Home Fotostorie plastici Guide on-line Plastici in diretta Idee per tracciati

"Treni F.S. a Colico"  -  Edgardo - Lombardia

La scelta dell'ambientazione di questo mini diorama, cioè Colico è puramente casuale e non riproduce assolutamente nulla della stazione stessa.

Il motivo per cui è stata scelta la città di Colico è dato dal fatto che necessitavo di uno sfondo fotografico da inserire nel diorama e in quel momento avevo a disposizione una fotografia panoramica ambientata proprio a Colico e che ben si adattava al diorama stesso.

Matisa VM500 SAB (FS) di Lineamodel con motore Faulhaber, e carro HG di EnneKit (FS).

La Matisa è una macchina per l'ispezione e la manutenzione della linea aerea con trabattelli, gru e fotoelettriche per l'illuminazione notturna.

La località di Colico è situata a nord del lago di Como, dove il fiume Adda diventa lago e come potete vedere ha uno sfondo montano bellissimo. E' la catena montuosa delle Prealpi Italiane, che assieme alle alpi nordiche, gli appennini un po' di tutta Italia, i meravigliosi vulcani e le pittoresche coste dello stivale formano uno dei paesi più belli del pianeta che è la nostra amata Patria.

Diciamolo; come la guardiamo, l'Italia è bella da Sud a Nord e viceversa!

Foto panoramiche di questo tipo si possono realizzare con qualsiasi fotocamera digitale di basso costo attraverso la funzione "panorama assistito" che va preventivamente attivata.

Solitamente, questo metodo permette la ripresa di un panorama partendo per esempio da sinistra e consente di scattare via via fotografie in successione muovendosi da sinistra a destra fino a comporre tutto il panorama. La funzione prevede anche uno strumento che consente di agganciare lo scatto della foto successiva riproducendo in trasparenza parte della foto precedente.

Una volta che abbiamo tutta la sequenza di foto nella fotocamera, dobbiamo riversarle nel PC e tramite il software che tutte le fotocamere hanno in dotazione le dobbiamo unire per comporre l'immagine finale.

L'immagine originale è riprodotta qui sotto ed è formata da sei scatti da sinistra a destra:

Quando ho iniziato la costruzione del diorama, non avevo idea di quello che volevo fare veramente.

E 424 FS colori navetta di Tibidabo e carrozza Eurofima di seconda classe Roco.

Diciamo che sapevo solo di voler esporre qualche modello in N su una base che riproducesse un paio di binari e, visto che avevo tre elementi di catenaria, qualche palo FS e un binario flessibile, ho messo su una tavoletta di compensato tutti gli elementi che col tempo sono diventati quello che vedete nella fotostoria.

Locomotore D143 Truman FS di Lineamodel con motore Faulhaber.

Quindi mi sono inventato un portale di galleria, un binario morto e un segnale luminoso a tre luci (di galleria).

segnale alto di galleria a tre luci disposto a via libera con limitazione di velocità a 30 Km/h (rosso giallo).

segnale alto di galleria a tre luci disposto a via libera con limitazione di velocità a 85 Km/h (verde a luce fissa).

(cliccare sulle foto per ingrandirle)

Lo sfondo è in cartoncino rigido da 2 millimetri, mentre il portale è stato realizzato con avanzi di tavolette di balsa.

Il segnale alto a tre luci è composto da tre diodi led (rosso, giallo e verde) che vengono alimentati da un trasformatore. In questo modo possiamo rendere il diorama più interessante in quanto aggiungiamo un elemento dinamico allo stesso.

automotrice Gr.207 "SOGLIOLA" Ing. Badoni verde FS non motorizzata di Lineamodel e carro portatreversine FS.

Il binario morto è realizzato piegandolo dopo averlo inciso alla base del fungo. Poi ho usato una traversina ed un paio di respingenti in ottone recuperati da un kit LineaModel.

Non solo F.S. in quel di Colico...

(cliccare sulle foto per ingrandirle)

La stessa linea aerea è di LineaModel. Quando ho acquistato un kit di 10 pali standard, mi hanno regalato tre segmenti di catenaria ed è proprio da qui che mi è venuta l'idea di realizzare il dioramino!

Locomotore KOF al traino di un carro FS "Interfrigo" di Brawa e tabelle di velocità.

Sotto il piano del diorama è presente una piccola scheda a circuito stampato con dei microinterruttori in grado di selezionare le varie funzioni per accendere o meno le varie luci del segnale.

Il  resto e l'arredo sono tecniche che bene o male tutti conoscono.

Inquadratura ravvicinata del Locomotore KOF.

Una nota particolare ed un ringraziamento vanno all'amico Andrea che ha aggiunto la tabella delle velocità e la bellissima vegetazione.

Edgardo Rosatti.