Smontare e regolare i motori Tillig

Tutto ciò che è elettricità applicata al fermodellismo.

Moderatori: liftman, roy67

Avatar utente
roy67
Socio GAS TT
Messaggi: 6381
Iscritto il: dom gen 27, 2013 8:13 am
Nome: Roberto
Regione: Emilia Romagna
Città: Parma
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Messaggio da roy67 »

L'unico problema di questi motori è la rumorosità. Purtroppo il rapporto di riduzione meccanica e gli alti RPM del motore stesso lo rendono un vero e proprio "frantoio". Però, nel mio plastico, sono operativi molti di questi motori, che hanno la peculiarità di assorbire un inezia di corrente, con tantissimi altri pregi.

Peccato solo il rumore, ma è un problema molto "periferico", in relazione alle altre ottime caratteristiche.
Ciao. Roberto Alinovi - L'uomo non teme ciò che in lui non c'è. (Hermann Hesse)
Avatar utente
Massimo54
Messaggi: 20
Iscritto il: sab mar 16, 2013 8:48 pm
Nome: Massimo
Regione: Piemonte
Città: Borgo Ticino
Stato: Non connesso

Messaggio da Massimo54 »

Buon giorno Roberto.
Ottima guida, peccato che la ho vista tardi, dopo aver smadonnato per montare il prototipo (con l'aiuto comunque della fotoguida 116 in questo sito).
Per completare il mio plastico ho bisogno ancora di 5 o 6 motori, visto che tutti parlano bene dei motori tillig ne ho acquistato uno (dire la verità ho acquistato anche un CONRAD che ho scartato perché picchia troppo, peggio dei ROCO). Lo ho montato ma ho un problema, anzi due.
I vecchi motori (ROCO e di mia produzione con elettrocalamite contrapposte) sono alimentati con uno schema che tu avevi già visto perché te lo avevo mandato in un altro forum, comunque sono questi

Immagine:
Immagine
134,32 KB

Immagine:
Immagine
147,61 KB
Il circuito non andava perché io usavo degli interruttori deviatori ma tu mia hai fatto notare che sono indicati dei pulsanti; usando i pulsanti tutto ha funzionato.

Primo problema. Con gli altri motori bastava pigiare appena il pulsante che si aveva il cambio degli aghi, ora con il motore TILLIG devo tenere premuto il pulsante fino a quando non intervengono i fine corsa. Si può ovviare al problema oppure no.

Secondo problema a cui comunque si può ovviare e che funzionano solo in un senso, se inverto la posizione dei 2 diodi sul motore non funziona per cui per avere il funzionamento corretto devo girare il motore di 180° e non invertire soltanto i diodi come nei vecchi motori.
Grazie e saluti
Massimo
Avatar utente
roy67
Socio GAS TT
Messaggi: 6381
Iscritto il: dom gen 27, 2013 8:13 am
Nome: Roberto
Regione: Emilia Romagna
Città: Parma
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Messaggio da roy67 »

Ciao Massimo.
I motori Tillig, che personalmente reputo fantastici, vogliono azionati a corrente alternata, oppure a corrente continua unendo assieme i fili di connessione motore rosa e giallo e comandati da un semplice deviatore a levetta ON-ON a semplice contatto (se alimentati in alternata) o a doppio contatto se alimentati a CC.

Il secondo problema nasce dal fatto che all'interno dei motori vi è un PCB già dotato di diodi. Eliminando qualsiasi PCB di alimentazione e usando solo il deviatore a levetta tutto si risolve.

Se hai pazienza, dopocena, ti preparo un paio di schemi.
Ciao. Roberto Alinovi - L'uomo non teme ciò che in lui non c'è. (Hermann Hesse)
Avatar utente
Docdelburg
Messaggi: 5533
Iscritto il: mar set 04, 2012 6:16 pm
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Stato: Non connesso

Messaggio da Docdelburg »

Questo è uno schema che gira spesso in rete

Immagine:
Immagine
91,3 KB

Per comandare il motore con corrente continua basta un interruttore a levetta ON-ON a due vie; ai contatti centrali vanno i fili in arrivo dal motore, in uno il filo rosso e nell'altro quelli rosa e giallo abbinati. Agli altri poli vanno i fili in arrivo dal trasformatore, invertiti nelle due posizioni.
In attesa di uno schema sicuramente più efficace di Roberto beccati questo! :wink:

Immagine:
Immagine
16,81 KB
Avatar utente
roy67
Socio GAS TT
Messaggi: 6381
Iscritto il: dom gen 27, 2013 8:13 am
Nome: Roberto
Regione: Emilia Romagna
Città: Parma
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Messaggio da roy67 »

Ecco, come promesso, uno schema che riassume i 2 tipi di alimentazione.

Mauro (Doc) ti ha già dato esaurienti risposte. ma visto che lo schema l'ho preparato... Lo metto comunque.

Non devi aggiungere altro, solo l'alimentatore che ritieni di utilizzare.

Immagine:
Immagine
214,88 KB

Ho ovviamente omesso le connessioni di retroazione e alimentazione cuore. già peraltro spiegate nello schema di Mauro.
Ciao. Roberto Alinovi - L'uomo non teme ciò che in lui non c'è. (Hermann Hesse)
Avatar utente
Massimo54
Messaggi: 20
Iscritto il: sab mar 16, 2013 8:48 pm
Nome: Massimo
Regione: Piemonte
Città: Borgo Ticino
Stato: Non connesso

Messaggio da Massimo54 »

Buon giorno a tutti.
Grazie per le rapidissime risposte.
Come da foto allegate alla mia domanda arrivano al motore 2 fili ma uno si sdoppia con 2 diodi contrapposti(sul libricino da cui ho tratto il circuito c'è scritto che ogni diodo lascia passare semionde positive e negative). Ho bisogno per cui di 3 collegamenti e non posso per cui collegare i fili rosa e giallo.
Mi sembra capire per cui se non cambio il sistema di alimentazione e non cambio i pulsanti con interruttori deviatori dovrò tenere premuto il pulsante fino a quando non intervengono i fine corsa.
Per la seconda domanda, posso togliere i diodi sul PCB per poter usare il motore nelle 2 posizioni senza avere una posizione unica di montaggio.
Grazie.
Massimo
Avatar utente
roy67
Socio GAS TT
Messaggi: 6381
Iscritto il: dom gen 27, 2013 8:13 am
Nome: Roberto
Regione: Emilia Romagna
Città: Parma
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Messaggio da roy67 »

Il tuo filo che si sdoppia deve essere collegato, un capo al filo giallo e l'altro al filo rosa, previa eliminazione dei diodi.

Poi dovrai comandare tutto con un deviatore ON-ON a doppio contatto, secondo schema.

Il circuito che hai postato vuole completamente eliminato.

Il sistema di alimentazione che hai già installato va bene (se non erro a 12 volts corrente continua).

Ecco un video che ho girato alcuni anni fa:
Ciao. Roberto Alinovi - L'uomo non teme ciò che in lui non c'è. (Hermann Hesse)
Avatar utente
wolf05
Messaggi: 25
Iscritto il: ven gen 04, 2013 4:08 pm
Nome: Luca
Regione: Lazio
Città: Roma
Stato: Non connesso

Re: Smontare e regolare i motori Tillig

Messaggio da wolf05 »

Ciao Roberto,
volevo complimentarmi per tutte le spiegazione che hai dato in questo thread e l'ultimo video veramente esplicativo.
Tra l'altro anche utile per me che avevo un vecchio motore tillig che faceva i capricci.
L'ho smontato come hai indicato e ho posizionato meglio i contatti sulle piste.
Ora è apposto!!!

Luca
Luca - Roco Z21 e Hornby Elite DCC controllers, sensors (S4/S8, LNPC) by dccworld.it, turnout decoder DAC-A100 by oscilloscopio.it
Il mio canale Youtube
C'è una verità elementare, la cui ignoranza uccide innumerevoli idee e splendidi piani: nel momento in cui uno si impegna a fondo, anche la provvidenza allora si muove. Infinite cose accadono per aiutarlo, cose che altrimenti mai sarebbero avvenute... Qualunque cosa tu possa fare, o sognare di poter fare, incominciala. L'audacia ha in sè genio, potere, magia. Incomincia adesso. (cit. forse Goethe)
Avatar utente
IpGio
Messaggi: 428
Iscritto il: dom mag 20, 2018 9:22 am
Nome: Giorgio
Regione: Lombardia
Città: Nerviano
Stato: Non connesso

Re: Smontare e regolare i motori Tillig

Messaggio da IpGio »

Avrei una domanda sul motore in oggetto, che stò per usare per la prima volta nella mia vita ferromodellistica.
Desidero sapere, per vostra esperienza, se quanto vado ad illustrare funzioni senza "combinare guai".
Desidero alimentare il motore direttamente con la tensione di una centralina DCC Roco 10764.
In pratica con il bus in DCC desidero alimentare binari e deviatoi posati su una vetrina diorama (in totale 8 motori).
Ogni singolo motore sarà comandato con un deviatore a slitta o a levetta.
Quindi volevo collegare al bus che porta la DCC ai binari e sia il motore e relativa sua polarizzazione.
Userò il MultiMAUS solo per la trazione, mentre come descritto, i deviatoi saranno comandati manualmente.
Ecco in teoria il collegamento avverrà collegando i cavi nel seguente modo:
- Rosso e Blue al (+)
- marrone e il comune del deviatore al (-).
Spero di essere stato chiaro...
Grazie...

[36] IpGio
Giorgio - Nihil difficile volenti
IpGio - I plastici di Gio - https://www.gtg3b.it
Avatar utente
MrPatato76
Socio GAS TT
Messaggi: 4497
Iscritto il: lun ago 27, 2012 11:14 am
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Nova Milanese
Stato: Connesso

Re: Smontare e regolare i motori Tillig

Messaggio da MrPatato76 »

Cioè vuoi alimentare con il segnale di uscita dalla centrale direttamente i motori Tillig?
Non penso sia fattibile: puoi usare quel segnale per alimentare un decoder che comandi il motore scambio, ma non direttamente il motore no.
Roberto - "...il bambino che vede un treno lo saluta con la manina, questo non succede con un auto!" (Cit.) - Ciao Roberto
Avatar utente
IpGio
Messaggi: 428
Iscritto il: dom mag 20, 2018 9:22 am
Nome: Giorgio
Regione: Lombardia
Città: Nerviano
Stato: Non connesso

Re: Smontare e regolare i motori Tillig

Messaggio da IpGio »

MrPatato76 ha scritto: mar apr 21, 2020 4:50 pm Cioè vuoi alimentare con il segnale di uscita dalla centrale direttamente i motori Tillig?
Si, MrPatato76, teoricamente trattasi di 16V CC con sopra il segnale DCC.
Certo al decoder per accessori porti il bus DCC ma anche il bus ACC (Accessori), ma nulla vieta di alimentare il decoder con il BDCC e quindi i motori dei deviatoi.
Vorrei risparmiarmi di mettere un'altro alimentatore, dove ho già l'alimentatore 24V DC/80W per le strisce LED.

[36] IpGio
Giorgio - Nihil difficile volenti
IpGio - I plastici di Gio - https://www.gtg3b.it
Avatar utente
MrPatato76
Socio GAS TT
Messaggi: 4497
Iscritto il: lun ago 27, 2012 11:14 am
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Nova Milanese
Stato: Connesso

Re: Smontare e regolare i motori Tillig

Messaggio da MrPatato76 »

Ok ma serve un decoder apposta per comandare il motore scambio.
Non puoi comandarlo senza.
Roberto - "...il bambino che vede un treno lo saluta con la manina, questo non succede con un auto!" (Cit.) - Ciao Roberto

Torna a “COLLEGAMENTI ELETTRICI”