Ferrovia del Gottardo De Agostini scala N

Discussioni relative alla scala N 1:160

Moderatori: cararci, MrMassy86, v200, sal727

Rispondi
Avatar utente
Charlie63
Messaggi: 207
Iscritto il: dom apr 08, 2012 1:06 pm
Nome: Carlo
Regione: Piemonte
Città: Torino
Età: 55
Stato: Non connesso

Re: Ferrovia del Gottardo De Agostini scala N

Messaggio da Charlie63 » mar feb 12, 2019 9:49 am

uscito fascicolo n° 94 con trasformatore, chassis Ciwl mancante e bigliettino di scuse...
Delusione, il trasformatore assomiglia piu' a un caricatore per cellulari [106]
Allegati
20190212_085847-900x1200a.jpg
Carlo

Avatar utente
Peppe Petronio
Messaggi: 814
Iscritto il: mer lug 17, 2013 9:37 pm
Nome: Giuseppe
Regione: Sicilia
Città: ENNA
Età: 69
Stato: Non connesso

Re: Ferrovia del Gottardo De Agostini scala N

Messaggio da Peppe Petronio » mar feb 12, 2019 11:21 am

Ma perchè deluso,forse ti aspettavi un trasformatore tipo Fleischmann???? :D :D :D :D (scherzo naturalmente) con questo ci puoi far girare forse un piccolo convoglio ultraleggero.
Peppe
Peppe Petronio

Avatar utente
sal727
Messaggi: 2785
Iscritto il: dom apr 26, 2015 5:22 pm
Nome: Salvatore
Regione: Emilia Romagna
Città: Bologna
Ruolo: Moderatore
Età: 61
Stato: Non connesso

Re: Ferrovia del Gottardo De Agostini scala N

Messaggio da sal727 » mar feb 12, 2019 11:57 am

Questo è il trasformatore più regolatore fornito negli start-set analogici della Piko, può tranquillamente condurre un convoglio, per come è strutturato in San Gottardo è più che sufficiente, non dimentichiamo che l'opera è stata creata per chi inizia.
Ciao, Salvatore

Avatar utente
Charlie63
Messaggi: 207
Iscritto il: dom apr 08, 2012 1:06 pm
Nome: Carlo
Regione: Piemonte
Città: Torino
Età: 55
Stato: Non connesso

Re: Ferrovia del Gottardo De Agostini scala N

Messaggio da Charlie63 » mar feb 12, 2019 12:16 pm

e' 700mA, spero almeno che basti per alimentare le luci... ma ne dubito
Carlo

Avatar utente
Excalibur
Socio GAS TT
Messaggi: 3758
Iscritto il: mer giu 28, 2017 7:56 pm
Nome: Alceo
Regione: Abruzzo
Città: Silvi Marina
Età: 70
Stato: Non connesso

Re: Ferrovia del Gottardo De Agostini scala N

Messaggio da Excalibur » mar feb 12, 2019 12:24 pm

Carlo, considerato che stai allestendo un plastico doppio del nostro ed avrai, suppongo, diversi convogli in marcia contemporaneamente, io ti consiglio di acquistare un buon Fleischmann, come ho fatto io, non avrai così nemmeno bisogno di quel carica-cellulari per gli ausiliari.
Alceo - Se un uomo non è disposto a lottare per le sue idee, o non valgono nulla le sue idee, o non vale nulla lui. (Ezra Pound)

Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 8599
Iscritto il: dom mag 03, 2015 6:31 pm
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Età: 57
Stato: Non connesso

Re: Ferrovia del Gottardo De Agostini scala N

Messaggio da v200 » mar feb 12, 2019 1:01 pm

Come avevo scritto il regolatore/alimentatore è al minimo sindacale, ma bisogna tenere in conto che è adeguato per l'esercizio del plastico. Come da progetto il tracciato prevede che sia impegnato da una sola loco in marcia mentre la seconda è ferma , più che sufficiente per alimentare la loco marciante anche con le luci. Solitamente una loco in scala N analogica assorbe 350 mA come picco massimo. Ovvio che se noi aggiungiamo carrozze illuminate o una seconda loco non si avrà sufficiente alimentazione, per questo si è consigliato di procurarsi un alimentatore analogico più prestante
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.

Avatar utente
Excalibur
Socio GAS TT
Messaggi: 3758
Iscritto il: mer giu 28, 2017 7:56 pm
Nome: Alceo
Regione: Abruzzo
Città: Silvi Marina
Età: 70
Stato: Non connesso

Re: Ferrovia del Gottardo De Agostini scala N

Messaggio da Excalibur » mar feb 12, 2019 2:42 pm

v200 ha scritto:
mar feb 12, 2019 1:01 pm
Come da progetto il tracciato prevede che sia impegnato da una sola loco in marcia mentre la seconda è ferma
Non è propriamente esatto Roberto, possono andare anche due loco contemporaneamente, infatti io mi sono divertito a posizionare due loco nello stesso senso, una distanziata di mezzo giro dall'altra e vanno tutte e due.
Il problema è che se una è più veloce dell'altra, prima o poi la raggiunge e la spinge, se fossero tarate e calibrate alla stessa velocità, potrebbero girare in eterno senza mai intralciarsi l'una con l'altra.
Un altro esperimento interessante che ho fatto è che, quando la più veloce sta per raggiungere la più lenta, devio questa sul terzo/quarto binario, affinchè avvenga il sorpasso dell'altra più veloce, dopodiché la più lenta si immette di nuovo sul tracciato principale dietro l'altra quando questa è già passata e la giostra continua. [102]
Alceo - Se un uomo non è disposto a lottare per le sue idee, o non valgono nulla le sue idee, o non vale nulla lui. (Ezra Pound)

Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 8599
Iscritto il: dom mag 03, 2015 6:31 pm
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Età: 57
Stato: Non connesso

Re: Ferrovia del Gottardo De Agostini scala N

Messaggio da v200 » mar feb 12, 2019 6:11 pm

Questo avviene perchè i motori non sono sincronizzati, non solo per l'attrito tra gli ingranaggi che accelerano o rallentano ma per l'assorbimento elettrico. Inoltre va preso in considerazione l'angolo di inclinazione delle rampe pertanto alla fase di salita si ha una fase di discesa in cui aumenta la velocità. Se vuoi fare un test valido basta utilizzare un ovale in piano porre le loco in posizione equidistante è si vedrà sempre una loco che viaggia leggermente più velocemente che l'altra.
Tornando al tracciato ognuno di noi lo utilizza come desidera, ma il progetto prevede che una loco impegni il tracciato in modo alternato , proprio per la limitata capacità del alimentatore , uno switching sviluppa calore fino a degradare l'erogazione costante di elettricità per non parlare della qualità con cui viene erogata la corrente ricca di sbalzi è interferenze. ( Francesco potrà integrare meglio questa spiegazione ). Un consiglio anche con un buon trafo controllate sempre la temperatura delle loco quando utilizzate un unico trafo per alimentare un tracciato su cui fate girare più loco, un assorbimento eccessivo che porta a surriscaldare il motore fa consumare prima i carboncini o in casi limite danneggia l'elettronica di bordo
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.

Avatar utente
ClaBos
Messaggi: 104
Iscritto il: mer lug 06, 2016 10:01 pm
Nome: Claudio
Regione: Friuli-Venezia Giulia
Città: Martignacco
Età: 40
Stato: Non connesso
Contatta:

Re: Ferrovia del Gottardo De Agostini scala N

Messaggio da ClaBos » mar feb 12, 2019 6:49 pm

A forza di leggere tutte queste pagine sul Gottardo mi è scattato un raptus convulsivo e ho ordinato pure io le uscite...la prima è già arrivata..ne mancano ancora 23...così nel frattempo vado avanti con il plastico grande e tra due anni inizierò a montare questo.
Claudio - Volere é potere!!

Avatar utente
Charlie63
Messaggi: 207
Iscritto il: dom apr 08, 2012 1:06 pm
Nome: Carlo
Regione: Piemonte
Città: Torino
Età: 55
Stato: Non connesso

Re: Ferrovia del Gottardo De Agostini scala N

Messaggio da Charlie63 » mar feb 12, 2019 8:58 pm

Excalibur ha scritto:
mar feb 12, 2019 12:24 pm
Carlo, considerato che stai allestendo un plastico doppio del nostro ed avrai, suppongo, diversi convogli in marcia contemporaneamente, io ti consiglio di acquistare un buon Fleischmann, come ho fatto io, non avrai così nemmeno bisogno di quel carica-cellulari per gli ausiliari.
Grazie del consiglio, ma ho già una alimentatore più potente che uso con la mobile station marklin e con cui viaggiano tranquillamente almeno 6 locomotive.
Quello che speravo era qualcosa di più potente, (visto il bassissimo costo di un trasformatore a 14v AC.) da utilizzare per gli scambi, evitando di acquistarne uno appositamente.

Tieni poi presente che usando un buon controller con alimentatore separato, si può utilizzare (con notevole risparmio) un qualsiasi trasformatore comprato in un negozio di elettronica, anziché quelli più costosi dedicati al modellismo.
Carlo

Avatar utente
Charlie63
Messaggi: 207
Iscritto il: dom apr 08, 2012 1:06 pm
Nome: Carlo
Regione: Piemonte
Città: Torino
Età: 55
Stato: Non connesso

Re: Ferrovia del Gottardo De Agostini scala N

Messaggio da Charlie63 » mar feb 12, 2019 9:03 pm

Comunque oggi ho fatto una prova con il trasformatore DeA collegato alla mobile station, 2 loco (senza vagoni) girano tranquillamente senza problemi di surriscaldamento sia del trasformatore che delle loco.
Carlo

Avatar utente
FraPis
Messaggi: 1543
Iscritto il: dom mar 19, 2017 7:32 pm
Nome: Francesco
Regione: Sardegna
Città: Quartu Sant'Elena
Età: 54
Stato: Non connesso

Re: Ferrovia del Gottardo De Agostini scala N

Messaggio da FraPis » mer feb 13, 2019 10:42 am

v200 ha scritto:
mar feb 12, 2019 6:11 pm
Tornando al tracciato ognuno di noi lo utilizza come desidera, ma il progetto prevede che una loco impegni il tracciato in modo alternato , proprio per la limitata capacità del alimentatore , uno switching sviluppa calore fino a degradare l'erogazione costante di elettricità per non parlare della qualità con cui viene erogata la corrente ricca di sbalzi è interferenze. ( Francesco potrà integrare meglio questa spiegazione ). Un consiglio anche con un buon trafo controllate sempre la temperatura delle loco quando utilizzate un unico trafo per alimentare un tracciato su cui fate girare più loco, un assorbimento eccessivo che porta a surriscaldare il motore fa consumare prima i carboncini o in casi limite danneggia l'elettronica di bordo
L'argomento era già stato trattato in questa discussione, per evitare ripetizioni ripropongo il link diretto alla pagina viewtopic.php?f=132&t=14534&start=1800
*Francesco* - Non ho particolari talenti, sono soltanto appassionatamente curioso. (Albert Einstein)

Avatar utente
tender60
Messaggi: 65
Iscritto il: mer dic 06, 2017 3:06 pm
Nome: Alfio
Regione: Lombardia
Città: Lecco
Età: 58
Stato: Non connesso

Re: Ferrovia del Gottardo De Agostini scala N

Messaggio da tender60 » gio feb 14, 2019 4:13 pm

Ciao, per chi non ha ricevuto il n° 90 .......avete novità o siete sempre in attesa?
Arrivato il numero 94 contenente anche lo chassis della carrozza che doveva esserci nel n°92
Alfio

Rispondi

Torna a “SCALA N”