scartamento ridotto ma con un tracciato adatto ad una linea secondaria a scartamento normale.

 

Il paesaggio è ricco di gallerie e domina la scena un caratteristico ponte a travate scatolari posizionato proprio a ridosso della stazione principale che da il nome all'intero plastico.

 

 

L’omonima stazione a due binari è caratterizzata da due binari di transito, dal deposito locomotive ad una via, da un caratteristico "posto di blocco" e da un magazzino spedizioni.

 

Le foto (cliccare per ingrandirle) della stazione credo parlino più di ogni altra parola...

 

 

 

Caratteristica, in stazione, la rimessa locomotive ad una via. Il segnale luminoso verde, preannuncia l'arrivo di un treno in transito dalla stazione di Minturno...

 

 

 

Nella parte alta, trova spazio un raccordo che conduce ad un ulteriore magazzino merci...

 

Nei paraggi alcuni edifici residenziali che danno ospitalità ai ferrovieri di turno...

 

Il magazzino è raggiungibile da auto e camion, dopo aver superato un passaggio a livello le cui sbarre sono ora abbassate per il transito di un merci.

 

 

La parte vegetativa la fa da padrona, soprattutto nella parte a ridosso della chiesa di paese, posizionata nelle vicinanze di una fitta abetaia.

 

Ma forse l'attrattiva maggiore di Minturno è il ponte a travate scatolari, vera opera d'arte realizzata da un ingegnere francese...

Eccolo in tutto il suo "splendore".

Ed ecco un'inquadratura laterale del plastico. Sulla destra sono visibili le pulsantiere che comandano deviatoi, semafori ed illuminazione di edifici e lampioni.

Ed ecco l'ultimo scatto, dedicato alla veduta del plastico nel suo insieme (la parte in basso a destra non era ancora stata ultimata).